Papillon

Film 2017 | Biografico 133 min.

Regia di Michael Noer. Un film con Charlie Hunnam, Rami Malek, Tommy Flanagan, Eve Hewson, Roland Møller, Michael Socha. Cast completo Genere Biografico - Serbia, Montenegro, Malta, 2017, durata 133 minuti. Uscita cinema mercoledì 27 giugno 2018 distribuito da Eagle Pictures. Oggi tra i film al cinema in 1 sala cinematografica - MYmonetro 2,25 su 10 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Papillon tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Nella campagna danese degli anni '50 dell'Ottocento un anziano agricoltore di nome Jens e la sua famiglia combattono la fame. In Italia al Box Office Papillon ha incassato nelle prime 3 settimane di programmazione 719 mila euro e 298 mila euro nel primo weekend.

Consigliato nì!
2,25/5
MYMOVIES 2,00
CRITICA N.D.
PUBBLICO 2,50
CONSIGLIATO NÌ
Un ritratto imprigionato in una trascrizione convenzionale.
Recensione di Marzia Gandolfi
martedì 26 giugno 2018
Recensione di Marzia Gandolfi
martedì 26 giugno 2018

Parigi, 1931. Accusato ingiustamente di un crimine mai commesso, Henri Charrière è condannato all'ergastolo e spedito in un campo di lavoro della Guyana francese. Nel viaggio che lo conduce a quella che con ogni probabilità sarà la sua ultima destinazione, incontra Luis Dega, un falsario brillante che 'nasconde' una piccola fortuna. Soprattutto per chi come Papillon, come lo chiamano tutti a causa di un tatuaggio e della vocazione a rubare, ha deciso di evadere. Ma Papillon non è l'unico a mirare al tesoro. Delicato e alieno al mondo criminale, Dega gli chiede aiuto e protezione in cambio del denaro per corrompere i secondini e favorire la fuga.

Comincia una relazione amicale che tra bon plan naufragati e celle di isolamento, li condurrà più lontano di quanto avessero mai immaginato.

La Francia usciva dal maggio del '68 e i francesi avevano voglia di vacanze, sole e sogni. È in questo clima d'evasione che viene pubblicato "Papillon", l'incredibile storia di Henri Charrière, condannato ai lavori forzati, evaso più volte, promosso imprenditore in Venezuela e poi autore di un libro che venderà milioni di copie nel mondo. Scritta su grandi quaderni di scuola e inviata a un editore a Parigi, la sua autobiografia piena di immaginazione sarà il più grande successo letterario del dopoguerra, il best-seller dell'estate del '69 sulle spiagge e nei saloni letterari.

Il trionfo, la fortuna e la rivincita di un vecchio galeotto. E poco importa se le storie raccontate non sono documentate, se il suo autore si è concesso qualche libertà con la verità, il suo viaggio immobile attira l'attenzione di Hollywood che produce nel 1973 un film con Steve McQueen e Dustin Hoffman. È con questa eredità, un classico della letteratura e del cinema, che deve vedersela Michael Noer, replicando sullo schermo le avventure di un innocente rinchiuso e per tre volte evaso. Come il classico di Franklin J. Schaffner, il Papillon di Noer affronta il tema delle condizioni disumane di detenzione dei prigionieri e la parabola di un uomo più forte del suo destino, un destino implacabile che lo condanna al buio e alla solitudine di una colonia penale. Ma più del dramma sociale e la denuncia degli orrori penitenziari, è l'amicizia il motore del film e la ragione che muove il protagonista tra i personaggi e i luoghi comuni del genere: il direttore sadico, il carcerato brutale, quello che cerca scampo nell'arte o quello che lo cerca negli affetti, la minaccia della violenza omosessuale, la cella di isolamento...

Più interessato a descrivere che interrogare le verità sociali, il regista appoggia il film sulla fraternità e su cosa sia la vera libertà per i suoi protagonisti. Charlie Hunnam e Rami Malek raccolgono rispettivamente il testimone di McQueen e Hoffman impostando il racconto a partire dall'energia della speranza e attraverso uno stile (recitativo) di forte fisicità, che oppone alla prigionia il movimento continuo all'interno della cella. I cinque passi di Papillon, incessantemente ripetuti in una direzione e nell'altra, disegnano per due anni una traiettoria immota che nutre (e annuncia) l'evasione nell'opera letteraria. La pazienza o piuttosto l'ostinazione del Papillon di Hunnam servono (a) un solo scopo: la fuga.

Tutta la suspense riposa allora su un progressivo montare della tensione che opprime lo spettatore consumando il protagonista tra violenze e mezze razioni. Sisifo in potenza, Papillon è condannato allo scacco almeno fino al giorno in cui il suo piccolo amico non gli offre con una visita l'antidoto alla fatalità. Come la versione originale, Papillon soffre la perdita di intensità dell'insieme e una maniera passiva di gestire le scene in cattività. Come il romanzo di Charrière gioca la carta dell'avventura fuori dalla cella accumulando peripezie. Come il forzato redento dei "Miserabili", il suo eroe denuncia le ingiustizie giudiziarie e abita un film di sopravvivenza oltre ogni previsione. Un momento di spettacolo un po' ovvio e derivativo ma con una propria indubbia piacevolezza. Un ritratto imprigionato in una trascrizione convenzionale e lontana come l'isola del Diavolo dalla mitologia della grande e flemmatica evasione di Sturges, Renoir o Siegel.

Sei d'accordo con Marzia Gandolfi?

PAPILLON disponibile in DVD o BluRay su IBS

DVD

BLU-RAY
€14,99 €17,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
martedì 3 luglio 2018
samanta

Il film del 2017 e sugli schermi in questi giorni è un remake dell'omonimo film del 1973 interpreti Steve Mc Queen e Dustin Hofmann con la regia di Franklin Schaffner buon regista americano (Il pianeta delle scimmie, Patton generale d'acciaio) e con la sceneggiatura di Donald Trumbo (uno dei più noti sceneggiatori di Hollywood: Vacanze romane, Exodus, Spartacus e così via) [...] Vai alla recensione »

sabato 7 luglio 2018
Taty23

Dopo la versione del 1973 tratta dal libro omonimo con Steve McQueen e Dustin Hoffman la storia di Papillon viene riportata sul grande schermo per la seconda volta dal regista Michael Noer. Nella Parigi degli anni 30  il ladro Henri Charrière detto Papillon (Charlie Hunnam) viene  ingiustamente accusato di omicidio e condannato all’ergastolo.

sabato 4 agosto 2018
elgatoloco

Questo"Papillon"(2017, Michael Boer), che si pretende "remake"dell'originale di Schaffner(1973), rispettando la sceneggiatura di Dalton Trumbo, che allora tornava al cinema dopo la lunga sospensione comminatagli dal maccartismo("COmmissione per le attività antiamericane), ispirato al romanzo autobiografico del vero"Papillon", Henry Charrière, si [...] Vai alla recensione »

sabato 28 luglio 2018
udiego

 Tocca al giovane trentottenne Michael Noer, riportare al cinema il remake dell’apprezzato film del 1973. Film ispirato ad uno dei romanzi di più grande successo di tutto il dopo guerra, “Papillon” pubblicato nel 1969. Effettivamente il compito non era facile, visto il grande successo sia del libro che del film, interpretato ai tempi da Steve McQueen e Dustin Hoffmann. [...] Vai alla recensione »

sabato 30 giugno 2018
loland10

“Papillon” (id., 2017) è il quarto lungometraggio del regista danese Michael Noer. Per togliere ogni dubbio iniziale, almeno per chi scrive, il film per buona parte delude. Qualche sequenza alza l'asticella del medio(cre) e il finale per alcune scritte e musiche che ci fanno ricordare quello che la finzione non fa vedere praticamente mai.

domenica 22 luglio 2018
GUSTIBUS

Se non ci fosse stato il Papillon di Hoffman e Mc Queen del 1973,poteva essere anche sufficiente,ma per un cinefilo come me che ha visto la versione"vecchia"almeno 20 volte,il confronto con questo cosidetto rifacimento risulta inutile seppur ce'un inizio e una fine un POCHETTO diversa.Poi e'persinoe'con il frasario uguale alla versione originale.

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
giovedì 28 giugno 2018
Silvio Danese
Quotidiano Nazionale

Strano effetto retrò e insieme ricalco patinato, il remake del best seller (in libreria come al cinema), quando i film sui prigionieri ai lavori forzati e le grandi fughe per la libertà sapevano di emancipazione giovanile, giustizia e idealismo. Ma adesso? Resta l'avventura, ed è assai interessante come una storia per immagini, in risonanza con le immagini di un tempo, oggi sembri un'altra storia. Vai alla recensione »

giovedì 28 giugno 2018
Maurizio Acerbi
Il Giornale

Un remake di Papillon? Quasi una bestemmia cinematografica cercare di ripetere il capolavoro del '73 con Steve McQueen e Dustin Hoffman. Però, sarebbe un errore etichettare questa nuova versione, proposta da Michael Noer, come semplice rifacimento del precedente. Anche perché, e non va dimenticato, entrambi i film sono adattamenti di un'opera letteraria, ovvero il romanzo omonimo scritto da quello [...] Vai alla recensione »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati