Shining

Film 1980 | Eventi V.M. 14 116 min.

Titolo originaleThe Shining
Anno1980
GenereEventi
ProduzioneUSA
Durata116 minuti
Regia diStanley Kubrick
AttoriJack Nicholson, Shelley Duvall, Danny Lloyd, Scatman Crothers, Barry Nelson, Philip Stone Joe Turkel, Anne Jackson, Tony Burton, Lia Beldam, Billie Gibson, Barry Dennen, Lisa Burns, Louise Burns, David Baxt, Manning Redwood, Lia Beldman, Alison Coleridge.
Uscitamartedì 31 ottobre 2017
TagDa vedere 1980
DistribuzioneNexo Digital
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: V.M. 14
MYmonetro 4,27 su 230 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Stanley Kubrick. Un film Da vedere 1980 con Jack Nicholson, Shelley Duvall, Danny Lloyd, Scatman Crothers, Barry Nelson, Philip Stone. Cast completo Titolo originale: The Shining. Genere Eventi - USA, 1980, durata 116 minuti. Uscita cinema martedì 31 ottobre 2017 distribuito da Nexo Digital. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: V.M. 14 - MYmonetro 4,27 su 230 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi
Shining
tra i tuoi film preferiti.




oppure

Il gran maestro Kubrick fa un tuffo (in perfetto stile) in pieno horror. Jack Nicholson, scrittore in crisi, per ritrovare l'ispirazione accetta un posto di guardiano durante la stagione invernale in un hotel sulle Montagne Rocciose. In Italia al Box Office Shining ha incassato 290 mila euro .

Consigliato assolutamente sì!
4,27/5
MYMOVIES 4,00
CRITICA N.D.
PUBBLICO 4,15
ASSOLUTAMENTE SÌ
Interpretazioni memorabili e scene magistralmente dirette: una perfezione che appaga lo sguardo e certifica un Kubrick in stato di grazia.
Recensione di Rudy Salvagnini
lunedì 25 settembre 2017
Recensione di Rudy Salvagnini
lunedì 25 settembre 2017

Jack Torrance è uno scrittore in crisi in cerca dell'ispirazione perduta. Per trovarla e sbarcare il lunario accetta la proposta di rintanarsi con la famiglia per l'inverno all'interno di un gigantesco e lussuoso albergo, l'Overlook Hotel, solitario in mezzo alle Montagne Rocciose. L'albergo chiude per la stagione invernale e il compito di Jack sarà quello di custodirlo in attesa della riapertura. Nel frattempo, pensa Jack, lui potrà anche lavorare al suo nuovo romanzo. Con lui, la devota mogliettina Wendy e il figlioletto Danny, per nulla entusiasta della prospettiva.

Nel colloquio con chi gli affida il lavoro, Jack viene messo a conoscenza che qualche anno prima proprio in quell'hotel è successo un tremendo fatto di sangue: un precedente custode era impazzito, forse per la solitudine, e aveva sterminato la propria famiglia con un'ascia prima di suicidarsi.

Jack assicura che niente del genere potrà capitare a lui. All'albergo, il giorno della chiusura, Jack riceve le consegne e le istruzioni, Il posto è fantastico e tutto sembra perfetto. Ma Danny comincia a vedere strane cose e l'inverno all'Overlook Hotel sarà molto lungo.
Stanley Kubrick, uno dei pochi autentici geni del cinema, non si è mai preoccupato di "abbassarsi" all'utilizzo del cinema di genere, cogliendo anzi l'occasione del confronto con stilemi e convenzioni stratificate per trarne nuova linfa creativa. E, incidentalmente, magari per rivoluzionare il genere di cui si occupava, come è di certo successo per esempio nel caso della fantascienza e di 2001: Odissea nello spazio.
Con Shining, Kubrick opera in modo non dissimile. Prende un romanzo horror di successo (di Stephen King) e lo interpreta a modo suo andando con geometrica lucidità all'essenza del genere e nello stesso tempo allontanandosene per elaborare un percorso del tutto personale.

Già l'inizio rende l'idea di un maestro del cinema al lavoro, con le riprese aeree, maestose e superbe, a seguire, piccola e insignificante nel contesto di una natura imponente e misteriosa, l'auto di Jack Torrance e famiglia diretta verso il proprio destino. Il resto del film è un susseguirsi di scene magistralmente dirette - e rimaste proverbiali: dalle corse in triciclo nei lunghi corridoi dell'albergo alla fuga nel labirinto, con i morbidi movimenti di macchina a inseguire in modo mirabile e fluido - che spargono un senso di perfezione visuale che sovrasta la stessa vicenda che racconta. Proprio perché non è tanto la storia che qui importa quanto il modo in cui viene raccontata. Forse anche per questo Stephen King non era rimasto particolarmente contento della realizzazione, per le troppe libertà che Kubrick si è preso rispetto al testo. Ma basta vedere la versione diretta da Mick Garris (che King ha apprezzato e sceneggiato) per rendersi conto che non basta la fedeltà a fare un bel film.
La perfezione appaga lo sguardo e certifica un Kubrick in stato di grazia, ma forse raggela un po' la storia e, da un punto di vista propriamente "di genere", riduce la suspense. L'atmosfera inquieta e minacciosa che Kubrick riesce a creare è comunque unica e rende i vari ambienti dell'Overlook Hotel un unico e tortuoso inferno della mente. Sospeso in bilico tra realtà e immaginazione con notevoli spazi di intersezione tra loro che restano inspiegati e confluiscono nella suggestiva fotografia che chiude il film e cattura in modo efficace la sua sostanziale ambiguità, il film si regge, da un punto di vista narrativo, soprattutto sulla indimenticabile figura del protagonista, un uomo pieno di violenza repressa, frustrazione ed egocentrismo, controbilanciato dalla quieta e gentile - ma solo apparente - sottomissione della moglie.

L'interpretazione di Jack Nicholson è sontuosa ed è rimasta negli annali, anche se la sua trasformazione da persona tranquilla ed equilibrata in persona ossessionata dalla propria inadeguatezza è un po' brusca, ma forse è giusto che sia così dato che sin dall'inizio Jack Torrance mostra segni di squilibrio: proprio questo limitato arco psicologico è comunque una delle principali obiezioni che Stephen King ha fatto al film. Non è, quella di Nicholson, un'interpretazione che si può definire "misurata", forse "smisurata" è un termine più appropriato, ma di rado si è visto un attore capace di rendere con maggior efficacia la pazzia e di essere così sinistro e minaccioso anche quando parla in modo apparentemente innocente. Ma anche Shelley Duvall, attrice versata per la commedia e solitamente impiegata in ruoli più leggeri (come in diversi film di Altman), offre una prova di notevole persuasività. Per non parlare dei ruoli di contorno che, come è usuale nei film di Kubrick, sono tutti perfettamente calibrati e interpretati, con l'impagabile Scatman Crothers e l'ineffabile Philip Stone su tutti.

Sei d'accordo con Rudy Salvagnini?
Il tuffo perfetto di Kubrick nell'horror.

Il gran maestro Kubrick fa un tuffo (in perfetto stile) in pieno horror. Jack Nicholson, scrittore in crisi, per ritrovare l'ispirazione accetta un posto di guardiano durante la stagione invernale in un hotel sulle Montagne Rocciose. Ci va con la famiglia (moglie e bambino di sette anni). Ma il posto è tutt'altro che allegro. Non c'è anima viva e inoltre l'albergo è stato teatro (dieci anni prima) di una tragedia: un uomo sterminò la propria famiglia e si suicidò. Lo scrittore sembra subire il fascino malefico del luogo. Al punto da immedesimarsi nel vecchio massacratore e cercare di ripeterne le gesta ai danni dei suoi. Ma non ha fatto i conti con il figlioletto fornito di poteri paranormali.

SHINING
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD HD+ SD HD HD+
Rakuten tv
-
-
TIMVISION
-
-
-
-
CHILI
iTunes
-
-
-
-
-
-
Infinity
Google Play
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
domenica 17 aprile 2011
weachilluminati

The Shining Di stanley kubrick Anno di produzione 1980. Cominciamo  , per chiarezza, da una intervista resa da Stanley Kubrick al Newsweek il 3 gennaio 1972: ”odio che mi si chieda come “funziona un mio film , cosa avevo in mente , e così via .Dal momento che (il cinema )si muove su di un livello non  solo (verbale ), l’ambiguità è invitabile.

domenica 29 agosto 2010
weachilluminati

Dicamo qualcosa di nuovo su questo splendido Shining,tratto liberamente  dal romanzo di Stephen king. Troppe cose si sono dette, alcune condivisibili altre no! Con la sua irraggiungibile visone "illuminata"Stanley Kubrick, il grande regista, ci porta in un viaggio dentro noi stessi , difficile specialmente quando il sienzio e la solitudine dominano espandendo a dismisura il confrorno [...] Vai alla recensione »

sabato 4 febbraio 2017
laurence316

Sicuramente uno dei migliori horror (e thriller) della storia del cinema, Shining, basato sull'omonimo romanzo di Stephen King (da cui, comunque, si discosta non poco), è anche una delle vette del cinema di Kubrick, una tappa fondamentale in quel suo percorso del tutto personale di appropriazione, rinnovamento e sovvertimento dei generi. Perché Shining è un film in cui si travalican [...] Vai alla recensione »

martedì 26 febbraio 2013
Fedson

Stanley Kubrick sperimenta il genere horror con un caposaldo della storia del cinema, diventato uno dei film più paurosi, influenti ed enigmatici di ogni tempo: "The Shining". Ciò che fa il regista non è certo prendere il romanzo direttamente dal genio di Stephen King per darne una versione parallela e cinematografica al pubblico.

martedì 11 gennaio 2011
TizianaStanzani

Shining è stato il film più bello, interessante, coinvolgente e straordinario del suo genere; il genere? Come ogni film del grande Regista, esso compenetra tutti i generi e nessuno, poiché ogni suo capolavoro spazia in ogni angolo del pensiero umano. Al contempo, tutti i suoi film rappresentano la pietra angolare, il trionfo e il compimento di tutti gli stereotipi cinematografici. [...] Vai alla recensione »

mercoledì 15 settembre 2010
chriss

Shining, del maestro Stanley Kubrick, è il miglior film horror di tutti i tempi. Lo considero tale solo dopo aver visionato Rosemary' s Baby (horror psicologico) di Roman Polansky, ingiustamente considerato dai critici il numero uno degli incubi. Mi dispiace per gli amanti di quel film demoniaco, ma Shining unisce, molto più efficacemente di quello, la psicologia all' horror. Vai alla recensione »

venerdì 25 maggio 2012
Jayan

Come Re Mida faceva divenire oro tutto ciò che toccava così Stanley Kubrick, il più grande regista di tutti i tempi, crea capolavori in ogni genere di cinema in cui si cimenta. Dal capolavoro della fantascienza "2001 odissea nello spazio" al capolavoro del film storico "Barry Lyndon" al capolavoro del grottesco "Eyes wide shut" al capolavoro del film [...] Vai alla recensione »

venerdì 30 marzo 2012
KillBillvol2

Sembra impossibile, ma Stanley Kubrick riesce proprio a realizzareun film per ogni genere cinematografico. E così, dopo la fantascienza, il film storico, tocca al film della orrore, e Kubrick fa di questo romanzo di Stephen King un capolavoro della regia, ed il più bel film horror di tutti i tempi. Nicholson, insieme alla moglie e al figlio, si fa assumere come custode in ernale di un [...] Vai alla recensione »

lunedì 2 febbraio 2015
Great Steven

SHINING (USA/GB, 1980) diretto da STANLEY KUBRICK. Interpretato da JACK NICHOLSON, SHELLEY DUVALL, DANNY LLOYD, SCATMAN CROTHERS, BARRY NELSON, PHILIP STONE, JOE TURKEL L’insegnante disoccupato e scrittore fallito Jack Torrance viaggia lungo le Montagne Rocciose, accompagnato dalla moglie e dal figlioletto Daniel detto Doc, alla volta dell’Overlook Hotel, dove gli viene affidato l’inca [...] Vai alla recensione »

domenica 28 agosto 2011
Thulsa Doom

In giovanissima età, quando lo vidi per la prima volta, rimasi letteralmente esterrefatto da questo film, considerandolo per anni il mio horror preferito e l'avrei giudicato di sicuro con il massimo dei voti. Oggi, dopo aver letto il libro, sono costretto a fare un piccolo passo indietro e nel rivederlo, sempre e comunque volontieri, lo reputo ancora ottimamente, ma l'opera cartacea di Stephen King [...] Vai alla recensione »

domenica 20 febbraio 2011
joker 91

Kubrick continua a sfornare capolavori su capolavori cambiando anche in positivo molto dal libro del quale è tratto.le atmosfere, le musiche e gli attori sono perfetti. Jack nicholson è qualcosa di straordinario in ogni film con una mimica facciale che nessun altro attore a quel livello possiede ma bravissimi sono anche il piccolo denny ed la duvall che regalano interpretazioni molto [...] Vai alla recensione »

martedì 3 maggio 2016
angelino67

Un film coerente con il discorso del regista, tratto da un romanzo di chi la pensa in modo assolutamente diverso da lui. Kubrick riteneva che il grande pregio del romanzo di Stephen King - che non riteneva un'opera letteraria seria - fosse il soggetto, perché possedeva un eccezionale equilibrio tra l'elemento psicologico e quello soprannaturale.

domenica 24 febbraio 2013
ShiningEyes

Il romanzo da cui è tratto il film, è uno dei capolavori della letteratura mondiale. Il libro, letto con totale abnegazione e coinvolgimento, riesce a mandarti all'interno degli orrori dell'Overlook Hotel in una maniera che pochi libri sanno fare. Perciò, mi pare logico aspettarsi tanto in un adattamento cinematografico diretto nientedimeno che da Kubrick.

martedì 1 maggio 2012
Paolo Pacitti

Perchè l'uomo ha creato le fiabe? Sono la realtà più vera e profonda, l'espressione di una identità e una cultura? Nell'arcano mistero del futuro (e del passato) vince chi le prende sul serio, ne capisce il valore legato al significato della vita. Il lupo arrogante viene punito dal porcellino. Mentre Danny gioca, Jack è impotente nello scrivere il libro [...] Vai alla recensione »

giovedì 3 novembre 2016
biso 93

Shining e' un film del 1980 diretto sa Stanley Kubrick, tratto dall'omonimo romanzo di Stephen King, interpretato tra gli altri da un fenomenale Jack Nicholson. Shining e' un raro esempio di come talvolta un film puo' essere migliore del libro da cui e' tratto. Shining e' l'idea del genere horror del grande Kubrick che da vita ad un film ipnotico, stilisticamente superbo [...] Vai alla recensione »

venerdì 14 ottobre 2016
paolopace

Con questo film Kubrick ha cercato di unire pubblico e intellettuali come aveva fatto in "2001". Per far questo, doveva realizzare una opera d'arte, quella che, bypassando i superficiali blocchi culturali essa, sia una canzone dei Beatles sia un grande quadro, comunican un linguaggio universale penetrando attraverso il suo contenuto nell'inconscio non facendo differenza tra chi guarda.

giovedì 29 settembre 2016
paolopace

Una nuova esplorazione di Kubrick dello spazio interiore ed esteriore dell'individuo, dove, al progressivo stringersi del tempo e dello spazio convenzionali corrisponde un'espandersi di quelli interiori. La progressiva follia di Jack si manifesta con fenomeni di sdoppiamento nonché della progressiva abolizione dei confino tra l'Io e il mondo, tra l'esperienza individuale e quella collettiva e generazionale [...] Vai alla recensione »

venerdì 16 settembre 2016
paolopace

Una famiglia da cui subito si marca la differenza del rapporto tra madre e figlio e il padre, che Nicholson interpreta con estrema intelligenza e sensibilità, e vera differenza del romanzo di Stephen King, che si è manovrato dalle oscure presenze dell'Overlook, ma è anche dall'inizio un uomo amareggiato e frustrato, che non tarderà troppo a manifestare in modo sempre peggiore il suo odio per il figlio [...] Vai alla recensione »

venerdì 19 agosto 2016
paolino77

Si tratta di un film struggente da qualsiasi punto di vista. Kubrick sviluppa la trama come nessun altro avrebbe potuto fare. La qualità figurativa è una delle maggiori della storia del cinema. Sembra quasi che il regista si annulli nello spingere la tecnica di ripresa ai limiti possibili, ma solo perchè dotato dell'intuito e del talento nella scelta del mezzo (altrimenti il [...] Vai alla recensione »

venerdì 19 agosto 2016
paolino77

Un film che spesso raggiunge vette o profondità tra le più straordinarie non solo della storia del cinema ma della intera storia dell'arte; cosa che si può dire di ogni film kubrickiano, ma che qui porta al culmine, prima del sublime "Eyes Wide Shut", una ambizione ai limiti delle possibilità umane. Lo sperimentalismo, che passa da "2001: Odissea nello spazio" con la sua stanza del Settecento al Settecento [...] Vai alla recensione »

mercoledì 10 agosto 2016
Paolo Vattelappesca

Questo film è una lettura del tempo che è lo spazio dell'Overlook Hotel come lo era la stanza del finale, dopo il viaggio oltre l'infinito, in "2001". Siamo, come già in "Arancia Meccanica", "entrati" nel monolito. "Entrati", perchè secondo le nostre convenzioni spazio-temporali non andiamo da nessuna parte, siamo già morti. E quello di "Shining" è il punto di vista di uno spirito, come appare appena [...] Vai alla recensione »

lunedì 11 luglio 2016
urbano78

"Il cinema è una invenzione senza futuro" dicevano i fratelli Lumiére. E, in un certo senso, questo si addice ai film di Kubrick, che si presentano sotto le apparenze di un cinema di genere, ne fanno un (o il) capolavoro assoluto ma rimangono senza figli, al massimo ne vengono copiati (come ha ammesso Spielberg) nei "trucchi" tecnici, come la sovraesposizione della pellicola, l'aumento dei tempi di [...] Vai alla recensione »

martedì 7 giugno 2016
E. Hyde

Un padre, una madre e un figlioletto di 7 anni che allegramente impazziscono insieme in uno dei film schizofrenicamente più cupi, tristi, deprimenti e insieme umoristici mai fatti. “Shining” descrive il divertimento e l'amore di una madre verso il figlio e viceversa, mentre il padre, che disprezza questa donna-bambina e odia questo figlio più intelligente di lui, che forse ha subito da piccolo quello [...] Vai alla recensione »

mercoledì 27 gennaio 2016
Paolocorsi

Quando 35 anni fa vidi al cinema il film notai come il pubblico si divertisse all'interpretazione di Jack Nicholson; un attore molto amato da Kubrick la cui verve che si ricollega a quella di Peter Sellers in "Lolita" e "Il dottor Stranamore". Kubrick era anche un genio della comicità, una qualità che costituisce un elemento essenziale e spesso sottovalutato dei suoi film.

mercoledì 20 gennaio 2016
attiliocoppa

Questo é un film in cui un padre odia suo figlio. Un film in cui una moglie onesta ma un po' stupida lo striglia solo quando capisce - meglio tardi che mai - che razza di uomo é. Un figlio di cotanti genitori ha dovuto inventarsi un mondo parallelo, personificando con Tony il suo inconscio per sopravvivere al terrore di suo padre ma anche per rimettere sotto il governo della sua precoce intelligenza [...] Vai alla recensione »

mercoledì 20 gennaio 2016
armando78

Come uno spirito Kubrick dirige un film di uno spessore e una densità abissali eppure incredibilmente fluido. Lo stile é realistico, coerentemente con i più convincenti racconti di esperienze paranormali. Il regista modifica, con l'aiuto di Diane Johnson, i personaggi del romanzo di King: il protagonista arriva all'hotel già preparato psicologicamente a uccidere.

venerdì 18 dicembre 2015
jekyll

Se non si accetta una visione tragica della Storia e delle storie, é difficile amare un film di Kubrick. Che anche questo sia un Requiem é chiaro fin dai titoli di testa, con la musica del Dies Irae. Sin dall'inizio si percepisce che qualcosa non funziona. Quella dei Torrance è una famiglia disfunzionale. Jack, insegnante licenziato e scrittore fallito che disprezza la moglie e odia il figlio, arriva [...] Vai alla recensione »

sabato 12 dicembre 2015
jekyll

Shining è un viaggio attraverso l'angoscia, l’orrore e il demoniaco. Tratto dall’omonimo romanzo di Stephen King di cui Kubrick trovò eccezionale il soggetto per l'equilibrio tra l'elemento psicologico e quello soprannaturale, che gli permise di giocare sull'ambiguità dei rapporti tra immaginazione e realtà.

lunedì 30 novembre 2015
Renato C.

Stanley Kubrick non si smentisce mai, sforna capolavori di genere totalmente diversi l'uno dall'altro: da "Orizzonti di gloria" a "Spartacus" da "2001-Odissea nello spazio" ad "Arancia meccanica" e così via! Certo che la volta che decide di fare un horror lo fa veramente terrificante!! E Jack Nicholson è veramente adatto a fare queste parti così versatili! Se ricordiamo a quanto era simpatico in "Qualcuno [...] Vai alla recensione »

lunedì 2 novembre 2015
raysugarK

Nel 1975 dopo che Stanley Kubrick fece Barry Lyndon, voleva lavorare su un progetto che potesse essere ancora una volta filosofica e indimenticabile come i suoi precedenti capolavori 2001 a space Odyssey, A Clockwork Orange e Barry Lyndon. Ma non riuscì a trovare un libro che potesse essere la base della sua prossima pellicola, finché nel 1977 non uscì il terzo Best-seller di Stephen King The Shining. [...] Vai alla recensione »

lunedì 22 giugno 2015
Barolo

Quello che sorprende leggendo i commenti, le recensioni e le notizie  su questo film è che, sembra di capire, all'epoca fu il pomo della discordia tra King e Kubrick e questa diatriba pare sia andata avanti per molto tempo,addirittura king pretendeva di non abbinare il film al  romanzo da cui è tratto.La questione mi pare oziosa,il film è uno dei capolavori di [...] Vai alla recensione »

venerdì 11 ottobre 2013
williamd

Shining, tradotto in italiano "la luccicanza", è il film horror per eccellenza: probabilmente il più visto e conosciuto ed il più pauroso. Tratto dall'omonimo romanzo di Stephen King è un film da cui non riesci a distogliere lo sguardo, che si impossessa di te e ti fa letteralmente rabbrividire... Jack è un uomo sulla quarantina che soffre di alcolismo. [...] Vai alla recensione »

domenica 4 agosto 2013
fufa78

Dico sempre che Shining non fa paura, per lo meno non a me, che potrei guardarlo a mezzanotte e subito dopo andare a letto senza difficoltà. Kubrick ce la mette tutta per raggiungere questo scopo, ma la sua regia e la sua interpretazione della storia, così lucide e lineari, ne fanno sì un bel film, interpretato a meraviglia dai tre ottimi attori, ma non ne fanno un horror capace [...] Vai alla recensione »

venerdì 19 luglio 2013
paolopacitti

Lo shining del bambino è la lucidità opposta alla follia. Jack invece rappresenta il mostruoso incremento progressivo di tutti gli istinti esorcizzati dalla civiltà: l'uomo che viene travolto dalla violenza. Un colpo da maestro è quando Wendy vede allo specchio la scritta MURDER (capovolto di REDRUM, un messaggio, in quanto rovesciato, satanico).

domenica 30 giugno 2013
Hitman97

Un perfetto Capolavoro. Cosi va considerato un film come Shining. Stanley Kubrick, o meglio chiamarlo "IL Maestro del Vero Cinema", dirige un thriller psicologico angosciante e introspettivo che indaga sulla psiche umana tramite una follia resa più che mai credibile. Ovviamente in un Grande film ci sono anche grandi attori... ed ecco che per il ruolo del protagonista spunta un impeccabile [...] Vai alla recensione »

giovedì 2 maggio 2013
jacopo b98

 Jack Torrance (Nicholson), scrittore fallito, va, con la moglie Wendy (Duvall) e il figlioletto Danny (Lloyd), a fare il guardiano invernale all’Overlook Hotel, sulle montagne rocciose. Si capisce subito che Danny è dotato di un potere soprannaturale; la luccicanza (lo shining), che gli permette di vedere eventi che devono ancora accadere o che sono già accaduti; e nell’alber [...] Vai alla recensione »

mercoledì 19 settembre 2012
Dreammaster

se ogni film di kubrik è un capolavoro, bhè penso che shining sia uno dei thriller/horror più riusciti di sempre. 5 mesi in uno sperduto albergo del colorado impregnato da malvage entità legate al passato tragico del luogo, porteranno jack a una follia omicida che degenera parallelamente al collasso temporale ottimamente reso da kubrik.

giovedì 26 aprile 2012
Paolo Pacitti

Probabilmente il film di Kubrick più denso da un punto di vista filosofico. Esso mostra diverse forme di schizofrenia, che Kubrick considerava rivelatrici, destinate ad andare in conflitto tra di loro. Il racconto infrange le barriere spazio-temporali, passa per il medioevo e fasi di pre-civiltà (o di altre civiltà) fino alla metempsicosi nel passato (preesistenza).

lunedì 23 aprile 2012
Paolo Pacitti

SHINING sembra diretto da un extraterrestre. L'uso della steadycam fluttuante è la cifra stilistica principale del film, che inventa un classico nella scena di Danny sul triciclo. Apparentemente scarno, il film è densissimo e permette le più diverse angolazioni e livelli di lettura (da quella storica, con Jack appartenente da sempre a quella comunità cui Wendy e Danny [...] Vai alla recensione »

venerdì 16 marzo 2012
Paolo Pacitti

Si viene e va da altri film (ad esempio da LOLITA, un film segretamente molto imparentato con SHINING). Il film è strutturato in modo da ingannare la logica e la razionalità, che è inadeguata rispetto a un'altro universo. Un'entropia sottolineata dalla musica. Siamo nell'ignoto, con apparizioni di in un'ordine superiore che governa innanzitutto chi si illude di [...] Vai alla recensione »

lunedì 27 febbraio 2012
Paolo Pacitti

Dopo “2001” un'altro viaggio verso l'ignoto: la mente umana e la sua follia. Viaggio scioccante nel profondo degli abissi della mente umana, (il top probabilmente le scene in cui Danny corre sul suo triciclo lungo i corridoi dell'hotel maledetto e vede apparire le figlie del precedente custode che lo invitano a giocare con loro).

sabato 31 dicembre 2011
DANTOCO 96

Shining(“The shining”,letteralmente “La luccicanza”)questo il titolo di una delle pietre miliari della cinematografia mondiale,firmata(anzi “incisa”)Stanley Kubrick. Il film è tratto dall’omonimo romanzo del 1977 di Stephen King(anche se la pellicola è del 1980),è diretto da un maestro della “settima arte”quale Stanley Kubrick ed infine recitato da un cast di attori decisamente azzeccato, tra i quali [...] Vai alla recensione »

martedì 29 novembre 2011
Paolo Pacitti

Dopo l'insuccesso di "Barry Lyndon" ("Possibile che la Warner Bros sia così stupida da non capire la lezione e lasciar fare a Kubrick questo film?" -scrisse "Variety"-) e secono alcuni invidioso del successo de "L'esorcista" (che era stato in predicato di dirigere), Kubrick si accinse, nel suo stile di visitazione dei generi, alla riduzione del [...] Vai alla recensione »

venerdì 31 dicembre 2010
Frz94

 Jack Torrance, insieme alla moglie Wendy e al figlioletto Danny, decide di recarsi all’Overlook Hotel, un albergo isolato e montano, poiché era riuscito ad ottenere il lavoro di custode invernale, una mansione solitaria e poco appagante, accettata da Jack in quanto desiderava tranquillità per la realizzazione del suo nuovo libro.

mercoledì 8 settembre 2010
joker 91

uno dei tanti film capolavoro del grandissimo stanley kubrick che rilegge in modo personale il libro di king facendone venire fuori un capolavoro. Nicholson ai massimi della sua pazzesca carriera con un personaggio creato apposta per lui ed una duvall da non sottovalutare perchè bravissima,un vero horror psicologico diverso dal pattume horror movie di oggi,be che dire ancora un nicholson pazzesco [...] Vai alla recensione »

sabato 25 gennaio 2014
angeloducci

Il film non film, pezzo d arte e di subconscia rivelazione, si svolge e crea vari livelli di comprensione per il pubblico, l intero pubblico, dal piu' ignorante al piu' colto, dal piu' dormiente al piu' sveglio, l arte non è arte se non viene compresa da tutti, potrei dire, ma la verità è che l arte non è arte se non suscita qualcosa, un sussulto, una smorfia, [...] Vai alla recensione »

venerdì 18 ottobre 2013
Topo Paolino

Jack dà segni di confusione mentale fin dall'inizio. Sembra essere sempre stato nell'hotel, a livello se non sovrannaturale spirituale, e al contrario del figlio e della moglie venendo a contatto con i propri fantasmi non riesce a trovare una via di fuga. Il bambino, dove più forte è l'attività dell'inconscio, può vedere nel futuro o nel passato, [...] Vai alla recensione »

mercoledì 16 ottobre 2013
LorenzoMeloni

The shining è la personalissima (e ciononostante immediatamente cult, classica, imitatissima, presa a modello per cinefili da strapazzo) prospettiva sul genere horror di uno degli autori di cinema più eclettici, anticonvenzionali ed ironici di sempre. Kubrick, fedele alla sua consolidata politica di adattamento di opere letterarie, sceglie per l'occasione un non eccelso racconto di [...] Vai alla recensione »

venerdì 9 dicembre 2011
Paolo Pacitti

Decifrare questo film pone più di un problema. Kubrick ha sempre stimato che il cinema si rivolga più al subconscio che all'intelletto. Considerato come film horror, "Shining" è perfino troppo programmato per i canoni del genere. Già il nome dell'albergo riassume i vari tipi di rapporto con possibili fantasmi (la superiorità, l'invisibilità, la noncuranza, la ricerca, i poteri paranormali).

giovedì 30 dicembre 2010
MasterCinema

Basta dire il titolo, e molti saprebbero che stanno per assistere alla paura racchiusa in un film. Ma una paura generata non da scene forti, crude, ma dalla tensione. Chi non la prova osservando da dietro il treciclo che percorre i vasti corridoi dell'Overlook Hotel? Chi non si sente teso di fronte alle inquietanti inquadrature e alle musiche di Wendy Carlos? La risposta? Nessuno.

Frasi
Jack: Mister Grady, noi due ci siamo mai visti prima?
Grady: No Sir, credo proprio di no.
Jack: Ehm, mister Grady... ma lei non era il custode di questo albergo?
Grady: Ma no Sir, non mi pare proprio.
Jack: Lei è sposato non è vero, mister Grady?
Grady: Certo Sir, ho moglie e due figlie Sir.
Jack: E... dove sono ora?
Grady: Oh, da qualche parte, al momento dove non saprei, Sir.
Jack: Mister Grady? Lei faceva il custode qui... io l' ho riconosciuta, ho visto su dei giornali la sua fotografia, lei ha... fatto a pezzi moglie e figlie... piccolissimi pezzi, e poi si è sparato al cervello.
Grady: È strano Sir... molto, è una cosa che non ricordo affatto.
Jack: Mister Grady... io so che é il custode dell' albergo...
Grady: Mi dispiace di doverla contraddire, ma é lei il custode dell' albergo, è sempre stato lei il custode, io lo so perché io sono qui da sempre…
Dialogo tra Jack Torrance (Jack Nicholson) - Grady (Philip Stone)
dal film Shining
Sono il lupo cattivo!
(Heeere's Johnny!)
Frase scelta da 1500 addetti ai lavori dell'American Film Institute come la numero 68 tra le 100 migliori citazioni cinematografiche di tutti i tempi tratte da film di produzione USA
Una frase di Jack Torrance (Jack Nicholson)
dal film Shining
Wendy, amore, sono a casa…
Una frase di Jack Torrance (Jack Nicholson)
dal film Shining - a cura di merlyn
Wendy dammi la mazza…
Una frase di Jack Torrance (Jack Nicholson)
dal film Shining - a cura di valentina
Ti chiedo solo cinque minuti per pensare.
Tu hai avuto tempo tutta la tua porca vita per pensarci sopra. A cosa vuoi che ti servano altri cinque minuti, ora?
Stammi lontano! [...] Wendy, tesoro, luce della mia vita! Non ti farò niente. Solo che devi lasciarmi finire la frase. Ho detto che non ti farò niente. Soltanto, quella testa te la spacco in due, quella tua testolina te la faccio a pezzi!
Dialogo tra Jack Torrance (Jack Nicholson) - Wendy Torrance (Shelley Duvall)
dal film Shining
Il mattino ha l'oro in bocca.
Una frase di Jack Torrance (Jack Nicholson)
dal film Shining
Ciao, Danny. Vieni a giocare con noi? Vieni a giocare con noi, Danny? Per sempre... per sempre... per sempre.
Una frase di Grady (Philip Stone)
dal film Shining
Redrum...
Una frase di Danny (Danny Lloyd)
dal film Shining
Toc toc! C'è qualcuno?? E' arrivato il lupo cattivo..!!
Una frase di Jack Torrance (Jack Nicholson)
dal film Shining
Wendy: Ciao tesoro…come sta andando?
Jack: Bene.
Wendy: Fatto un gran lavoro oggi?
Jack: (con sguardo omicida) Certo.
Wendy: Ehi alla televisione dicono che nevicherà.
Jack: E io che cosa dovrei farci Wendi?
Wendy: O andiamo tesoro come sei scontroso oggi.
Jack: Ti prego non sono affatto scontroso e' solo che dovrei finire il mio lavoro.
Wendy: Ok non ti darò fastidio torno fra poco con un paio di sandwich… che ne dici? E magari poi mi fai leggere qualcosa.
Jack: Wendi forse è bene che tu sappia che quando vieni da queste parti mi interrompi e mi fai perdere la concentrazione mi distrai capisci e mi ci vuole un casino di tempo prima che io riesca a ritrovare il filo! Sono chiaro?
Dialogo tra Jack Torrance (Jack Nicholson) - Wendy Torrance (Shelley Duvall)
dal film Shining - a cura di vivi
Insomma io le mani addosso non gliele ho mai messe...non l'ho toccato...io quella sua dolce testolina santa non la toccherei nemmeno con un dito...io lo amo quel mio figlietto di puttana...eheh...io farei qualsiasi cosa per lui...qualsiasi fottuta cosa per lui...quella stronza...io sò che finche vivrò,lei farà tutto il possibile perchè io non dimentichi...io gli ho fatto male una volta ok?...ma è stato un incidente...senza nessuna intenzione...non l'ho fatto mica apposta...insomma è stato tre maledetti anni fà...quello stronzino aveva buttato per aria tutti i miei fogli di carta, allora io gli ho preso un braccio l'ho tirato via...è stata una mancata coordinazione muscolare nient'altro...soltanto qualche chilogrammo di energia in più per secondo per secondo...
Una frase di Jack Torrance (Jack Nicholson)
dal film Shining - a cura di moviemaniac
Volevo dire: io, le mani addosso, non gliele ho messe, non lo toccato. Io, quella piccola santa testolina, non la toccherei neanche con un dito: io lo amo, quel mio figlietto di puttana! AHAHAH
Una frase di Jack Torrance (Jack Nicholson)
dal film Shining
Dammi la mazza Wendi!
Una frase di Jack Torrance (Jack Nicholson)
dal film Shining - a cura di vivi
"Tanto lavoro e poco divertimento rendono Jack un ragazzo annoiato" (nella versione originale)
Una frase di Jack Torrance (Jack Nicholson)
dal film Shining - a cura di RICHI
"Tutto lavoro e niente svago rendono Jack un cattivo ragazzo!"
Una frase di Jack Torrance (Jack Nicholson)
dal film Shining - a cura di Paolo
Wendy? è arrivato il lupo cattivo!
Una frase di Jack Torrance (Jack Nicholson)
dal film Shining - a cura di roberto
Sono il lupo cattivo!
In originale: Here's Johnny!
Una frase di Jack Torrance (Jack Nicholson)
dal film Shining - a cura di Fede90
Sono il lupo cattivooo!
Una frase di Jack Torrance (Jack Nicholson)
dal film Shining - a cura di stefi
Sono il lupo cattivo!
Jack Torrance (Jack Nicholson)
dal film Shining - a cura di Leonardo
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Stefano Reggiani

Una piccola macchina che s'arrampica lungo le valli; intorno le montagne, la solitudine, e il silenzio. E poi un grande albergo che ha finito la stagione turistica e si svuota rapidamente, i clienti sono già partiti, il personale si affretta a fare le valigie. Si aspettano solo i custodi del lungo letargo, la famiglia che verrà ad abitare l'albergo con centinaia di stanze, quella che s'arrampica con [...] Vai alla recensione »

Tullio Kezich
Il Corriere della Sera

Il film Shining (1980) è un tradizionale terreno di scontro fra due sette integraliste, i Kinghiani e Kubrickiani. Da una parte c’è chi sostiene che il romanzo di Stephen King, originariamente uscito in Italia con il titolo Una splendida festa di morte, nelle sue quasi 500 pagine è un capolavoro intoccabile; dall’altra i fautori di Stanley Kubrick affermano che il film, per lo smalto dello stile e [...] Vai alla recensione »

Giovanni Grazzini
Il Corriere della Sera

I dispettosi che vogliono applicare al Natale la legge dei contrari sanno cosa fare: rispondono alla festa della speranza con la sagra del pessimismo. Vanno a vedere Shining e subito dopo si sparano. Chi ancora avesse serbato un briciolo di fiducia nella ragione dell'uomo, supponendola capace di dirigere il traffico dell'inconscio, verrebbe infatti subito convinto da Stanley Kubrick che pesta acqua [...] Vai alla recensione »

Tullio Kezich
Il Corriere della Sera

Dal romanzo di Stephen King intitolato in italiano Una splendida festa di morte (Sonzogno), Kubrick ha preso lo spunto per uno spettacolo multimiliardario che dovrebbe essere «the ultimate horror movie», cioè la parola definitiva nel campo del film dell’orrore. Jack Nicholson accetta l’incarico di guardiano d’inverno dell’Overlook Hotel sulle montagne del Colorado, ma fin dall’inizio sospettiamo che [...] Vai alla recensione »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2017 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati