Un mostro a Parigi

Film 2011 | Animazione Film per tutti 90 min.

Titolo originaleUn monstre à Paris
Anno2011
GenereAnimazione
ProduzioneFrancia
Durata90 minuti
Regia diBibo Bergeron
AttoriMathieu Chedid, Vanessa Paradis, Gad Elmaleh, François Cluzet, Ludivine Sagnier, Julie Ferrier Bruno Salomone, Sébastien Desjours, Philippe Peythieu, Arisa, Raf, Enrico Brignano, Maurizio Mattioli, Enzo De Caro, Simona Borioni.
Uscitagiovedì 22 novembre 2012
DistribuzioneSunshine Pictures
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: Film per tutti
MYmonetro 3,10 su 13 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Bibo Bergeron. Un film con Mathieu Chedid, Vanessa Paradis, Gad Elmaleh, François Cluzet, Ludivine Sagnier, Julie Ferrier. Cast completo Titolo originale: Un monstre à Paris. Genere Animazione - Francia, 2011, durata 90 minuti. Uscita cinema giovedì 22 novembre 2012 distribuito da Sunshine Pictures. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: Film per tutti - MYmonetro 3,10 su 13 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Un mostro a Parigi tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Una pulce, bagnata per errore con due composti, si ingigantisce e sviluppa una voce da angelo. Il mostro dall'animo sensibile trova riparo in un club dove canta e suona mentre la polizia lo caccia. Il film ha ottenuto 2 candidature a Cesar. In Italia al Box Office Un mostro a Parigi ha incassato nelle prime 3 settimane di programmazione 463 mila euro e 210 mila euro nel primo weekend.

Passaggio in TV
il film è stato trasmesso mercoledì 25 aprile 2018 ore 11,20 su PREMIUMCINEMA2

Consigliato sì!
3,10/5
MYMOVIES 2,50
CRITICA N.D.
PUBBLICO 3,70
CONSIGLIATO SÌ
Un cartone dalla struttura classica che prende in prestito suggestioni e fascino da altre opere.
Recensione di Gabriele Niola
giovedì 22 novembre 2012
Recensione di Gabriele Niola
giovedì 22 novembre 2012

Parigi, 1910. Raoul ed Emile, nel compiere una consegna in un giardino botanico che è anche laboratorio per esperimenti, involontariamente mescolano due composti, uno per ingigantire e l'altro per vellutare le corde vocali, bagnando una pulce. Diventata immensa la bestia fugge per tutta la città creando lo scompiglio e mobilitando le forze dell'ordine guidate da un bieco prefetto. Nascostosi nel retro di un Club la bestia incontra Lucille la quale rimane conquistata dalla nobiltà d'animo espressa dal suo canto e usando un travestimento la prende a suonare e cantare nel suo spettacolo.
Lucille, Raoul, Emile e la creatura ribattezza Francoeur (cuore onesto) dovranno però sfuggire alle indagini del prefetto e ai suoi tentativi di trovare il mostro che terrorizza la città e così spostare l'attenzione pubblica dalle proprie malefatte.
Parigi è stata negli anni scenario di diversi film d'animazione di cui almeno un paio targati Disney (sia in qualità di produttore che di principale distributore) come Ratatouille e Gli Aristogatti, e il medesimo binomio sembra essere quello che regge Un mostro a Parigi, l'unione cioè dell'immaginario parigino di inizio secolo con una storia dallo scheletro (e dal senso per la musica) puramente disneiani.
Eppure, nonostante alla direzione ci sia Bibo Bergeron, francese d'America al lavoro da decenni per Hollywood e regista di Shark tale, e nonostante la produzione sia interamente francofona, lo stesso il nuovo cartone della Europa Corp di Luc Besson ha il difetto di utilizzare Parigi, la musica e il retaggio di altri racconti e altre fascinazioni (in primis quella del fantasma dell'Opera) a proprio vantaggio come scenario e non come spazio in cui agire. Invece che creare l'ambiente e le sensazioni che vuole, il film sfrutta i riferimenti alle opere più note che l'hanno fatto in precedenza. Un mostro a Parigi infatti reimmagina la geografia della città, ne cambia la toponomastica e si disinteressa del suo animo perchè gli serve solo la sua mitologia, quella stabilita, costruita e canonizzata da altre opere d'arte, come del fantasma dell'Opera gli serve solo la maschera e la possibilità di appoggiarsi all'eco romantico che quella suggestione è in grado di sprigionare.
Ed è un peccato perchè per il resto, nonostante qualche momento più stanco e fiacco nella seconda metà, la storia della pulce mutata che voleva essere una star del vaudeville è carina e dinamica. Non vuole di certo conquistare chissà quali primati Un mostro a Parigi, se non quello facile da raggiungere di intrattenere senza stupire, ammaliare senza innovare e per gran parte della sua durata ci riesce, infilando una dopo l'altra gag semplici che non si sporchino le mani con sentimenti reali, personaggi complessi o tentativi audaci.
Con precisione alchemica Bergeron mescola momenti di divertimento con quel quoziente di paura e tensione che spesso anima la narrativa per l'infanzia, utilizza soluzioni registiche da horror e addirittura riadatta la soggettiva dei salti nel cielo già vista in Thirst di Park Chan Wook (e nel seminale cortometraggio del 1984 Jump di Osamu Tezuka), allungandoli con il massimo dell'innocua innocenza romantica, vellutata dalle canzoni cantate da Vanessa Paradis (sia nella versione inglese che in quella francese) e scosse dalla solita azione da cartone animato fino alle punte più alte della città come ad imitare King Kong.

Sei d'accordo con Gabriele Niola?
UN MOSTRO A PARIGI
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
iTunes
-
-
-
-
Infinity

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€9,99 €12,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
lunedì 19 novembre 2012
donni romani

L'animazione negli ultimi decenni ha raggiunto punte di qualità elevatissime e con "Un mostro a Parigi" fa un ulteriore passo in avanti nella ricerca di uno stile ricercato e maturo. A differenza del ritmo indiavolato delle ultime produzioni Diseny o delle creature della Pixar la pellicola francese ha un andamento lineare, una trama che rimanda ad altri miti ma rimane originale [...] Vai alla recensione »

domenica 25 novembre 2012
renato volpone

Meraviglioso cartone animato per palati raffinati, ma i bambini ne erano incantati. Una splendida storia che parla dell'accettazione della diversità e di come coloro che la combattano spesso sono molto peggio di ciò che non si conosce o di cui noi abbiamo paura. Animazione perfetta, musica azzeccatissima e voci stupende per questo musical a cartoni.

sabato 4 maggio 2013
Lady Libro

Musica, amore, paura, avventura, dolcezza, azione, canti e balli. Questi e tanti altri sono i contenuti di questa splendida perla del cinema d'animazione. "Un mostro a Parigi" non ha una trama particolarmente originale ed è chiaramente visibile il miscuglio di tematiche di film/romanzi racchiuso in esso e da cui ha attinto abbondantemente, come per esempio "La bella e la bestia", "Il fantasma dell'Opera", [...] Vai alla recensione »

sabato 5 ottobre 2013
ultimoboyscout

Un incidente trasforma un'innocua pulce in un mostro gigante che semina il panico nella Parigi dei primi del Novecento. Ma non si tratta di un essere malvagio, è piuttosto una creatura timida e molto, molto dotata a livello canoro e musicale. Bibo Bergeron confeziona una storia strampalata e godibile, che si fa forza soprattutto dell'ambientazione e di qualche gustosa citazione.

martedì 2 aprile 2013
Giorg99

Non sono d' accordo con la recenzione di Gabriele Nicola, certo non sarà la Disney o la DreamWorks però è un bel film dove  Bibo Bergeron  mescola horror e romanticismo. Francia, nel novecento per sbaglio Raul (Enrico Brignano) ed Emile (Enzo Decaro) danno vita a una mostrosa creatura (in realtà una pulce gigante) con una voce soave.

sabato 1 dicembre 2012
g_andrini

E' una animazione con più di uno spunto interessante, con un sarcasmo molto spinto. La pulce, in apparenza amata, e il capo della polizia, il presunto cattivo, in realtà sono in posizioni invertite. Divertente.

mercoledì 28 novembre 2012
Patrumba

Un Mostro a Parigi é un ottimo film. Forse il tema é un po' scontato (quello del mostro buono), ma ci sono molte idee originali, prima fra tutte la coralità: nel film non c'é un vero e proprio protagonista. Il film riprende anche la tradizione disneyana di integrare canzoni create ad hoc da musicisti di fama. L'unico difetto: l'animazione (specialmente dei visi) é ancora un po' impacciata rispetto [...] Vai alla recensione »

martedì 19 luglio 2011
Vivienne

Ma quando uscirà in Italia questo film di animazione, che credo sia anche molto carino??

lunedì 23 dicembre 2013
Onufrio

Sorprendente film di animazione francese, l'ambientazione a Parigi dà sempre quel tocco in più che rende al fin della storia, anche se stiamo parlando pur sempre di un "cartone animato". Due amici un pò pasticcioni, giocando con le provette di uno scienziato creano un mostro generato da una pulce, un mostro che terrorizza la città, ma che in fin dei conti è [...] Vai alla recensione »

lunedì 20 maggio 2013
Kyotrix

L'inizio sembrava promettente, ma lo sviluppo non mi e' piaciuto. Tralasciando sulla mediocre scelta del mostro ( una pulce che suona, canta, balla... ) ma diversce scene e comportamenti troppo surreali mi hanno infastidito. Storia romantica? Lasciamo stare. Guardabile, ma nulla di piu'

Frasi
"Sono solo un mostro, un mostro a Parigi"
Una frase di Francoeur (voce nella versione originale) (Mathieu Chedid)
dal film Un mostro a Parigi - a cura di Giorg99
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Anne Dessuant
Télérama

Siamo nel 1910. Parigi è sommersa da una piena eccezionale della Senna. L'ultima cosa di cui ha bisogno il prefetto Maynott, impegnato nella caccia di un mostro che da tempo semina il terrore nella città. Immaginate un Fantasma dell'Opera che incontra Amélie Poulain in un jardin des plantes disegnato da Jacques Tardi, prima di saltare sui tetti come un Quasimodo trasportato nella spensierata e frizzante [...] Vai alla recensione »

NEWS
NEWS
giovedì 22 novembre 2012
Tirza Bonifazi

Lo fece bene Simonetta Agnello Hornby nel romanzo "Vento scomposto", in cui descriveva la dolorosa odissea di un uomo sospettato di aver abusato della figlia di quattro anni. Torna a farlo il danese Thomas Vinterberg in Il sospetto, in cui punta l'obiettivo [...]

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati