•  
  •  
Apri le opzioni

David Doyle

David Doyle (David Fitzgerald Doyle) è un attore statunitense, è nato il 1 dicembre 1929 ad Omaha, Nebraska (USA) ed è morto il 26 febbraio 1997 all'età di 67 anni a Los Angeles, California (USA).

Bosley e gli Angeli

A cura di Fabio Secchi Frau

La televisione statunitense è stata veicolo della sua grande, multiforme e fortunata fama. David Doyle ha spaziato ecletticamente in vari generi cinematografici prima di approdare sul piccolo schermo, in un ruolo che ha segnato profondamente la sua esistenza: quello del raffinato e divertente segretario Bosley, assistente del venerato capo Charlie e del trio di investigatrici denominate "gli Angeli".

Doveva essere un magistrato
Nato e cresciuto in Nebraska in una famiglia benestante (suo nonno era un banchiere molto ricco), figlio di un noto magistrato locale, cresce assieme a suo fratello (che diventerà anche lui un magistrato seguendo le orme paterne) e a una sorella, Mary Doyle, che invece diventerà un'attrice. Dopo aver frequentato la Chatedral School di Lincoln, a soli 6 anni, comincia già a recitare in piccoli spettacoli messi in scena dalla compagnia teatrale di Omaha, mentre a 10 riesce a ottenere un ruolo in uno spettacolo più serio e professionale come "Vita col padre". Passano gli anni, passa anche la sua adolescenza liceale alla gesuita Campion High School, è il 1945, la recitazione viene considerata dalla sua famiglia un mero hobby ed entrambi i genitori sperano per lui in un futuro che ricalchi quello del padre e quindi la tradizione di famiglia. Per questo, Doyle si iscrive alla facoltà di legge dell'Università del Nebraska (il suo compagno di studi sarà Johnny Carson) e sarà un grande scandalo quando, nonostante i buoni voti e la carriera universitaria di successo, Doyle pianterà tutto per il Dipartimento di Teatro, trasferendosi poi a New York per recitare in produzioni broadwayane. Il primo successo lo investe quando deve sostituire Walter Matthau nella commedia "Will Success Spoil Rock Hunter?" (1956). Il 1956 è anche l'anno del suo matrimonio con la moglie Rachel, che però disgraziatamente muore nel 1968, in seguito a una caduta accidentale dalle scale. Così nel 1969, quando è ancora a Broadway a recitare ne "South Pacific", incontra l'attrice Anne Nathan e sarà di nuovo amore. Infatti, i due convoleranno a nozze l'11 gennaio 1969, rimanendo insieme fino alla morte di lui.

Il debutto cinematografico
Il debutto cinematografico è invece segnato nel 1959, quando Doyle farà un'apparizione nel film di David Miller Divieto d'amore con David Niven. Successivamente, si sposterà in California, dove comincia le sue esperienze televisive in telefilm come Car 54, Where Are You? (1962-1963), General Electric Theater (1962) con Walter Matthau e Le cause dell'avvocato O'Brien (1965).

Attore prediletto di Stuart Rosenberg
Attore prediletto del regista Stuart Rosenberg, arricchisce la propria filmografia di titoli come: Non si maltrattano così le signore (1968) con Rod Steiger; Sento che mi sta succedendo qualcosa (1969) con Jack Lemmon e Catherine Deneuve; Piccioni (1970); La mortadella (1971) di Mario Monicelli con Sophia Loren e una giovanissima Susan Sarandon; È ricca, la sposo, l'ammazzo (1971) ancora con Matthau; Phil il diritto (1971); Un nuovo anno, un nuovo amore (1974); Squadra d'assalto antirapina (1976) con Kris Kristofferson; My Boys Are Good Boys (1978) con Ida Lupino; Capricorn One (1978) e Chi vive in quella casa? (1978).

Telefilm
Molto più corposi i suoi impegni sul piccolo schermo partecipando a: Cade's Country (1971) con Glenn Ford; The Doris Day Show (1971) con Doris Day; Hawaii Squadra Cinque Zero (1972); Banacek (1973); la serie Bridget Loves Bernie (1972-1973); La costola di Adamo (1973); Love, American Style (1973); Arcibaldo (1974); Petrocelli (1974); Kojak (1974); Sanford and Son (1975); Sulle strade della California (1974-1975) ed Ellery Queen (1975).

Il successo nella serie Charlie's Angels
Ma il successo più grande di tutta la sua carriera, nonché il ruolo che per sempre lo legherà alla storia del piccolo schermo, sarà quello di John Bosley, segretario e factotum del misterioso Charlie (John Forsythe) ed esecutore materiale dei suoi ordini verso le mitiche Charlie's Angels (1976-1981), un trio di bellissime e diverse investigatrici private con i volti di Jaclyn Smith, Cheryl Ladd e Kate Jackson (le tre che sono comparse di più negli episodi). Il ruolo di Bosley gli permetterà di essere nominato ai Golden Globe e agli Emmy Awards come miglior attore non protagonista, sfortunatamente senza vincere nulla. Sempre per rimanere nel tubo catodico, Doyle reciterà anche ne: Fantasilandia (1978-1983); Love Boat (1978-1985); Cuore e batticuore (1981); The Blue and the Gray (1982) con Gregory Peck; La signora in giallo (1985); General Hospital (1986-1987); Giochi di prestigio (1991) e Lois & Clark - Le nuove avventure di Superman (1996).

Il lavoro di doppiatore e la morte
Altri film cui ha partecipato sono La chiave del successo (1990) e Le ali del successo (1990) con Peter O'Toole, ma Doyle intraprese nell'ultimo periodo della sua carriera anche il lavoro di doppiatore di cartoni animati: Foofur (1986); TaleSpin (1990); Sonic (1993) e Rugrats (1991-1998). Nel 1997, il 26 febbraio, muore a Los Angeles per un attacco cardiaco.

Ultimi film

Fantascienza, (USA - 1978), 124 min.
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | Serie TV | Dvd | Stasera in Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | TROVASTREAMING
Copyright© 2000 - 2022 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati