Ritratto di Famiglia con Tempesta

Film 2016 | Drammatico +13 117 min.

Titolo originaleAfter the Storm
Anno2016
GenereDrammatico
ProduzioneGiappone
Durata117 minuti
Al cinema1 sala cinematografica
Regia diKore'eda Hirokazu
AttoriLily Franky, Sôsuke Ikematsu, Isao Hashizume, Taiyô Yoshizawa, Yôko Maki, Kirin Kiki Hiroshi Abe, Satomi Kobayashi.
Uscitagiovedì 25 maggio 2017
TagDa vedere 2016
DistribuzioneTucker Film
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro 3,40 su 16 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Kore'eda Hirokazu. Un film Da vedere 2016 con Lily Franky, Sôsuke Ikematsu, Isao Hashizume, Taiyô Yoshizawa, Yôko Maki, Kirin Kiki. Cast completo Titolo originale: After the Storm. Genere Drammatico - Giappone, 2016, durata 117 minuti. Uscita cinema giovedì 25 maggio 2017 distribuito da Tucker Film. Oggi tra i film al cinema in 1 sala cinematografica Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 3,40 su 16 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi
Ritratto di Famiglia con Tempesta
tra i tuoi film preferiti.




oppure

Un padre sembra perdere il legame con la propria famiglia. Servirà una tempesta per rimettere a posto le cose. In Italia al Box Office Ritratto di Famiglia con Tempesta ha incassato nelle prime 3 settimane di programmazione 153 mila euro e 48,8 mila euro nel primo weekend.

Consigliato sì!
3,40/5
MYMOVIES 3,50
CRITICA 3,70
PUBBLICO 3,00
CONSIGLIATO SÌ
Un'ode all'istante, solo rifugio di un mondo dove niente è permanente, soprattutto le relazioni umane.
Recensione di Marzia Gandolfi
domenica 22 maggio 2016
Recensione di Marzia Gandolfi
domenica 22 maggio 2016

Fino a ieri Shinoda Ryota aveva tutto: una consorte, un figlio e un altro romanzo da scrivere dopo aver vinto un premio letterario prestigioso. Poi qualcosa è andato storto, Kyoko gli ha chiesto il divorzio, Shingo lo vede soltanto una volta al mese, il romanzo è rimasto un'intenzione. Per pagare l'assegno mensile alla ex moglie, lavora per un'agenzia investigativa, per dimenticare le indagini ordinarie gioca alle corse, alla lotteria, a qualsiasi cosa possa restituirgli quello che ha perduto. Ma la vita è più complicata di così, bugie, tradimenti, meschinità gli hanno alienato la fiducia degli affetti. Ryota gira a vuoto e fatica a trovare il suo posto nel mondo e in quello di suo figlio. Poi una sera un ciclone si abbatte su Tokyo e sulla sua famiglia che trova riparo a casa della madre, felice di averli di nuovo tutti e tre insieme. La notte porterà consiglio e Kyoto proverà a riguadagnare la fiducia di Shingo e a 'scommettere' questa volta sull'amore. Il vento si placa e una mattina tersa si prepara.

Infaticabile ritrattista di famiglie, di cui fa un campo di investigazione privilegiato, Hirokazu Kore-eda realizza un'ode all'istante, solo rifugio di un mondo dove niente è permanente, soprattutto le relazioni umane. In quell'intervallo e dentro una notte tempestosa ritrova una famiglia. Una famiglia che probabilmente non tornerà mai unita ma che impara ad esserlo anche separata.

Autore delle emozioni millimetriche e di una maniera contemplativa, Kore-eda procede a un'analisi clinica del gesto quotidiano e dei caratteri che mette in schermo, rintracciando ancora una volta le ferite prodotte dalla relazione padre-figli. Al cuore della storia c'è un perdente cechoviano e una rassegnazione cechoviana. Ryoto, padre assente e alla deriva, incarna la speranza delusa del figlio e della letteratura e un'immaturità che si trascina e prospera in un mestiere avvilente. Dal padre, il protagonista ha ereditato il vizio incorreggibile per il gioco e una tensione alla menzogna che ha mandato all'aria la sua vita, separato la sua famiglia e deluso suo figlio, che lo guarda imbrogliare e imbrogliarsi.

Eroe avvilito e romanzesco, il protagonista di Abe Hiroshi rimanda ad una indecisione dello spirito e a una indecidibilità del corpo. Nondimeno, incarna la nascita di un padre, ribadendo nel cinema di Kore-eda il sentimento di paternità come coscienza (affettiva) che si apprende. Come Father and son, After the Storm dimostra che non si diventa padri da soli, c'è sempre un bambino a insegnare l'amore, è sempre lo sguardo di un bambino a fare di un uomo un padre. Perché la paternità non si stabilisce immediatamente con la nascita ma si costruisce nel tempo.

Se Father and son era sbilanciato dalla parte dell'infanzia e sull'inoppugnabile capacità rigenerativa del mondo infantile, After the Storm si concentra sul genitore con riprese in cui prevalgono primi piani che si allargano a scoprire spazi limitati, dove il corpo paterno si muove cercando vanamente di superare l'impasse e trapelando tutto il disagio di una vita ripetuta e provvisoria. La preparazione di un pasto, la spesa, le passeggiate intervengono a scandire un'esistenza ordinaria e la sua inesorabile erosione provocata dagli sbandamenti sociali, finanziari, affettivi, emotivi.

Contestualizzato nell'insondabile cultura nipponica, il film di Kore-eda è arte in ascolto affondata nella stessa sorgente dolce-amara che ispirava il cinema di Ozu. L'autore indugia a lungo sui personaggi, registrando solo il tempo e non l'azione nel tempo dei personaggi. È il movimento interiore a rivelarsi allora nel fondo di una notte tormentata dai sentimenti e dall'uragano, dove padre, madre e figlio apprendono ad accettare la separazione come la sola condizione possibile di continuità. Una continuità malgrado tutto.

Sei d'accordo con Marzia Gandolfi?
VIDEO RECENSIONE
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
venerdì 2 giugno 2017
maumauroma

Ryota in fondo e' un brav' uomo. Certo, non e' riuscito a indirizzare la sua vita in modo coerente, ma non solo per colpa sua. Un tempo scrittore di successo, ora la sua vena creativa si e' inaridita.. Ora si arrabatta a fare l' investigatore privato per conto terzi e a giocare d'azzardo alle corse di ciclismo, per sbarcare il lunario e soprattutto  per dare ogni mese l' [...] Vai alla recensione »

domenica 28 maggio 2017
vanessa zarastro

After the Storm, in orginale, è un film intimista che scava nei rapporti di una famiglia giapponese cresciuta in un appartamento al quarto piano di edifici in linea in una zona periferica di Tokio, verde e tranquilla, lontano dall’affollato e supertecnologico centro urbano. Shinosa Ryota (interpretato dal bravo Hiroshe Abe) è uno scrittore che ha avuto successo con un romanzo autobiogra [...] Vai alla recensione »

martedì 30 maggio 2017
Flyanto

 Ritorna nelle sale cinematografiche il regista giapponese Kore-eda Hirokazu con il film "Ritratto di Famiglia con Tempesta". Dopo i suoi precedenti "Father & Son" e "Little Sister" ecco un'altra storia in ambito familiare, intimistica e molto delicata. Qui si racconta di un padre, separato dalla moglie, che vuole a tutti i costi riallacciare i rapporti con [...] Vai alla recensione »

mercoledì 7 giugno 2017
FabioFeli

Un veloce scambio di battute tra Yoshiko (Kirin Kiki, di recente commovente protagonista de “Le ricette della signora Toku”) e sua figlia in un minuscolo appartamento giapponese rivela che la anziana madre non rimpiange il marito scomparso, un uomo sempre indebitato e costretto a inventare fantasiose menzogne. La radio annuncia l’arrivo dell’ennesimo temporale monsonico e [...] Vai alla recensione »

domenica 4 giugno 2017
LBavassano

 I conoscitori del cinema di Kore-eda Hirokazu, "Father and son", "Little sister", ben sanno come il regista giapponese sia narratore sensibile e partecipe delle dinamiche famigliari, delle complessità dei rapporti genitori-figli innanzitutto, ritrattista attento alle sfumature in cui infinitamente trascolorano i drammi, tutte caratteristiche ben presenti anche in "Ritra [...] Vai alla recensione »

domenica 24 settembre 2017
ROBERT EROICA

Con un futuro ben dietro le spalle, lo scrittore di un unico libro si barcamena come detective privato. Ma non si limita a rintracciare le prove di adulteri e tradimenti, si mette anche a ricattare. E’ separato dalla moglie, che ha una nuova storia con un altro uomo ed è tollerato dalla vecchia madre, che gli rimprovera di non assisterla in modo adeguato dopo la morte del marito.

martedì 1 agosto 2017
Riccardo Tavani

Il tempo ha questa doppia accezione nel linguaggio umano: quello cronologico e quello atmosferico. In entrambi i significati esso sembra sovra determinare la vicenda esistenziale umana. Non possiamo arrestare né il suo scorrere, né il suo scatenarsi tra la terra, il cielo e il mare. Ma il tempo cronologico è invisibile, intangibile, addirittura impensabile, impronunciabile, tanto [...] Vai alla recensione »

venerdì 14 luglio 2017
Luca60

Tanto era bello, commovente, delicato, coinvolgente, appassionato Little sister, il precedente film di questo regista, tanto è vuota questa pellicola. Non è neanche brutto, è noioso (che è anche peggio). Non succede quasi mai che io guardi l'orologio per vedere quanto manca alla fine, ma in questo caso l'ho guardato almeno due - tre volte.

martedì 13 giugno 2017
Vincenzo Valorani

Un processo di maturazione può incepparsi perché esso non procede “senza l’intervento o la partecipazione diretta dell’attenzione o della volontà”, a differenza di quanto avviene nella crescita del fisico (per le parole virgolettate, v. Diz. il Devoto-Oli, voce: “meccanicamente”). Nel film «si tocca con mano» l’«impalpabilit&a [...] Vai alla recensione »

venerdì 2 giugno 2017
Emanuele 1968

Film molto delicato, tanti riflessi, il bimbo, la coppia separata, la nonna, la speranza, i fratelli, i progetti, quante analogie, profondo, nitido, non violento, tutto ben equilibrato, però Hirokazu 90 minuti sono più che sufficienti, personalmente la canzone di coda se leggi i sottotitoli fa commuovere, praticamente ho quasi pianto. In questo film mi rispecchio benissimo sul fatto che [...] Vai alla recensione »

FOCUS
FOCUS
sabato 27 maggio 2017
Emanuele Sacchi

Per un anatomopatologo delle dinamiche familiari come Kore'eda Hirokazu è forse normale che subentri un coinvolgimento personale, un'influenza del proprio vissuto che dia forma alla materia narrativa. Quasi ad accomunarlo ulteriormente a Ozu Yasujiro, gratificando così lo stuolo di critici poco fantasiosi che citano, in ogni occasione, il regista di Viaggio a Tokyo come influenza dominante per il cinquantacinquenne regista di Tokyo.

Ma se la solitudine autoimposta di Ozu gli ha permesso di mantenere il distacco e il rigore di uno sguardo esterno rispetto allo studio delle relazioni familiari, la recente paternità di Kore'eda lo ha spinto a concentrare la propria osservazione su genitori e figli, adottando di volta in volta il punto di vista degli uni e degli altri.

Ryota, personaggio che in apparenza sembra sussumere ogni stereotipo del loser - scrittore fallito, giocatore d'azzardo, detective da strapazzo perennemente indebitato - rappresenta invece un animo duplice, di un non-uomo e di un non-più-bambino: l'ideale per alternare i punti di osservazione all'interno del medesimo personaggio. Il dialogo e il confronto tra padre e figlio si svolge soprattutto interiormente per il protagonista, incompiuto e fallato in ambedue i ruoli: come padre non può rappresentare un esempio, come figlio fatica ad accettare la somiglianza con il proprio genitore. Kore'eda modella così anche il nostro punto di vista, ora tendente alla compassione e alla simpatia verso il più debole degli uomini, ora alla rabbia verso un dissoluto e triste figuro, intento a rovistare tra gli oggetti paterni in cerca di qualcosa di monetizzabile. L'apparente quiete che caratterizza gli ultimi film del regista giapponese cela sconquassi dell'animo, almeno quanto gli agenti atmosferici trasformano una giornata assolata nella furia degli elementi. Un tifone niente affatto imprevedibile, quello al centro di Ritratto di famiglia con tempesta, che infatti Ryota sfrutta per l'estremo, e forse vano, tentativo di riacciuffare il passato. Si è scritto e discusso della relazione con il tempo di Ryota, esplicitata dalla sentenza della madre sull'incapacità degli uomini di vivere il presente, smarriti tra le aspirazioni di un futuro migliore e il rimpianto per un passato impossibile da correggere. Ma è altrettanto efficace e significativo il lavoro che Kore'eda compie sullo spazio in Ritratto di famiglia con tempesta, costringendo in un claustrofobico appartamento i quattro personaggi principali della storia.

INCONTRI
mercoledì 10 maggio 2017
Emanuele Sacchi

Con una distribuzione ormai regolare dei suoi film nelle sale italiane, grazie al lavoro della Tucker Film, Koreeda Hirokazu è divenuto un nome irrinunciabile per il panorama del cinema d'essai sul territorio nostrano. In particolar modo dopo Father and Son, racconto di due famiglie incrociate dal destino. Un sottogenere, lo home drama, di cui Koreeda Hirokazu è maestro indiscusso almeno dal 2008, anno di uscita dello splendido Still Walking. Anche al centro di Ritratto di famiglia con tempesta (meno fantasioso ma più chiaro il titolo internazionale, After the Storm) ci sono rapporti interrotti o problematici tra padri e figli o mariti e mogli.

Nei non detti, in gesti impercettibili o sguardi fugaci, Koreeda esprime la tensione repressa di una famiglia disfunzionale, obbligata a ritrovarsi da un evento atmosferico.

Durante la tappa milanese di promozione del film siamo riusciti a porre alcune domande al regista giapponese.

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
giovedì 1 giugno 2017
Giulia D'Agnolo Vallan
Il Manifesto

«È difficile diventare chi volevi essere» dice, con una traccia di protesta nella voce, Ryota Shinoda a suo figlio Shingo, nell'ultimo film di Hirokazu Kore-eda, Umi Yorimo Mada Fukaku. Un titolo, presentato in prima mondiale a Cannes 2016, nella traduzione italiana diventato Ritratto di famiglia con tempesta ma che - ci dice il press book- in giapponese significa «più profondo del mare», e viene dal [...] Vai alla recensione »

giovedì 25 maggio 2017
Maurizio Acerbi
Il Giornale

Tre generazioni a confronto. Un investigatore fallito, con passato da grande scrittore, ancora innamorato della sua ex, ha un figlio che è il più maturo della famiglia e una madre vedova a cui sottrae anche i pochi soldi. A loro modo, tutti dei perdenti, tra presente e passato, rimpianti e rassegnazione. Hirokazu Kore-eda racconta le loro storie con semplicità e amarezza, ma senza disperazione.

giovedì 25 maggio 2017
Anna Maria Pasetti
Il Fatto Quotidiano

Un giovane padre, marito e scrittore di successo sembra avere il mondo ai suoi piedi finchè qualcosa si rompe e l'effetto domino completa la rovina. A riportare la gerarchia dei valori smarriti è una improvvisa tempesta, garante di un equilibrio ritrovato. Poeta dell'intimità familiare, Kore-Eda sceglie il punto di vista paterno per tratteggiare un nuovo capitolo del rapporto padre-figlio (il riferimento [...] Vai alla recensione »

giovedì 25 maggio 2017
Roberto Nepoti
La Repubblica

Antica quanto la settima arte, negli ultimi anni la cinematografia giapponese non ha espresso personalità a livello del suo glorioso passato. Tra le più interessanti c'è quella di Hirokazu Kore-eda, autore a pieno titolo dalla poetica ben riconoscibile: centrata, soprattutto nelle ultime opere (Father and son, Little sister), sulla famiglia, il rapporto tra presente e passato, i sentimenti individuali [...] Vai alla recensione »

giovedì 25 maggio 2017
Silvio Danese
Quotidiano Nazionale

Quando diciamo di un film "come in un romanzo". Perché? Per l'intensa fusione di ragione e sentimento in personaggi da scoprire fuori e dentro se stessi nel corso di un tempo sufficiente a lasciarci la prova della loro "esistenza in vita", tra desideri, rimpianti, fallimenti, risalite, da leggere nei volti e ascoltare nei silenzi. Conta l'equilibrio delle parti e la chiarezza dei conflitti, e qui siamo [...] Vai alla recensione »

NEWS
VIDEO RECENSIONE
venerdì 26 maggio 2017
 

Ryota, cui presta irresistibile e spavalda goffaggine l'Abe Hiroshi di Thermae Romae, è un loser che sembra uscito dalla penna di Svevo: promessa (non mantenuta) della letteratura, giocatore d'azzardo, investigatore privato per tenersi a galla, ex marito [...]

GUARDA L'INIZIO
martedì 23 maggio 2017
 

Ryota, cui presta irresistibile e spavalda goffaggine l'Abe Hiroshi di Thermae Romae, è un loser che sembra uscito dalla penna di Svevo: promessa (non mantenuta) della letteratura, giocatore d'azzardo, investigatore privato per tenersi a galla, ex marito [...]

CINEMA AND DESIGN
venerdì 19 maggio 2017
Houzz

Ordinata, essenziale, meditativa. La casa giapponese come ce la immaginiamo noi si potrebbe riassumere con questi tre aggettivi. Clichè che però Ryota, il protagonista del film in uscita il 25 maggio Ritratto di famiglia con tempesta (After the Storm) [...]

TRAILER
mercoledì 26 aprile 2017
 

Fino a ieri Ryoto aveva tutto: una consorte, un figlio e un altro romanzo da scrivere dopo aver vinto un premio letterario prestigioso. Poi qualcosa è andato storto, Kyoko gli ha chiesto il divorzio, Shingo lo vede soltanto una volta al mese, il romanzo [...]

POSTER
giovedì 13 aprile 2017
 

Ryota, cui presta irresistibile e spavalda goffaggine l'Abe Hiroshi di Thermae Romae, è un loser che sembra uscito dalla penna di Svevo: promessa (non mantenuta) della letteratura, giocatore d'azzardo, investigatore privato per tenersi a galla, ex marito [...]

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2017 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati