American gigolo

Film 1980 | Drammatico V.M. 18 117 min.

Regia di Paul Schrader. Un film Da vedere 1980 con Richard Gere, Nina Van Pallandt, Lauren Hutton, Hector Elizondo, Bill Duke, Frances Bergen. Cast completo Titolo originale: American gigolo. Genere Drammatico - USA, 1980, durata 117 minuti. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: V.M. 18 - MYmonetro 3,90 su 11 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi American gigolo tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Un bel giovane che si fa mantenere dalle donne s'innamora di una delle sue clienti, sposata a un senatore, ma finisce nei guai. Il film ha ottenuto 3 candidature a Golden Globes.

American gigolo è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD e Blu-Ray su IBS.it. Compralo subito

Consigliato assolutamente sì!
3,90/5
MYMOVIES 3,25
CRITICA N.D.
PUBBLICO 3,40
CONSIGLIATO SÌ
Lo sguardo moralizzatore di Paul Schrader applicato ai meccanismi del thriller.
Recensione di Edoardo Becattini
Recensione di Edoardo Becattini

Julian Kaye è il più noto gigolo di Los Angeles, un uomo dai gusti raffinati che ha trasformato in business la sua conoscenza delle lingue straniere e la capacità di soddisfare sessualmente ogni donna. Le sue abilità con le signore più mature gli permettono di lavorare in autonomia, prendendo incarichi sia da Anne, una piacente donna svedese di mezza età, che da Leon, un pappone nel giro dei gay club notturni. Quest'ultimo gli fornisce una sera un lavoro con la moglie di un finanziere di Palm Beach che gli chiede di poter assistere al rapporto, durante il quale vuole che Julian pratichi violenza sulla donna. Quando, pochi giorni dopo, la stessa donna viene trovata assassinata, i primi sospetti cominciano a muoversi proprio attorno a Julian.
Fra il violento e sociopatico Travis Bickle di Taxi Driver e il fascinoso amatore Julian Kaye di American Gigolo ci sono più vicinanze di quanto la differente bellezza dei corpi di De Niro e di Richard Gere darebbe a intendere. Entrambi lavorano solo di notte e, anche se le loro vite sociali e sessuali non potrebbero essere più distanti, tutti e due vivono un isolamento dal mondo di fronte al quale reagiscono brutalmente. Rispetto allo script scritto per Scorsese, American Gigolo lascia filtrare maggiormente il retaggio calvinista di Paul Schrader sull'individualismo del maschio moderno, investendo direttamente temi come il complesso di colpa e la possibilità di redenzione.
La sottotraccia da noir erotico e la costruzione incalzante delle indagini non sono che il pretesto per raccontare una parabola sulla contemporaneità in cui il modo di narrare il peso etico delle azioni e l'importanza degli affetti è una diretta emanazione di Bresson e del ladruncolo Michel di Pickpocket. Schrader cita apertamente il film di Bresson anche a livello figurativo, frammentando mani, lombi, volti e scandendo le sequenze di un epilogo che prevede perfino un ultimo scambio d'affetti dietro le sbarre fra i due protagonisti. Difatti, anche a livello figurativo il suo film è molto attendo a configurare un utilizzo "etico" delle pratiche di messa in scena: la frammentazione del montaggio e i movimenti della macchina da presa amplificano la sensazione della presenza di uno sguardo fortemente ancorato al personaggio, un osservatore continuo che guarda e giudica da ogni angolazione e da ogni distanza questo amatore che vive in funzione del desiderio e del godimento femminile. Da parte sua, il personaggio di Gere percepisce la presenza di questo sguardo di cui è oggetto continuo e per il quale si mostra sempre altamente performativo.
Così apertamente esposto e sviscerato nei suoi dettagli e nella relazioni con ambienti e personaggi dal taglio della ripresa, dal ritmo del montaggio e dalle ombreggiature della fotografia, il corpo di Gere si configura sia come strumento di piacere che come rappresentazione della vanità. Tuttavia, come nel caso del proprio maestro francese, lo sguardo moralizzatore di Schrader non è diretto tanto nei confronti dell'ingenuo adone, vittima dell'individualismo prima che del proprio narcisismo, quanto verso una società dell'effimero costruita sull'apparenza e su frustrazioni latenti.

Sei d'accordo con Edoardo Becattini?
AMERICAN GIGOLO
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
Rakuten tv
-
-
CHILI
-
-
-
iTunes
-
-
-
-
Google Play

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€9,99 €12,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
mercoledì 28 giugno 2017
matteo bettini 15 gennaio

'American Gigolo', pellicola del 1980 e praticamente "creata" da Paul Schrader, considerato che, oltre a dirigerla, ne scrisse anche soggetto e sceneggiatura, è un film che rispecchia alla perfezione gli anni in cui uscì nelle sale cinematografiche. Ambienti, vestiti (a proposito: i vestiti indossati dal protagonista Gere furono disegnati dal nostro Giorgio Armani, e [...] Vai alla recensione »

domenica 28 gennaio 2018
elgatoloco

Paul Schrader, di formazione seriamente calvinista, è un profondo indagatore dei meandri della psiche, dove le perversioni, notoriamente, soprattutto nella classe agiata(ma non solo, certo), giocano un ruolo fondamentale.  Lo aveva fatto con"Taxi Driver"(1976)quale sceneggiatore per Scorsese, lo fa qui i, quale autore-regista in"American Gigolò"(1980), dando spazio [...] Vai alla recensione »

giovedì 29 aprile 2010
nmatt

Parla sei o sette lingue, veste Giorgio Armani, gira per Palm Springs a bordo di una Mercedes, fa l'accompagnatore per ricche ed annoiate signore di Los Angeles e ad alcune concede pure se stesso: professione gigolò, Julian Kay (Richard Gere) fa la bella vita ed è convinto di non provare sentimento per alcuna donna. Finché non s'innamora di lui l'affascinante Michelle [...] Vai alla recensione »

domenica 26 novembre 2017
Xerox

Ma che bello recensire un film dell'80 che probabilmente oggi non interessa più nessuno! Beh, ho rivisto American Gigolò qualche giorno fa.... anche per riavermi dallo shock di avere visto Richard nella Vita di Norman.... MA CHE SPENDIDO FILM!!! BELLISSIMO!!! Ho deciso di comprarlo in DVD! Non si sa da dove cominciare!.... Intanto la colonna sonora: sono POCHISSIMI i films nei quali [...] Vai alla recensione »

domenica 25 maggio 2014
Onufrio

Julian è un noto playboy e gigolo oramai con una certa fama,ed anche un pò d'inividia, nell'ambiente chic, fra hotel e club privè tra i più in della zona; l'incontro con la bella Michelle fa nascere in Julian un sentimento ben più nobile, l'amore. I due cominciano a frequentarsi, ma l'omicidio di una cliente di Julian mette nei guai il belloccio [...] Vai alla recensione »

domenica 20 maggio 2012
PascalGigolo

 Avrò visto questo film 10 volte e lo considero il mio film d'ispirazione: Richard Gere incarna perfettamente quelli che sono i valori e le abitudini del gigolò professionista. Non nego che quando scelgo il mio vestito il mio pensiero va ogni volta a questo film, ed ogni volta cerco, senza emulazione, di carpire qualche segreto da questo splendido personaggio.

Frasi
Le leggi le fanno gli uomini, e gli uomini sbagliano… o sono stupidi, o gelosi!
Una frase di Julian (Richard Gere)
dal film American gigolo - a cura di Sergio
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati