•  
  •  
Apri le opzioni

Enzo De Caro

Enzo De Caro è un attore italiano, regista, scrittore, sceneggiatore, musicista, è nato il 24 marzo 1958 a Portici (Italia). Enzo De Caro ha oggi 64 anni ed è del segno zodiacale Ariete.

Un Troisi per amico

A cura di Fabio Secchi Frau

Quel ragazzo che si vedeva esibire accanto a Lello Arena e il mostro teatrale Massimo Troisi è cresciuto: oggi è un regista, scrittore e addirittura professore universitario. Nuove fatiche, ma sempre la stessa faccia. Enzo De Caro emerge prima come interprete pieno di vivacità e comicità nei cabaret, poi in un secondo tempo, sciolto il trio in cui lavorava, cerca di esplorare le sue doti artistiche e in particolare quelle registiche. Fin dal suo esordio dietro la macchina da presa si impone con buone doti, comprendendo che, ancor prima dell'estetica audio-visiva, bisogna prendere in considerazione il tessuto narrativo, vero supporto ai personaggi. Allo stesso tempo però, le vicende diventano quasi secondarie rispetto a come vengono raccontate. Serietà e semplicità valorizzano e nobilitano quei valori fondamentali - rispetto e onestà - che secondo il regista stiamo perdendo. Alcune volte si parte da Napoli, dove l'autore ha trovato suggestioni pittoriche e fotografiche, altre volte si parte dall'intreccio, ma non per fare della filosofia spicciola o per indurre puntigliosamente a ragionare. Lo scopo è sempre lo stesso per ogni pellicola: ricavare emozioni e sensazioni in grado di dare allo spettatore un pezzo di tenerezza, ironia, freddezza, malizia, comicità, ma senza voler necessariamente calcare l'acceleratore sulla risata, come invece avrebbero fatto altri comici prima e dopo di lui. Autentico e garbato, erede di una vitalità minimale e realista che era comune anche al suo migliore amico, il già citato e purtroppo scomparso Troisi, offre colorate intensità espressive nella sua recitazione, molto spesso privilegiando il silenzio e le pause.

L'esordio con La Smorfia
Laureato in lettere all'Università di Napoli, inizia prestissimo a fare teatro assieme a Troisi e Lello Arena fondando il trio comico cabarettistico I Saraceni che poi cambierà nome nella più nota La Smorfia. Con questo gruppo esordisce in televisione nel 1977, all'interno del programma "Non Stop", poi seguiranno altre apparizioni sui canali della tv dello stato, per esempio ne "La sberla" (1978) e il più famoso "Effetto Smorfia" (1980). Scioltosi il gruppo, De Caro prosegue la sua attività artistica, come abbiamo detto prima, esplorando il mondo della regia.

L'opera prima da regista
La sua pellicola di debutto, nonché il suo capolavoro, è la commedia Prima che sia troppo presto (1981) dove lui stesso recita accanto a Vittorio Caprioli, Dalila Di Lazzaro e Isa Danieli, raccontando una Napoli devastata dal sisma del 1980 e l'avventura di un giovane che cerca di migliorare un po' ciò che vede. Nel film cura ogni cosa, dal soggetto alla sceneggiatura, fino alle musiche, componendo una pellicola scorrevole e piacevole che infatti meriterà il David Di Donatello come miglior opera prima.

L'attore televisivo
Come interprete è spesso diretto da Stefano Pomilia, Rossella Izzo e Sergio Martino e prediligendo particolarmente la televisione. Si comincia con le miniserie Quando ancora non c'erano i Beatles (1988) e Costanza (1998) e si continua con il grande successo de Una donna per amico (1998) che avrà ben due sequel nel 1999 e nel 2001. Dopo il ruolo di Claudio in Tutti gli uomini sono uguali (1998), è l'autore del soggetto del film tv religioso Il quarto re (1997), seppur continuando a preferire la recitazione in fiction come: Il cardinale (2000), L'ultimo rigore e il suo sequel (2002-2006), Tutto in quella notte (2004), Padri (2002), Lo zio d'America (2002), Madre Teresa (2003), gli sceneggiati Orgoglio (2004) e Noi (2004), Questo amore (2004), La provinciale (2006) e il telefilm Provaci ancora prof! (2005-2007), senza contare Era mio fratello (2007) e La terza verità (2007).

Scrivici ancora prof!
Attualmente docente di scrittura creativa alla Facoltà di Scienze della Comunicazione dell'Università di Salerno, Enzo De Cario è una figura che ha avuto il pregio di dribblare fatali cadute cui sono di solito esposti i giovani comici italiani quando si trasportano al cinema, destreggiandosi senza eccessi e senza voler a tutti i costi portare a una stucchevole risata lo spettatore. Quella lontana laurea in lettere fa la differenza, proprio perché è stata in grado di aprirgli una porta in più rispetto ai suoi colleghi. Nessuno si sarebbe mai aspettato che quel ragazzino che si travestiva grossolanamente accanto a un pacioccone Arena e a un ossuto Troisi, potesse mettere i gomiti sul tavolo ed esprimere, evitando frasi fatte e filosofie moderne, qualcosa che riguardasse il presente con una carica alternativa e incontaminata.

Ultimi film

Focus

TELEVISIONE
mercoledì 10 marzo 2010
Gabriele Niola

Una storia di guerra, fame ed elemosina Due puntate televisive in onda su RaiUno domenica e lunedì con la regia di Vittorio Sindoni, due puntate per raccontare la storia di Sofia Scicolone attraverso gli occhi di Romilda Villani, la madre. Certo alla fine sempre di Sophia Loren si parla, lei è il tema di La mia casa è piena di specchi e lei nel ruolo di sua madre è l'interprete principale. Nella miniserie infatti il personaggio di Sophia si vede poco, sono la madre e la sorella il vero nucleo, cioè la sua famiglia dopo che il padre (nel film Enzo De Caro) le ha abbandonate, sole a cercare fortuna alle porte di Cinecittà

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | Serie TV | Dvd | Stasera in Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | TROVASTREAMING
Copyright© 2000 - 2022 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati