Viaggio a Tokyo

Film 1953 | Drammatico +13 136 min.

Titolo originaleTokyo Monogatari
Anno1953
GenereDrammatico
ProduzioneGiappone
Durata136 minuti
Regia diYasujiro Ozu
AttoriSo Yamamura, Chishû Ryû, Chieko Higashiyama, Kuniko Miyake .
Uscitalunedì 22 giugno 2015
TagDa vedere 1953
DistribuzioneTucker Film
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro 4,92 su 14 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Yasujiro Ozu. Un film Da vedere 1953 con So Yamamura, Chishû Ryû, Chieko Higashiyama, Kuniko Miyake. Titolo originale: Tokyo Monogatari. Genere Drammatico - Giappone, 1953, durata 136 minuti. Uscita cinema lunedì 22 giugno 2015 distribuito da Tucker Film. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 4,92 su 14 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Viaggio a Tokyo tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

L'incomunicabilità tra genitori e figli è la base di questo film del maestro giapponese. In Italia al Box Office Viaggio a Tokyo ha incassato 89,4 mila euro .

Viaggio a Tokyo è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD e Blu-Ray su IBS.it. Compralo subito

Consigliato assolutamente sì!
4,92/5
MYMOVIES 5,00
CRITICA N.D.
PUBBLICO 4,38
ASSOLUTAMENTE SÌ
Una storia semplice che diviene una parabola senza tempo sulle stagioni della vita e sulla generosità d'animo: il capolavoro di Ozu.
Recensione di Emanuele Sacchi
Recensione di Emanuele Sacchi

Shukichi e Tomi, ormai vicini ai settant'anni, decidono di affrontare un lungo viaggio per Tokyo per visitare i propri figli prima che sia troppo tardi. Arrivati alla capitale, l'accoglienza non è quella attesa: sia il primogenito Koichi che la sorella Shige hanno troppi impegni di lavoro e sembrano vivere la presenza degli anziani genitori più come un fastidio che come una gioia. Solo Noriko, vedova da otto anni del secondogenito Shoji, dimostra un sincero affetto per gli ex suoceri, nonostante non ci sia alcun legame di sangue ad unirli.
Si apre con un battello che parte dalla spiaggia, si chiude con un treno che parte dalla stazione, come vogliono incipit ed epilogo di quasi ogni film del cinema della maturità di Ozu Yasujiro. Viaggio a Tokyo, unanimemente considerato il capolavoro del regista - e collocato in tutti o quasi gli elenchi dei cento film più importanti della storia del cinema -, è l'opera in cui il regista giapponese riesce a convogliare tutti i temi portanti della sua filmografia e a contestualizzarli in modo armonioso in un film che resta inimitabile e inarrivabile, a mezzo secolo di distanza, per la sua capacità di aderire ai ritmi, ai gesti, alle azioni della vita stessa, nella sua più schietta quotidianità. Da una trama semplice ma esemplare, tipica di un apologo morale, Ozu estrae un racconto potenzialmente infinito, come i cicli con cui si ripetono le stagioni o come un dipinto su rotoli che si rinnovano in continuazione.
Il contrasto generazionale e il presagio di un cambiamento imminente nel DNA della cultura giapponese (l'occidentalizzazione post-bellica e il distacco dai valori millenari della tradizione) è analizzato attraverso un fatto apparentemente ordinario: il viaggio di una coppia di anziani a Tokyo per visitare i propri figli un'ultima volta, prima che sia troppo tardi. Uno spostamento spaziale che sussume una visione e una consapevolezza temporale (l'inevitabilità della morte) che i figli paiono non possedere, vivendo la visita dei genitori come un evento ordinario, se non un fastidio. Gli elementi che sono centrali nella visione confuciana alla base della cultura giapponese ne escono così trasfigurati: la centralità del lavoro diventa un utile pretesto per evitare di accudire i propri antenati, l'ospitalità un obbligo con cui salvare le apparenze anziché un reale piacere. Noriko, l'unica a ricoprire di affetto i coniugi Hirayama, manifesta i suoi sentimenti senza un secondo fine, senza calcoli o preconcetti, guidata solo dalla propria indole: i confini tra dovere e piacere sono sfumati fino a essere invisibili. In lei vive lo spirito del Giappone che Ozu - che in vita rimase accanto alla madre senza mai sposarsi - vorrebbe veder preservato. Attraverso il dono dell'orologio, fatto da Shukichi a Noriko, che caratterizza l'intenso epilogo, viene sancito il passaggio di testimone all'unico rappresentante delle generazioni future in grado di prefigurare gli eventi e interagire con il corso naturale delle cose, sfuggendo alla prigionia di un eterno presente capace solo di impoverire culturalmente e alienare socialmente. La continuità non è determinata né influenzata dai legami di sangue, che, al contrario, possono fungere da ostacolo, sotto la spinta della necessità di recidere il cordone ombelicale e trovare una propria strada nella vita: in questo senso Ozu mostra una forma di comprensione, o meglio di osservazione imparziale, anche verso lo sgradevole comportamento dei figli di Tomi e Shukichi.
L'atteggiamento contemplativo del regista si traduce in un uso della macchina da presa che diverrà firma inconfondibile: un'inquadratura quasi sempre fissa - solo un movimento di macchina percepibile in tutto il film, orizzontale, per scovare i due anziani seduti davanti a casa di Noriko - e incorniciata da porte e forme geometriche rettangolari, che precede l'ingresso in campo dei personaggi e si sofferma pe un istante anche quando questi sono usciti di scena. È la rivoluzione della semplicità, che passa dal celeberrimo punto di vista del tatami, con la macchina fissa all'altezza di un uomo seduto sulla stuoia, e che consente di rendere bidimensionali i primi piani, volutamente appiattiti dall'inquadratura. L'effetto è di aumentare al massimo la confidenzialità dei personaggi e insieme il lato enigmatico delle loro espressioni: mirabile in questo senso il lavoro di Ryu Chishu (Shukichi), che risponde per dialoghi monosillabici che spesso sottintendono pensieri in realtà opposti. Nei panni di Noriko la straordinaria Hara Setsuko, che regala un'interpretazione ineguagliabile per trasporto emotivo e per la credibilità che infonde a ogni espressione del viso. Mentre il bianco e nero dello straordinario Atsuta Yuharu asseconda l'illuminazione del sole in maniera esemplare, rischiarando a giorno le inquadrature alle terme di Atami o nella soleggiata Onomichi e sottolineando i neri della notte quando gli anziani genitori si ritirano per riposare.
Cinema come balsamo, come lezione per un approccio positivo alla vita, come momento di convivio familiare, come punto di riferimento a cui tornare incessantemente, ogniqualvolta si ritenga di aver smarrito la retta via.

Sei d'accordo con Emanuele Sacchi?
Su MYmovies il Dizionario completo dei film di Laura, Luisa e Morando Morandini

Una coppia di anziani (Ryu, Higashiyama) partono dalla cittadina costiera di Onomichi per Tokyo a far una rara visita ai due figli sposati, un medico (Yamamura) e una parrucchiera (Sugimura), che li trattano come estranei e non hanno tempo di stare con loro. Soltanto una nuora vedova (Hara) si dimostra contenta della loro compagnia. I temi cari a Ozu - l'instabilità della famiglia giapponese dopo la guerra, l'incomunicabilità tra generazioni, l'influenza negativa della vita urbana sui rapporti umani - sono raccontati con un doloroso pudore, una estrema lucidità, un linguaggio di depurata semplicità che ne fanno uno dei suoi capolavori insieme con Tarda primavera e Il gusto del sakè . Importante è il personaggio della nuora che impersona la morale specifica del film, "mostrando che chi ha meno ricevuto è anche chi darà di più" (J. Lourcelles). Da vedere con i figli, specialmente se sono cresciuti.

Tutte le recensioni de ilMorandini
CONSULTALO SUBITO
VIAGGIO A TOKYO
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
Rakuten tv
CHILI
-
-
iTunes
-
-
-
-
Google Play

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€9,99 €9,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
mercoledì 10 aprile 2019
stefano capasso

Una anziana coppia di genitori decide di fare un viaggio a Tokio per andare a trovare i loro fogli. L’età avanzata fa presagire loro che sia necessario salutarli prima che sia troppo tardi. Al termine del lungo viaggio in treno arrivano in casa di uno dei loro figli dove incontrano tutti gli altri radunati per l’occasione. Dopo un primo momento di calda accoglienza per tutti loro [...] Vai alla recensione »

venerdì 25 novembre 2016
Riccardo Tavani

La pellicola è stata restaurata perfettamente, il suo bianco e nero riesce a renderci parte intima dell’immagine, degli ambienti, dell’atmosfera di una storia pur geograficamente e antropologicamente distante dalla nostra sensibilità occidentale. Il regista tedesco Wim Wenders ha dedicato a Ozu un suo film documentario del 1985, Tokyo-Ga, nel quale – oltre a mostrarci [...] Vai alla recensione »

venerdì 16 ottobre 2015
Filippo Catani

Una coppia di anziani genitori decide di coprire il lungo viaggio che li divide dai propri figli che vivono ormai da tempo a Tokyo. Se per loro i genitori saranno quasi un peso non sarà così per la vedova di uno dei loro figli. Film eccezionale del maestro Ozu che colpisce al cuore e commuove. Una coppia anziana giunta ormai al crepuscolo della propria vita e provata da guerre e lutti [...] Vai alla recensione »

martedì 8 settembre 2015
vanessa zarastro

Questo film in bianco e nero è considerato tra i primi tre film più importanti e più belli del Novecento, anzi secondo “Sight & Sound”, la prestigiosa rivista cinematografica britannica,il più bel film dell’intera storia del cinema. La pellicola è del 1953 ma uscì in Italia negli anni ’60, è stata attualmente restaurata ed [...] Vai alla recensione »

mercoledì 18 novembre 2015
marcello1979

Ci sono film e opere d'arte.. Questo rientra nella seconda categoria. I film di Ozu sono capovalori da sempre e questo film l'ho rincorso da tempo. Con fortuna l'ho visto al cinema e questo è un bel regalo di Natale anticipato.. Film senza tempo, luoghi storici e attori perfetti ne fanno di questo film un'icona del grande cinema Giapponese.

mercoledì 31 ottobre 2012
Luca Scialo

Giappone, inizio anni '50. Una coppia di anziani va a trovare i loro tre figli e la moglie di un altro deceduto nella grande e lontana Tokyo. Si accorgono che le loro vite non sono proprio quelle che speravano, ma in fondo, poteva andargli anche peggio.  Commedia amara sul Goappone scombussolato, come tanti altri Paesi, dalla Seconda Guerra Mondiale.

giovedì 20 agosto 2015
maxbcram

Davvero bella la tua recensione, che trovo molto precisa e centrata sui motivi portanti del film e del cinema di Ozu in generale, che amo moltissimo. Apprezzo anche i toni che hai usato, in particolare sottoscrivo parola per parola le osservazioni che hai fatto sulla prova dell’attrice Hara Setsuko: esattamente come hai scritto, una gemma luminosissima in un’opera pressochè perfetta [...] Vai alla recensione »

sabato 14 febbraio 2015
il befe

grande kurosawa

Frasi
La vita è strana. Tu sei stata molto più gentile dei nostri stessi figli. Te ne sono grato.
Shukishi Hirayama (Chishû Ryû)
dal film Viaggio a Tokyo
NEWS
NEWS
giovedì 4 giugno 2015
 

Wim Wenders non ha dubbi: «Mai prima di lui e mai dopo di lui il cinema è stato così prossimo alla sua essenza e al suo scopo ultimo». Parole categoriche, sì, ma ampiamente condivise da tanti altri giganti della scena contemporanea.

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | TIMVISION | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati