•  
  •  
Apri le opzioni

Eleonora Brigliadori

Eleonora Brigliadori è un'attrice italiana, è nata il 18 febbraio 1960 a Milano (Italia). Eleonora Brigliadori ha oggi 63 anni ed è del segno zodiacale Acquario.

Da mezzobusto alla commedia per finire con la tv

A cura di Giuseppe De Marco

Eleonora Brigliadori è nata a Milano il 18 febbraio 1960 da padre milanese e madre triestina.
Nei primi anni '80 comincia a lavorare come modella, poi ha le prime esperienze televisive con Portobello di Enzo Tortora, poi il Teatro, lo sceneggiato RAI con De Bosio, e finalmente diventa il volto ufficiale nonché annunciatrice di Canale 5, canale principale del gruppo Fininvest per venire poi sostituita nel 1984 da Fiorella Pierobon. Fa il suo debutto sul grande schermo nel 1983 ne I guerrieri dell'anno 2072 per la regia di Lucio Fulci. Strano caso di fantascienza italiana degli anni Ottanta in cui la Terra è completamente controllata dalla televisione, così che le principali reti si fanno una guerra spietata pur di assicurarsi la massima audience. Arrivano al punto di organizzare una lotta di gladiatori scelti tra i condannati a morte. Nel 1985 diretta da Sergio Corbucci sarà la protagonista femminile di Sono un fenomeno paranormale. Il film è la storia di un giornalista interpretato da Alberto Sordi che, di ritorno da un viaggio in India, scopre appunto di essere dotato di poteri paranormali.
Nel 1987 arriva il successo di Rimini Rimini. Diretto da Sergio Corbucci, il film è un intreccio di storie in cui la Brigliadori interpreta la parte di Liliana, una giovane signora che viene spinta da un'amica a provare avventure virili (tra cui un culturista, che pensa solo ai propri muscoli), e finisce invece sedotta e ricattata dal figlio dodicenne dell'amica. La pellicola restò nell'immaginario del pubblico italiano soprattutto per la parodia di Nove settimane e mezzo a opera di Paolo Villaggio e di Serena Grandi. Nel 1988 prende parte alla produzione dello sceneggiato per la televisione La coscienza di Zeno diretto da Sandro Bolchi con la sceneggiatura di Dante Guardamagna e Tullio Kezich. Il telefilm riscuote un buon successo e la prova del cast viene apprezzata con una Brigliadori davvero convincente nel ruolo di Ada Malfenti al fianco di Johnny Dorelli nella parte di Zeno Cosini. Nel 1989 sarà la protagonista de La cintura, storia di una ragazza che dopo aver subito dei traumi infantili ha bisogno di essere picchiata per riuscire ad amare. Un softcore italiano diretto da Giuliana Gamba e ispirato a una commedia di Alberto Moravia, piuttosto ambizioso e non del tutto riuscito con una Brigliadori che si presta a pratiche sadomaso: la sfortuna vorrà che più che per la sua interpretazione questa pellicola sarà ricordata per le polemiche che suscitò e perché costò alla Brigliadori la conduzione dello Zecchino d'oro (gli autori giudicarono infatti intollerabile che la sua immagine fosse legata a quella dei bambini dopo un ruolo così estremo).
A partire dagli anni Novanta la Brigliadori inizia a far parte di numerosi sceneggiati per la televisione con alterna fortuna. Decisamente da segnalare sono i tre episodi (Delitti imperfetti, Cherchez la femme e Villa Maltraversi) riuniti sotto il titolo Tre passi nel delitto andato in onda nel 1993 con una buona media di ascolti. Tre anni dopo farà parte della miniserie Senza cuore trasmessa da Raiuno e nel 1998 sarà nuovamente la volta di una miniserie in tre puntate, Provincia segreta. Nel 2001 Silvano Agosti la sceglie come protagonista del suo La ragion pura e per la Brigliadori è una delle occasioni migliori di tutta la carriera. La storia è quella di un marito e una moglie che, dopo quindici anni di matrimonio, vivono ormai senza passione. In modo del tutto inaspettato la coppia vive una nuova e intensa passione: la Brigliadori offre un'interpretazione al fianco di Franco Nero con cui forma una coppia affiatata e sensuale. Ritorna al cinema, quello vero, quello che conta, nel 2006 per Notte prima degli esami, pellicola che riscuote un grande successo di pubblico e di critica. La storia è quella di un gruppo di amici che nell'estate del 1989 si prepara a sostenere l'esame di maturità, la Brigliadori interpreta la mamma di Simona, una delle studentesse che si portano dietro un pesante groviglio emotivo. Il film vince il David di Donatello per il miglior regista esordiente (Fausto Brizzi) e per la Brigliadori è il trampolino di lancio (a quarantasei anni...) per un altro ruolo sul grande schermo: diretta da Claudio Malaponti farà parte del cast di 7 km da Gerusalemme. È la storia di Alessandro Forte, un pubblicitario in profonda crisi che non solo ha perso il lavoro ma è stato anche abbandonato dalla moglie. E da questa situazione drammatica seguirà un incontro con Gesù. Alla Brigliadori mancava una produzione così importante e ambiziosa: affiancata da un cast di attori italiani molto noti (Luca Ward, Rosalinda Celentano e Alessandro Haber su tutti) in questa pellicola dimostra di saper fare ancora la cosa per cui fin da ragazza ha studiato, recitare.

Ultimi film

Fantastico, (Italia - 2006), 108 min.
Commedia, (Italia - 2001), 83 min.
Commedia, (Italia - 1990), 100 min.
Drammatico, (Italia - 1989), 95 min.
Farsesco, (Italia - 1987), 114 min.
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | Serie TV | Dvd | Stasera in Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | TROVASTREAMING
Copyright© 2000 - 2023 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati