Rambo - Last Blood

Film 2019 | Azione, Avventura, Thriller V.M. 14 100 min.

Titolo originaleRambo 5
Anno2019
GenereAzione, Avventura, Thriller
ProduzioneUSA
Durata100 minuti
Al cinema12 sale cinematografiche
Regia diAdrian Grunberg
AttoriSylvester Stallone, Paz Vega, Sergio Peris-Mencheta, Adriana Barraza, Yvette Monreal Óscar Jaenada, Louis Mandylor, Joaquín Cosio, Sheila Shah, Jessica Madsen, Nick Wittman, Atanas Srebrev, Owen Davis (II).
Uscitagiovedì 26 settembre 2019
DistribuzioneNotorious Pictures
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: V.M. 14
MYmonetro 2,25 su 32 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Adrian Grunberg. Un film con Sylvester Stallone, Paz Vega, Sergio Peris-Mencheta, Adriana Barraza, Yvette Monreal. Cast completo Titolo originale: Rambo 5. Genere Azione, Avventura, Thriller - USA, 2019, durata 100 minuti. Uscita cinema giovedì 26 settembre 2019 distribuito da Notorious Pictures. Oggi tra i film al cinema in 12 sale cinematografiche Consigli per la visione di bambini e ragazzi: V.M. 14 - MYmonetro 2,25 su 32 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Rambo - Last Blood tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Rambo abbandona la sua vita tranquilla per iniziare una nuova missione in Messico. In Italia al Box Office Rambo - Last Blood ha incassato nelle prime 3 settimane di programmazione 1,5 milioni di euro e 733 mila euro nel primo weekend.

Consigliato nì!
2,25/5
MYMOVIES 2,00
CRITICA 2,30
PUBBLICO 2,44
CONSIGLIATO NÌ
Una mattanza di rara brutalità per un capitolo che compensa con lo splatter gli evidenti limiti di budget.
Recensione di Andrea Fornasiero
giovedì 19 settembre 2019
Recensione di Andrea Fornasiero
giovedì 19 settembre 2019

John Rambo si è ritirato in Arizona, presso la tenuta di famiglia dove vive con la domestica e amica Maria e con la nipote Gabrielle, entrambe di origini messicane. L'uomo è più integrato che mai, tanto che aiuta anche la forestale nel corso di una alluvione, ma è sempre tormentato dai fantasmi della guerra, infatti vive in un ampio labirinto di tunnel che ha scavato sotto il terreno del ranch. Gabrielle sta per andare al college, ma un'amica trasferitasi in Messico le ha detto di aver trovato suo padre e la ragazza vorrebbe conoscerlo. John e Maria non sono d'accordo, ma Gabrielle non si lascerà convincere e finirà in grave pericolo, obbligando lo zio a imbracciare ancora una volta le armi.

Non c'è pace per un guerriero come Rambo, che dice di aver solo imparato a mettere un tappo alla propria violenza. Una rabbia la sua ormai gelida e metodica ma sempre pronta a esplodere con estrema ferocia.

John è assediato dal passato e non ha altro modo per placarlo che scavare gallerie come un viet-cong o forgiare affilatissimi coltelli, con il pretesto di regalarli come tagliacarte. Come già nel capitolo precedente, per compensare ai limiti del budget, Stallone e il regista Adrian Grunberg puntano dichiaratamente sullo splatter, in puro spirito da cinema di serie B, ma per giustificare una mattanza di rara brutalità servono avversari assolutamente spregevoli. Mentre John Rambo metteva il personaggio nel mezzo di una crisi umanitaria contro i soldati di un regime criminale, ora è il turno dei trafficanti sessuali messicani, dipinti come mostri dal sadismo spesso gratuito.

Si tratta di due fratelli - il più massiccio dei quali interpretato da Sergio Peris-Mencheta (tra i protagonisti della serie Snowfall) - dove uno a un certo punto si dedica ad azioni aberranti per vendetta. O meglio così dice, ma in realtà nessuno gli ha dato alcuna ragione di vendicarsi e sta invece rovinando senza motivo la sua sua fonte di guadagno. Guadagno su cui la sceneggiatura non risparmia momenti di "trivia" su quanto frutti una prostituta, in un improbabile dialogo tra schiavisti e papponi che non hanno alcun bisogno di spiegarsi certe cose l'un l'altro.

Il peggio però si raggiunge quando Gabriella si reca dal padre che la accoglie con parole raccapriccianti. Tanto che viene il sospetto l'abbia trattata male per farla scappare dal pericoloso Paese centro-americano, ma no: scopriremo che è semplicemente cattivo senza un perché. E non ha altra ragione che l'invidia per un braccialetto l'amica di Gabrielle, che nel giro di una mezza giornata conduce la nipote di Rambo verso la peggior fine possibile.

Che bastino pochissime ore in Messico per essere ridotti in schiavitù, oltretutto gestita come una tortura disinteressata alle logiche del profitto (per questo diversissima dalla crudeltà dei cartelli in film come Sicario o The Counselor), è esattamente quello che serve a Stallone per motivare l'ultimo atto del film. E non si ferma neppure qui: arriva a far agire John senza la furtività che caratterizza il personaggio, facendolo pestare (e non uccidere solo perché i cattivi sono così cattivi che vogliono soffra per anni e anni). Del resto anche il dolore e l'immancabile cicatrice/stimmate sono ulteriori motivazioni alla sua ferocia.

In questo abominevole ritratto dei messicani non può ovviamente mancare il muro al confine, che viene agilmente superato con un tunnel. Forse a dire che il mondo di Rambo è così privo di salvezza che nemmeno un muro terrà alla larga i messicani (a ben vedere il vero muro è proprio Rambo stesso), o forse a suggerire che il muro va costruito meglio, più in profondità. Infine, dopo oltre un'ora di film estenuante e spesso pedestre, Rambo scatena l'iperviolenza in una sequela di trappole micidiali, dove John infierisce pure sui nemici già feriti a morte, crivellandoli di colpi con gusto sadico. Qui i messicani oltre che cattivi si rivelano pure scemi, continuando a morire nelle trappole uno dietro l'altro senza mai pensare a una ritirata, mentre la coreografia dell'azione è comodamente coperta dalle ombre. A tenere desta l'attenzione non rimane che lo splatter, magra consolazione.

Nonostante i palesi problemi di razzismo, dove non basta certo la piccolissima parte di una buona giornalista messicana per riequilibrare le cose, Rambo: Last Blood evita toni trionfalistici e alla fine la mattanza è una vacua soddisfazione per il protagonista. Che si ritrova più solo che mai, ancora una volta a pensare ai suoi compagni caduti (in un voice over di vuota retorica). La sua è una figura tragica, ma il nichilismo in cui è avvolto è fin troppo chiaramente un pretesto per scatenare fantasie di vendetta, più o meno consciamente di propaganda trumpiana.

Arriva poi l'epilogo con scene riprese dai film precedenti, rallentate e desaturate, in un "amarcord" che include anche il film appena concluso, in una sorta di cortocircuito volto a suscitare nostalgia del presente. Un commiato stucchevole del tutto indegno sia del capitolo precedente, sia soprattutto dell'amaro primo film e del romanzo da cui era tratto.

Sei d'accordo con Andrea Fornasiero?
John Rambo in una nuova missione in Messico.
Overview di Andrea Fornasiero
martedì 18 giugno 2019

John Rambo sembra essersi ritirato e vive finalmente in tranquillità nel ranch di famiglia in Arizona, ma non ha superato i traumi del Vietnam. Ha un rapporto quasi da fratello con Maria Beltran, la donna messicana di servizio che in realtà per anni ha mandato avanti il ranch e vive lì con la nipote, Gabrielle. Questa, che per Rambo è quasi come una figlia, decide di andare in Messico per trovare il suo vero padre e finisce rapita dagli uomini del cartello, quindi John attraversa la frontiera ed entra in un nuovo territorio di guerra per salvarla. Lo aiuta anche una bella reporter, Carmen Delgado, che da anni copre le vicenda dei cartelli della droga.

«In ognuno dei film Rambo non torna mai a casa, va nella giungla o in Afghanistan. Questa volta invece torna a casa, ma in un certo senso non ci arriva mai. È lì ma al tempo stesso non è lì. È su questo che è costruita l'intera storia».
Sylvester Stallone

Annunciato in pompa magna allo scorso festival di Cannes e con un titolo per certi versi definitivo, che richiama quello originale del primo capitolo, ossia First Blood, Rambo: Last Blood potrebbe non essere in realtà l'ultimo capitolo, visto che in caso di successo Stallone si è detto pronto a continuare. Del resto il laborioso percorso per arrivare a questo film è passato per molte idee e proposte, una delle quali con il coinvolgimento di Stallone e dell'autore del personaggio originale, lo scrittore David Morrell. La Lionsgate ha preferito alla fine ritornare sulle prime idee per il nuovo film: lo scontro con il cartello messicano era stato proposto da Stallone, co-sceneggiatore del film, già nel 2009, mentre si era parlato di farlo tornare a casa in Arizona addirittura nel 2008.

Il trailer di Rambo: Last Blood sembra però raccontare una storia leggermente diversa, o meglio successiva, rispetto alla sinossi del film. Il protagonista pare infatti intento a difendere il proprio ranch da un assalto degli uomini del cartello. Probabilmente una rappresaglia dopo gli eventi che avranno luogo in Messico, insomma sembra che il trailer per la promozione abbia puntato direttamente sul terzo atto del film, ossia sullo scenario più americano (seppure girato in Bulgaria). Nelle immagini si vedono anche i tunnel sotterranei di cui ha parlato Stallone a Cannes: «Ha ancora il complesso del sopravvissuto, perché non ha potuto salvare i suoi amici in Vietnam. Così pur avendo un bel ranch vive sottoterra, è il suo modo di affrontare questo dilemma. Perché c'è qualcosa di sotterraneo nel Vietnam».

L'attore e autore ha colto l'occasione di Cannes per spiegare come a inizio anni 80 fosse stato una delle ultime scelte per il ruolo di John Rambo, che nessuno più quotato intendeva accettare. Ha anche raccontato come abbia voluto un finale diverso da quello del romanzo «Nel libro è un Frankenstein, un uomo che alla fine della storia si uccide per la macchina da violenza che è diventata. Io volevo qualcosa di diverso [...] ho proposto di non farne un mostro, di farne un figlio rigettato dalla sua stessa madre, l'America». Non pensava però a una lettura politica del film, lo vedeva come una storia di alienazione, non sui reduci, ma poi Ronald Reagan ha abbracciato il personaggio come repubblicano e così è stato visto da allora in poi.

Rambo: Last Blood vede nel ruolo della giornalista la spagnola Paz Vega, recentemente apparsa anche nella seconda stagione di The OA, ed è diretto da Adrian Grunberg. Regista all'opera seconda, dopo Viaggio in paradiso del 2012 con Mel Gibson che finiva in una prigione messicana, Grunberg ha una solida carriera come assistente alla regia specializzato proprio in storie mesoamericane, da Amores perros di Iñárritu e Traffic di Soderberg fino ad Apocalypto e Man on Fire - Il fuoco della vendetta, senza dimenticare la serie Narcos che nell'ultima stagione si è spostata proprio in Messico. Un'esperienza che di certo porterà autenticità a un film che rischia di finire bollato come l'ennesima opera hollywoodiana con il complesso del "white savior", ossia dove un bianco risolve i guai di una minoranza.

Sei d'accordo con Andrea Fornasiero?
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
giovedì 3 ottobre 2019
Simone

Questo "Rambo" rappresenta per forza di cose (anagrafica, periodo, storia) una evoluzione dello storico Rambo avventuriero che si ripropone nella modernità post-guerre in una chiave nuova e inedita.  E' indiscutibile che i nostalgici della storia di questo film e della figura di John Rambo possano nutrire dubbi su questa produzione, ma in realtà cio' che rappresenta [...] Vai alla recensione »

sabato 28 settembre 2019
muttley72

Ho già recensito il film Rambo (il primo della serie) e lo considero un capolavoro ben messo sullo schermo con qualche modifica azzeccata rispetto al romanzo da cui è tratto. IL Morandini , libro di critica scritto da una famiglia di critici cinematografici di sinistra, dice che Rambo piaceva alla destra perchè esaltava un ex eroe in divisa e alla sinistra poichè esaltava [...] Vai alla recensione »

lunedì 30 settembre 2019
Taty23

Sylvester Stallone torna ad essere Rambo nel nuovo capitolo della saga  Rambo: Last Blood. Rambo; Last Blood si colloca undici anni dopo gli avvenimenti narrati nel capitolo precedente. John Rambo è tornato nel vecchio ranch del padre e ospita nella casa la sua vecchia amica Maria e l’adolescente Gabriela, nipote di questa.

lunedì 30 settembre 2019
Luca Scialo

John Rambo si è ritirato nel suo ranch di famiglia in Arizona, dove sembra aver trovato un certo equilibrio. A fargli compagnia è una vecchia amica di famiglia e sua nipote Gabrielle. Giovane dalle belle speranze, che vuole proseguire gli studi anziché occuparsi di cavalli, malgrado il suo talento e le speranze dello stesso Rambo. Certo, come avrà modo di dirgli, non è cambiato, ogni giorno cerca di [...] Vai alla recensione »

domenica 20 ottobre 2019
GUSTIBUS

Be'Il 70enne Stallone e'quasi meglio ora che in altri film meno riusciti.John Rambo ritirato in un ranch in Arizona vive sempre con lontani ricordi del vietnam.Ha ritrovato un po' di quiete.Ha la  nipote Gabrielle accudita anche da una vecchia amica.Tutto cambia quando la ragazza decide di conoscere il suo vero padre in Messico,che non e'molto distante.

venerdì 4 ottobre 2019
Juppiter

Chi si accinge a vedere questo film è, molto probabilmente, cresciuto con i film di Stallone e ne è fan o ne apprezza un lavoro che continua ad oltre 70 anni di età. Questa è una premessa necessaria alla recensione. Vedere un film di Rambo è come ritrovare un vecchio amico o un conoscente di cui conosci la vita difficile e tormentata.

martedì 1 ottobre 2019
Inesperto

Il film è particolarmente brutale nel finale, ma Rambo lo è sempre stato. E' dannatamente bravo nella guerra e mai come nel suo caso questo modo di dire va inteso letteralmente; perchè ciò in cui eccelle è anche ciò che non lo fa dormire di notte. Non si può chiedere al reduce di ammansirsi; che razza di fine sarebbe per un uomo che vale un esercito? [...] Vai alla recensione »

mercoledì 2 ottobre 2019
Luigi

Una mancanza di rispetto post i precedenti Rambo

Frasi
In tutti questi anni ho protetto i miei segreti ma ora è arrivato il momento di fare i conti con il passato.
Una frase di John Rambo (Sylvester Stallone)
dal film Rambo - Last Blood - a cura di MYmovies.it
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
sabato 12 ottobre 2019
Massimo Causo
Duels.it

La netta sensazione è quella di essere di fronte a un film il cui esito sia qualcosa di alquanto differente dal concetto iconico cercato dal suo protagonista: Rambo Last Blood nasce a tutti gli effetti come un film tardo e terminale, il punto di arrivo di un'iconografia del ritorno del guerriero che Stallone ha pensato come la deposizione di un corpo da sacrificare alla purezza dell'idea.

mercoledì 2 ottobre 2019
Luca Barnabé
Ciak

Il reduce di guerra John Rambo (Sylvester Stallone) vive in un ranch in Arizona. Opera come aiuto volontario di soccorsi in caso di emergenza. Condivide casa con una famiglia di messicani. Quando la ragazza che ha cresciuto come una figlia viene rapita da un cartello messicano dedito anche al commercio sessuale, Rambo rientra in azione. Invecchiato, acciaccato, eppure convinto di essere ancora invincibile, [...] Vai alla recensione »

domenica 29 settembre 2019
Roberto Escobar
Il Sole-24 Ore

È il quinto e forse ultimo capitolo della serie dedicata al veterano della guerra in Vietnam, questo Rambo - Last Blood (Usa, 2019, 100'). Tutti e cinque sono rievocati dalle immagini che passano alla fine del film di Adrian Grunberg, da Rambo (1982), in originale First Blood, a First Blood - Part II (1985), per noi Rambo 2 - La vendetta, e poi a Rambo III (1988), e di nuovo a Rambo (2008), per noi [...] Vai alla recensione »

domenica 29 settembre 2019
Alberto Pesce
Giornale di Brescia

C'era una volta in America, hollywodiano cinema del secolo scorso, anni 80, invincibile eroe Rambo, pur tratto da un libro di David Morel, talmente identificatosi con Sylvester Stallone da mutuarne la figura, torace poderoso, grinta implacabile, per quattro film restato come l'aveva disegnato Stallone, pietroso, monocorde, trasgressivo, quasi a gratifica di collettive frustrazioni icona di crude violenze [...] Vai alla recensione »

sabato 28 settembre 2019
Mariarosa Mancuso
Il Foglio

Mandate qualcuno a legarlo, a incatenarlo, a tenerlo lontano dal set o almeno dai combattimenti che schianterebbero un giovanotto. Abbiamo in simpatia Sylvester Stallone (cominciata quando abbiamo guardato - assai in ritardo - il primo "Rambo", per via di un lavoretto sul cinema e la guerra del Vietnam, scoprendo che il macho era magrolino e mosso da ideali patriottici).

sabato 28 settembre 2019
Serena Nannelli
Il Giornale

A trentasette anni dal primo capitolo (dal titolo originale "First Blood"), la saga di Rambo potrebbe avere il suo epilogo in "Rambo - Last Blood". Il condizionale è d'obbligo perché al botteghino non si comanda e il settantatreenne Stallone non esclude, in caso di lauti incassi, di andare avanti. Questa quinta avventura vede il reduce di guerra John Rambo (Stallone) appesantito nel cuore e nei movimenti [...] Vai alla recensione »

venerdì 27 settembre 2019
Stefano Giani
Il Giornale

Le primavere non passano invano. E pure Rambo, a 73 anni suonati, matura una pensione a 5 stelle nel Paese a 50 stelle. Si rifugia nel suo buen retiro in Arizona ma non c'è pace nemmeno per gli ex eroi. La «nipotina» insegue un segreto. Il passato però non è mai remoto e la carneficina, degna del miglior splatter, riecheggia Five to one dei Doors sul rapporto tra soldati Usa e vietcong.

giovedì 26 settembre 2019
Andrea Bellavita
Cineforum

John Lennon, Paul McCartney, George Harrison e Ringo Starr. I Beatles. La band, nata a Liverpool nel 1960, amata o disprezzata, ma innegabilmente, per tutti, un punto di rottura e di non ritorno per il cambiamento della società moderna. E come sarebbe, allora, il mondo, se i Beatles non ci fossero mai stati, se cercandoli su Google, oggi, non apparissero altri termini di ricerca che una serie di scarafaggi? [...] Vai alla recensione »

giovedì 26 settembre 2019
Davide Turrini
Il Fatto Quotidiano

L'ennesimo ritorno di John Rambo è puro horror. Se pensavate che a 73 anni Sylvester Stallone si presentasse allo sportello delle poste a ritirare la pensione vi sbagliavate di grosso. Rambo - Last Blood, l'attesa riapparizione del soldato antieroe reduce del Vietnam (il primo inatteso, violento capitolo antisistema fu proprio First blood/Rambo nel 1982), è tutto fuorché un film nostalgico o sulla [...] Vai alla recensione »

giovedì 26 settembre 2019
Stefano Benedetti
Cult Week

Ci sono film e personaggi che non invecchiano, capaci di conservare intatta l'aura di capolavoro o icona senza età anche a distanza di varie generazioni di spettatori. Poi ci sono film e personaggi (e attori) che, ahimè, semplicemente si ostinano a non voler invecchiare, cercando pietosamente di nascondere sotto il tappeto l'inesorabile passaggio del tempo.

giovedì 26 settembre 2019
Emiliano Morreale
La Repubblica

John Rambo, il reduce del Vietnam diventato una scheggia impazzita in patria, era diventato l'icona del reaganismo popolare anni 80: ben presto arruolato, mandato a recuperare i compagni rimasti nella giungla, oppure in Afghanistan, si era sempre più ideologizzato diventando la bestia nera dei cinefili di sinistra. Eppure lui, come il pugile Rocky che lo aveva preceduto, nasceva come ultima propaggine [...] Vai alla recensione »

giovedì 26 settembre 2019
Giulia D'Agnolo Vallan
Il Manifesto

Dal 1982, quando John Rambo è arrivato -a piedi, sacca militare in spalla- sul ponte che porta a Hope (in italiano «speranza») l'inferno è sempre stato un luogo centrale della sua mitologia. Prima di tutto quello interiore («Rambo è una macchina da guerra che non si può spegnere», secondo Sylvester Stallone, nel 1985) e poi quello dantesco di sangue, viscere e violenza che, nel rituale in crescendo [...] Vai alla recensione »

giovedì 26 settembre 2019
Maurizio Cabona
Il Messaggero

Il sottotitolo del film di Adrian Grunberg è Last Blood (Ultimo Sangue) perché la serie Rambo s'è aperta nel 1982 con First Blood, alla lettera primo sangue, ma in gergo militare primo colpo andato a segno. Trentasette anni dopo essersi fatto un nome come guerriero solitario a spese di polizia e guardia nazionale, John Rambo (Sylvester Stallone) è all'ultimo colpo andato a segno.

giovedì 26 settembre 2019
Alessandra Levantesi
La Stampa

Inaugurata da First Blood - titolo del romanzo di D. Morell ispiratore della cinesaga - la parabola dello scorticato veterano del Vietnam John Rambo non poteva che concludersi (pur se il finale autorizza un ulteriore capitolo) con Last Blood. Qui troviamo l'ex berretto verde rintanato nel ranch di famiglia in Arizona dove, accudito dalla custode messicana Maria, ha ricostruito una sorta di focolare [...] Vai alla recensione »

mercoledì 25 settembre 2019
David Fear
Rolling Stone

L'ultima volta che abbiamo visto John Rambo - veterano del Vietnam, paria sociale, salvatore di prigionieri di guerra e macchina per uccidere - stava difendendo missionari e mercenari nella Birmania dilaniata dalla guerra alla fine del secondo mandato di Bush II. Poi il nostro uomo era tornato a casa in Arizona, percorrendo il sentiero polveroso fino alla porta d'ingresso del ranch della famiglia Rambo [...] Vai alla recensione »

mercoledì 25 settembre 2019
Sergio Sozzo
Sentieri Selvaggi

La decisione di lasciare in vita John Rambo alla fine di First Blood, nel 1982 (nonostante fosse stata girata anche la versione alternativa con Trautman che giustizia il reduce dopo il suo celebre monologo-sfogo in lacrime), cambia in maniera irrevocabile il percorso di Sylvester Stallone, che dal prototipo di Kotcheff in poi si fa macchina da guerra in ogni senso, abbandonando quantomeno in apparenza [...] Vai alla recensione »

mercoledì 25 settembre 2019
Marco Minniti
Quinlan

L'ex berretto verde John Rambo è tornato a vivere nella fattoria paterna in Arizona, insieme all'amica di famiglia Maria e a sua nipote Gabrielle. Un giorno Maria, orfana di madre, fugge di casa per andare a raggiungere il padre mai conosciuto, che l'aveva abbandonata in tenera età per stabilirsi oltre il confine col Messico. La ragazza, nell'occasione, viene rapita da esponenti dei cartelli messicani, [...] Vai alla recensione »

martedì 24 settembre 2019
Pier Maria Bocchi
Film TV

(Attenzione: spoiler!) In una delle tante scene ferocissime del film, John Rambo fa irruzione in un bordello messicano per salvare la figlioccia, rapita da una banda di brutali poco di buono, sfregiata, drogata e costretta alla prostituzione: elimina veloce clienti e pappa con un martello, ma si confronta anche con il rifiuto delle ragazze-schiave di fuggire: «Non posso» risponde impaurita ognuna di [...] Vai alla recensione »

giovedì 19 settembre 2019
Federico Pontiggia
La Rivista del Cinematografo

"È tutto nella tua testa". "Non è facile spegnerla". Non è solo un batti e ribatti diegetico, tra la "badante" Maria (Adriana Barraza) e John Rambo (Sylvester Stallone), ma un'indicazione d'uso: dobbiamo spegnere la testa nel fruire il quinto film di Rambo, Last Blood, chiamato a terminare l'arco avviato nel 1982 da First Blood, adattamento dell'omonimo romanzo di David Morrell? Sui titoli di coda, [...] Vai alla recensione »

giovedì 19 settembre 2019
Federico Pontiggia
Il Fatto Quotidiano

Buon sangue non mente. Anzi, ultimo sangue non mente. Last Blood è sanguinario e sanguinolento come da titolo: clavicole divelte a mani nude? cuori strappati al coltello, ché non è più tempo di metafore? decapitazioni che manco l'Isis? macchine per morire di retaggio medievale? sembramenti à la carte. Insomma, se la prima volta non si scorda mai, e da First Blood sono passate trentasette primavere, [...] Vai alla recensione »

giovedì 19 settembre 2019
Teresa Marchesi
Huffington Post

Sylvester Stallone ha 72 anni. Il suo Rambo, esploso nel 1982, ne ha 37. Si può resistere alla quinta avventura del reduce campione d'incassi, "Rambo-Last Blood"in uscita il 26 settembre? No, non si può. Magari solo per verificare se questo micidiale auto-giustiziere - icona consolidata nel DNA americano, e non solo - sia stato erroneamente strattonato politicamente nel corso di una carriera da franchise [...] Vai alla recensione »

NEWS
VIDEO RECENSIONE
venerdì 27 settembre 2019
A cura della redazione

John Rambo si è ritirato in Arizona nella tenuta di famiglia, ma è sempre tormentato dai fantasmi della guerra; infatti vive in un labirinto di tunnel che ha scavato sottoterra. Non c'è pace per lui, che dice di aver solo imparato a mettere un tappo [...]

NEWS
venerdì 26 luglio 2019
 

Rambo abbandona la sua vita tranquilla per iniziare una nuova missione in Messico. Regia di Adrian Grunberg.  Vai all'articolo »

TRAILER
martedì 4 giugno 2019
 

Un mortale viaggio di vendetta, il film segna l'ultimo capitolo della serie leggendaria. John Rambo dovrà affrontare il suo passato e riportare alla luce le sue spietate abilità di combattimento per affrontare un cartello messicano invischiato nel commercio [...]

TRAILER
giovedì 30 maggio 2019
 

Rambo vive ormai una vita bucolica e tranquilla in una fattoria, con Maria che cucina e pulisce per lui. Nonostante questo beve molto, non riuscendo a dimenticare del tutto il suo passato. Un giorno la figlia di Maria scompare e Rambo, cercando di mettersi [...]

TRAILER
martedì 16 aprile 2019
 

Rambo vive ormai una vita bucolica e tranquilla in una fattoria, con Maria che cucina e pulisce per lui. Nonostante questo beve molto, non riuscendo a dimenticare del tutto il suo passato. Un giorno la figlia di Maria scompare e Rambo, cercando di mettersi [...]

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | TIMVISION | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati