Fai bei sogni

Acquista su Ibs.it   Dvd Fai bei sogni   Blu-Ray Fai bei sogni  
Un film di Marco Bellocchio. Con Valerio Mastandrea, Bérénice Bejo, Guido Caprino, Nicolò Cabras, Dario Dal Pero.
continua»
Drammatico, Ratings: Kids+13, durata 134 min. - Italia, Francia 2016. - 01 Distribution uscita giovedì 10 novembre 2016. MYMONETRO Fai bei sogni * * * - - valutazione media: 3,34 su 27 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
Consigliato sì!
3,34/5
MYMONETRO®
Indice di gradimento medio del film tra pubblico, critica e dizionari + rapporto incassi/sale (ITALIA)
 dizionari * * * 1/2 -
 critica * * 1/2 - -
 pubblico * * * - -
Dopo aver attraversato un'infanzia difficile, il giornalista Massimo continua a convivere con il ricordo lacerante della madre scomparsa.
Richiedi il passaggio in TV di questo film
Chiudi Cast Scrivi Trailer
primo piano
Marco Bellocchio traspone il bestseller di Gramellini e accetta con umiltà il ruolo di narratore accessibile a grandi e piccini
Paola Casella     * * * 1/2 -
Questo film è disponibile in versione digitale, scopri il miglior prezzo:
TROVASTREAMING
Locandina Fai bei sogni

A nove anni Massimo perde la mamma per un infarto improvviso - o almeno così gli dicono i parenti, riluttanti a renderlo partecipe della morte della donna. Dopo un'infanzia solitaria e un'adolescenza difficile Massimo diventa un giornalista affermato ma continua a convivere con il ricordo lacerante della madre scomparsa, nonché con un senso di mistero circa la sua improvvisa dipartita. Solo alla fine scoprirà come sono andate esattamente le cose, e troverà il modo di risalire alla luce.
Marco Bellocchio si cimenta con uno dei più grandi successi editoriali degli ultimi anni, il romanzo autobiografico "Fai bei sogni" scritto da Massimo Gramellini, giornalista de La Stampa. Come molto del cinema di Bellocchio, Fai bei sogni narra la storia di un'assenza: un sorriso negato, una porta chiusa con tanto di catenaccio, la rinuncia alla cura da parte di chi vi è preposto, la nostalgia bruciante di quella accoglienza assoluta e inesauribile che una madre dovrebbe (poter) dare ad un figlio amato.
Fai bei sogni, il libro come il film, è imbevuto di un rimpianto inconsolabile, e se il romanzo di Gramellini era strutturato come una sorta di detective story, il film di Bellocchio è un horror in cui Nosferatu e Belfagor sono i migliori alleati del piccolo Massimo, mentre i nemici indossano una maschera sociale spaventosa per non dover dire la verità ad un bambino: in assoluto, l'atto di coraggio più grande.
L'atto di coraggio principale di Bellocchio è invece quello di prendere il testo di Gramellini, sceneggiato dal regista insieme ad Edoardo Albinati e Valia Santella, nella sua accezione (e il suo valore) di narrazione popolare equivalente a quella delle canzonette che da sempre catturano l'essenza dell'Italietta, più dei saggi di antropologia culturale. Bellocchio, capace di vertiginose astrazioni e di altissimi afflati filosofici, racconta la storia di un salto nel vuoto attraverso i tuffi di Cagnotto e la caduta dell'aereo del Grande Torino sopra la collina di Superga, non mettendosi mai al di sopra di quelle "ovvietà che sconvolgono" e che sono la forza primordiale del romanzo di Gramellini perché parlano a tutti accantonando il comune senso del pudore (ma anche la spocchia da intellettuale) come si fa quando ci si scioglie nel ballo, rendendosi ridicoli e irresistibili nello stesso magico e imbarazzante istante. Le raffinate musiche di Carlo Crivelli sottolineano invece la presenza costante di un battito nascosto che viaggia in direzione contraria rispetto alla melodia di facciata, irrazionale e ingestibile come un attacco di panico, rivelatore di una verità che nessuna glassa superficiale può tenere nascosta.
Il contesto è quello della Torino dei tardi anni '60 e poi di fine anni '90, ugualmente caratterizzate da quella "falsa cortesia" e quell'abitudine a "negare, negare tutto" che sono imposizioni sociali ma anche scelte di vita. Un'Italia perbenista e perbene in cui circolano i finanzieri senza scrupoli dalla straniante enunciazione bellocchiana (attraverso la magnifica voce impostata di Fabrizio Gifuni), o i preti che insegnano astronomia riconducendo i loro alunni più inquisitivi al mistero della Fede. Sono loro le uniche eccezioni metaforiche ad una galleria di personaggi più quotidiani e reali di quelli cui Bellocchio ci ha abituato, senza sottotesti metafisici ma con segreti da nascondere prima di tutto a se stessi.
In questa favola nera dove non si sa dove siano finiti i bambini e dove nascondino diventa (come in fondo è sempre stato) un gioco crudele di sottrazione dell'affidabile e del certo, in questo non luogo dove tutti sono orfani e Pollicino non trova più la strada nemmeno se rimane inchiodato al lettino di casa, si diventa grandi "nonostante" le assenze e le disillusioni. Bellocchio accetta con umiltà il suo ruolo di narratore accessibile a grandi e piccini, correndo il rischio di incontrare quel seguito popolare che tormenta Gramellini da quando ha messo da parte la vergogna per permettere a milioni di lettori di fargli tana.

Stampa in PDF

TROVASTREAMING
FAI BEI SOGNI
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD HD+ SD HD HD+
Rakuten tv
-
-
CHILI
iTunes
-
-
-
-
-
-
Google Play
Premi e nomination Fai bei sogni

premi
nomination
Nastri d'Argento
2
6
David di Donatello
0
10
* * * * -

Nonostante

martedì 15 novembre 2016 di kimkiduk

Dunque .... non è facile scrivere di questo film. Bellocchio non mi affascina completamente e non ho letto il libro. Dopo la visione si capisce però chiaramente il perchè della scelta di tradurre in film il libro di Gramellini. Ha tutto quello che piace a Bellocchio, mistero, follia, ricerca della verità, psicanalisi. Un film che si dibatte tra parti inutili o quasi, immagini sicuramente non eccelse, imperfezioni stilistiche e dettagli fortemente trascurati da una parte e alcune altre decisamente continua »

* * - - -

Troppo pesante

giovedì 17 novembre 2016 di Filippo Catani

Torino. Un bambino rimane presto orfano di madre e crescerà insieme al padre che gli trasmetterà la passione per il Torino. Divenuto adulto e giornalista della Stampa, l'uomo cerca di fare un po' i conti con la sua infanzia e il suo rapporto con la madre. Tratto dall'opera di Gramellini, il film di Bellocchio appare decisamente confuso e troppo pesante. I continui balzi e sbalzi temporali ed umorali non aiutano certo lo sviluppo della trama. La sceneggiatura finisce così continua »

* * * - -

"... senza lasciarmi detto niente!"

domenica 13 novembre 2016 di FabioFeli

Massimo (Nicolò Cabras) nel 1969 ha nove anni e vive a Torino con i genitori in una casa borghese a due passi dallo stadio Filadelfia, il campo dei mitici granata. E’ l’epoca di Canzonissima e degli sceneggiati televisivi: la madre fantasiosa e vivace stimola Massimo ad esprimere la sua fisicità elegante nel ballo del twist e segue con lui le puntate di Belfagor in Tv, abbracciandolo stretto e coprendogli di occhi nelle scene forti. Mentre cade una placida nevicata, la madre gli rimbocca le coperte continua »

* * * - -

Accessibile e coinvolgente

domenica 13 novembre 2016 di robroma66

Il 31 dicembre 1969 Massimo, ad appena nove anni, si sveglia nel sonno e vede il padre sorretto da due uomini. La mamma è morta. Un paio di decenni più tardi: Massimo è un giornalista affermato, va in Bosnia come inviato durante la guerra, incontra Elisa. Ma il ricordo della sua mamma si allunga, costante, come un'ombra tormentata e non riesce a fargli chiudere i conti con il passato, finché non scopre la verità su quella morte. A me il film provoca una sensazione dicotomica. Non è il prodotto continua »

Non ci sono ancora frasi celebri per questo film. Fai clic qui per aggiungere una frase del film Fai bei sogni adesso. »
Shop

DVD | Fai bei sogni

Uscita in DVD

Disponibile on line da giovedì 23 marzo 2017

Cover Dvd Fai bei sogni A partire da giovedì 23 marzo 2017 è disponibile on line e in tutti i negozi il dvd Fai bei sogni di Marco Bellocchio con Valerio Mastandrea, Bérénice Bejo, Fabrizio Gifuni, Guido Caprino. Distribuito da Rai Cinema - 01 Distribution. Su internet Fai bei sogni (DVD) (DVD) è acquistabile direttamente on-line a prezzo speciale su IBS. Sono inoltre disponibili altri DVD in versione speciale del film. altre edizioni »

Prezzo: 15,80 €
Prezzo di listino: 16,99 €
Risparmio: 1,19 €
Aquista on line il dvd del film Fai bei sogni

FOCUS | Giocando con le parole, il lavoro del regista piacentino appare come uno studio sul compromesso possibile tra cinema d'autore e letteratura delle alte tirature. Al cinema.

Bellocchio spiazza tutti, anche il suo cinema

sabato 12 novembre 2016 - Roy Menarini

Fai bei sogni, Bellocchio spiazza tutti, anche il suo cinema Quasi sempre concentrati sui macroscopici rapporti tra editoria globale e cinema hollywoodiano, non sempre ci accorgiamo dei legami sempre più stretti tra letteratura italiana e cinema nazionale. Non c'era dubbio che Fai bei sogni, clamoroso successo di Massimo Gramellini, sarebbe arrivato su grande schermo, mentre pochi avrebbero potuto pronosticare Marco Bellocchio dietro la macchina da presa. È storia nota che il regista piacentino abbia ricevuto un invito, piuttosto che partire da un proprio impulso, per immaginare la trasposizione del romanzo.

La vita di Mastandrea si perde attorno alla Grande Bugia

di Paolo D'Agostini La Repubblica

Massimo Gramellini è uno dei giornalisti italiani di maggior notorietà della sua generazione (classe '60). Torinese, entrato nel mondo dell'informazione attraverso le sue passioni sportive per poi, alla Stampa, passare alla politica negli anni 90 di Tangentopoli e della Bosnia. Vicedirettore della testata, titolare di una fortunata rubrica in prima pagina, infine romanziere. Fai bei sogni (Longanesi) diventa fenomeno editoriale nel 2012. È la confessione autobiografica del dolore per la perdita della mamma a soli nove anni e di quanto questo dolore abbia pesato sulla sua vita. »

Con le vite degli altri

di Fabio Ferzetti Il Messaggero

Un bambino come tanti cresce segnato da un dolore segreto in un'Italia che molti ricordano ancora. Quando aveva solo 9 anni sua madre è morta misteriosamente, o forse di misterioso e malsano c'è solo il silenzio che circonda da sempre quella morte improvvisa e mai spiegata. Così il bambino cresce nel rancore e nel sospetto, diventa grande, si scopre giornalista, viaggia, vede il mondo, racconta la squadra dell'infanzia e del cuore, il Torino, va anche a Sarajevo da inviato di guerra - ma non elabora mai fino In fondo queI lutto irrisolto. »

Storia di un giornalista e della sua mamma Bellocchio porta al cinema Gramellini

di Federico Pontiggia Il Fatto Quotidiano

Dal romanzo di Gramellini al film di Marco Bellocchio, una tranche de vie formato famiglia, con registro memoriale e interrogativo esistenziale: come possiamo conoscere noi stessi se non sappiamo degli altri? Valerio Mastandrea interpreta Massimo, oggi giornalista di successo, un tempo bambino felice, fino all'improvvisa morte della madre. Mentre si prepara a vendere l'appartamento avito, gli sovviene: com'è morta davvero mamma? A catalizzarne la presa di coscienza, la dottoressa Elisa (Bérénice Bejo), di cui - facile - si innamora. »

Bellocchio racconta i tormenti dell'anima

di Silvio Danese Quotidiano Nazionale

La menzogna del padre e dei parenti sul 'salto nel vuoto" della mamma malata, comprensibile in infanzia, protratta per decenni ha minato identità e affettività del giornalista Massimo, che nel corridoio (del tempo) del suo appartamento rivive "sogni infranti" fino all'"addio al passato". Da mezzo secolo, dolce ossessione ("I pugni in tasca" 1965, "La balia" 1999, "L'ora di religione" 2002, "Vincere" 2009) nel cinema di Bellocchio lo sguardo del figlio interroga, sublima o distrugge, la fuggente figura dell'origine, tra desiderio e castrazione. »

Fai bei sogni | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
MYmovies
Paola Casella
Pubblico (per gradimento)
  1° | kimkiduk
  2° | robroma66
  3° | fabiofeli
  4° | filippo catani
  5° | maxime dubois
  6° |
  7° | flyanto
  8° | francesca50
  9° | fabriziog
10° | lupo67
11° | yarince
12° |
13° | carolinamarsic
14° | parteripario
Nastri d'Argento (8)
David di Donatello (10)


Articoli & News
Link esterni
Shop
DVD
Uscita nelle sale
giovedì 10 novembre 2016
Scheda | Cast | News | Trailer | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Chat | Shop |
prossimamente al cinema Oggi al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2017 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità