Il principe dimenticato

Film 2020 | Avventura, Commedia, Family,

Titolo originaleLe prince oublié
Titolo internazionaleThe Lost Prince
Anno2020
GenereAvventura, Commedia, Family,
ProduzioneFrancia
Al cinema2 sale cinematografiche
Regia diMichel Hazanavicius
AttoriOmar Sy, François Damiens, Bérénice Bejo, Théo Hellermann, Oudesh Rughooputh Henri Giey.
Uscitamercoledì 1 luglio 2020
Distribuzione01 Distribution
MYmonetro 2,17 su 8 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Michel Hazanavicius. Un film con Omar Sy, François Damiens, Bérénice Bejo, Théo Hellermann, Oudesh Rughooputh. Cast completo Titolo originale: Le prince oublié. Titolo internazionale: The Lost Prince. Genere Avventura, Commedia, Family, - Francia, 2020, Uscita cinema mercoledì 1 luglio 2020 distribuito da 01 Distribution. Oggi tra i film al cinema in 2 sale cinematografiche - MYmonetro 2,17 su 8 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Il principe dimenticato tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Un padre vive per sua figlia Sofia. Quando la bambina inizia a crescere il padre deve trovare il mondo per rimanere il suo eroe. In Italia al Box Office Il principe dimenticato ha incassato nelle prime 4 settimane di programmazione 2 mila euro e 441 mila euro nel primo weekend.

Il principe dimenticato è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING Compralo subito

Consigliato no!
2,17/5
MYMOVIES 2,50
CRITICA 1,83
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO NÌ
Un'avventura 'interiore' tra realtà e fantasia che fa sognare i bambini e crescere i padri.
Recensione di Marzia Gandolfi
venerdì 17 aprile 2020
Recensione di Marzia Gandolfi
venerdì 17 aprile 2020

Di giorno Djibi è il modesto guardiano di un parcheggio, di notte è l'eroe senza paura di un altrove incantato. Vedovo e padre di Sofia, inventa per lei castelli, fate e draghi. Ogni sera rispolvera il mantello e diventa il suo principe. Ma il tempo passa e Sofia preferisce sognare di Max, il suo biondissimo compagno di scuola. Crescere per lei è l'avventura più grande, per Djibi una violazione alle regole. A svegliarlo ci penserà Clotilde, una vicina di casa un po' matta, un po' fata.

Quando i figli crescono capita di venire detronizzati e cacciati dal loro regno immaginario, bisogna farci i conti e impegnarsi a rendere l'abbandono meno traumatico per noi, più agevole per loro. È di questo che 'favoleggia' Michel Hazanavicius che sembra aver costruito la sua carriera sul dialogo incessante con opere preesistenti.

Che siano omaggi (The Artist, Il mio Godard) o parodie (OSS 117), i film del regista francese riproducono immagini già viste con risultati qualche volta brillanti (The Artist), qualche altra esilaranti (OSS 117), talora disastrosi (The Search). Con Il principe dimenticato siamo dalle parti di Inside Out, avventura 'interiore' della Pixar sulla costruzione dell'identità. Ma se la favola cognitiva di Pete Docter abitava nella testa di un'adolescente di cui personificava le emozioni, quella di Hazanavicius funziona secondo lo stesso principio ma si svolge nella testa di un adulto, allestita come uno studio hollywoodiano dove la notte si girano feuilleton. Una sala di controllo dove a comandare è una sola emozione: la gioia di essere padre e principe di un regno da coltivare a occhi chiusi.

Quel mondo diventa l'occasione per l'autore di creazioni ludiche che riveleranno presto sotto l'allure del divertimento uno spirito in ambasce. Un set dell'anima dove tutto crolla e i ricordi si disintegrano. Le emozioni d'altronde sono permeabili, così la gioia allaccia la tristezza e il panico perdendosi nelle regioni dello spirito più oscure e insondabili. Ma come per Riley (Inside Out), anche per Djibi attraversare una fase depressiva, meglio, dimostrare di essere capaci di deprimersi, di piangere e di far fronte alla perdita, conduce alla crescita.

Djibi è un uomo e un padre bloccato in un lutto da cui lo riemerge 'la donna della porta accanto' (Bérénice Bejo). Attraverso Clotilde, la realtà esteriore raggiunge la realtà interiore provocando l'inevitabile che il protagonista ha provato a evitare.

Musa nella vita e nella fiction, Bérénice Bejo riavvia la macchina dei sogni in cui sembrano da tempo bloccati Omar Sy e Michel Hazanavicius dopo aver conosciuto, ciascuno nella sua aerea di competenza, un successo fuori norma. Davanti alla crisi artistica provano a risvegliare insieme un immaginario perduto e a cercare un altro incantesimo. Sempre vincente nel pastiche e nella reinterpretazione del tempo passato, il regista sceglie l'ordinarietà del quotidiano e perde un giro. Dentro un universo fantastico più sgargiante che magico, il suo inno alla paternità manca di sottigliezza e finisce presto nell'oblio coi suoi dimenticati.

Se Hazanavicius fatica a raccordare il doppio filo narrativo, uccidendo la fantasia a colpi di digitale, Omar Sy supera il passaggio tra realtà e fantasia con una performance che alterna fluidamente il registro naturalista con quello favolistico. I bambini lo adoreranno perché Omar Sy sa sempre come conservare il suo posto nella storia.

Sei d'accordo con Marzia Gandolfi?
Omar Sy è un eroe da fiaba rimasto fuori dal mondo della figlia.
Overview di Giorgio Crico
martedì 17 dicembre 2019

Djibi, papà single, ogni sera inventa una storia per far addormentare sua figlia di otto anni, una bambina vivace e intelligente di nome Sofia. Una notte, mentre sta dormendo, la bimba sogna le storie che le racconta il padre e si vede nei panni di una principessa accompagnata proprio da Djibi, che le appare nelle vesti di un principe. Qualche anno più tardi, Sofia è ormai cresciuta e le fiabe della buona notte non le interessano più, anzi: i rapporti con suo padre si sono raffreddati e i due si sono allontanati dalla complicità che avevano un tempo. Come farà Djibi a riuscire a ritagliarsi un ruolo da eroe anche nella "nuova" vita della figlia nonostante lei stia crescendo e stia diventando lei stessa la protagonista assoluta delle loro storie?

Le riprese de Il principe dimenticato sono durate ben undici settimane, si sono svolte tra Parigi, Suresnes e gli studios di Bry-sur-Marne e sono terminate a ottobre del 2018, come ha fatto sapere Omar Sy via Instagram con un post che celebrava la fine dei lavori dopo oltre due mesi.

Il regista Hazanavicius è noto soprattutto per aver diretto il film evento del 2011 The Artist, premiato con l'Oscar al Miglior Film e alla Miglior Regia nel 2012, all'epoca diventato subito celebre per essere muto e girato in bianco e nero. Prima de Il principe dimenticato, il regista ha firmato anche The Search e Il mio Godard, ultima opera prima di quest'ultima produzione datata 2017. Stavolta Hazanavicius si misura con una commedia più leggera e colorata, venata di sfumature fantastiche, dopo aver affrontato negli ultimi dieci anni dei generi molto più seri come il dramma, il film di guerra e la biografia.

Il cast vede nel ruolo di Djibi l'onnipresente Omar Sy, l'attore francese del momento senza se e senza ma: in patria gode di un credito pressoché infinito ma anche negli USA si sono accorti di lui e gli hanno ritagliato un ruolo piuttosto rilevante anche nel franchise di Jurassic World. Al suo fianco troviamo il comico belga François Damiens e l'attrice franco-argentina Bérénice Bejo, già vista proprio in The Artist e moglie del regista del film.

IL PRINCIPE DIMENTICATO
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD HD+ SD HD HD+
Rakuten tv
-
-
CHILI
-
-
iTunes
-
-
-
-
-
-
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
lunedì 27 aprile 2020
astromelia

gradevole favola anche per adulti interseca fantasy e realtà ,omar sy sempre eccellente nei suoi film,buona visione.

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
giovedì 7 maggio 2020
Alice Sforza
Il Giornale

Crescita e immaginazione; sono i due temi sul quale si sviluppa Il Principe Dimenticato, anche lui saltando l' uscita in sala. Un vedovo (il sopravvalutato Omar Sy) racconta, ogni sera, una favola a sua figlia, storie che vediamo rappresentate come in uno studio cinematografico. Quando la ragazzina andrà alle medie, però, i racconti del padre finiranno in un dimenticatoio, come i personaggi creati. [...] Vai alla recensione »

mercoledì 6 maggio 2020
Simone Emiliani
Sentieri Selvaggi

Non riesce ad avere la mano leggera neanche in una fiaba il cinema di Hazanavicius. Dopo aver depredato il muto (The Artist) e Godard (Il mio Godard) anche con Il principe dimenticato il set diventa, in maniera sempre esplicita, un enorme giocattolo: lo schermo che si chiude a iris come nei silent movies che poi diventa una scatola delle illusioni; la notte che diventa il momento del sonno quindi dell'immag [...] Vai alla recensione »

martedì 5 maggio 2020
Mauro Gervasini
Film TV

Djibi ha cresciuto da solo sua figlia Sofia, otto anni. Le sue favole della buonanotte l'accompagnano in un mondo fantastico dove lei è la principessa minacciata dal cattivo Pritprout, il Gargamella della situazione, e lui è il principe coraggioso che arriva a salvarla da ogni pericolo. Quando Sofia comincia le scuole medie, però, l'incanto s'incrina.

giovedì 30 aprile 2020
Marie Sauvion
Télérama

Come Inside out della Pixar, il nuovo film di Michel Hazanavicius alterna tra la realtà e la mente del protagonista. Solo che, piccolo dettaglio, la mente non è quella di una ragazzina ma quella di un adulto. Djibi (Omar Sy) nella realtà è il modesto guardiano di un parcheggio e padre devoto che inventa storie meravigliose per la figlia di dodici anni.

giovedì 23 aprile 2020
Lorenzo Ciofani
La Rivista del Cinematografo

Strana la parabola di Michel Hazanavicius, che dalle parodie delle spy story anni Sessanta di OSS 117 è finito con qualche Oscar (di troppo) in mano grazie alla scaltra operazione The Artist. E così, da uomo forte della nuova commedia francese, ha cominciato a fare i conti con ambizioni ora un po' tronfie (il remake di Odissea tragica) ora spericolate quanto pericolose (Il mio Godard, tra omaggio [...] Vai alla recensione »

lunedì 11 maggio 2020
Marì Alberione
Duels.it

Al suo settimo lungometraggio, dopo risultati altalenanti che gli hanno comunque procurato un Oscar (The Artist, 2011) e dopo aver affrontato i generi più disparati (dalla guerra in Cecenia con The Search, 2014, al biopic incentrato sul rapporto sentimentale e artistico tra Jean-Luc Godard e l'attrice Anne Wiazemsky con Il mio Godard, 2017) Michel Hazanavicius incappa in un vero e proprio passo falso [...] Vai alla recensione »

NEWS
NEWS
lunedì 24 febbraio 2020
Andrea Chirichelli

Il viaggio nei box office internazionali inizia dalla Russia, dove esplode il fenomeno Ice 2, un film drammatico diretto da Zhora Kryzhovnikov con Mariya Aronova, Yuliya Khlynina, Vitaliya Kornienko, Nadezhda Mikhalkova, che debutta al primo posto con [...]

OVERVIEW
martedì 17 dicembre 2019
Giorgio Crico

Una commedia leggera e colorata, venata di sfumature fantastiche. Prossimamente al cinema. Vai all'articolo »

TRAILER
lunedì 25 novembre 2019
 

Regia di Michel Hazanavicius. Un film con Bérénice Bejo, Omar Sy, François Damiens, Théo Hellermann, Oudesh Rughooputh. Prossimamente al cinema. Guarda il trailer »

NEWS
venerdì 17 aprile 2020
 

Un padre vive per sua figlia Sofia. Quando la bambina inizia a crescere il padre deve trovare il mondo per rimanere il suo eroe. Vai all'articolo »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati