Miracolo a Sant'Anna

Acquista su Ibs.it   Dvd Miracolo a Sant'Anna   Blu-Ray Miracolo a Sant'Anna  
Un film di Spike Lee. Con Derek Luke, Michael Ealy, Laz Alonso, Omar Benson Miller, Matteo Sciabordi.
continua»
Titolo originale Miracle at St. Anna. Drammatico, durata 160 min. - USA 2008. - 01 Distribution uscita venerdì 3 ottobre 2008. MYMONETRO Miracolo a Sant'Anna * * - - - valutazione media: 2,28 su 136 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
Consigliato nì!
2,28/5
MYMONETRO®
Indice di gradimento medio del film tra pubblico, critica e dizionari + rapporto incassi/sale (Italia)
 dizionari * * 1/2 - -
 critica * - - - -
 pubblico * * 1/2 - -
Un film drammatico incentrato sulla tragedia dei soldati americani che combatterono contro i tedeschi durante la Seconda Guerra Mondiale nel paesino toscano di Sant'Anna di Stazzema.
Richiedi il passaggio in TV di questo film
Chiudi Cast Scrivi Trailer
primo piano
Rilettura del genere bellico in senso sociale e in memoria del passato
Giancarlo Zappoli     * * * - -
Questo film è disponibile in versione digitale, scopri il miglior prezzo:
TROVASTREAMING

Stati Uniti. Anni '80. In un ufficio postale un impiegato di colore spara a bruciapelo a un utente italoamericano. L'uomo viene arrestato e nella sua abitazione viene trovata la testa di una statua che ornava un ponte di Firenze.
Toscana 1944. Quattro soldati neri americani della 92^ Divisione "Buffalo Soldiers" dell'esercito americano (la quale è interamente composta da militari di colore) vengono isolati dai commilitoni e si ritrovano in un paesino degli Appennini dopo che uno di loro, Train, ha rischiato di morire per salvare Angelo, un bambino italiano. Costretti in quello spazio limitato, con i tedeschi in arrivo e i superiori incapaci di comprendere le dinamiche della situazione i quattro entrano in contatto con la vita degli abitanti del paese e con la guerra partigiana. Hanno però ricevuto un ordine preciso: catturare un soldato tedesco. Chi si attiva per raggiungerli vuole che questo risultato sia conseguito a tutti i costi. C'è un legame tra la statua e quegli uomini.
Spike Lee tenta la sua operazione più spericolata: uscire dai confini statunitensi per tornare a trattare il tema del rapporto bianchi/neri oltreoceano. Lo fa con un film che affronta (a differenza di buona parte del cinema mainstream made in Usa) la difficoltà della complessità. È complessa in questo film la struttura narrativa che vuole fondere la rilettura del genere bellico con la problematica di forte impatto sociale, inserendovi elementi che vanno al di là di quella razionalità, a volte chirurgica, che ha guidato altri film del regista. Ma la complessità si colloca anche altrove e cioè nello sguardo sulle relazioni che stavano (o forse stanno ancora) alla base dei due nuclei sociali.
Da un lato i 4 commilitoni dalla pelle scura, che proprio su quella pelle hanno vissuto in patria discriminazioni che ora vengono superate grazie al bisogno di forze armate da dispiegare in gran numero sul fronte europeo. Si deve cioè tecnicamente verificare se i 'negri' potessero essere utilizzati nella fanteria (oltre che nei battaglioni di lavoro in cui già operavano). Questi 'oggetti' di esperimento potrebbero essere facilmente liquidabili sotto l'etichetta che fa riferimento al colore della loro pelle mentre invece tra di loro le differenze sono profonde. C'è chi percepisce il protrarsi della discriminazione e pensa al futuro dei propri figli e chi vive alla giornata cogliendo ciò che può essere colto. Sopra di loro dei superiori bianchi che perpetuano con loro le stesse relazioni discriminatorie cristallizzatesi in patria. Dall'altra parte lo 'strano' mondo della Toscana con il paesino in cui convivono fascisti visceralmente convinti, donne pronte a sedurre e a farsi sedurre dal 'nuovo' e partigiani. Anche lo sguardo sul mondo dei 'ribelli' non è mai semplice nel film. C'è chi combatte il nemico ma sente sulla coscienza il peso di aver ucciso chi fino a poco prima era un vicino di casa ed ora sta sull'opposta barricata. Gli stessi tedeschi non vengono tratteggiati con le semplicistiche tinte da attribuire al 'nemico' fonte di ogni male ma vedono nelle loro file chi non sopporta l'orrore della violenza bestiale. Per dominare narrativamente questa complessità il film inserisce l'elemento miracolistico di Angelo (un bambino che non può non far pensare a La vita è bella) e, anche se questo ruolo diviene fondamentale per chiudere la vicenda e soprattutto per consentire il tratteggio della figura del 'gigante buono nero' Train, rischia proprio in questo caso di indebolire il tessuto narrativo. Ma quella testa di statua a cui l'oggi offre solo una consistenza di valore patrimoniale, diviene segno di memoria, di secoli di storia, di un passato che gli Stati Uniti non hanno e che forse un po' invidiano a un'Italia che troppo facilmente tende a dimenticare le proprie radici. È un monito che ci giunge da chi ci guarda da lontano e che nel passato ci ha sbrigativamente etichettato come 'mangiaspaghetti': nella memoria del passato sta la forza degli individui e di un popolo.

Stampa in PDF

TROVASTREAMING
MIRACOLO A SANT'ANNA
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD HD+ SD HD HD+
CHILI
Wuaki.tv
-
-
-
iTunes
-
-
-
-
-
-
Google Play
Infinity
Premi e nomination Miracolo a Sant'Anna MYmovies
Miracolo a Sant'Anna recensione dal Dizionario Fumagalli - Cotta
* - - - -

La verità è un'altra

venerdì 3 ottobre 2008 di La Memoria

per tutti quelli che non lo sanno: l'eccidio di Sant'Anna di Stazzema (come molti altri, per esempio Marzabotto,e tante altre..) fu un crimine contro l'umanità commesso dai tedeschi del 16° battaglione "Reichsführer SS" di Walter Reder,il 12 agosto 1944 in complicità con i fascisti locali. I primi di agosto 1944, Sant’Anna di Stazzema era stata qualificata dal comando tedesco “zona bianca”,cioè UNA LOCALITà ADATTA AD ACCOGLIERE SFOLLATI: per questo la popolazione in quell’estate aveva superato continua »

* - - - -

Decisamente inutile

lunedì 23 marzo 2009 di paride86

Questo film "pretende" di raccontare (seppur con molta fantasia, come suggerito all'inizio della storia) la strage di Sant'Anna; in realtà Spike Lee coglie l'(ennesima) occasione per parlare di ciò che gli sta più a cuore, ovvero il tema del meltin' pot e della discriminazione razziale. Il problema è che questo film è davvero brutto. Innanzi tutto è poco realistico (per non dire assurdo) il modo in cui sono concatenati gli eventi: Rodolfo doveva andare proprio in quell'ufficio postale? La continua »

* * * - -

Un grande affresco drammatico e universale

venerdì 10 ottobre 2008 di Medz

"Miracolo a Sant'Anna" è senz'altro un film tra i meglio girati e anche meglio recitati degli ultimi anni; è un film che riporta Spike Lee dietro la macchina da presa ma con la sfida di una storia "tosta" e non totalmente interna alla sua nazione; una sfida che, a mio avviso, il regista statunitense non stravince, ma comunque vince. Lee dimostra dopo 'Inside man' e 'La 25 ora' di essere un regista con un gran talento visivo, un ottimo ritmo di montaggio e un ottimo uso delle musiche che soprattutto continua »

* - - - -

Ma è davvero un film di spike lee?

domenica 19 ottobre 2008 di Paolo T.

Un brutto film. Noioso, senza personaggi a cui affezionarsi o di cui condividere le pene, senza momenti drammatici. Una continua alternanza di spiegoni, gravati per giunta da una ridondanza che denuncia una scarsa convinzione del regista stesso nel progetto. Nessuna tensione. Momenti potenzialmente alti, come il rapporto affettivo tra il soldato religioso e la bella del paese, o quello tra il soldato tonto e il bambino, o quello tra il padre fascista e la figlia simpatizzante dei partigiani, vengono continua »

Non ci sono ancora frasi celebri per questo film. Fai clic qui per aggiungere una frase del film Miracolo a Sant'Anna adesso. »
Shop

DVD | Miracolo a Sant'Anna

Uscita in DVD

Disponibile on line da mercoledì 8 aprile 2009

Cover Dvd Miracolo a Sant'Anna A partire da mercoledì 8 aprile 2009 è disponibile on line e in tutti i negozi il dvd Miracolo a Sant'Anna di Spike Lee con Derek Luke, Michael Ealy, Laz Alonso, Omar Benson Miller. Distribuito da 01 Distribution. Su internet Miracolo a Sant'Anna è acquistabile direttamente on-line su IBS. Sono inoltre disponibili altri DVD in versione speciale del film. altre edizioni »

Prezzo: 6,50 €
Aquista on line il dvd del film Miracolo a Sant'Anna

APPROFONDIMENTI | Il "miracolo" di Lee riflette sull'identità afroamericana e riconcilia due memorie in un passato condiviso.

Inside war

giovedì 2 ottobre 2008 - Marzia Gandolfi

Miracolo a Sant'Anna: Inside war Giusto o no, Spike Lee lo aveva già fatto in Fa la cosa giusta. Aveva detto di "fottersi" alla stella più splendente di Hollywood, a John Wayne, il grande eroe bianco della mitologia nazionale che cavalcava verso la Frontiera, sbarcava in Normandia e interveniva in Vietnam. Lo aveva fatto indirettamente attraverso le parole dei Public Enemy ("Fight the Power"), che urlavano dentro il ghettoblaster di Radio Raheem. La presenza fisica e le proprietà stabilite di John Wayne sono parte integrante del nostro immaginario, è lui l'uomo e l'attore che Hollywood schiera in difesa dei valori democratici, è lui l'eroe di guerra virile e paterno del Giorno più lungo, che apre il nuovo "miracolo" di Spike Lee.

APPROFONDIMENTI | Il nuovo straordinario film di Spike Lee.

Il film

lunedì 29 settembre 2008 - Pressbook

Miracolo a Sant'Anna, il film Miracolo a Sant’Anna è ambientato in Toscana nel 1944. È la storia di quattro soldati neri americani della 92ª Divisione “Buffalo Soldiers” dell’esercito statunitense – interamente composta da militari di colore – che rimangono bloccati in un piccolo paese al di là delle linee nemiche, separati dal resto dell’esercito, dopo che uno di loro ha rischiato la vita per trarre in salvo un bambino italiano. Asserragliati sulle montagne toscane con i tedeschi da un lato ed i superiori americani incapaci di gestire gli eventi dall’altro, i soldati riscoprono una dimenticata umanità tra gli abitanti del paese, insieme ad un gruppo di partigiani e grazie all’innocenza ed al coraggio del bambino italiano, il cui affetto dona loro un segnale di speranza per riuscire ad andare avanti.

INCONTRI | Spike Lee posa lo sguardo su un gruppo di soldati afroamericani impegnato a combattere i nazisti in Italia.

Inno alla memoria storica

lunedì 29 settembre 2008 - Tirza Bonifazi Tognazzi

Miracolo a Sant'Anna: inno alla memoria storica Penso che se questo film colpirà l'immaginario al punto da sollevare delle discussioni sulla storia italiana e su quanto accaduto durante la Seconda Guerra Mondiale è positivo" parola di Spike Lee che con Miracolo a Sant'Anna - tratto dall'omonimo romanzo di James McBride - racconta di un gruppo di soldati afroamericani appartenenti alla 92ª Divisione della Quinta Armata impegnato a combattere i nazisti tra gli altipiani selvaggi e le floride valli della Toscana. Sembrerebbe che la Divisione Buffalo, che ad oggi rappresenta una delle maggiori controversie inerenti al coinvolgimento delle forze militari statunitensi nella Seconda Guerra Mondiale, sia stata tecnicamente un esperimento da parte del Governo per vedere se i cosiddetti "negri" potevano combattere nella fanteria.

Il Miracolo di Spike Lee Ma ha fatto la cosa giusta?

di Boris Sollazzo Liberazione

Spike Lee avrà fatto la cosa giusta? Le polemiche che danzano attorno a lui da quando ha deciso di fare Miracolo a Sant'Anna lo mettono in dubbio da mesi. Nel clima da guerra incivile che c'è in un'Italia ormai spaccata a metà (forse persino in più pezzi), se ti azzardi a dare una visione laica o solo romanzata di un evento storico inerente alla Resistenza, rischi di diventare un discepolo di Giampaolo Pansa. In attesa de Il sangue dei vinti di Michele Soavi, l'Anpi aggiusta il tiro con il regista afroamericano, "reo" di aver riscritto la storia. »

Così Spike Lee si perde nella Toscana del '44

di Valerio Caprara Il Mattino

Imbarazzante. Ecco l'unico aggettivo che può sintetizzare l'incursione di Spike Lee, uno dei più valorosi registi americani, nella Toscana insanguinata del '44. Proprio perché «Miracolo a Sant'Anna» non è tanto un film pessimo, quanto un calderone di tematiche, atmosfere e psicologie che procedono ognuna per suo conto. La delusione riguarda, come è ovvio, soprattutto la sceneggiatura, firmata dallo scrittore e musicista James McBride a partire dal proprio libro: non sappiamo sulla pagina scritta, ma certo nella versione per immagini la dispersione narrativa è clamorosa, il ritmo schizofrenico, i personaggi tratteggiati con l'accetta e gli spunti romanzeschi molto più goffi e implausibili di quelli storico-realistici. »

Spike, la Storia in nero

di Roberto Escobar Il Sole-24 Ore

È assurdo criticare «Miracolo a Sant'Anna» per la sua interpretazione della Resistenza: a Lee interessa la sorte degli afroamericani C'è la Storia, e poi ci sono le storie. E al cinema non occorre che queste si modellino del tutto su quella. Capita così che Spike Lee racconti una storia, e che in parte questa storia si allontani dalla Storia, appunto. O meglio, che introduca in essa un elemento "di fantasia". Che cosa farà lo spettatore? In nome della correttezza storiografica rifiuterà forse Miracolo a Sant'Anna Miracle at St. »

Il mio miracolo italiano

di Cristina tagliabue Il Sole-24 Ore

Ha girato gran parte del suo ultimo film in Versilia. E ha obbligato Valentina Cervi, Lo cascio e Favino a ripassare i classici del neorealismo. Incontro con il regista di Miracle at St. Anna, che sogna Obama presidente e non si separa mai dal telefonino. Per i dieci teschi zeppi di brillanti sulla grossa croce che porta al collo si direbbe più un rapper, che un regista. Ma la coppola bianca e blu, non a coprire calvizie, ridisegna, insieme alle scarpe da ginnastica e la giacca di lino di sartoria, il profilo di cineasta afro-americano che non rinuncia, neppure durante una cena in suo onore, al revolutionary-chic che si è cucito addosso. »

Miracolo a Sant'Anna | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
Pubblico (per gradimento)
  1° | medz
  2° | felix
  3° | paride86
  4° | la memoria
  5° | paolo t.
  6° | aclex1
  7° | jos_d
  8° | rick
  9° | mik
Rassegna stampa
Peter Travers
Approfondimenti
inside war
il film
Trailer
1 | 2 |
Immagini
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17 | 18 | 19 | 20 | 21 | 22 | 23 |
Link esterni
Sito ufficiale
Shop
DVD
Uscita nelle sale
venerdì 3 ottobre 2008
prossimamente al cinema Oggi al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2016 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità