Red Sparrow

Film 2018 | Spionaggio V.M. 14 139 min.

Titolo originaleRed Sparrow
Anno2018
GenereSpionaggio
ProduzioneUSA
Durata139 minuti
Regia diFrancis Lawrence
AttoriJennifer Lawrence, Joel Edgerton, Matthias Schoenaerts, Charlotte Rampling, Jeremy Irons Mary-Louise Parker, Joely Richardson, Ciarán Hinds, Sasha Frolova, Sakina Jaffrey, Sergei Polunin, Thekla Reuten, Douglas Hodge.
Uscitagiovedì 1 marzo 2018
Distribuzione20th Century Fox
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: V.M. 14
MYmonetro 2,66 su 22 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Francis Lawrence. Un film con Jennifer Lawrence, Joel Edgerton, Matthias Schoenaerts, Charlotte Rampling, Jeremy Irons. Cast completo Titolo originale: Red Sparrow. Genere Spionaggio - USA, 2018, durata 139 minuti. Uscita cinema giovedì 1 marzo 2018 distribuito da 20th Century Fox. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: V.M. 14 - MYmonetro 2,66 su 22 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Red Sparrow tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Il film diretto da Francis Lawrence (Hunger Games) è l'adattamento di un romanzo spionistico scritto da Jason Matthews. In Italia al Box Office Red Sparrow ha incassato nelle prime 3 settimane di programmazione 3,2 milioni di euro e 1,2 milioni di euro nel primo weekend.

Red Sparrow è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD e Blu-Ray su IBS.it. Compralo subito

Consigliato nì!
2,66/5
MYMOVIES 2,50
CRITICA 2,50
PUBBLICO 2,97
CONSIGLIATO NÌ
Adattamento ben congegnato di un best seller di spionaggio, con una protagonista magnetica. Unica assente: l'eleganza.
Recensione di Marianna Cappi
mercoledì 28 febbraio 2018
Recensione di Marianna Cappi
mercoledì 28 febbraio 2018

Dominika Egorova è la prima ballerina del Bolshoi e la figlia di una donna sola e ammalata, di cui si prende cura con affetto e devozione. Quando un brutto incidente pone bruscamente fine alla sua carriera sulle punte, minacciando la sussistenza economica della madre, Dominika accetta la proposta dello zio Vanja, potente vicedirettore del SVR, di servire il governo di Mosca divenendo una Sparrow: un'agente pronta a tutto, un'arma di seduzione letale. Dentro di sé, però, la ragazza disprezza i metodi del governo e coltiva un piano segreto.

Tratto da un romanzo di spionaggio di grande successo, esordio letterario dell'ex agente della CIA Jason Matthews, nelle mani del regista di tre Hunger Games e della loro eroina, Red Sparrow ci guadagna su due fronti opposti e contraddittori, divenendo un film più magnetico e accattivante, da una parte, ma anche molto più scoperto e ingenuo dall'altra, il ché non è esattamente una qualità in materia di spie e spionaggio.

Il magnetismo è prerogativa assoluta di Jennifer Lawrence: l'obiettivo del regista si pone totalmente al suo servizio, ammaliato come ogni personaggio sulla sua strada; ne illumina e scandaglia il corpo e la mente, finendo per arrendersi al mistero di entrambi, al termine di ogni scena, e per restituire una perfetta sincronia tra i movimenti della trama, numerosi e ben articolati, e il "balletto" psicologico della protagonista.
A guastare il piano ben congegnato è, però, la fretta con la quale il personaggio della Lawrence individua nel collega americano la sua via di salvezza. Una fretta che appare tutta ideologica e troppo smaccata per servire un racconto che si regge (o dovrebbe reggersi) sul mantenere fino all'ultimo il mistero riguardo le reali intenzioni dei personaggi. Se si aggiunge che è già presente una scelta di cast che divide piuttosto smaccatamente i "buoni" filoamericani e i "cattivi" pseudo russi, un tentennamento di servizio, o anche solo la parvenza di un dubbio, avrebbe fatto gioco. Perché la verità - e il motivo per cui non arriviamo a desiderare che Dominika Egorova segua il destino seriale di Jason Bourne- è che Red Sparrow è un film più triviale e sguaiato di quel che appare di primo acchito. Ci confonde con le luci del teatro, i cappotti di pelliccia, il biondo perfetto dei capelli, lo slancio delle gambe, ma è solo una copertura. Come il campo di addestramento di Charlotte Rampling, di gran lunga più simile ad una "scuola per prostitute" (come ammette Dominika stessa) che ad un'accademia militare, il film di Francis Lawrence, per quanto di efficace intrattenimento, è irrimediabilmente sprovvisto di eleganza, nudo di fronte al ricordo di un Allied o di un La talpa.

VIDEO RECENSIONE
Jennifer Lawrence, agente addestrata alla seduzione.
Overview di Emanuele Sacchi

I primi trailer hanno già surriscaldato il web: non si era mai vista Jennifer Lawrence nelle vesti di seduttrice. Red Sparrow è infatti una storia di spie vecchio stile, ambientata all'epoca della Guerra Fredda, quando l'Unione Sovietica esisteva e scatenava l'immaginazione dei romanzieri e degli sceneggiatori, da Ian Fleming in giù. La Lawrence è uno "Sparrow": così si chiamano infatti le agenti addestrate fin dalla più tenera età per diventare vedove nere, letali amanti e seduttrici addestrate per uccidere obiettivi indicati dal KGB. Niente che non si sia già visto in Nikita, con in più una spruzzata di guerra fredda, già tornata di moda in tempi recenti con Atomica bionda. Ma se della Theron si ammiravano soprattutto le doti action, il trailer di Red Sparrow sembra insistere più sull'ars amandi della bionda spia russa.

Red Sparrow nasce dalla trasposizione di un romanzo, "Nome in codice: Diva", scritto da Jason Matthews. Originariamente il progetto viene affidato a Darren Aronofsky, futuro compagno di vita della Lawrence, e quindi, nel 2014, a David Fincher, con Rooney Mara a rinverdire i fasti di Millennium.

Ma quando il progetto passa nelle mani di Francis Lawrence (nessuna parentela con l'attrice), questi si affida alla sua protagonista preferita, che anni fa ha trasformato nella Katniss Everdeen di Hunger Games con grande successo. Ora quella ragazza è divenuta donna, diva e star, ma non ha dimenticato il debito verso il regista. Dominika Egorova, trasformata in "Sparrow" contro la propria volontà, e destinata a tradire il proprio Paese, una volta innamoratasi di un agente della CIA. Una trama che sembra prelevata di peso da uno 007 risalente all'epoca in cui la cortina di ferro era alzata e i film si intitolavano A 007 dalla Russia con amore. Come nel recentissimo Atomica bionda, c'era ancora bisogno di Usa vs. URSS per rinverdire i fasti di un genere che non sa come rimpiazzare il fascino da gelo artico degli spietati agenti del KGB. Difficile immaginare Jennifer Lawrence come una figlia della steppa, ma non era molo più credibile l'italianissima Daniela Bianchi, a cui rapiva il cuore James Bond nella pellicola suddetta.

Un ruolo insolito per Jennifer Lawrence. Fin qui non aveva mai puntato in maniera così netta sulla propria avvenenza e sensualità: una scommessa che arriva dopo uno dei ruoli più complicati della propria carriera, quello di Madre! a fianco di Javier Bardem. Già durante le riprese la diva ha fatto parlare di sé: prima attirando l'attenzione per le scene girate a Heathrow, aeroporto di Londra, e in seguito sfiorando la rissa in un bar di Budapest, con un fan che insisteva per scattare un selfie con lei.
Lawrence a parte, è un cast di tutto rispetto quello di Red Sparrow: Joel Edgerton ha mostrato doti ragguardevoli di duttilità, dimostrando di saper transitare da ruoli da eroe allo psicopatico di Regali da uno sconosciuto (da lui anche diretto). Charlotte Rampling e Jeremy Irons, maestri di trasformismo, non hanno bisogno di presentazioni, mentre Mary-Louise Parker, dapprima abbonata a ruoli di fidanzatina remissiva, è poi divenuta protagonista di Weeds, una delle prime serie Tv ad abbattere i limiti della censura. Il cast ideale per un film di doppi giochi, spie e tradimenti in serie.

Sei d'accordo con Emanuele Sacchi?
RED SPARROW
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
Rakuten tv
Infinity
-
-
-
TIMVISION
-
-
CHILI
-
-
-
-
iTunes
-
-
-
-
Google Play

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€14,99 €19,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
venerdì 2 marzo 2018
samanta

Probabilmente è Le Carrè che si vendica, i film che parlano di talpe nei servizi segreti difficilmente riescono bene, Red Sparrow non fa eccezione. [SPOILER anche se non rivelo il finale] Dominika (Jennifer Lawrence) è una ballerina russa che per un incidente voluto da una sua rivale (di cui si vendica atrocemente) ha dovuto abbandonare le scene.

sabato 3 marzo 2018
udiego

 Francis Lawrence, regista della trilogia di “Hunger Games” e di “Io Sono Leggenda”, porta al cinema la storia tratta da un celebre romanzo di spionaggio, scritto dall’ex agente della CIA Jason Matthews. Intrigo, tradimenti e seduzione sono gli ingredienti principali di quest’opera, che non vuole trascurare anche l’aspetto interiore dei suoi protagonisti, [...] Vai alla recensione »

martedì 6 marzo 2018
Flyanto

"Red Sparrow" del regista Francis Lawrence è una spy story in cui la protagonistra (Jennifer Lawrnce), dopo un incidente che le precluderà per sempre la propria carriera di ballerina classica presso il teatro Bolshoi di Mosca, viene convinta dallo zio ad arruolarsi presso i servizi segreti delò governo russo.

lunedì 12 marzo 2018
Luigagli

Dark lady per necessità: prima ballerina pervicace come solo certe discipline richiedono e poi altrettanto astuta spia. Tutto a causa dell'amore/odio per parenti vicini e lontani. Vittima e nipotina della imperitura guerra fredda (frantumata in mille rivoli - dice la direttrice del centro addestramento-). Stavolta non è l'amore tra uomo e donna che governa la storia ma [...] Vai alla recensione »

martedì 6 marzo 2018
ruzzante

Sicuramente i nostalgici della guerra fredda avranno di che gioire. Il film, ambientato nei nostri giorni, si svolge in una Russia  così sovietica che più sovietica non si può, neppure resuscitando Stalin e tutto il KGB. Freddi burocrati trinarciuti fanno subito  capire alla sfortunata eroina moscovita come funziona: "Lo Stato ti ha cresciuta e tu devi tutto allo [...] Vai alla recensione »

sabato 12 maggio 2018
GUSTIBUS

Davvero un vero peccato per un film su spie russe e americane,partito bene e finito male senza creare emozione e tensione necessarie per la riuscita di un film piuttosto lungo e complesso.Francis Lawrence regista bravissimo a dirigere Hunger Games e di piu'"Io sono leggenda"qui ha proprio toppato.Nonostante Jennifer Lawrence sempre ottima nella recitazione,ce'stata svogliatezza proprio [...] Vai alla recensione »

sabato 3 marzo 2018
Inesperto

Tipico spy movie. Forse non eccezionale, ma nemmeno da cestinare. Certo, forse non si diventa spie così facilmente come sembra nel film, per quanto si faccia intuire che una certa predisposizione fosse già presente nella nostra protagonista. La Lawrence conferma le sue ottime qualità recitative, ma mostra anche un forma fisica eccellente.

mercoledì 18 aprile 2018
Mario Nitti

Non sarà un capolavoro, ma Lawrence fa bene i compiti. Per tutto il film ci si chiede che gioco sta facendo la protagonista e le carte si scoprono solo nel finale, quindi la tensione resta forte per tutto il film. Non è un film d'azione e le tecniche di seduzione, tanto sbandierate nel trailer, servono soprattutto a complicare la trama e sono funzionali al racconto.

martedì 6 marzo 2018
Flaw54

Film di spionaggio nella più classica delle tradizioni della guerra fredda, anche se l'ambientazione è post 1989. Russi cattivi e fumettistico con il capo dell' ex Kgb vero e proprio sosia di Breznev, americani buoni e belli ( ? ). Tradimenti, inganni, doppio gioco, torture tutto come al solito, ma C' è la presenza magnetica della Lawrence che con la sua bravura e il [...] Vai alla recensione »

domenica 4 marzo 2018
Fabiuz62

Se siete appassionati delle spy-story è un film che vi piacerà. Gli ingredienti per appassionarvi ci sono tutti, anche se qualcuno sa un po' di già visto. L'impressione è che possa essere il primo di una serie. Comunque tra i migliori del genere degli ultimi anni. Promosso.

sabato 21 luglio 2018
Vivi

Ma dopo metà film, si perde ed inizia as essere pesante oltre che è lunghissimo. A me non ha lasciato il segno o la voglia di riguardarlo...

lunedì 26 marzo 2018
Maramaldo

Ehi, Bianca, non sono "caratteristiche attoriali" quelle che rendono "molto adatta al ruolo" Jennifer Lawrence. Certo, è più di "un corpo". Non so se può chiamarsi etico "l'approccio" ovvero l'inno - questo sì, ingenuo - ad un elementare sadomasochismo by-partisan.

mercoledì 7 marzo 2018
Ramaj

Come da titolo, uno dei film più belli che abbia mai visto! Scene giuste e adatto nel loro contenuto, trama stupenda, finale mozzafiato, scenografia e location davvero eccellenti ed adeguate, scene "hot" in perfetta armonia con tutta la trama del film. Inoltre aggiungerei che ho trovato davvero interessanti, adeguate e bellissime, frasi da parte degli attori!In poche parole, senza dire troppo per non [...] Vai alla recensione »

FOCUS
SCRIVERE DI CINEMA
martedì 6 marzo 2018
Bianca Delpiano, vincitrice del Premio Scrivere di Cinema

Francis Lawrence, reduce dalla saga Hunger Games, sembra essersi abituato ai terreni sicuri, ai luoghi in cui sa che andrà incontro all'apprezzamento del pubblico, e quindi, nel passare dalla serie di successo al film unico, si affida alla sceneggiatura per muoversi in zone collaudate. La sceneggiatura, infatti, se da un lato costruisce le tensioni dove vuole che ci sia tensione, fa rimanere lo spettatore attento, e lo intrattiene, dall'altro imbocca una strada già spianata e non prende iniziative; la scelta del romanzo di Jason Matthews si accoda al recente filone della riscoperta della guerra fredda e dei suoi riverberi successivi, e non sfrutta debitamente il suo vantaggio principale, ovvero l'ambientazione in terra nemica.

Invece che offrire un punto di vista diverso e straniante, non fa che mostrare la Russia come qualcosa di sempre più lontano e inverosimile, tanto che la protagonista non se ne sente parte (complice, probabilmente, il fatto che il soggetto sia di un ex agente della C.I.A.).

Il passaggio dal Bolshoi all'SVR, espediente narrativo molto interessante, s'impernia sulla figura centrale di una ragazza russa che dovrebbe essere intrisa di sentimenti contrastanti per la patria: dalla gratitudine per la fama da ballerina che la sua terra le ha portato, fino al disgusto che prova nel difenderla; e il suo volto invece è preso dall'americanissima Jennifer Lawrence, che è già stata stoico difensore di Panem, e - sebbene molto adatta al ruolo dal punto di vista delle sue caratteristiche attoriali - ormai porta con sé troppa fama, troppi significati perché la scelta di lei come Dominika Egorova possa conformarsi alle esigenze della sceneggiatura.

Nonostante ciò, la sua interpretazione riesce a non cadere nel rischio altissimo che un ruolo così comportava: la Lawrence infatti non è in scena solo per il suo corpo, ma si interessa anche di dare carica emotiva e psicologica al personaggio, mantenendo un'espressione rigida che si allontana dalle interpretazioni di Joy e American Hustle, per tornare a richiamare certi tratti della durezza imposta dall'esterno a Katniss Everdeen.

Frasi
Dovrete imparare a superare tutti i vostri limiti!
Una frase di La matrona (Charlotte Rampling)
dal film Red Sparrow - a cura di MYmovies.it
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
giovedì 1 marzo 2018
Valerio Caprara
Il Mattino

I cinefili a proposito di titoli come «Red Sparrow» usano l'espressione «guilty pleasure» riferendosi ai film che non valgono nulla, ma garantiscono godurie sul piano dello sbrigliato, se non sbracato divertimento. E in effetti lo spythriller cucito addosso alla diva più amata dai giovani, la Jennifer Lawrence di «Hunger Games», riguadagna la qualifica galoppando sullo schermo per ben 139 minuti, non [...] Vai alla recensione »

giovedì 8 marzo 2018
Silvio Danese
Quotidiano Nazionale

Jennifer qui, Jennifer là, la cinepresa le costruisce un mondo intorno per un cast-movie di spionaggio totalmente dedito alla star femminile, anche nuda. Dominika/Lawrence, conturbante ballerina del Bolshoi costretta a lasciare e inventarsi una soluzione per la madre malata, va a scuola di Mata Hari dall'inflessibile Charlotte Rampling per diventare una "sparrow" (passero, altre traduzioni si avvicinano [...] Vai alla recensione »

giovedì 1 marzo 2018
Maurizio Acerbi
Il Giornale

Dominika (la sensuale Jennifer Lawrence) è la prima ballerina del Bolshoi, professione che le permette di far curare, a casa, la madre malata. Sul palco, però, subisce un incidente (provocato) che mette fine alla sua brillante carriera, mettendo a rischio anche il sostentamento della famiglia. Chiede aiuto allo zio (Matthias Schoenaerts), alto ufficiale dell'intelligence russa che l'aiuterà a patto [...] Vai alla recensione »

giovedì 1 marzo 2018
Maurizio Cabona
Il Giornale

La Guerra Fredda non finisce mai, perché è contro la Russia, non contro l'Urss. Lo ammette Red Sparrow di Francis Lawrence, tratto dal buon romanzo omonimo di Jason Matthew (ed. DeA Pianeta), ex agente della Cia. E Matthew definisce nel suo libro Putin «scorpione biondo dai languidi occhi azzurri», senza provare - come farebbe un romanziere britannico uscito dall'MI6 - a fingersi equanime.

giovedì 1 marzo 2018
Alessandra Levantesi
La Stampa

Red Sparrow è forte di una buona base letteraria, ovvero il primo volume di una trilogia firmata da Jason Matthews che, vantando un'ultratrentennale carriera di uomo Cia, ha saputo convogliare la sua esperienza sulla pagina affermandosi come nuovo astro del thriller spionistico americano. Nel romanzo (Feltrinelli) uno 007 di Langley, Nathaniel Nash, viene inviato in Europa per confrontarsi con Dominika [...] Vai alla recensione »

giovedì 1 marzo 2018
Paolo D'Agostini
La Repubblica

La guerra fredda non è finita. Così indica il film di Francis Lawrence, artefice della saga Hunger Games. Lui è un agente Cia sotto copertura oltre l'ex Cortina di Ferro per proteggere un esponente di altissimo livello dei servizi russi che fa il doppio gioco. Lei è una promettente ballerina del Bolshoi che un sabotaggio dettato da gelosia ha messo fuori gioco.

NEWS
VIDEO RECENSIONE
martedì 13 marzo 2018
 

Dominika Egorova è la prima ballerina del Bolshoi e la figlia di una donna sola e ammalata, di cui si prende cura con affetto e devozione. Quando un brutto incidente pone bruscamente fine alla sua carriera sulle punte, minacciando la sussistenza economica [...]

BOX OFFICE
domenica 4 marzo 2018
Andrea Chirichelli

Sabato premia nuovamente Red Sparrow, che raccoglie quasi mezzo milione di euro e tiene a distanza A casa tutti bene (guarda la video recensione), che dopo tre settimane di permanenza in classifica è ancora secondo con 355mila euro nella giornata e 7,7 [...]

BOX OFFICE
sabato 3 marzo 2018
Andrea Chirichelli

Ottimo venerdì al boxoffice, con sei film capaci di superare i 100mila euro d'incasso. Resta primo Red Sparrow, che ottiene 191mila euro, staccando nettamente A casa tutti bene (guarda la video recensione), secondo con 140mila euro e un totale di 7,3 [...]

BOX OFFICE
venerdì 2 marzo 2018
Andrea Chirichelli

Nuovo leader nella classifica italiana: è Red Sparrow, che ieri è stato anche l'unico film capace di stare sopra alla soglia dei 100mila euro, superata di poco. Perde la vetta A casa tutti bene (guarda la video recensione), che supera i 7 milioni di euro [...]

TOP TRAILER
lunedì 15 gennaio 2018
Andrea Fornasiero

Dal thriller mediorientale alla biografia del più importante dei nostri cantautori, fino a uno dei vincitori ai Golden Globe, i nostri sette magnifici trailer della settimana spaziano tra l'azione realistica o iperbolica alle commedia tra satira e sentimento. [...]

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati