Aiuto! È Natale!

Film 2022 | Commedia, 90 min.

Regia di Kristoph Tassin. Un film con Richard Dreyfuss, Judd Nelson, Valeria Bilello, Lorenzo McGovern Zaini, Nathan Cooper. Cast completo Genere Commedia, - Italia, 2022, durata 90 minuti. Uscita cinema giovedì 1 dicembre 2022 distribuito da RS Productions. Valutazione: 1,5 Stelle, sulla base di 2 recensioni.

Condividi

Aggiungi Aiuto! È Natale! tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Ultimo aggiornamento venerdì 2 dicembre 2022

Una commedia natalizia che vede come protagonista una famiglia bizzarra: padre, madre, due figli, il nonno e... Babbo Natale. In Italia al Box Office Aiuto! È Natale! ha incassato 39,9 mila euro .

Consigliato assolutamente no!
n.d.
MYMOVIES 1,50
CRITICA
PUBBLICO
CONSIGLIATO NO
Una commedia natalizia che punta solo e soltanto sulle buone emozioni, dimenticando per strada tutto il resto.
Recensione di Luigi Coluccio
venerdì 2 dicembre 2022
Recensione di Luigi Coluccio
venerdì 2 dicembre 2022

Malcolm è la persona più gentile del mondo. Lo dicono la famiglia, LIFE e il Presidente degli Stati Uniti, da quando una notte di tanti anni prima chiede nella lettera a Babbo Natale di portare i regali che gli sarebbero spettati ai bambini meno fortunati. Così inizia la sua avventura da benefattore, che nel corso del tempo diviene una vera e propria carriera con viaggi interminabili, campagne di raccolta fondi dalla durata decennale e migliaia di bambini incontrati in ogni occasione; e così Malcolm si allontana sempre di più da casa, dalla moglie e soprattutto da suo figlio Adam. Passano gli anni e adesso Adam è diventato la persona al mondo che odia di più il Natale. Ripudia il padre che non c'era mai per lui il 25 dicembre, rende la vita infernale alla moglie Amy con i suoi atteggiamenti da bambino viziato mai cresciuto e impedisce ai figli Ted e Greta di festeggiare il Natale con l'albero, i regali e le lettere a Babbo Natale. Ma forse quest'anno qualcosa cambierà...

Ah, i film di Natale. Panacea di tutti i mali che tormentano programmatori, produttori e genitori, risposta alle domande senza risposta - cosa impilo nel palinsesto? Come mi gioco gli slot invernali? Che faccio vedere ai miei figli?

Sono questi timori e tremori il cui unico farmaco è il film con renne e neve in uscita nelle sale o in onda sulla tv, capace di far tirare un sospiro di sollievo al programmatore che sa come riempire le lunghe giornate dicembrine, al produttore che lancia il nuovo titolo appoggiandosi ai tanti giorni festivi del periodo e ai genitori che immobilizzano la prole davanti allo schermo di un cinema o di un home video. E che elenco che ne viene fuori: La vita è meravigliosa, Mamma, ho perso l'aereo, Buon Natale, Charlie Brown!, Trappola di cristallo, Gremlins, Babbo bastardo... Ogni genere, qualità e star sono qui riuniti per far superare il freddo e il buio all'umanità tutta. Niente meno.

Se ne sono ricordati puntuali quelli di RS Productions, casa di produzione e distribuzione dietro I fratelli De Filippo, Franco Battiato - La voce del padrone e The Book of Vision, nonché proprietaria (assieme a Portobello) della licenza italiana per Rolling Stone, che assieme a Paradox Studios Italia hanno tirato fuori giusto nei primi giorni dell'Avvento questo Aiuto! È Natale!. Diretto da Kristoph Tassin, il film mette assieme un cast internazionale composto da antiche e nuove glorie, tutte capaci di attirare un segmento emotivo e di pubblico diverso: c'è la poliedrica Valiera Bilello, già al lavoro su produzioni internazionali; c'è il caro, vecchio amico Judd Nelson, sì, da Breakfast Club, St.Elmo's Fire ma soprattutto da quel pezzo di cuore che è Fandango; c'è il nuovo che avanza e non si ferma Lorenzo McGovern Zaini; c'è su tutti Richard Dreyfuss, e niente da aggiungere.

Il pacchetto regalo infiocchettato dalla RS Productions e Tassin guarda proprio a questo mix glocal, girando alle porte di Roma con maestranze italiane e in lingua inglese, per un prodotto fatto a moduli capace di essere spacchettato e arrivare a più canali distributivi e platee in contemporanea.

Così l'orizzonte da scrutare non è quello dei film natalizi italiani, che pure ci sono e senza andare a scoperchiare il Pupi Avati di Regalo di Natale, il Monicelli di Parenti serpenti e la saga-mostro di Boldi e De Sica con i vari cinepanettoni, basta mettere in fila l'esplosione produttiva degli ultimi anni che ha preso in mezzo Aldo, Giovanni e Giacomo, Fausto Brizzi, Ficarra e Picone, il trio Ciarrapico/Torre/Vendruscolo e su tutti Diego Abatantuono.

No, quello a cui il film di Tassin aspira è, con tutto l'intento programmatico di questo mondo, la sospensione dell'incredulità dell'american way of life nel periodo dell'anno in cui ci devi credere ancora e ancora di più, cioè il Natale. Malcolm deve essere il bambino più gentile del mondo, Adam deve essere la persona che odia di più il Natale, Babbo Natale deve essere per forza scomparso: non c'è scontornatura né pudore, tutto viene sparato, vissuto e spiattellato al massimo in una narrazione così.

E Tassin ci si butta a piene mani e cinepresa, con droni, carrellate, grandangoli, da una parte superando l'impasse dell'unico ambiente a disposizione (la casa di Malcolm a Adam), dall'altra trasportando anche sul piano estetico il maglio di sentimenti positivi e buoni propositi che la sceneggiatura ci scaglia contro. Però così il sovraccarico da saccarosio è nel nostro sangue e dietro i nostri occhi, mascherando gli spaventosi contorni di una favola come questa (il modo in cui Adam tratta Amy, Babbo Natale che predica solo e soltanto dei bei tempi andati senza fare nulla per rimediare per tutti ma solo per Malcolm e i bambini...), impedendoci di assorbire qualcos'altro, qualunque cosa essa sia. Anche un po' di carbone.

Sei d'accordo con Luigi Coluccio?
Powered by  
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
martedì 13 dicembre 2022
Alice Cucchetti
Film TV

Pare che "comportarsi come Babbo Natale" rovini la vita. Chiedetelo ad Adam: suo padre da piccolo rinunciava ai doni in favore dei "bambini poveri", da grande trascurava la famiglia per dedicarsi alla filantropia. Per questo Adam non festeggia e impone il divieto anche ai suoi figli, ma durante le vacanze (non) natalizie, Babbo Natale viene rapito da un tizio che, per rilasciarlo, chiede che si risolvano [...] Vai alla recensione »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2023 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati