The Search

Film 2014 | Drammatico, Guerra +13 159 min.

Anno2014
GenereDrammatico, Guerra
ProduzioneFrancia
Durata159 minuti
Regia diMichel Hazanavicius
AttoriBérénice Bejo, Annette Bening, Maxim Emelianov, Abdul-Khalim Mamatsuiev, Zukhra Duishvili, Lela Bagakashvili, Yuriy Tsurilo, Anton Dolgov, Mamuka Matchitidze, Rusudan Pareulidze .
Uscitagiovedì 5 marzo 2015
Distribuzione01 Distribution
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro 2,48 su 18 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Michel Hazanavicius. Un film con Bérénice Bejo, Annette Bening, Maxim Emelianov, Abdul-Khalim Mamatsuiev, Zukhra Duishvili, Lela Bagakashvili, Yuriy Tsurilo, Anton Dolgov, Mamuka Matchitidze, Rusudan Pareulidze. Genere Drammatico, Guerra - Francia, 2014, durata 159 minuti. Uscita cinema giovedì 5 marzo 2015 distribuito da 01 Distribution. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 2,48 su 18 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi The Search tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

The Search è un remake del film del 1948 di Fred Zinnemann. In Italia al Box Office The Search ha incassato 55,3 mila euro .

The Search è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD e Blu-Ray su IBS.it. Compralo subito

Consigliato nì!
2,48/5
MYMOVIES 2,50
CRITICA 2,10
PUBBLICO 2,83
CONSIGLIATO NÌ
Un film impegnato e appassionato che risente però di troppi elementi prevedibili che lo confinano nella dimensione di un mèlo bellico dalla durata eccessiva.
Recensione di Giancarlo Zappoli
Recensione di Giancarlo Zappoli

1999. Seconda Guerra in Cecenia. Dopo l'uccisione dei genitori a cui ha assistito non visto, Hadji (nove anni) prende in braccio il fratellino neonato e fugge. La sorella maggiore, sopravvissuta, si mette a cercarli. Intanto Hadji, dopo aver messo al sicuro il neonato, incontra Carole, una funzionaria dell'Organizzazione europea per i diritti umani. La donna decide di occuparsi di lui. Seguiamo in alternanza anche le vicende del ventenne Kolia, recluta dell'Armata Russa.
Grazie al successo e agli Oscar vinti con The Artist Michel Hazanavicius ha potuto permettersi di realizzare questo film a cui tiene in modo particolare. Gli vanno riconosciuti senz'altro la passione e l'impegno civile con cui ha affrontato un evento di cui il mondo sembra essersi già dimenticato sopraffatto da altre e altrettanto dolorose tragedie. La fonte di ispirazione è stata costituita dalla visione del film Odissea tragica di Fred Zinnemann datato 1948. Hazanavicius utilizza lo stesso impianto narrativo (là una madre che cercava il figlio, qui una sorella che cerca il fratello) e lo innerva con l'alternanza della discesa agli inferi della brutalità di una giovane ed inizialmente innocente recluta. La denuncia dell'impotenza delle organizzazioni umanitarie dinanzi a consessi politici in cui domina l'indifferenza è ben incarnata dall'attrice che il regista più ama: Bérénice Bejo. Il film però ha il suo lato debole in una vicenda strutturata sulla base di troppi elementi prevedibili e su alcune evidenti (perlomeno nella versione originale) incongruenze linguistiche. Questo finisce con l'indebolire l'intento con cui è stato realizzato ottenendo il risultato di confinarlo nella dimensione di un mèlo bellico dalla durata eccessiva. Perché è vero, come afferma il regista, che le serie televisive negli ultimi anni hanno raggiunto una qualità elevata potendosi permettere anche un'espansione temporale (e quindi un approfondimento dei personaggi) maggiore. La loro fruizione è strutturata però con criteri differenti. Il cinema resta il cinema con le sue specificità. Chi, come Hazanavicius, ne ha rivisitato le origini con grande acume dovrebbe saperlo.

Sei d'accordo con Giancarlo Zappoli?
Su MYmovies il Dizionario completo dei film di Laura, Luisa e Morando Morandini

1999, durante la seconda guerra in Cecenia, le vicende di 4 personaggi si intrecciano: un ragazzino di nome Hadji riesce a fuggire con il fratellino in fasce dal suo villaggio dopo che i genitori sono stati massacrati dai russi, credendo che anche Raïssa, la sorella maggiore, sia morta. Abbandona il piccolo presso una famiglia che possa occuparsene, incontra Carole, capo delegazione per l'Unione Europea e tra i due si crea un legame che cambierà entrambi. Intanto Raïssa, ritrovato il fratellino neonato, lo cerca disperatamente, mentre Kolia, un giovane russo, arruolato per forza, viene stravolto dalla realtà della guerra. Vinto l'Oscar (con The Artist ) e prodotto il documentario di Glucksmann, David Hazan e Pierre Mezerette sul genocidio in Ruanda, Hazanavicius si ispira all'omonimo film di Zinnemann (1948, uscito in Italia col titolo Odissea tragica ) ambientato durante la seconda guerra mondiale per raccontare - purtroppo peccando in prolissità - storie, che consentano alla gente di capire, attraverso la commozione più vera, che cosa è successo, che cosa succede in Cecenia, per confutare l'assurda teoria che tutti i Ceceni sono terroristi, per riaffermare l'atrocità della guerra, la ferocia dell'essere umano.

Tutte le recensioni de ilMorandini
CONSULTALO SUBITO
THE SEARCH
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
Rakuten tv
TIMVISION
-
-
CHILI
iTunes
-
-
-
-
Google Play

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€7,99 €11,90
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
lunedì 9 marzo 2015
Flyanto

 Film in cui si raccontano quattro spaccati di vita di quattro personaggi nel corso della seconda guerra scoppiata in Cecenia contro i Russi nel 1999. Vi è un bambino di circa 9 anni che, scampato alla strage che ha colpito la sua famiglia, cerca in qualche modo di mettersi in salvo, la sorella maggiore col fratello in fasce che vaga alla ricerca del suddetto fratello, un'impiegata [...] Vai alla recensione »

venerdì 26 giugno 2015
Alexander 1986

Cecenia, 1999. Il piccolo Hadji assiste a qualcosa di troppo grande per qualsiasi età: l'esecuzione sommaria dei suoi familiari per mano dei soldati russi. Quindi fugge con il fratellino neonato verso non-si-sa-dove. Non sa che la sua sorella maggiore è ancora viva e lo cerca disperatamente. Ritorno alla prosaica realtà per il regista premio Oscar per 'The Artist' (2011).

venerdì 6 aprile 2018
max821966

Ammetto di averlo scoperto tardi: uno spezzone su Sky e poi in Blu ray........ un film di denuncia non solo della guerra in generale, masulla politica imperialista e crudele di uno degli uomini più violenti e pericolsi del 21° secolo: Putin. Proprio da questa guerra raccontata nel film cominciò l'ascesa del nuovo zar di Russia, fu un massacro di civili inermi,stupri di massa,pulizia [...] Vai alla recensione »

domenica 8 marzo 2015
Maurizio.Meres

Film vero anche se in alcuni tratti la troppa pateticita' sovrasta le ragioni del film, che ci fa rivivere un momento di storia contemporanea,dove la vera crudeltà fu la totale indifferenza di tutti i popoli verso un sopruso di una nazione con una finta democrazia ma totalmente dittatoriale,verso un popolo sicuramente con un terrorismo radicato ma indifeso e lasciato al controllo e alla distruzione [...] Vai alla recensione »

mercoledì 12 agosto 2015
deadman

spiace che un film come questo che in tempi in cui viene glorificato da più parti (anche inaspettate) la figura di putin, qui si mostra la vera faccia del gigante russo nella guerra, ormai dimenticata, in cecenia. spiace perchè il film, sebbene il regista si sia speso in ambientazione e costumi risulta essere un melò pallosissimo su un bambino che traumatizzato non vuole più [...] Vai alla recensione »

venerdì 6 marzo 2015
Paperinik

Non fatevi ingannare dalla pessima recensione di mymovies: più che di incongruenze linguistiche del film si tratta di incongruenze nelle argomentazioni del recensore. In film è coinvolgente, struggente, con la scelta di una pellicola dalla cromatica azzeccatissima. In aggiunta, è una dimostrazione di come il tempo oggettivo non esista: le due ore e mezzo passano in un lampo. Vai alla recensione »

sabato 7 marzo 2015
melania

bellissimo film che,sullo sfondo della guerra in Cecenia,raconta una vicenda      umana struggente e commovente che tiene deta l'attenzione dello spettatore sino alla fine.molto ben fatto e ben recitato,è sicuramente consigliabile!

mercoledì 11 marzo 2015
Siebenzwerg

Trovo la critica di Zappoli insipida e fuorviante. Il film è impeccabile (come lo era the Artist), la mano sicura del regista ci guida lungo il baratro dell'orrore puro, senza scivolare né per eccesso né per difetto. Zappoli parla di Mèlo, termine con cui s'intende un dramma popolaresco con una trama contorta e complicata al fine di caricare gli elementi patetici [...] Vai alla recensione »

venerdì 6 marzo 2015
goldy

Le lacrime ci sono e sono abbdondanti ma quanto siamo autorizzati a ironizzare  sull'eccesso di retorica in un film? Si parla di Cecenia: una realtà tremenda  assolutamenmte dimenticata. Il bimbo di cui seguiamo gli eventi è uno dei tanti ,dei troppi che  hanno vissuto sulla propria pelle  eventi devastanti .. Seguire la sua storia è anche un modo per condividere [...] Vai alla recensione »

domenica 15 ottobre 2017
Ennio

Ennesima tavanata in stile hollywoodiano. Si apprezzano le scene di guerra, si apprezza la Cecenia, un paese ancora antico, cadente e per questo affascinante come la sua gente e i suoi costumi. Ma la protagonista che c'azzecca? Bella ragazza francese educata, stile modella, lacrimuccia pronta all'uso, non sa una parola di russo e non si capisce cosa ci sta a fare lì.

mercoledì 11 marzo 2015
brian77

Se voleva parlarci della questione cecena, Hazanavicius poteva parlarci della strage di Beslan... Come mai non ci ha fatto un film sopra? E' un soggetto che si sarebbe adattato molto bene: non avrebbe nemmeno dovuto andare a rubare la storia a un film di 70 anni fa. Aveva la storia vera davanti ai propri occhi... a meno che non fosse una storia che voleva occultare per farci vedere invece [...] Vai alla recensione »

domenica 8 marzo 2015
brian77

Hazanavicius cerca di fare il film drammatico, ma fallisce su tutti i fronti. La storia ricavata da "Odissea tragica" è banale, intuilmente patetica, inzeppata di retorica propagandistica in cui i ceceni sono povere vittime e i russi cattivissimi oppressori (addirittura cercando di dare la colpa ai russi per gli orrori perpetrati dai terroristi ceceni.

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Alessandra Levantesi
La Stampa

Da The Artist, la commedia (vincitrice dell'Oscar) ambientata nella Hollywood del muto, a The Search, dramma bellico ambientato nella Cecenia invasa dai Russi del 1999, il passo può apparire enorme, ma non così tanto se si considera che di nuovo Michel Hazanavicius prende a modello il cinema americano, ispirandosi in particolare a The Search (1948) di Fred Zinnemann.

Anna Maria Pasetti
Il Fatto Quotidiano

Sorelle che cercano fratelli, donne che salvano bambini, soldati che subiscono la guerra. L'orrore della seconda guerra cecena (1999) sulla falsa riga di Odissea tragica di Zinnemann (1948) per un dramma bellico fortemente voluto dal regista francese già premio Oscar per The Artist. Già, perché un Oscar ti consente qualunque potere, incluso quello di imbastire - autoproducendoti - brutti film pensandoli [...] Vai alla recensione »

Francesco Alò
Il Messaggero

Dopo due remake-parodia (dittico Agente Oss 117 con un super Dujardin) e il recupero da Oscar del cinema muto The Artist, Hazanavicius lascia il citazionismo per il dramma bellico. Ma perde la guerra. Quale? Quella in Cecenia (la seconda, 1999) quando i russi stroncano l'indipendentismo e un bimbo si trova a vagare dopo aver perso quasi tutta la famiglia.

Paolo D'Agostini
La Repubblica

Il regista è il francese (di famiglia ebrea lituana) Michel Hazanavicius dell'arcipremiato The Artist, brillante esercizio vintage sulla Hollywood del cinema muto, e la protagonista è sua moglie Bérénice Bejo (francese di famiglia argentina) che dopo l'exploit di The Artist aveva dato eccellente prova drammatica in Il passato dell'iraniano Asghar Farhadi.

Massimo Bertarelli
Il Giornale

Cecenia, 1999. Dopo l'uccisione dei genitori, un bimbo di nove anni fugge con in braccio il fratellino neonato. La sorella maggiore si mette alla loro ricerca. Il ragazzino sarà aiutato da Carole, che si occupa di diritti umani. Ambizioso e sentito progetto di Hazanavicius che abbandona la commedia per un film serio. Il risultato? Un lungo mélo bellico, poco toccante.

NEWS
NEWS
giovedì 22 maggio 2014
 

Pochi applausi e qualche fischio ieri in proiezione stampa per The Search, ultimo atteso lavoro del regista di The Artist. Il Premio Oscar Michel Hazanavicius cambia registro con una pellicola di oltre due ore ambientata durante il conflitto ceceno, ma [...]

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | TIMVISION | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati