Mi chiamo Sam

Acquista su Ibs.it   Soundtrack Mi chiamo Sam   Dvd Mi chiamo Sam  
Un film di Jessie Nelson. Con Sean Penn, Michelle Pfeiffer, Dianne Wiest, Dakota Fanning, Laura Dern.
continua»
Titolo originale I am Sam. Drammatico, Ratings: Kids+16, durata 132 min. - USA 2001. MYMONETRO Mi chiamo Sam * * * - - valutazione media: 3,41 su 40 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
Consigliato sì!
3,41/5
MYMONETRO®
Indice di gradimento medio del film tra pubblico, critica e dizionari + rapporto incassi/sale (Usa)
 dizionari * * 1/2 - -
 critican.d.
 pubblico * * * 1/2 -
   
   
   
La storia di Sam, un ragazzo ritardato, che lotta, con l'aiuto di un avvocato, per poter tenere con sé la figlia di sette anni.
Richiedi il passaggio in TV di questo film
Chiudi Cast Scrivi Trailer
primo piano
Una storia drammatica rappresentata in chiave sociale ma soprattutto sentimentale
Daniela Azzola     * * * - -

Sam è il padre di una bambina e la sua intelligenza è proprio quella di un bambino di sette anni. Significa che sua figlia, fra poco, sarà più matura di lui. La bimba gli viene tolta dagli assistenti sociali ed è affidata a una famiglia "normale". Ma Sam decide di non arrendersi e di combattere la dura battaglia col sistema per riavere la figlia. Lo aiuterà l'avvocatessa Michelle Pfeiffer, a sua volta madre... provata. Il film non si vergogna di rappresentare la vicenda in chiave sociale ma soprattutto sentimentale. Si sa che questo tipo di ruoli è irresistibile per il cinema. Più volte l'Oscar ha premiato i disabili, da Daniel Day Lewis ( Il mio piede sinistro), a Marlee Matlin ( Figli di un dio minore) a Dustin Hoffman ( Rain Man). Lo stesso Penn ha ottenuto la nomination. Comunque, tutto "già visto".

Stampa in PDF

Premi e nomination Mi chiamo Sam MYmovies
il MORANDINI
Sei d'accordo con la recensione di Daniela Azzola?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
18%
No
82%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico
Premi e nomination Mi chiamo Sam

premi
nomination
Premio Oscar
0
1
* * * * -

Un'altra recensione ridicola...

lunedì 25 marzo 2002 di Fabio Cerullo

Invito chiunque legga a rendersi conto più o meno di quale sia la percentuale di film ai quali vengono assegnate 3 stelle su questo sito. Cito solo alcuni titoli come "Il favoloso mondo di Amelie" e "A beautiful mind". In un panorama cinematografico in cui i bei film sono sempre più rari non dovrebbe essere così difficile riconoscerli, e invece... Andate a vedere questo film. Non sarà originalissimo ma è veramente emozionante e Sean Penn è un mostro di bravura. Non appiattitevi sui giudizi superficiali continua »

* * * * -

Bello e istruttivo!!!

mercoledì 1 febbraio 2006 di Patrick

Non concordo pienamente con la recensione, anche se sotto l'aspetto sociale nella vita reale casi come questi non verrebbero neanche considerati, perche muniti gia di una semplice e scontata soluzione futura per il bene del soggetto in questione. ma il regista è cosciente di tutto questo, perciò vuole mettere in risalto e far vedere al pubblico quello che si prova in quella determinata situazione, sentimento,emozioni,amore, la possibilità di vedere la propria filgia crescere nel modo migliore avvelendosi, continua »

* * * - -

Semplicità, spontaneità, dolcezza.

domenica 5 gennaio 2003 di anorak

E' quanto ha suscitato in me questo film. Mi ha da subito colpito il modo di realizzare le inquadrature, la luce e la musica: si, un bel mix che produce un bellissimo effetto visivo. Poi il film scorre. Un toccante Sean Penn. Una bella bambina che a tratti rischia di essere "troppo brava" per essere credibile. Una Michelle Pfeiffer nei panni dell'avvocato in carriera che scopre di avere un cuore, ma spesso la sceneggiatura gli mette in bocca delle battute scontate, che spingono il film verso la continua »

* * - - -

Prevenuto si ricrede

lunedì 18 giugno 2012 di M.ROMITA

Come promesso ecco il mio commento dopo aver visto il film, passato l'altro giorno su LA7 ( scrivo il 18 giugno 2012 ). Il film ha una impostazione sentimentale ; la classifica di My Movies come  "drammatico"  è sbagliata .  Non può avere pretese di critica sociale perchè è tutto all'acqua di rose ;  i personaggi che interpretano i servizi sociali , nei loro diversi ruoli non sono nè insensibili, nè freddi, nè continua »

sam
I tuoi sogni devono sempre volare alto lucy
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
rita
Credo di aver guadagnato molto più di te in questo rapporto
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
rita
è solo...che non ho mai perso a niente
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Altre frasi celebri del film Mi chiamo Sam oppure Aggiungi una frase
Shop

SOUNDTRACK | Mi chiamo Sam

La colonna sonora del film

Disponibile on line da venerdì 31 maggio 2002

Cover CD Mi chiamo Sam A partire da venerdì 31 maggio 2002 è disponibile on line e in tutti i negozi la colonna sonora del film Mi chiamo Sam del regista. Jessie Nelson Distribuita da V2, il cd è composto da musiche di genere Pop e Rock Internazionale.

di Alessandra Levantesi La Stampa

Sam è quello che si suol definire un ritardato, ovvero un ultratrentenne che possiede la capacità intellettiva di un bambino di sette anni. Un giorno una donna senza scrupoli entra nella sua vita e rapidamente ne esce dopo una gravidanza non voluta lasciandogli a carico la neonata. L´espressione di Sam, con la piccolina tenuta goffamente tra le braccia, quando intuisce l´onere immane e insieme l´immenso dono che il destino gli sta riservando, basterebbe da sola a giustificare la candidatura all´Oscar dell´attore Sean Penn, protagonista di Mi chiamo Sam. »

di Alberto Crespi L'Unità

Non è facile entrare nel mondo di Mi chiamo Sam. Anzi: è doloroso, spiazzante. Quando si vede per la prima volta Sean Penn che parla e si agita come uno spastico, le reazioni possibili sono due. La prima: quello non è un handicappato vero, è un divo di Hollywood che "fa" l'handicappato e questo è disgustoso; la seconda: ok, questa è la stoffa di un handicappato e io non ho alcuna voglia di trascorrere due ore del mio tempo in sua compagnia. La prima reazione è a suo modo giusta e vi avvertiamo fin d'ora; rimarrà, almeno per chi scrive, fino alla fine, fino al punto di condizionare il giudizio sul film. »

di Emanuela Martini Film TV

Si chiama Sam: è un padre affettuoso, attento, giocherellone, ma mentalmente fermo all'infanzia. La sua bambina tra poco sarà più grande di lui. La mamma se n'è andata appena uscita dalla clinica, abbandonandolo alla fermata dell'autobus con il suo fagottino in braccio. E qualcuno si chiede se la bambina, che ha 7 anni, è intelligente e creativa, non dovrebbe essere affidata a un'altra famiglia. Mi chiamo Sam percorre le traversie legali e affettive di un disabile che ha in corpo del genio e una quantità d'amore straripante, lungo la linea della commedia drammatica familiare che affascina il cinema americano indipendente di oggi. »

di Luisella Angiari Duel

I disabili nei film sono quasi sempre delle creature adorabili, ricche di umanità e sentimenti, capaci di dare lezioni di vita ai cosiddetti "normali". Nella realtà le cose vanno un tantino diversamente, ma questo non sfiora Jessie Nelson (già regista di Una moglie per papà e sceneggiatrice di Storia di noi due e Nemiche amiche), che confeziona un prodotto ad alto tasso di sentimentalismo, in cui l'unico elemento sorprendente è la partecipazione di Sean Penn, forse attratto dall'occasione di misurarsi con un personaggio affetto da handicap. »

Mi chiamo Sam | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
Premio Oscar (1)


Articoli & News
Poster e locandine
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 |
Link esterni
Sito ufficiale
Prossimamente al cinema Oggi al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2014 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità