The Hunt

Film 2020 | Azione, Horror, Thriller, +13 90 min.

Titolo originaleThe Hunt
Anno2020
GenereAzione, Horror, Thriller,
ProduzioneUSA
Durata90 minuti
Regia diCraig Zobel
AttoriBetty Gilpin, Emma Roberts, Justin Hartley, Ike Barinholtz, Glenn Howerton Amy Madigan, Macon Blair, Teri Wyble, Alexander Babara, Steve Coulter, Wayne Duvall, Sturgill Simpson, J.C. MacKenzie, Reed Birney, Hans Marrero, Juan Gaspard, Jim Klock, Sylvia Grace Crim, Dean J. West.
DistribuzioneUniversal Pictures
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro Valutazione: 2,50 Stelle, sulla base di 3 recensioni.

Regia di Craig Zobel. Un film con Betty Gilpin, Emma Roberts, Justin Hartley, Ike Barinholtz, Glenn Howerton. Cast completo Titolo originale: The Hunt. Genere Azione, Horror, Thriller, - USA, 2020, durata 90 minuti. distribuito da Universal Pictures. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 Valutazione: 2,50 Stelle, sulla base di 3 recensioni.

Condividi

Aggiungi The Hunt tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Il nuovo film dai produttori di Scappa - Get Out e La notte del giudizio. Al Box Office Usa The Hunt ha incassato 5,8 milioni di dollari .

The Hunt è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING Compralo subito

Consigliato assolutamente no!
n.d.
MYMOVIES 2,50
CRITICA N.D.
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO NÌ
Trailer in italiano

Impostazioni dei sottotitoli

Posticipa di 0.1s
Anticipa di 0.1s
Sposta verticalmente
Sposta orizzontalmente
Grandezza font
Colore del testo
Colore dello sfondo
0:00
/
0:00
Caricamento annuncio in corso
Un survival dal chiaro sottotesto politico: il popolo nelle mani di un élite che non sa governare il gioco.
Recensione di Roberto Manassero
venerdì 3 aprile 2020
Recensione di Roberto Manassero
venerdì 3 aprile 2020

Dodici sconosciuti si risvegliano improvvisamente in una radura: non sanno dove sono, non sanno come sono arrivati in quel posto, e dopo essersi liberati dalla cinghia che teneva chiusa loro la bocca e aver trovato una cassa piena d'armi devono difendersi dagli spari che provengono dal bosco. Buona parte di loro muore subito, mentre altri, tra cui l'ex soldatessa Crystal, riescono a sopravvivere e si mettono in fuga. Chi sono le persone rapite e trasformate nelle prede di una caccia insensata? E chi sono i cacciatori? C'entra forse il fatto che le vittime siano appartenenti alle classi più povere e meno istruite della società americana, mentre gli autori della mattanza siano liberal bianchi e milionari?

Un survival film figlio del nostro tempo e dal chiaro sottotesto politico, con il popolo immerso in una finzione che non capisce e le élite responsabili di un gioco che non sanno governare.

Negli Stati Uniti, dove dopo un rapido passaggio in sala è stato distribuito in VOD dalla Universal per via della pandemia da covid-19, The Hunt è stato un caso fin dalla realizzazione: l'uscita prevista era inizialmente il settembre 2019, ma le stragi di massa Dayton ed El Paso avevano convinto la distribuzione ad attendere tempi migliori, alimentando così la fama di film controverso. Ora che un altro tipo di emergenza ha colpito il mondo - e di conseguenza il film - l'attualità di The Hunt, con il suo scontro fra popolo ed élite, redneck e repubblicani da una parte e liberal milionari dall'altra, sembra non tanto storia passata e inoffensiva quanto un azzeccato modello di lettura della realtà applicato purtroppo a un contesto superato. Soprattutto oggi - primavera 2020 - che la lotta per la sopravvivenza riguarda tutti e la lotta è contro un nemico invisibile.

Certo, si dirà che il pregio maggiore del cinema serie B (anche di questo prodotto dall'ormai immancabile Blumhouse) è da sempre quello di farsi specchio della realtà e ridefinire continuamente la propria possibile lettura: ma nel caso della caccia all'uomo raccontata da The Hunt non c'è nulla di mitico o universale. Il fulcro del film non è affatto la sopravvivenza delle dodici persone coinvolte - lo si intuisce dal piacere con cui la trama fa fuori nei primi minuti i potenziali protagonisti, a cominciare dal personaggio interpretato da Emma Roberts - bensì lo scontro politico e sociale di cui sono parte.

The Hunt è innegabilmente un film parte di un mondo in cui la realtà è scomparsa, sostituita dalle bolle autoreferenziali e dalle zone di comfort garantita dal web e dalle reti sociali. Lo stesso gioco della caccia nasce dai desideri delle vittime più che dalla volontà dei predatori, ed è frutto della pigrizia con cui le persone anonimamente appartenenti al popolo costruiscono un'immagine del mondo a misura del proprio odio; sul fronte opposto, il piacere della gestione del potere è anch'esso parte di questa pigrizia, come soluzione animalesca a problemi complessi e per molti versi irrisolvibili.


La lettura politica di The Hunt, facile ed esplicita, è in realtà offerta dal film stesso - soprattutto nel dialogo finale fra le due protagoniste, la guerriera Betty Gilpin e la spietata imprenditrice Hilary Swank - a conferma sia del talento non proprio raffinato di Damon Lindelof, uno dei due sceneggiatori, che tra Lost a The Leftovers a The Watchmen non ci è mai andato troppo per il sottile con le metafore, sia di un problema che riguarda la struttura stessa del film, che in nome di un'idea forte e innegabilmente efficace finisce per sacrificare le parti dichiaratamente horror o spettacolari (teste che esplodono, bulbi oculari estratti a forza, busti umani infilzati, pestaggi vari fino alla resa dei conti finale).

La serie B funziona quando lavora sull'astrazione, sugli elementi di base del racconto cinematografico, sui corpi e sulle azioni: The Hunt, invece, resta troppo legato al qui e ora, finendo per risultare suo malgrado tremendamente datato.

Sei d'accordo con Roberto Manassero?
Una spietata caccia all'uomo, per puro divertimento.
Overview di Massimiliano Carbonaro
mercoledì 11 settembre 2019

Nato per far discutere non è riuscito a sfidare neanche i botteghini facendo altrettanto rumore: è The Hunt che si inserisce in quel filone social horror che in questi anni ha dato grandi esempi come The Purge (con cui ha qualche similitudine) o Get Out. Il film doveva arrivare nelle sale statunitensi il 27 settembre ma la produzione lo ha ritirato, mentre nel nostro Paese sbarca al cinema a ottobre.

Non è mai stato confermato, anzi la Universal lo ha negato, ma sembra che il titolo originale del film fosse Red State vs Blue State con riferimento alla diversa scelta politica degli stati americani. Inoltre in una scena del film il gruppo di cacciatori al centro della storia fa riferimento alle loro prede usando il termine "deplorables". Si tratterebbe di un'allusione a quanto detto durante la campagna elettorale per la presidenza degli Stati Uniti da Hilary Clinton nel 2016 riferendosi a Donald Trump.

Al netto di queste speculazioni molto americane, il perché di questa censura preventiva che ha riguardato prima il marketing promozionale fino poi all'estrema decisione di togliere il film dal mercato deriva dal tema molto scottante: The Hunt racconta di un gruppo di persone rapite per diventare prede di una spietata caccia all'uomo per puro divertimento e con qualsiasi arma da parte di una perversa organizzazione che raccoglie personaggi ricchissimi. Questa la sintesi del film che davanti alle ultime stragi avvenute in territorio americano - in particolare quella di Daytona e di El Paso - ha creato molte polemiche sull'istigazione alla violenza.

The Hunt, che invece ha un intento satirico nasce come adattamento di un libro del 1924 di Richard Connell, dal titolo "La partita più pericolosa". Scritto da due star della sceneggiatura come Damon Lindelof (Prometheus e Into Darkness - Star Trek, ma anche serie come Lost, The Leftovers e Watchmen) e Nick Cuse, mette in scena dodici sconosciuti scelti per diventare altrettante prede da una ricchissima élite che si trova in una sperduta villa. Tutte le armi sono valide ma una delle vittime non è così indifesa come i cacciatori pensavano tanto da riuscire a ribaltare la situazione.

Il vero valore aggiunto di questo film diretto da Craig Zobel consiste nel cast che mette insieme il due volte premio Oscar Hilary Swank (per Boys don't cry e per Million Dollar Baby) qui in una versione spietatissima, con Betty Gilpin splendida e tostissima protagonista di Glow. Inoltre partecipa a The Hunt Emma Roberts abituata ai temi horror per la sua partecipazione a cinque stagioni della serie antologica American Horror Story e quindi Justin Hartley molto noto per il suo ruolo di Kevin in This is Us.

Sei d'accordo con Massimiliano Carbonaro?
THE HUNT
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD HD+ SD HD HD+
Rakuten tv
-
-
-
-
iTunes
-
-
-
-
-
-
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
sabato 28 marzo 2020
Alberto Savi
Cineforum

Dodici persone si ritrovano improvvisamente in una radura, non si conoscono fra loro e non sanno per quale motivo si sono svegliati lì. Capiscono subito, però, di essere le prede di una caccia all'uomo architettata da un misterioso gruppo di aristocratici. The Hunt è questo: un gioco-trappola. Come lo è quello dell'enigmista di Saw o quello a cui partecipano i protagonisti del più recente Escape Room. [...] Vai alla recensione »

NEWS
TRAILER
giovedì 27 febbraio 2020
 

Regia di Craig Zobel. Un film con Betty Gilpin, Emma Roberts, Justin Hartley, Ike Barinholtz, Glenn Howerton. Prossimamente al cinema. Guarda il trailer »

OVERVIEW
mercoledì 11 settembre 2019
Massimiliano Carbonaro

Nei cinema italiani dal 17 ottobre, l'uscita negli States è stata bloccata da Universal dopo le recenti stragi. Vai all'articolo »

TRAILER
lunedì 15 luglio 2019
 

Regia di Craig Zobel. Un film con Betty Gilpin, Emma Roberts, Justin Hartley, Ike Barinholtz, Glenn Howerton. Da giovedì 17 ottobre al cinema. Guarda il trailer »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati