Star Wars: Episodio II - L'attacco dei cloni

Film 2002 | Fantascienza Film per tutti 105 min.

Titolo originaleStar Wars: Episode II - Attack of the Clones
Anno2002
GenereFantascienza
ProduzioneUSA
Durata105 minuti
Regia diGeorge Lucas
AttoriEwan McGregor, Natalie Portman, Hayden Christensen, Christopher Lee, Samuel L. Jackson Frank Oz, Ian McDiarmid, Pernilla August, Rose Byrne, Temuera Morrison, Daniel Logan, Jimmy Smits, Jack Thompson, Leeanna Walsman, Ahmed Best, Oliver Ford Davies, Ron Falk, Jay Laga'aia.
Uscitagiovedì 16 maggio 2002
Distribuzione20th Century Fox
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: Film per tutti
MYmonetro 2,66 su 48 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di George Lucas. Un film con Ewan McGregor, Natalie Portman, Hayden Christensen, Christopher Lee, Samuel L. Jackson. Cast completo Titolo originale: Star Wars: Episode II - Attack of the Clones. Genere Fantascienza - USA, 2002, durata 105 minuti. Uscita cinema giovedì 16 maggio 2002 distribuito da 20th Century Fox. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: Film per tutti - MYmonetro 2,66 su 48 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Star Wars: Episodio II - L'attacco dei cloni tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Amidala è in pericolo: i ribelli vogliono farla fuori per sovvertire l'ordine costituito. Su di lei vegliano Kenobi e Anakin. Al Box Office Usa Star Wars: Episodio II - L'attacco dei cloni ha incassato 302 milioni di dollari .

Star Wars: Episodio II - L'attacco dei cloni è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e Blu-Ray su IBS.it. Compralo subito

Consigliato nì!
2,66/5
MYMOVIES 2,25
CRITICA N.D.
PUBBLICO 3,48
CONSIGLIATO SÌ
George Lucas cede al "lato oscuro" della tecnologia e procede per accumulo di meraviglie, costruendo un'algida macchina dello spettacolo.
Recensione di Emanuele Sacchi
Recensione di Emanuele Sacchi

Dieci anni dopo gli eventi di Episodio I, Padme Amidala da Regina di Naboo è divenuta Senatrice della Repubblica. I Jedi Obi-wan Kenobi e Anakin Skywalker sventano un attentato ai suoi danni, che li conduce alla scoperta di una cospirazione su vasta scala di separatisti anti-repubblicani. Mentre Obi-wan indaga fino al remoto sistema Camino, dove scopre un esercito di cloni assemblato dalla Repubblica senza che il Consiglio dei Jedi sia stato informato, tra Anakin e Padme nasce l'amore, clandestino ma impossibile da estinguere.
Dopo la parziale delusione di Star Wars: Episodio I - La minaccia fantasma, sulle spalle del secondo episodio della trilogia prequel di George Lucas gravava il fardello di ristabilire il feeling con i fan della prima ora di Guerre stellari e insieme conquistare nuovi adepti. Un compito ostacolato da un'altra trilogia di enorme successo uscita contemporaneamente: Il Signore degli Anelli di Peter Jackson, capace di ridefinire il concetto di blockbuster contemporaneo nell'era del digitale (e che curiosamente condivide un villain interpretato da Christopher Lee, qui in un goffo e vampiresco omaggio ai suoi personaggi dell'era Hammer). Ma la "corsa agli armamenti" di Star Wars verso il primato nell'avanguardia tecnologica e nella perizia degli effetti speciali rischia di trasformarlo nella cosa più lontana che esista dallo spirito originario della saga che fu di Han Solo e Chewbacca. L'episodio della saga che in assoluto dovrebbe essere più emozionale, incentrato su una storia d'amore maledetta fin dalla sua nascita, come le liaisons tra Lancillotto e Ginevra o Romeo e Giulietta, si traduce in un'algida macchina dello spettacolo, in cui di fronte alla tecnologia recedono non solo i sentimenti ma lo stesso storytelling.
Girato completamente in digitale e concepito per una visione ideale se riprodotto attraverso dispositivi numerici, Star Wars: Episodio II - L'attacco dei cloni cade vittima della sua innovazione. Come già nelle Special Edition della trilogia originale, discusse rielaborazioni digitali di titoli che avrebbero dovuto essere intoccabili, George Lucas cede al "lato oscuro" della tecnologia e procede per accumulo di meraviglie. Il conseguente sovraffollamento di oggetti in ogni singola inquadratura distrae eccessivamente dal soggetto principale, alterando il feeling che si dovrebbe instaurare tra spettatore e filmico. L'esatto contrario della fantascienza antropocentrica della trilogia originale, figlia della space opera di Flash Gordon e di uno spirito avventuroso capace di comunicare con il pubblico di tutto il mondo. Come è possibile stabilire un contatto analogo con protagonisti irrigiditi e smarriti di fronte a un blue screen inutilmente riempito di "cose" in post-produzione?
Persino i dialoghi, asse portante del capolavoro della saga, L'Impero colpisce ancora, e della sua sceneggiatura scritta da Lawrence Kasdan e Leigh Brackett, raggiungono in Star Wars: Episodio II - L'attacco dei cloni un inconcepibile nadir. Gli scambi tra gli innamorati sul pianeta Tatooine sono più imbarazzanti e posticci dei corteggiamenti del peggior young adult movie e la recitazione di Natalie Portman e di un inadeguato Hayden Christensen allontana sempre più l'epopea degli Skywalker dall'immagine che apparteneva ai sogni di miriadi di fan della saga. Il distacco tra il creatore, la sua creazione e le milioni di persone da essa coinvolte rischia di farsi irreparabile.
Solo la componente action compie dei passi avanti rispetto a Episodio I, specie nella sequenza iniziale di inseguimento in città e in quella successiva nello spazio, tra le astronavi di Obi-wan - impressionante l'effetto spacca-woofer dell'audio del suo reattore - e di Jango Fett, ma a conti fatti la sensazione che resta dopo la visione è quella di due impalpabili ore, trascorse in compagnia di personaggi poco più che bidimensionali. L'antitesi delle aspettative riposte dai fan su un episodio che doveva essere indimenticabile e che si traduce in un prolisso videogioco non interattivo, che rimanda astutamente il confronto con gli attesi temi cruciali all'ultimo atto di una sempre più deludente trilogia.

Sei d'accordo con Emanuele Sacchi?
Il penultimo episodio della saga di Guerre Stellari.
Francesco Rufo

Star Wars è una saga fantascientifica formata da sei film, che compongono due trilogie. La nuova trilogia comprende gli episodi I, II e III. Le vicende narrate nella nuova trilogia sono cronologicamente antecedenti rispetto a quelle narrate nella trilogia classica. Le due trilogie sono tra loro speculari. Vediamo le corrispondenze tra l’episodio II e l’episodio V. Nell’episodio II e nell’episodio V: la principessa (II: Amidala; V: Leia) è ancora in pericolo, si rifugia su un pianeta sicuro con un ragazzo (II: Anakin Skywalker; V: Han Solo), e i due si innamorano. In parallelo, si segue la storia di un altro personaggio su altri pianeti (II: Obi-Wan Kenobi; V: Luke Skywalker). Il giovane Jedi arriva a un duello finale (II: Anakin contro il Conte Dooku; V: Luke contro Darth Vader) in cui perde un arto (II: un braccio; V: una mano), e si ha così lo sparagmos (lo strazio del corpo dell’eroe). L’arto viene ricostruito artificialmente. Il giovane Jedi ha scoperto la propria metà oscura (II: Anakin comincia ad abbandonarsi al Lato Oscuro; V: Luke apprende di essere figlio di Darth Vader). Emerge un rapporto profondo tra l’allievo e il maestro-padre putativo (II: Anakin e Obi-Wan; V: Luke e Yoda). Ognuna delle due trilogie segue un percorso di formazione. La nuova trilogia segue il percorso di Anakin Skywalker. Anche per il percorso di formazione, troviamo riscontri tra le coppie di episodi delle due trilogie. Nell’episodio II e nell’episodio V, il ragazzo, con l’aiuto di un maestro-padre putativo, impara a conoscere la propria identità naturale, scopre che tale identità è in sé neutra (la Forza può essere usata sia per il Bene che per il Male) e che deve essere incanalata in un’identità morale, attraverso la scelta morale, l’atto morale; il ragazzo scopre anche la propria metà oscura, che insinua dubbi. Sia Anakin che Luke si relazionano con diverse figure di padri-docenti: nell’episodio II e nell’episodio V, c’è il padre-docente che li segue da vicino nel percorso educativo (II: Obi-Wan per Anakin; V: Yoda per Luke). Seguendo le indicazioni sulle forme letterarie date da Northrop Frye in Anatomia della critica, si può dire che – se la trilogia classica è un romance – la nuova trilogia è una tragedia. Come il mythos della tragedia, la nuova trilogia si può dividere in sei fasi. Nell’episodio II, abbiamo la 2ª fase, quella della giovinezza, dell’innocenza come inesperienza (ovvero la giovinezza e l’inesperienza di Anakin); e la 3ª fase, il completamento di un’azione intrapresa dall’eroe (ovvero il conseguimento da parte di Anakin della piena coscienza delle proprie forze).

Sei d'accordo con Francesco Rufo?
Stefano Lo Verme

La Repubblica si trova ad affrontare una grave emergenza interna, dovuta al conflitto con i separatisti. Mentre il Senato ordina la costituzione di un nuovo esercito, il cavaliere Jedi Obi-Wan Kenobi e il suo apprendista, il giovane e impulsivo Anakin Skywalker, ricevono il compito di proteggere la senatrice Padmé Amidala; tra Anakin e Padmé, però, nasce un profondo sentimento di affetto...
Prodotto e diretto da George Lucas nel 2002 con un budget di 120 milioni di dollari, L'attacco dei cloni è il secondo capitolo della nuova trilogia realizzata da Lucas e dedicata alla saga di Guerre stellari, nella quale si racconta il percorso di formazione del personaggio di Anakin Skywalker, prima di indossare la maschera di Darth Vader. Uscito nelle sale a tre anni di distanza dal precedente La minaccia fantasma e girato interamente in digitale, il film è stato accolto da un ampio successo di pubblico ed ha incassato 640 milioni di dollari in tutto il mondo, con 110 milioni di spettatori (di cui 50 milioni negli Stati Uniti); un risultato molto elevato, sebbene inferiore alle aspettative. Confermati, nel cast, Ewan McGregor nel ruolo del maestro Jedi Obi Wan-Kenobi e Natalie Portman in quello della senatrice Amidala, mentre la new-entry più importante è rappresentata dall'attore canadese Hayden Christensen nella parte del giovane Anakin. Se ne La minaccia fantasma Lucas aveva scelto di premere il pedale sul genere dell'avventura e su un'estrema spettacolarizzazione, in questo secondo capitolo prevalgono invece l'attenzione per la costruzione della trama e per l'approfondimento psicologico dei vari personaggi: primo fra tutti Anakin, vero protagonista di questa nuova trilogia, che qui vediamo proseguire il proprio apprendistato come cavaliere Jedi, ma anche sperimentare i primi sussulti del cuore attraverso l'affetto per la senatrice Amidala e cominciare a subire gli influssi del Lato Oscuro della Forza, che lo porteranno a cercare una sanguinaria vendetta per la morte di sua madre. Lo stile della narrazione, dunque, si fa via via più introspettivo e complesso (oltre che decisamente più cupo); mentre la parentesi romantica fra Anakin e Padmé (ambientata sul lago di Como), per quanto sia utile ad arricchire la storia, può risultare forse un po' frettolosa e superficiale.
La fonte di maggior interesse, ne L'attacco dei cloni, è rappresentata però dal discorso sul potere e sulla politica, che si carica di nuovi significati alla luce della situazione internazionale dopo l'11 settembre; difficile, in effetti, non leggere nelle tormentate vicende della Repubblica riferimenti alla minaccia del terrorismo, ai rischi di un nuovo conflitto globale e alle derive anti-democratiche e totalitaristiche che ne sono conseguite, tanto nel mondo orientale quanto in quello occidentale. Lucas si concede molte citazioni, ma rispetto ai precedenti episodi non inventa nulla di nuovo: di indubbio impatto visivo, comunque, la sequenza della battaglia tra i Jedi e i cloni nell'arena di Geonosian e quella del duello con le spade laser fra Anakin, Oni-Wan Kenobi e il malvagio conte Dooku (Christopher Lee), superbo villain del film. Il finale aperto prelude necessariamente al capitolo successivo, La vendetta dei Sith (2005).

Sei d'accordo con Stefano Lo Verme?
Il penultimo episodio della saga di Guerre Stellari.
Recensione di Pino Farinotti

La dolce Amidala corre pericolo di vita: ci sono dei ribelli che vogliono toglierla di mezzo, l'intento è naturalmente sovvertire l'ordine costituito. Vegliano su di lei il solito Kenobi e la new entry Anakin. Succede che viene opportunamente reperito un esercito di cloni che, alleandosi ai buoni, rimette tutto a posto. Nel frattempo Anakin-Romeo ignora il "divieto d'amare" della sua casta e si innamora di Amidala-Giulietta. Per adeguarsi all'inesorabile ricerca del nuovo e del "di più", il povero Lucas non sa più a che santo votarsi. Ormai il digitale è perfetto, il patinato non è migliorabile, gli intrecci stellari sono stati tutti esplorati. Rimane il sentimento, l'amore da spinger dentro. Ecco il lago di Como inserito come dolce culla di promessi sposi (quel ramo...), ma è un'ingerenza davvero forzata. E poi quel duello un po' alla Maximus... Naturalmente l'indotto è potentissimo e i ragazzi riempiono le sale perché la coalizione e spinta in quel senso sono irresistibili. Ma la Saga non ce la fa più. Il regista ha dichiarato di essere ormai troppo vecchio per certe fatiche. Tornerà a film come American Graffiti. Meno male.

Sei d'accordo con Pino Farinotti?
STAR WARS: EPISODIO II - L'ATTACCO DEI CLONI
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
Rakuten tv
-
-
TIMVISION
-
-
-
CHILI
-
-
iTunes
-
-
-
-
Google Play

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€16,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
martedì 6 aprile 2010
IlPredicatore

George Lucas rimedia abilmente a tutti gli errori commessi con La minaccia Fantasma, cedendo alla passione per il racconto e immergendoci totalmente nella storia e nei suoi temi universali (il senso della vita, le ambizioni, l'amore, il dolore, la rabbia, la morte). Meno comicità slapstick quindi (Jar Jar Binks viene piuttosto emarginato, dimostrazione che lo zoccolo più duro del fandom conta qualcosa). [...] Vai alla recensione »

martedì 6 aprile 2010
IlPredicatore

Trascorsi dieci anni dagli avvenimenti del primo episodio, La Repubblica si trova a dover fronteggiare i Separatisti in piena guerra civile, i quali attentano alla vita della senatrice Padme Amidala in modo da impedirle di dare il suo voto negativo al Decreto di Rifondazione Militare. Il Cancelliere Palpatine manda così due Jedi a proteggerla. Nel frattempo L'Ordine dei Jedi scopre che su un pianeta [...] Vai alla recensione »

martedì 26 settembre 2017
laurence316

Secondo episodio della trilogia prequel, L’attacco dei cloni è, indubbiamente, il peggiore dell’intera saga. Era già stata palesata abbastanza platealmente nel film precedente la mancanza di idee originali (o quantomeno interessanti), ma qui si finisce veramente per raschiare il fondo. Del tutto povero di inventiva, è un film scialbo e scontato, dalla trama [...] Vai alla recensione »

martedì 10 dicembre 2013
Fabal

Molto meno atteso rispetto ai limitrofi Episodi I e III, L'attacco dei Cloni è, dei tre, quello dal blasone più debole. Con le aspettative tutte concentrate nella genesi di Darth Vader, che qui ancora non vediamo, Star Wars si concede un capitolo sorprendentemente lento, atipico nella sua cautela cautela narrativa. Impegnato ad accennare senza concludere, Episodio II gode di un andamento [...] Vai alla recensione »

venerdì 10 giugno 2011
Renato C.

E siamo alla 2^ puntata della "trilogia prequel" che, come ho detto nella recensione dell'episodio 1 sarebbe tutta da recensire insieme come unico film. Qui Anakin Skywalker è già un ragazzo maturo, quasi uomo, che si innamora della "senatrice" Patmé Amidala (come mai nell'episodio 1 era regina?). Non è ancora prevalso in lui il "lato oscuro" [...] Vai alla recensione »

lunedì 30 agosto 2010
MARVELman

Superiore al primo capitolo perchè definisce meglio l'atmosfera della nuova trilogia il secondo capitolo di star wars diventa più serio rispetto alla minaccia fantasma anche se perde in termini di solennità e originalità...a mio parere infatti l'attacco dei cloni è un film giustamente più sobrio dove il primo eccedeva ma è anche più nello spirito di star wars avvicinandosi ai vecchi film ma mantendo [...] Vai alla recensione »

martedì 22 maggio 2012
joker 91

Lucas realizza un film superiore al primo episodio ed crea una bellissima storia d'amore tra Christensen e Portman resa benissimo in taluni momenti dalle maestose scenografia computerizzate e dalla mitica ripresa di talune scene nel nostro lago di Como. Un film nella sceneggiatura molto più continuativo del predecessore con spunti riflessivi interessanti specialmente nel rapporto maestro-allievo. [...] Vai alla recensione »

martedì 27 febbraio 2018
rmarci 05

Nell'episodio II, L'attacco dei cloni, molti dei difetti presenti in "La minaccia fantasma" vengono sanati: anche in questo capitolo George Lucas usa molti effetti speciali, ma la trama, semplice in apparenza, è leggermente più complessa e caratterizzata: giustamente il film è ambientato 10 anni dopo il precedente e troviamo Anakin che è diventato un'apprend [...] Vai alla recensione »

lunedì 13 agosto 2018
Sellerone

Non si sa per come, né perché ma si verifica l'allineamento nelle età dei protagonisti sentimentali della storia. Fondamentale perchè si scopre in questo episodio che l'amore, come i carboidrati, i grassi e tutto quello che maggiormente piace all'umanità fa male. Film molto bello ed interiore che nonostante le spacconate, cerca di portare di fondo la storia di un amore impossibile e tormentato che [...] Vai alla recensione »

sabato 3 marzo 2018
Inesperto

Dopo due mandati da regina del suo popolo, Amidala diventa senatrice della repubblica e subito subisce un attentato. Le viene concessa la scorta di due jedi che lei conosce bene: dopo 10 anni reincontra Obi Wan Kenobi ed Anakin. Il primo indaga su chi possano essere i responsabili, il secondo la protegge da vicino. Nell'arco del film, Anakin subisce la perdita della madre ad opera di alcuni farabutti [...] Vai alla recensione »

lunedì 22 febbraio 2016
IuriV

George Lucas riprende in mano le vicende di Obi Wan e dei suoi amici dopo tre anni. Per festeggiare l'avvenimento decide di raccogliere tutti i difetti dei film precedenti in un unico calderone. La prima sensazione che Episodio II sputa fuori dallo schermo è la noia. Assistere alla proiezione è come osservare una coppia di signori che camminano per strada fermandosi di continuo quando devono dirsi [...] Vai alla recensione »

sabato 26 dicembre 2015
mauro

E' un film nel quale si fatica a stare svegli, troppo inutilmente lungo, troppo banale nello svolgersi delle vicende. Se ci spiega i passaggi fondamentali che hanno portato il giovane anakin a scegliere la via del lato oscuro, lo fa perdendosi in inutili orpelli romantici e cadendo in niosissime scene prive di qualsiasi interesse, a volte sembra di scadere nei ritmi paranoici di quei polpettoni [...] Vai alla recensione »

giovedì 10 dicembre 2015
Filippo Catani

La senatrice Anakin è in serio pericolo e viene messa sotto la protezione degli Jedi mentre Anakin si innamora perdutamente di lei. Nel frattempo il lato oscuro della forza minaccia le sorti della Repubblica. Il secondo episodio della nuova serie non è esattamente il massimo. Due ore e spiccioli abbastanza noiosette dove accade poco e tutto quello che succede è ampiamente prevedibile. [...] Vai alla recensione »

giovedì 2 gennaio 2014
tyler77

Riguardando questo film dopo 11 anni si capisce molto bene la differenza tra fare Cinema e fare un Film. Qui non è un problema di essere fan della vecchia saga o no, qui il problema è avere o meno cattivo gusto. Lucas fa una scelta che a posteriori si rivelerà completamente sconclusionata, quella di affidarsi totalmente alla computergrafica per fondali, personaggi e astronavi senza [...] Vai alla recensione »

domenica 9 gennaio 2011
giu/da(g)

Quando si agisce con un ristrettezza di mezzi è più semplice raccogliere le risorse, concentrarle ed ottenere buoni risultati. Film senza grandi finanziamenti e senza troppi vezzosi orpelli spesso hanno ottenuto grandi risultati; ma quando la disponibilità di mezzi e risorse è infinita inizia la tragedia, si ha talmente tante possibilità che non si sa quale scegliere. [...] Vai alla recensione »

domenica 18 ottobre 2009
Spalla

Il film peggiore di tutta la serie si Star Wars. Anche qui infatti, come in "La Minaccia Fantasma" i grandiosi effetti speciali sono l'unico punto di forza del film. Ma la trama, benchè l'azione non manchi, è davvero poco coinvolgente e non regala grandi emozioni. La meno riuscita della trama. Con un finale poi, che rimanda tutto al film successivo.

domenica 12 dicembre 2010
nick castle

Voevo fare un appunto. Questo è uno dei primi film girati in digitale HD su telecamere Sony CineAlta HDW-F900 con supporti HDCAM e insieme al seguente capitolo (La vendetta dei Sith, anch'esso girato con gli stessi supporti) secondo me sono i film in cui il digitale rende meglio (ovvero assomiglia in tutto e per tutto alla pellicola 35 mm), insieme a "Zodiac", "La rapina perfetta&q [...] Vai alla recensione »

mercoledì 1 luglio 2009
joker91

questo e un ottimo film e secondo me più grande del primo cioè la minaccia fantasma. il primo non mi è andato granchè ma questo mostra una giusta parte di recitazione e una giusta parte di effetti speciali che sono spettacolari come al solito. Mi e piaciuto moltissimo cristensen nel ruolo di anakin mentre mcgregor dimostra finalmente la sua recitazione che nel primo non ho ammirato perchè troppo [...] Vai alla recensione »

venerdì 17 gennaio 2014
SUPREMO2000

Ecco il secondo capitolo della saga di Star Wars vediamo come si potrebbe definire Epico ecco come molto bello fatto bene belli gli effetti speciali non annoia anzi entusiasma io gli assegno 5 stelle comunque vi consiglio di guardarlo

giovedì 22 settembre 2011
tiamaster

il primo film della serie (non il quarto) era stata una delusione,un film commerciale,mentre questo penultimo episodio e meglio costruito e molto meno noioso,george lucas se non allo splendore di un tempo,riesce quanto meno a confezionare un sequel del prequel (hhahahahah) ben fatto.il film e moto gradevole,guardarlo rilassante.

martedì 5 luglio 2011
Dragonia

Migliore della Minaccia Fantasma, c'è una storia che "c'entra di più" con tutto il resto della saga e l'azione, un po' come in Batman Begins, all'inizio latita, per poi scatenarsi nella seconda parte, con la battaglia più lunga dell'intera saga (oltre venti minuti di azione ininterrotta!!); tutto questo, insieme agli effetti speciali grandiosi [...] Vai alla recensione »

lunedì 28 novembre 2011
davrick

meglio dell'episodio 1 (la minaccia Fantasma)ma non dell'episodio 3 (la vendetta dei sith)

domenica 24 maggio 2009
paride86

Come per "La minaccia fantasma": trionfano gli effetti speciali a discapito della trama e dell'approfondimento dei personaggi. In ogni modo la cura maniacale dell'"aspetto" esteriore va ricompensata perché il cinema è anche spettacolo.

martedì 7 gennaio 2014
nick castle

Il lato oscuro è ancora in agguato, l'ex regina è di nuovo in pericolo e dopo un attentato gli viene assegnato l'esuberante Anakin per protggerla, ma lui è innamorato di lei fin da piccolo, mentre il lato oscuro è più vicino di quanto si possa pensare, e un armata di droidi capitanati da un ex Jedi, il conte Dokoo è prossima all'attacco.

venerdì 5 luglio 2013
film80

un capitolo discreto!!!!!!!! con azione di plastica! il peggiore della trilogia!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

venerdì 9 gennaio 2015
jacklucas1979

Semplicemente imperdonabile

sabato 15 agosto 2015
JackPug

Attualmento sono indeciso nel quale "incoronare" come peggiore film della serie di Star Wars : "Episodio I - La minaccia fantasma" o "Episodio II - L'attacco dei cloni" ? Se "Episodio I" era deludente a causa di momenti ridicoli e personaggi inutili allora cosa si può dire di "Episodio II" ? Trama quasi inesistente e .

Frasi
Ani...oh mio piccolo Ani come sei cresciuto! Tua madre è molto orgogliosa di te-
Una frase di Shmi Skywalker-Lars (Pernilla August)
dal film Star Wars: Episodio II - L'attacco dei cloni - a cura di giuggiola23
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Enrico Magrelli
Film TV

Le astronavi e i pianeti dei cinque capitoli di Star Wars accettano a bordo e concedono il permesso di soggiorno a tutti. I fedeli della saga e anche i clandestini riluttanti. Come un archeologo digitale, il filmmaker (poche altre volte l’appellativo è così pertinente) George Lucas porta alla luce i reperti, gli strati geologici, gli utensili (doni, droidi, spade, navicelle, pezzi di ricambio, creature [...] Vai alla recensione »

Paolo Boschi
Scanner

«Tanto tempo fa, in una galassia lontana, lontana...»: non poteva che essere questo l'inizio del prequel della saga di Star Wars, di cui proprio George Lucas aveva diretto il primo episodio (il quarto dei nove totali previsti) nel 1977 – poi continuata con il seguito L'impero colpisce ancora (1981) e conclusasi (almeno provvisoriamente) con Il ritorno dello Jedi (1983) –.

NEWS
CELEBRITIES
martedì 25 marzo 2008
Stefano Cocci

Animalista e pacifista, da Amidala ad Anna Bolena Dietro il suo sguardo dolce e il fisico da scricciolo (appena un metro e 60 centimetri), Natalie Portman nasconde una personalità enorme. Sarà per questo che George Lucas, prima, e Justin Chadwick, [...]

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati