Il viaggio di Yao

Film 2018 | Commedia +13 103 min.

Titolo originaleYao
Anno2018
GenereCommedia
ProduzioneFrancia
Durata103 minuti
Regia diPhilippe Godeau
AttoriOmar Sy, Lionel Louis Basse, Fatoumata Diawara, Germaine Acogny, Alibeta Gwendolyn Gourvenec, Abdoulaye Diop, Ismaël Charles Amine Saleh, Mame Fatou Ndoye, Aristote Laios, Aboubacar Dramé, Dior Diouf, Christophe Bigot.
Uscitagiovedì 4 aprile 2019
DistribuzioneCinema
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro 2,88 su 21 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Philippe Godeau. Un film con Omar Sy, Lionel Louis Basse, Fatoumata Diawara, Germaine Acogny, Alibeta. Cast completo Titolo originale: Yao. Genere Commedia - Francia, 2018, durata 103 minuti. Uscita cinema giovedì 4 aprile 2019 distribuito da Cinema. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 2,88 su 21 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Il viaggio di Yao tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Un bambino di un villaggio senegalese un giorno parte per Dakar per conoscere il suo mito, un attore francese di grande successo in visita in Senegal. In Italia al Box Office Il viaggio di Yao ha incassato 718 mila euro .

Il viaggio di Yao è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD su IBS.it. Compralo subito

Consigliato sì!
2,88/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA 2,75
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO SÌ
Omar Sy seduce con la sua umiltà e la sua sobrietà in un road movie dalla sincerità disarmante.
Recensione di Marzia Gandolfi
martedì 12 marzo 2019
Recensione di Marzia Gandolfi
martedì 12 marzo 2019

Seydou Tall, nato in Francia da famiglia senegalese, è una star del cinema. Separato da una moglie ostile e padre di un bambino di pochi anni, decide di andare in Senegal sull'onda di un'autobiografia di successo. Ad accoglierlo con entusiamo nel paese d'origine c'è soprattutto Yao, un ragazzino di tredici anni venuto da lontano a reclamare il suo autografo. I quattrocento chilometri coperti da Yao per raggiungerlo colpiscono l'attore che abbandona il tour promozionale per riaccompagnarlo a casa. Il loro viaggio deraglierà progressivamente, stravolgendo qualsiasi storia scritta prima.

Da Samba a Mister Chocolat, Omar Sy ha già lavorato intorno al tema dello sradicamento. Appena mascherato sotto il personaggio di un attore celebre, con Il viaggio di Yao va alla radice (e alle radici) della questione, recitando e co-producendo un film girato in Senegal e costellato di referenze autobiografiche.

Vestito da viaggio iniziatico, il road movie umanista di Philippe Godeau è una meditazione esistenziale sui rischi di un sogno senza radici, che minaccia un attore sovraesposto e impiegato principalmente nel mainstream francese e timidamente nelle produzioni hollywoodiane. Al cuore di un film diluito coi buoni sentimenti sussiste in filigrana un altro film, più divertente ed entusiasmante, dove Lionel Louis Basse, bambino radioso e immagine di un Senegal indomito e avido di cultura, incarna davvero il ruolo di provocatore insolente e iconoclasta di una star del cinema che si prende troppo sul serio e prende troppo sul serio il suo desiderio di essere l'amico ragionevole o il buon padre protettivo quando l'occasione lo richiede.

La personalità preferita dai francesi, che ha messo tutti d'accordo nel 2018 sbaragliando politici e calciatori, fa un passo di lato nel cuore dell'Africa e seduce con la sua umiltà e la sua sobrietà. Per Omar Sy quello di Seydou Tall è un ruolo inedito e direttamente legato alla storia della sua famiglia. Tuttavia conferma rovesciato un potenziale comico che gioca sovente intorno al concetto hollywoodiano di fish out of water. Se in Mister Chocolat, riflessione sulla condizione di un'artista nero nella Francia della Belle Époque, Omar Sy interpretava un nero in un mondo di bianchi, nel film di Philippe Godeau è un bianco in un mondo di neri. Un "Bounty", come lo appella irriverente Yao, uno snack nero fuori e bianco dentro. Di fatto, Seydou Tall pensa come un bianco e la logica del Senegal gli sfugge.

Ma giù dallo schermo le cose sono più complicate di così. Perché se ieri l'attore, figlio delle banlieue e di immigrati africani, dichiarava di essere Rafael Padilla (Mister Chocolat), un artista che voleva esistere altrimenti e affrancato dall'etichetta che gli avevano incollato addosso, oggi non è mai stato così vicino ad essere se stesso dentro un ritratto in forma di racconto naïf che lo impegna intimamente (e finanziariamente).

Mentre i francesi guardano a Omar Sy come a un riconciliatore nazionale, a un attore terapeutico che ripara la società, l'attore ritorna nel paese di suo padre, nella terra dei suoi antenati con pudore e senza artifici nella recitazione se non la sua verità personale. Disattendendo la disposizione comica per l'armonia, l'attore avanza emozionato e riflessivo in un film semplice ma mai semplicistico sulla paternità, la trasmissione e la ricchezza della differenza.

Il film di un uomo e di una vita, un film imperfetto ma di una sincerità disarmante. Omar Sy getta la maschera del magical nero, il nero senza passato né legami la cui sola funzione è di alleggerire le tribolazioni dei bianchi nevrotizzati (e paralizzati) dalle pressioni sociali (Quasi amici). Omar Sy è finalmente se stesso. È come non lo abbiamo mai visto e dove non lo abbiamo mai visto: da qualche parte tra l'Africa e la Francia, in quello che lo separa e in tutto quello che lo avvicina a Yao.

Sei d'accordo con Marzia Gandolfi?
VIDEO RECENSIONE
IL VIAGGIO DI YAO
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
Rakuten tv
-
-
CHILI
-
-
iTunes
-
-
-
-

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€14,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
domenica 7 aprile 2019
aurash

Una storia molto semplice in fondo, ma che per come è costruita e interpretata (entrambi i protagonisti hanno visi talmente espressivi che spesso potrebbe fare a meno delle parole) insegna molto. Per un pubblico di bambini e di aduti, insieme. Il rapporto forte che si crea tra un bambino e un adulto al di là dei legami di sangue, il tempo che acquista un suo senso nella bellezza di fare [...] Vai alla recensione »

giovedì 11 aprile 2019
Marisa

Deludente.. dialoghi inesistenti.. Omar Sy attore espressivo semplice comunicativo così come il piccolo protagonista... Unica nota positiva la fotografia,immagini uniche ... tipico film francese... freddo 

mercoledì 8 maggio 2019
Emanuele 1968

Le immagini sono molto belle, le ambientazioni raccontano una realtà che per me sembrano quasi una cosa che uno si chiede << ma veramente in alcune parti del mondo nel 2019 si vive ancora cosi? >>   Premetto che l'ho visto solo fino a quando sono arrivati al mare, poi mi sono stufato e me ne sono andato, personalmente se vi piacciono le favole questa pellicola vi [...] Vai alla recensione »

FOCUS
FOCUS
giovedì 4 aprile 2019
Roy Menarini

La cosiddetta cultura delle celebrità, oltre ad essere un fenomeno di costume e di circolazione del fatuo, è anche un sistema di valori simbolici in cui si giocano molte partite della contemporaneità. Persino in direzione politica e sociale. È il caso di Omar Sy, star nera francese che - grazie ai film in cui negozia la propria esistenza civica nella società dei bianchi - si pone come mito vivente interculturale. Se lo è, tuttavia, è perché l'attore di origine africana ce l'ha fatta, e dunque il successo (la celebrità, appunto) lo qualifica, lo rende vincente e gli fa scudo. Per quanti detrattori o invidiosi potranno circondarlo, la fama sarà sempre superiore. Finché dura. La sensazione è che Il viaggio di Yao sia dunque un film di compensazione rispetto alla minoranza dei contestatori, dove Sy cerca di ristabilire il contatto con la patria d'origine.

Poco importa che il Senegal messo in scena da Philippe Godeau rischi di apparire oleografico, con non pochi stereotipi continentali. In fondo, l'intero racconto è un lungo percorso per la risistemazione simbolica del suo attore protagonista, che ne diviene in qualche modo autore.

Tutto ruota intorno a un alter-ego di Omar Sy, un divo in cui è facile riconoscere l'interprete stesso. Anch'egli ha (come il protagonista) un papà operaio senegalese immigrato in Francia. Il Sy divenuto grande (ri)lava dunque i panni in Africa, e per farlo si fa nuovamente accompagnare - come in Famiglia all'improvviso - da un figlio acquisito. Là era un figlio biologico, capitato nella vita di una persona senza alcuna velleità paterna. Qui è un doppio del figlio "perduto", e rimasto con la madre separata in Francia. Quindi è al tempo stesso un sé stesso bambino e un'altra progenie, che prende vita correttamente nel Continente di origine.

Questo ragazzino ha sogni d'altri tempi: vuole fare l'astronauta, il palombaro, legge Verne e sbugiarda le comodità occidentali di un arricchito che in biblioteca non ci è mai entrato. Come a dire che l'avventura e l'immaginazione abitano dove l'universo non ha ancora accomodato le persone nelle uniche categorie di produttori e consumatori. Quanti bambini sognano oggi di andare su Marte? Quanti invece hanno aspirazioni ormai ridotte a ciò che passa il convento dell'immaginario?

Il viaggio di Yao, insomma, finisce con l'essere un racconto che funziona soprattutto per quello che c'è scritto tra le righe, per il braccio di ferro tra ragioni personali e industria culturale, per l'ennesimo riposizionamento della figura di Omar Sy. La bontà (il buonismo) di tanti suoi titoli si riconferma, come se ci fosse il disperato bisogno di rassicurare sui sentimenti pacifici del gigante sorridente, capace di scrollarsi di dosso la Banlieue. E anche se Sy non è certo un grande attore (caracolla per l'inquadratura senza saper che cosa fare del proprio corpo, né regge i primi piani se non fidandosi del suo sguardo infantile), questo diviene paradossalmente un ulteriore marchio di trasparenza e autenticità, evidentemente catturate e amate dal pubblico.

Un'ultima annotazione sulla struttura. Il road movie tra adulto e bambino continua a ritornare come strumento retorico di conoscenza del presente. Da Sole a catinelle a C'è tempo, anche il cinema italiano insiste sul viaggio anagrafico. Anche questo intriga, sospeso com'è tra strategia di mercato (la "familyzzazione" del cinema tutto) e ricerca di palingenesi. Ad altezza di bambino.

FOCUS
martedì 26 marzo 2019
Marianna Cappi

Nel racconto della star del cinema francese Seydou Tall che decide di rivedere la sua tabella di marcia e lasciare la comfort zone dell'Hotel Radysson di Dakar, per riaccompagnare un ragazzino di tredici anni nel suo villaggio nel nord del Senegal, non è difficile leggere un desiderio dell'attore campione d'incassi Omar Sy di fare in qualche modo il punto della propria carriera. Lo testimonia non solo il coinvolgimento dell'attore come co-produttore del film (per lui si tratta di una prima volta) ma anche lo spazio dato al paese di origine di suo padre, il Senegal, e in generale un mood velato di nostalgia che nel film attornia il suo personaggio dall'inizio alla fine.

Indossando l'alter ego di un professionista del mondo del cinema in procinto di separarsi dalla moglie, il personaggio di Tall/Sy inscena una situazione di crisi per rendere credibile il richiamo di un'avventura fuori dagli schemi e dalle strade asfaltate, verso la propria infanzia e le proprie origini profonde.

Al di là del risvolto personale, ipotetico ma non inverosimile, Il viaggio di Yao ha anche un aspetto sociale e culturale più ampio e immediatamente evidente, per cui, nell'epoca dei viaggi forzati dai paesi dell'Africa verso l'Europa della democrazia e della pace, l'attraversamento del paesaggio geografico e umano del Senegal, si fa promemoria importante dell'esistenza di un paese di indubbia bellezza e fascino, oltre che di un altro modo di vivere, che per molti versi è più povero soltanto in apparenza, ma conserva una tradizione di socialità che in Europa è andata drammaticamente perduta (Yao non capisce, per esempio, perché Seydou abbia chiamato un clown per animare la festa di suo figlio e non lo abbia fatto lui stesso).

C'è, infine, la possibilità di illuminare il film da una terza angolatura, più propriamente cinematografica. Il road movie di Philippe Godeau non guarda al cinema-verità né tantomeno al cinema dei paesi africani, ma affonda le sue radici (visto che di questo di parla) nella commedia francese che negli ultimi decenni ha avuto più riscontri al botteghino, quella, cioè, che sfrutta pregiudizi e luoghi comuni per giocare a ribaltarli col sorriso sulle labbra. Si potrebbe dire che Il viaggio di Yao metta insieme - posizionandosi al centro, come un mediatore culturale - i due poli della commedia dei buoni sentimenti da un lato, di cui Omar Sy è esponente di spicco, e del genere di Benvenuti al Nord e dei tanti suoi epigoni dall'altro. L'esistenza di un pregiudizio non è mai esplicitata, ma quel che Godeau racconta è proprio che l'Africa è sconosciuta agli stessi africani, almeno quelli che, pur venendo da quelle terre, se ne sono allontanati nel tempo e nello spirito. Il viaggio di Yao diventa così il viaggio di Seydou, ma anche un invito aperto, rivolto a chiunque abbia il desiderio o il bisogno di allontanarsi dai percorsi prestabiliti da altri per riprendere in mano il volante della propria esistenza.

FOCUS
giovedì 21 marzo 2019
Ilaria Ravarino

Inquadrare con un geolocalizzatore le location de Il Viaggio di Yao, l'on the road africano diretto da Philippe Godeau con Omar Sy (al cinema dal 4 aprile), è un viaggio nel viaggio: villaggi e paesi come piccole macchie disegnate su un territorio monocromatico, tagliato da poche strade bianche, rare strisce blu, nessuna zona verde. Il Senegal di Diofior, il villaggio (reale) da cui parte nel film l'avventura del giovane Yao, è nell'ovest del paese, nella regione del fiume Sine Saloum: una cittadina di 15.000 abitanti, in forte crescita demografica, con un alto numero di scuole e una popolazione etnicamente mista. È qui che Godeau ha girato parte del film, e proprio qui Il Viaggio di Yao ha avuto la sua prima proiezione, una particolare première nella piazza del villaggio con Omar Sy a introdurre il film.

Da Diofior, al centro della regione delle mangrovie (una delle più note ai turisti), le riprese si sono spostate a Dakar, capitale del Senegal e centro propulsore culturale dell'Africa Occidentale, sede della principale università del paese e della Biennale d'arte africana, che nel film è il motivo per cui il personaggio di Sy, l'attore Seydou Tall, ritorna nel continente.

Sempre a Dakar sorge la Grande Moschea, uno dei più imponenti edifici religiosi del paese: la preghiera-fiume che blocca le strade e ferma il taxi del protagonista nella prima parte de Il Viaggio di Yao è la preghiera del venerdì, che per dieci minuti trasforma le strade di Dakar in luoghi sacri di raccoglimento. Era infine capitale del Senegal nel 1840 Saint Louis, l'altra grande città raccontata nel film: caotica, pittoresca e multicolore, costruita su un'isola alle foci del fiume Senegal, la sua particolarità è il porto, dove il pesce viene essiccato e salato all'aperto, e il labirintico mercato dei tessuti. Nel 2000 l'isola è stata proclamata dall'UNESCO patrimonio dell'umanità.

Culla del cinema africano, il Senegal ha dato i natali al primo grande regista del paese, Ousmane Sembène. Ma dopo un lungo periodo d'oro, quello tra gli anni Sessanta e Ottanta (l'origine negli anni Cinquanta, poco prima dell'indipendenza dalla Francia, con Afrique sur Seine di Paulin Soumanou Vieyra), l'industria cinematografica senegalese ha subito un tracollo: a dodici anni dalla scomparsa di Sembène, a Dakar, un tempo centro del cinema senegalese, sono rimasti aperti solo quattro cinema - sotto accusa i costi del passaggio dall'analogico al digitale - mentre la produzione di titoli locali si è ridotta a soli cinque film in dieci anni.

Frasi
Domani partiamo. Andiamo in Africa. Io e te.
Una frase di Seydou Tall (Omar Sy)
dal film Il viaggio di Yao - a cura di MYmovies.it
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
giovedì 4 aprile 2019
Alessandra Levantesi
La Stampa

In una storia costruita su misura per lui, Omar Sy ritrova il pudore, il calore umano e la misura che gli hanno regalato immensa popolarità in Quasi amici. Divo di colore nato in Francia che del paese degli avi, il Senegal, ignora lingua e costumi, Seydou vola sull'invito di un festival del cinema a Dakar, dove incontra l'undicenne Yao, scappato da un lontano villaggio del Nord per avere un suo autografo. [...] Vai alla recensione »

giovedì 4 aprile 2019
Valeria Brucoli
Sentieri Selvaggi

Impastato nella terra rossa del Senegal, nelle sue strade polverose e nel calore della sua umanità, Il viaggio di Yao è un cammino di scoperta del sé, che scava nella storia dell'attore francese Seydou Tall alla ricerca delle sue radici più profonde. Nato in Francia da famiglia senegalese, Seydou (Omar Sy) è l'immagine perfetta dell'immigrato di seconda generazione, integrato in tutto e per tutto nella [...] Vai alla recensione »

giovedì 4 aprile 2019
Emiliano Morreale
La Repubblica

Seydou è un attore di enorme successo, francese di origini senegalesi. È per la prima volta a Dakar per promuovere un suo libro, e lì lo raggiunge a sorpresa la tredicenne Yao, che ha attraversato quasi 400 km, dal villaggio d'origine alla capitale, per incontrare il suo mito. Sorpreso, Seydou decide di riaccompagnarla a casa, e scopre molto di sé e dei suoi luoghi d'origine.

martedì 2 aprile 2019
Roberto Manassero
Film TV

Fa onore a Omar Sy la consapevolezza della sua condizione di attore nero dall'anima bianca: un bounty, come lo definisce il piccolo Yao in questo film dall'evidente matrice autobiografica che l'attore francese di origini senegalesi e mauritane - qui anche produttore con il regista Philippe Godeau - ha cucito sulla sua esperienza. Celebre in Francia e sradicato nel mondo d'origine, in Il viaggio di [...] Vai alla recensione »

domenica 14 aprile 2019
Luigi Paini
Il Sole-24 Ore

Nero di pelle, ma bianco dentro. Diventato un celebre attore in Francia, dove è nato e cresciuto, Seydou non sa nulla delle sue origini senegalesi. È ricco, vive nei quartieri alti di Parigi, va in giro con macchine di lusso con tanto di autista personale. Ma questa è solo una metà del film... L'altra metà è rappresentata da Yao, un ragazzino che in Senegal ci vive fin dalla nascita, e che proprio [...] Vai alla recensione »

sabato 13 aprile 2019
Michele Gottardi
Il Mattino di Padova

Un attore francese in cerca delle proprie radici senegalesi, un ragazzino senegalese in cerca del proprio idolo cinematografico: è "Il viaggio di Yao", road movie iniziatico di Philippe Godeau. Seydou Tall decide di andare in Senegal sull'onda di un'autobiografia di successo. Ad accoglierlo a Dakar c'è Yao, un ragazzino di 13 anni, che ha fatto 387 chilometri per un autografo.

sabato 6 aprile 2019
Valerio Caprara
Il Mattino

Com'è buono il nero. Dopo l'exploit di "Quasi amici" il franco-senegalese Omar Sy non ha più recitato in titoli importanti, ma tant'è: la sua fortuna combacia ormai con la sua croce, ossia l'obbligo a incarnarsi in personaggi simili a fumetti che sono inevitabilmente destinati a funzionare come conduttori di messaggi non melensi, paternalistici e didascalici, di più.

venerdì 5 aprile 2019
Frédéric Strauss
Télérama

Yao ha tredici anni, vive in Senegal ed è pronto a tutto per incontrare il suo idolo, l'attore francese Seydou Tall. Seydou arriva a Dakar per presentare un libro e Yao s'imbarca in un viaggio di trecento chilometri per andare da lui. Conquistato dal bambino, Seydou decide di riaccompagnarlo a casa, mandando per aria i piani degli editori e, soprattutto, riscoprendo le sue radici.

venerdì 5 aprile 2019
Anna Maria Pasetti
Il Fatto Quotidiano

Seydou Tall, star del cinema francese, bello, adorato e ricchissimo, non è altrettanto adulato da un'ex moglie ostile che gli impedisce di vedere l'adorato figlio seienne Nathan. Quando la donna non autorizza il bambino ad accompagnare Seydou in un tour promozionale della sua autobiografia in Senegal, sua terra d'origine, l'uomo si ritrova da solo in un paese che conosce solo dalla geografia.

venerdì 5 aprile 2019
Silvio Danese
Quotidiano Nazionale

Dal villaggio, un ragazzino senegalese così simpatico da sedurre anche i cinici viaggia 400 chilometri per incontrare il suo divo preferito in tournée, un Omar Sy parigino europeo che fa un quasi se stesso cercando naturalezza e savoir-faire nel nome di Sidney Poitier. Se fosse Eva contro Eva il piccolo Lionel Louis Basse, che fa Yao, alla fine del film prenderebbe il posto di Sy.

giovedì 4 aprile 2019
Chiara Parma
Cult Week

Il regista francese Philippe Godeau torna sul grande schermo - dopo Le dernier pour la route del 2009 e 11.6 del 2013 - con la sua terza pellicola Il viaggio di Yao, una commedia on the road in salsa africana. Un progetto portato avanti con la collaborazione costante del protagonista Omar Sy, che tutti ricordiamo per la sua grande interpretazione in Quasi Amici (2011), che è un trionfo di luci, colori [...] Vai alla recensione »

martedì 2 aprile 2019
Manuela Pinetti
La Rivista del Cinematografo

Il tredicenne Yao vive a Kanel, un villaggio rurale nel nord del Senegal. Quando scopre che il celebre attore francese Seydou Tall è a Dakar per promuovere il suo libro, non ci pensa due volte e parte per incontrare l'adorato idolo. La vera avventura sarà però il viaggio di ritorno: i 387 chilometri di strade sconnesse per rientrare a Kanel saranno infatti costellati dai più variegati contrattempi. [...] Vai alla recensione »

lunedì 1 aprile 2019
Emiliano Dal Toso
Ciak

Yao (Lionel Basse) ha tredici anni, vive in un villaggio nel Nord del Senegal ed è disposto a tutto pur di incontrare il suo attore preferito, il francese Seydou Tall (Omar Sy). Invitato a Dakar per promuovere il suo ultimo libro, Seydou si reca per la prima volta nel suo Paese d'origine. Per realizzare il suo sogno, il giovane Yao intraprende un viaggio in solitaria di 387 chilometri per raggiungere [...] Vai alla recensione »

NEWS
BOX OFFICE
lunedì 8 aprile 2019
Andrea Chirichelli

Finalmente un weekend in netta ripresa per il box office italiano, che ottiene un guadagno superiore al 57% rispetto allo stesso fine settimana dello scorso anno, anche se il dato su basse annua è ancora molto negativo, con un -8,7%.

PLAYLIST
sabato 6 aprile 2019
Emanuele Sacchi

Alla musica del Mali Damon Albarn - instancabile musicologo e un tempo, come noto ai più, cantante dei Blur - aveva intitolato un intero album. Una nazione tra le più povere del continente da cui tutto ha avuto inizio, un luogo in cui, per una misteriosa [...]

GUARDA L'INIZIO
sabato 30 marzo 2019
 

Yao, un ragazzino di 13 anni che vive in un villaggio nel nord del Senegal, è disposto a tutto pur di incontrare il suo eroe, Seydou Tall, un celebre attore francese. Invitato a Dakar per promuovere il suo ultimo libro, Seydou si reca per la prima volta [...]

VIDEO RECENSIONE
lunedì 25 marzo 2019
A cura della redazione

Nato in Francia da una famiglia senegalese, Seydou Tall è una star del cinema che sull'onda di un'autobiografia di successo arriva in Senegal. Ad accoglierlo c'è Yao, un ragazzino venuto da molto lontano solo per un autografo.

CELEBRITIES
lunedì 18 marzo 2019
Annalice Furfari

Dalla banlieue a Hollywood. L'attore francese Omar Sy è la rappresentazione vivente della carriera che non ti aspetti, quella su cui non avresti scommesso un centesimo. La sua vita sembra un film, uno di quelli che strappano risate a perdifiato e con [...]

TRAILER
venerdì 15 marzo 2019
 

Seydou Tall, nato in Francia da famiglia senegalese, è una star del cinema. Separato da una moglie ostile e padre di un bambino di pochi anni, decide di andare in Senegal sull'onda di un'autobiografia di successo.

Lionel Louis Basse nella parte di Yao
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | TIMVISION | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati