Qualunquemente

Film 2011 | Commedia 96 min.

Regia di Giulio Manfredonia. Un film con Antonio Albanese, Sergio Rubini, Lorenza Indovina, Nicola Rignanese, Davide Giordano. Cast completo Genere Commedia - Italia, 2011, durata 96 minuti. Uscita cinema venerdì 21 gennaio 2011 distribuito da 01 Distribution. - MYmonetro 2,93 su 180 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Qualunquemente tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Antonio Albanese porta sul grande schermo le gesta di uno dei suoi personaggi più famosi, Cetto La Qualunque. Il film ha ottenuto 2 candidature ai Nastri d'Argento, 3 candidature a David di Donatello, In Italia al Box Office Qualunquemente ha incassato 15,9 milioni di euro .

Qualunquemente è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD e Blu-Ray su IBS.it. Compralo subito

Consigliato sì!
2,93/5
MYMOVIES 2,50
CRITICA 2,77
PUBBLICO 3,21
CONSIGLIATO SÌ
Il salto "in lungo" di Cetto La Qualunque non fa ridere ma fa riflettere.
Recensione di Marianna Cappi
Recensione di Marianna Cappi

Uno spettro si aggira per la Calabria: è lo spettro della legalità. Contro questo spiacevole inconveniente, rappresentato dal candidato sindaco di Marina di Sopra, certo De Santis, la parte "furba" del paese schiera l'uomo della provvidenza: Cetto La Qualunque, di ritorno da un periodo di latitanza con una nuova moglie, che chiama Cosa, e la di lei bambina, che non chiama proprio. Volgare, disonesto, corrotto, ma soprattutto fiero di essere tutto questo e molto di peggio, Cetto prima ricorre alle intimidazioni mafiose, poi a dosi inimmaginabili di propaganda becera, quindi assolda uno specialista. Il fine, e cioè la vittoria alle elezioni, giustifica interamente i mezzi, che in questo caso vanno dal comizio in chiesa, all'offerta di ragazze seminude come fossero caramelle scartate, all'incarceramento del figlio Melo in sua vece. Fino alla più sporca delle truffe.
Il personaggio creato da Antonio Albanese e Piero Guerrera balza dal piccolo al grande schermo, vale a dire dalla misura spazio-temporale dello sketch al lungometraggio di narrazione, sotto la guida e la responsabilità di Giulio Manfredonia e della Fandango, e atterra in piedi. Non segnerà un risultato inatteso ma si posiziona bene rispetto alle aspettative: non annoia, non divaga, non infarcisce la sceneggiatura di corpi estranei, buoni per una gag in più ma in fondo accessori. Non fa nemmeno ridere, e questo può apparentemente rappresentare un problema, ma non per forza. Si mormora in giro che il film esca datato, svilito da uno sprint della realtà politica attuale, che si supera da sola, divenendo sur-realtà, al pari di quella immaginata in Qualunquemente. Eppure non è proprio o soltanto così. Se mai ad essere surreale, ma in quanto concentrato di caratteristiche e costumi assolutamente veritieri, è il personaggio di Cetto, la sua mancanza di un limite, non certo la realtà delle colate di cemento sulla spiaggia, delle fogne che scaricano in mare, dei buoni benzina in regalo o dei brogli elettorali e nemmeno della bigamia, delle allusioni ai pregiudicati e delle "assessore" scelte in base al fisico.
Il film di Albanese e Manfredonia non va scambiato per un film d'intrattenimento, anche se qualche buona battuta per fortuna non manca ("Presto io sarò sindaco per cui tu per legge vicesindaco" o "Si comincia con dare la precedenza ad un incrocio e finisce che si diventa ricchione"), e nemmeno per una tragicommedia alla Fantozzi, sebbene il regista lo citi tra le ispirazioni: piuttosto, è un film violento, che non fa sconti e regala al "cattivo" una vittoria su tutta la linea. Il qualunquismo di questo imprenditore prestato alla politica, sempre allegro e in movimento da un abuso di potere ad un altro, menefreghista in teoria e in pratica, dovrebbe essere qualcosa di cui ridere per esorcismo, per isteria dettata dalla paura, non per spasso o per il piacere di guardarci allo specchio. Se proprio occorre dargli un'etichetta, si dirà che è un film "di denuncia", con i pregi e i limiti dei film "impegnati", che ha scelto la via della satira anziché quella della tragedia.

Sei d'accordo con Marianna Cappi?
Cetto decide di "salire in politica" per difendere la sua città.

Perché Cetto La Qualunque torna in Italia dopo una lunga latitanza all'estero? E' stata una sua scelta? O qualcuno trama nell'ombra? Con lui rientrano anche una bella ragazza di colore ed un bambina di cui non riesce a ricordare il nome: la sua nuova famiglia. Al ritorno in patria Cetto ritrova il fidato braccio destro Pino e la famiglia di origine: la moglie Carmen e il figlio Melo. Ovviamente far convivere il tutto non sarà facile. I suoi vecchi amici lo informano che le sue proprietà sono minacciate da una inarrestabile ondata di legalità che sta invadendo la loro cittadina. Le imminenti elezioni potrebbero avere come esito la nomina a sindaco di Giovanni De Santis, un "pericoloso" paladino dei diritti. Così, Cetto, dopo una lunga e tormentata riflessione in compagnia di simpatiche ragazze non ha dubbi e decide di "salire in politica" per difendere la sua città. La campagna elettorale può cominciare...

QUALUNQUEMENTE
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
Rakuten tv
-
TIMVISION
-
-
CHILI
iTunes
-
-
-
-
Google Play

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€9,99 €11,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
lunedì 24 gennaio 2011
paolocarburi

Se ancora vi domandate se è possibile fare un intero Film sul personaggio di Cetto La Qualunque? La risposta è SI. Antonio Albanese ci regala un film esilarante capace di far ridere e far riflettere allo stesso tempo...L'umorismo pirandelliano è presente in ogni singola scena e tutto ciò fa sì che nello spettatore si generi un insieme di allegria e amarezza per il quale rimanga con un sorriso a metà [...] Vai alla recensione »

martedì 25 gennaio 2011
nacaski

per me è stato un film non fatto bene ma pensato bene. Albanese è riuscito a creare un film dove ridi ma riesci a capire che certi valori ogni giorno vengono calpestati da personaggi come cetto la qualunque. si mette in risalto la superficialità, l'ignoranza, la cafonaggine (sottolineanta anche dal modo di vestirsi) che purtroppo stanno rovinando l'italia.

domenica 23 gennaio 2011
K. S. Stanislavskij

alors....il film è leggerino e gradevole, va visto perchè non annoia e diverte...rinfaccio però ad Albanese (la cui mimica rimane eccezionale) di non aver capito di avere in mano una bomba e di non averla sfruttata a dovere. Qualunquemente poteva essere un incrocio tra Fantozzi e Gomorra!...un cult!! e invece è "solo" un film grazioso.... aveva le stesse potenzialità dei film di kusturica, sarebbe [...] Vai alla recensione »

sabato 22 gennaio 2011
jkerr73

Che dire...ancora una volta Antonio Albanese dimostra di essere un comico con un intelligenza ed un coraggio fuori dal comune. Lo spaccato della nostra politica che lui propone e' purtroppo troppo realistico per poter chiudere gli occhi e considerare il film come "solo" un film comico. La comicita di Albanese non e' istintiva come quella di Zalone ma e' certamente piu impegnativa [...] Vai alla recensione »

lunedì 24 gennaio 2011
MARIALUCIA

Gli altri film di Albanese li considero speciali; delle perle. Questa volta sono andata al cinema con un po' di scetticismo perché avevo già visto diverse arringhe del politico e pensavo che il film non potesse dire nulla di nuovo. Per fortuna mi sbagliavo. Albanese ha caricaturizzato il personaggio, ma lo ha fatto sentire vero nell'espressione del volto, nei pensieri, nell'atteggiamento da intoccabile, [...] Vai alla recensione »

lunedì 24 gennaio 2011
ALEXLABY

"Eliminiamo le tasse, il bollo auto, le bollette e diamo 1000 euro a tutti, anzi 2000", "Dici quattro cazzate e tutti ti votano". Amare verità che alcuni hanno ben appreso e altri, come dimostrano i fatti, stentano a comprendere. E allora Albanese spiega il tutto tramite la sua satira e lo fa da anni.  Un politico orgoglioso se il figlio viene indagato o finisce in [...] Vai alla recensione »

lunedì 24 gennaio 2011
cronix1981

Chi non conosce il nostro splendido paese, può pensare che questo film appartenga alla categoria del surreale. Tuttavia questa è una mera illusione. Il film è uno splendido esempio di come la realtà purtroppo superi la fantasia. Questo è quello che traspare dopo la visione del film di Antonio Albanese. Ed è un boccone amaro da digerire, perché [...] Vai alla recensione »

sabato 22 gennaio 2011
G. Romagna

Cetto La Qualunque (Antonio Albanese), affarista arricchito, ignorante e delinquente, vive da qualche anno come latitante in Sudamerica, quando, ad un certo punto, i suoi concittadini calabresi lo richiamano nella sua terra natale di Marina di Sopra, improvvisamente afflitta da un'ondata crescente di legalità: alle imminenti elezioni si è presentato infatti De Santis, paladino [...] Vai alla recensione »

domenica 30 gennaio 2011
Mattia Pascal

Nella seconda collaborazione tra Giulio Manfredonia e Antonio Albanese la formula è quasi la stessa. Albanese, nel centro, veste i panni di un bastardo e focalizza su di se' l'attenzione di tutti gli altri, attorno. La sostanziale differenza è che nella prima collaborazione (il film "E' già ieri") Manfredonia ci raccontava una storia di evidente fantasia, in "Qualunquemente", invece, le vicende [...] Vai alla recensione »

martedì 26 giugno 2012
Frank Slade

Ho visto il film parecchie volte e sempre con grande piacere. E' stato piacevole ritrovare Cetto dopo i vari show in TV al cinema. Apprezzo parecchio Qualunquemente in quanto lo trovo sia divertente a livello di comicità, personaggi e luoghi sia interessante a livello di pellicola. Spesso i film comici e divertenti sono caratterizzati da una trama scontata e poco accattivante, Qualunquemente invece [...] Vai alla recensione »

sabato 5 febbraio 2011
maRBus

Cosa differenzia questo film dagli altri che sono in cicrcolazione in questo periodo  e sono bollati come nuova "commedia all'italiana"? Due cose : il fatto che Albanese è un attore e non un comico (come non lo erano certo Gassmann, Tognazzi,Sordi), viene dal teatro (anche se il presonaggio di Cetto La Qualunque è nato in televisione) e riesce a crare una maschera [...] Vai alla recensione »

venerdì 28 gennaio 2011
Everlong

Probabilmente in virtù della congiuntura politica in cui l'Italia, suo malgrado, è costretta ad annaspare in questo periodo, da un film così atteso ci si aspettava di più. La sensazione è che manchi qualcosa e non soltanto dal punto di vista formale (specialmente nella seconda parte ci sono dei cali di ritmo con scene un po' superflue e ridondanti), [...] Vai alla recensione »

lunedì 24 gennaio 2011
madeo87

Cetto Laqualunque vince e con lui anche Albanese. E' un film che non fa soltanto ridere ma anche pensare al momento politico e sociale che stiamo vivendo in questo periodo in Italia. Le analogie tra Cetto Laqualunque e Berlusconi sono palesi, così come palese è il riferimento al figlio di Bossi, "il Trota", con il personaggio che nel film interpreta il ruolo di Melo ( figlio [...] Vai alla recensione »

domenica 20 febbraio 2011
misterix

Film molto divertente, pero' bisogna pensare che in alcune parti d'italia è davvero cosi che va la politica!!! Manca di originalita' perche' non c'e' nulla di nuovo nel film che non si è visto gia nella campagna politica delle scorse elezioni nazionali XD XD XD fra gite pagate x avere il voto, voti comprati,  false promesse, far finta che va tutto bene [...] Vai alla recensione »

lunedì 31 gennaio 2011
renato volpone

La comicità che ci si aspetta da questo film si tramuta in una grottesca farsa dei mali che affliggono il nostro paese. Il personaggio di Cetto Laqualunque nella sua naturale tranquillità calpesta ogni senso di moralità e lascia il pubblico con l'amaro in bocca, lo stesso amaro che proviamo quando andiamo a leggere le pagine di cronaca, i fatti di corruzione, di abusivismo, di prevaricazione.

domenica 30 gennaio 2011
brian77

Una fotografia dell'Italia profonda, della sua voglia di illegalità, della sua indifferenza morale, niente da dire.  Ma da quel punto di vista coglie solo gli aspetti più pittoreschi e di costume della faccenda, in quanto tralascia la sostenza più importante: lo smantellamento della scuola e della sanità pubblica per favorire scuole e sanità private, [...] Vai alla recensione »

mercoledì 23 febbraio 2011
leooooo

il film scritto e diretto quasi completamente da Albanese è sicuramente un bel film: belle molte battute (anche se la maggiorparte gia viste nel trailer) che comunque ti fanno sorridere e/o ridere, ma è fatto bene anche dal punto di vista tecnico (attori bravi e azzeccati...).

venerdì 28 gennaio 2011
olgadik

  Per evitare equivoci: il personaggio Cetto fu creato dall’attore circa 8 anni fa e il film era in lavorazione da quasi due anni. Niente perciò intenti pubblicitari di parte relativi ai fatti recenti che toccano il Presidente del Consiglio (fa effetto usare la maiuscola che qualche volta “significa”), ma solo una di quelle preveggenze d’artista che conosce bene [...] Vai alla recensione »

mercoledì 26 gennaio 2011
donPedrito

Un grande Antonio Albanese, interpreta le origini politiche del famoso personaggio calabrese Cetto La Qualunque, in una commedia tanto triste quanto divertente come solo i comici più bravi sanno realizzare. Convinto dai suoi colleghi malavitosi a "scendere in politica" per contrastare un pericoloso rigurgito di legalità, Cetto si adopera in tutti i modi, legali e, principalmente, meno legali, per vincere [...] Vai alla recensione »

lunedì 31 gennaio 2011
fe_che

Era decisamente difficile creare un film sul personaggio di Cetto La Qualunque, già forse "trito e ritrito" dalla tv. Eppure Antonio Albanese ce l'ha fatta. Cetto è un uomo piccolo, cinico, spietato, senza setimento, senza arte nè parte, senza ragione nè religione, senza morale nè ideale, che pure decide, per spirito di opposizione alla legalità, [...] Vai alla recensione »

sabato 2 luglio 2011
giu/da(g)

Cetto La Qualunque torna nel suo paese per combattere l'onda di legalità che rischia di compromettere i suoi affari e quelli dei suoi amici. Solitamente l'esordio dei personaggi comici (dico personaggi perché Qualunquemente non è il primo film di Albanese) dalla tv al cinema si risolve in un flop, in film che non lasciano il segno, generici comici, generici film; tuttavia [...] Vai alla recensione »

lunedì 14 febbraio 2011
il Poeta marylory

QUALUNQUEMENTE - Film, Antonio Albanese   É un Film divertentissimo di satira politica che rappresenta la realta di oggi.   Facilmente si possono riconoscere nella narrazione i due soci B.B. del politichese italiano...   Il finale mette a fuoco l'errore del votante che lasciando in bianco la scheda consente i brogli, quindi se ne trae l'insegna [...] Vai alla recensione »

mercoledì 9 febbraio 2011
Tommaso Battimiello

Ritornato in patria dopo anni di latitanza all’estero, Cetto la Qualunque è costretto a difendere il suo piccolo paesino da un’ondata di legalità che si estende a macchia d’olio minacciando le sue proprietà abusive. Per contrastare una così grave minaccia Cetto si convince a candidarsi come nuovo sindaco, per impedire al suo avversario, l’onesto cittadino De Sanctis, di prendere il controllo della [...] Vai alla recensione »

martedì 25 gennaio 2011
sawclaudio

Non  si riesce a ridere di gusto in questo film, rispecchia troppo la realtà. Ma si finisce per dimenticare che Cetto è il cattivo e ci si fa trasportare dalla sua "onda calabra". Un'ora e mezza che passa veloce, senza momenti fermi e sempre pronta a stupirti con qualche pazzia. Poi ti resta solo un sorriso triste e una canzone nella mente.

martedì 14 giugno 2011
Ignazio Vendola

Irresistibile Antonio Albanese nella sua nuova maschera di Cetto Laqualunque, riesce a ritrarre il malcostume degli italiani attraverso lo specchio deformante della satira come un nuovo Alberto Sordi. Il film è davvero molto divertente ed esilarante.

mercoledì 16 febbraio 2011
Dano25

nascosto nella comicità di un personnaggio storico del piccolo schermo, Antonio Albanese esaspera ma inquadra una realtà politica calabrese purtroppo ancora viva nei piccoli paesi del sud. Dietro questa realtà, il film respira aria di sano divertimento con battute semplici e coinvolgenti e con personaggi folkloristici che colorano e riempiono lo schermo di allegria.

lunedì 14 febbraio 2011
Gianluca78

L'amaro e crudo racconto, di una vita e di una società,la nostra,intrisa di veleno e squallore.Questo quanto raccontano, Albanese, straordinaria maschera dei nostri tempi,senza perderli di vista, e Manfredonia, con una regia sobria, che corteggia Cetto/Albanese lo rende unico solista in una banda oliata alla perfezione. Si ride di gusto, ma lo si fa a denti talmente stretti da farsi male, fino a toccare [...] Vai alla recensione »

lunedì 7 febbraio 2011
andrea1967

Qualunquemente è un lavoro realizzato sul filo che separa il tragico realismo di Rossellini dalla farsa amara di Villaggio. Albanese rifugge dal proporre una piatta sequenza di gag, così come resta alla larga dal grottesco. La Qualunque deve essere mostruoso ma anche reale. Se questo, come immagino, è l’obiettivo, allora esso è molto ben centrato, perché Cetto [...] Vai alla recensione »

lunedì 31 gennaio 2011
andre89LOST

In sala ci sono state tre risate. Stop. Con questo però non voglio dire che è un brutto film, la storia è simpatica e Albanese è straordinario. Si sorride spesso ma niente di più. LE migliori battute le ha sfoggiate nella sua comparsata a Zelig. In generale è un film da vedere se lo fanno in tv, non merita di essere visto al cinema! voto: 6,5

lunedì 31 gennaio 2011
Pecora Rossa

Vi ricordate Alex Drastico? Il personaggio interpretato da Albanese proprio agli inizi della sua carriera teatrale-televisiva? Era il simbolo perfetto dell'emigrante, che da sud verso nord, portava con se tutta l'arroganza e la sicurezza ostentata, confezionato proprio assecondando i pregiudizi e i luoghi comuni del caso e che oggi ritroviamo in Cetto La Qualunque, evoluzione aggiornata di [...] Vai alla recensione »

giovedì 27 gennaio 2011
billo

Antonio Albanese e Giulio Manfredonia ci regalano un bel film di satira politica e di costume senza che risulti mai banale. Sorridere con quel retrogusto di amarezza è un tratto tipico della grande commedia all'italiana e loro sono riusciti nel loro obbiettivo assumendosi il grande rischio di portare sul grande schermo un personaggio televisivo che poteva cadere nella macchietta da gag.

martedì 24 novembre 2015
Portiere Volante

Simpaticamente rappresentativo del male più profondo del nostro Paese : La Politica. Laqualunque è un personaggio orrendo,blasfemo,mafioso e ignorante ma sopratutto è uno che passa sopra i diritti delle persone e non ha coscienza etica proprio come tanti ambigui individui che governano. E purtroppo,aggiungo,li votiamo noi. Purtroppo,anche i migliori,una volta arrivati a sedersi [...] Vai alla recensione »

domenica 5 luglio 2015
IuriV

Cetto Laqualunque è un personaggio creato da Antonio Albanese per piccole scenette, attorno al quale si è deciso di costruire una storia più strutturata. Fin da quando l'istrione compare in scena, si nota subito come il regista cerchi, attraverso le immagini, di risaltare il suo culto della personalità, lo scarso rispetto per la legalità (vissuta come un'offesa) e la cafoneria con cui il soggetto [...] Vai alla recensione »

mercoledì 8 febbraio 2012
Chetelodicoafare

Un film divertente ma non quanto lo è il personaggio in tv. La trasposizione del personaggio di Albanese è fallita sia perchè il suo "sindaco truffaldino"  è stato "ripulito e ammorbidito" e sia perchè nel frattempo i politici veri sono finiti  in scandali forse peggiori. L'onorevole Cetto La Qualunque esce ridimensionato da un film [...] Vai alla recensione »

lunedì 31 gennaio 2011
hollyver07

"...ancora una volta se cercate il colpevole non c'è che da guardarsi allo specchio!..." La precedente frase è tratta da un altro film: V per Vendetta. In detta pellicola, tratta da un comics e decisamente più aggressiva nei contenuti, si narravano le gesta di un solitario vendicatore che lottava contro un sistema dispotico ecc.

mercoledì 26 gennaio 2011
chiarialessandro

Albanese e Manfredonia sono (nei rispettivi campi di attore e regista) decisamente versatili e lo dimostrano opere come “E’ già ieri” (in cui il primo interpreta la parte di un personaggio straniato ed il secondo ci regala la visionarietà di un film dalla bellezza abbacinante nella sua delicatezza narrativa), “La seconda notte di nozze” (dove Antonio incarna un dolcissimo sognatore tenacemente arrampicato [...] Vai alla recensione »

lunedì 24 gennaio 2011
giofredo'

verosimilmente una degli aspetti piu' cominci e , mi ripeto,verosimilmente un appesentimanto,giustificato sotto certi apetti, di una relta' per niente da ridere ( nonostante Albenese ci sia riuscito); e inutile quanto nella sua vena artistica, si evedenzia sistemalogicamente, lo zoccolo duro che nonostante tutto si ridiminsiona, in poche e insistenti e martellanti temi.

mercoledì 12 agosto 2015
Great Steven

QUALUNQUEMENTE (IT, 2010) diretto da GIULIO MANFREDONIA. Interpretato da ANTONIO ALBANESE, SERGIO RUBINI, LORENZA INDOVINA, NICOLA RIGNANESE, DAVIDE GIORDANO, MARIO CORDOVA, LUIGI MARIA BURRUANO, SALVATORE CANTALUPO Uno spettro si aggira per la Calabria: è lo spettro della giustizia. La località marittima a nome  Marina di Sopra è in attesa delle elezioni comunali, ma [...] Vai alla recensione »

martedì 15 febbraio 2011
Movieman

Devo dire la verità: credo che Cetto Laqualunque sia, insieme al Fantozzi di Paolo Villaggio, una delle maschere più geniali e graffianti che un comico italiano ci abbia regalato negli ultimi quarant'anni. Nato sul piccolo schermo, Cetto ha raccolto una moltitudine di consensi in quanto è, purtroppo, una summa di una certa malapolitica, sicuramente non soltanto italiana, che [...] Vai alla recensione »

domenica 13 febbraio 2011
Marce84

La realtà che supera la fantasia: è una frase troppe volte usata, ma mai come stavolta instaura un perfetto parallelismo tra situazione politica attuale e reale e situazione surreale del politico inventato da Antonio Albanese. Il pregio del film è quello di essere una commedia che facendo sorridere fa riflettere, che nella sua amarezza fa pensare, che forse non farà ridere [...] Vai alla recensione »

giovedì 10 febbraio 2011
geppi

Qualunquemente è lo specchio dell'Italia di oggi. Non si ride, si sorride, ma il riso è amaro. Grottesco più che satirico. La trama è esile, ma il film si gioca tutto sulla caratterizzazione del personaggio di Cetto e le situazioni paradossali. Albanese è completamente nella parte. Highlight del film: il comizio. Vedibilmente.

giovedì 27 gennaio 2011
andaland

La bellezza del film sta nell'essere una caricatura (neppure troppo) della realtà, di alcuni modi di essere dei politici e della gente del sud. Si ride, ma si riflette anche sulla somiglianza con tante attuali condizioni del nostro paese. In sala un paio di persone se ne sono andate prima della fine del film, forse non hanno apprezzato o capito lo spirito sarcastico dello stesso.

mercoledì 26 settembre 2012
Omero Sala

 Il film è scalcagnato, incerto fra il surrealismo del protagonista ed il campo d’azione che deve invece apparire “ordinario” e vicino alla realtà. E, come quasi tutti i film costruiti attorno a delle macchiette, mostra il fiato corto e cade nella ripetitività che a lungo andare esaspera. Certamente contiene delle genialate fulminanti, ma il brodo è [...] Vai alla recensione »

domenica 29 luglio 2012
andyflash77

Cetto La Qualunque, una delle maschere più apprezzate di Antonio Albanese, fa il salto mediatico dal piccolo al grande schermo egregiamente. Il film ha una struttura solida come lo è la sceneggiatura, “Qualunquemente” è un racconto che non fa una piega, ha una narrazione fluida e cadenzata, senza perdersi mai in solitari sketch.

giovedì 17 febbraio 2011
Franco Cesario

Il 13esimo film interpretato da Antonio Albanese è molto godibile e supera la difficile prova della trasposizione al cinema di un personaggio prettamente televisivo. Spesso, quando si tenta di compiere questa operazione, il risultato non è dei migliori (Aldo, Giovanni e Giacomo ne sono l'esempio lampante). Invece Albanese e il regista Manfredonia riescono a dare un filo logico alla trama, un giusto [...] Vai alla recensione »

giovedì 10 febbraio 2011
Gorod

Sarò sincero, il film di Albanese, dal punto di vista strettamente comico, delle risate indotte, è piuttosto deludente. In questo senso, il trailer di per sé è già un esaustivo florilegio L’opera, nel suo complesso, non mi è piaciuta particolarmente sia al confronto con la precedente produzione dell’attore sia in sé: come molti hanno già detto, il clima politico rende il grottesco iperbolico proposto [...] Vai alla recensione »

sabato 29 gennaio 2011
torres

finalmente albanese riesce ad avere il successo che gli compete alla sua bravura e lo ottiene con un ottimo film che è una commedia quasi drammatica per la dose di cose vere e spiacevoli che si vedono. Bisogna dire che ha avuto una buona dose di preveggenza riguardo ai tutti i fatti accaduti in questi giorni. Tornando al film è sicuramente da plausi l'interpretazione di albanese, [...] Vai alla recensione »

mercoledì 26 gennaio 2011
Pakyjoker

Un Antonio Albanese che si immedesima in un politico, anche se abbastanza iperbolato, non molto distante dalla triste realtà attuale. Credo bisogna vederlo secondo due ottiche: se vogliamo intenderlo come film drammatico per le vicende del nostro paese, si può definire una pellicola che ha inquadrato bene l' ambiente scombussolato della politica.

venerdì 4 marzo 2011
Vittorio

Albanese super....per un film che strappa qualche sorriso e che soprattutto fa riflettere.... Cetto....essere spregevole, ignorante e purtroppo grazie al popolo italiano vincente.....quanti assessori saranno come Cetto?

giovedì 17 febbraio 2011
marezia

Considerando la situazione del cinema italiano finora nelle sale, nell'ottica dei David, Nastri, Ciak (e chi più ne ha più ne metta) il premio per Miglior film  IO lo darei ex aequo a "Qualunquemente" e a "Gianni e le donne" perché sono UGUALMENTE MERITEVOLI anche se profondamente diversi. Il resto, tranne "Vallanzasca- Gli angeli del male", [...] Vai alla recensione »

FOCUS
INCONTRI
venerdì 11 febbraio 2011
Giovanni Bogani

BERLINO. "Ma che cosa si mangia, qui a Berlino?". A un certo punto, la curiosità gli viene. Anche perché è ora di pranzo. E forse per stemperare l'attesa della sera, della proiezione ufficiale del film davanti al pubblico tedesco, e ai giornalisti internazionali. "Si mangia lo stinco", gli dicono. "Ah, bene, allora stinco per tutti!". È la prima volta di Antonio Albanese a Berlino. Il film, che in Italia ha sbancato i botteghini, venduto già in alcuni paesi stranieri, è alla grande prova internazionale.

INCONTRI
martedì 18 gennaio 2011
Marianna Cappi

Cetto La Qualunque, l'imprenditore corrotto e incorreggibile ideato e impersonato da Antonio Albanese, torna in Calabria dopo una lunga latitanza all'estero. Questa volta, però, non si presenta affacciandosi dal televisore bensì da centinaia di sale cinematografiche sparse per lo stivale. Quale missione lo spinge a cercare tanta visibilità è presto detto: la sua candidatura a sindaco di Marina di Sopra, scritta con Piero Guerrera, inscenata da Giulio Manfredonia e sostenuta dalla Fandango in collaborazione con Rai Cinema.

Frasi
'ntu culu!
Una frase di Cetto La Qualunque (Antonio Albanese)
dal film Qualunquemente - a cura di gigi
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Roberto Nepoti
La Repubblica

Cetto La Qualunque è uno stronzo, ma sincero, fiero d' esserlo. Uno dei tanti, insomma. Siamo nella satira pura, cattiva, sarcastica a tratti, in una storia dove si ride amaro e talvolta, per la vergogna, non si ride affatto. Perché c' è il solito problema, amplificato in questi giorni. Che come provi a fare satira in Italia, alla fine ne esce un saggio di neorealismo.

Alessandra Levantesi
La Stampa

Forte dei duecentomila contatti sul sito del «Partito du pilu», il senatore La Qualunque affronta le sale con due timori. Il primo lo sottolinea lo stesso Albanese: se nel 2003, quando è nato, Cetto poteva apparire sopra le righe, ora rischia di sembrare una blanda parodia del reale. Il secondo è che l’uscita avviene a ridosso dell’incredibile successo di Che bella giornata.

Alessia Mazzenga
Terra

Bravo Antonio Albanese, per una commedia italiana che per una volta non fa solo sorridere con lo scopo di dimenticare tutti i nostri guai (altra malattia recente degli italiani), e che dopo il riso finalmente e sinceramente riesce a suscitare un po’ di quello sdegno e di vergogna che il Paese sembra avere irrimediabilmente perso. La repubblica o meglio la dittatura du pilu, scenario inquietante ma [...] Vai alla recensione »

Piera Detassis
Panorama

«Schierarsi a favore della legge? Ma è legale questa cosa?». È la battuta irresistibile che sigla l’ottimo film diretto da Giulio Manfredonia e interpretato da un gigantesco Antonio Albanese nei panni sgargianti (un po’ surreali, un po’ camorra style) di Cetto La Qualunque candidato sindaco del paesino calabro in cui da anni spadroneggia a colpi di abusi, edilizi e non.

Jennifer Grego
Financial Times

Questo non è un film comico, è un horror. Certo in sala la maggior parte del pubblico ha riso costantemente, come se questo impeccabile ritratto dell’attuale situazione politica fosse una barzelletta. Già prima dell’uscita del film, l’antieroe di Albanese, Cetto La Qualunque, avrebbe raggiunto un ipotetico 9 per cento come candidato alle prossime elezioni.

Paolo Mereghetti
Il Corriere della Sera

La chiave per entrare nello spirito del film Albanese ce la rivela lui già nelle primissime scene quando fa inquadrare il cartello stradale con il nome della sua cittadina, Marina di sopra: «gemellata con Weimar» si legge, a rivendicare una sensibilità e una affinità ben precise. Ad Antonio Albanese l' espressionismo, che durante la Repubblica di Weimar ebbe il suo momento di massimo fulgore, non solo [...] Vai alla recensione »

Alberto Crespi
L'Unità

L’epopea di Cetto La Qualunque potrebbe sembrare un instant-movie sul bunga-bunga, invece viene da lontano: l’onorevole calabrese ossessionato dal “pilu” è stato inventato da Antonio Albanese 8 anni fa. Ha ragione il comico brianzolo-siciliano, quando afferma che oggi La Qualunque, confrontato a certi onorevoli autentici, sembra un moderato. In realtà il film, piuttosto che una satira politica, è uno [...] Vai alla recensione »

Paola Casella
Europa

Quando Cetto La Qualunque promette agli elettori «container pieni di pilu» è impossibile non visualizzare la tristemente famosa palazzina descritta come tracimante prostitute al soldo del presidente del consiglio, con la possibile differenza (se le accuse dei pm si riveleranno fondate) che il premier «il pilu» se lo terrebbe per sé, invece di distribuirlo come gadget in campagna elettorale come succede [...] Vai alla recensione »

Alessandra Levantesi
La Stampa

Forte dei duecentomila contatti sul sito del «Partito du pilu», il senatore La Qualunque affronta le sale con due timori. Il primo lo sottolinea lo stesso Albanese: se nel 2003, quando è nato, Cetto poteva apparire sopra le righe, ora rischia di sembrare una blanda parodia del reale. Il secondo è che l’uscita avviene a ridosso dell’incredibile successo di Che bella giornata.

Valerio Caprara
Il Mattino

È ovvio che «Qualunquemente» riceva la spinta decisiva dal clamore della cronaca, ma la circostanza non può indurci all’amnistia. Antonio Albanese è un comico di razza, ma era già successo che la sua aggressività mimica e verbale al cinema non renda. Soldi facili, evasione fiscale, ignoranza crassa, abusivismo e corruzione sono al centro della ballata del pessimo Cetto, un personaggio talmente grondante [...] Vai alla recensione »

Fabio Canessa
Il Tirreno

Il formidabile personaggio televisivo di Cetto La Qualunque debutta sul grande schermo, ma il passo è più lungo della gamba che una sceneggiatura fragile e dispersiva riesce a fornirgli. Così una macchietta irresistibile viene prolungata fino a perdere incisività e alcune buone trovate si diluiscono in un brodo allungato (il personaggio di Rubini, la figura della moglie) di scarso sapore.

Maurizio Cabona
Il Giornale

Sono ormai un genere a sé i film contro Berlusconi. Se tedeschi e presentati in apertura - cioè nella maggiore evidenza - ai Festival di Berlino, si concludono con il suo rapimento (Bye, Bye, Berlusconi di Jan Henrik Stahlberg, 2005) o con il suo assassinio (The International di Tom Tykwer, 2009). Se sono italiani (Il caimano di Nanni Moretti, 2006), finiscono con la guerra civile.

NEWS
NEWS
venerdì 21 gennaio 2011
Nicoletta Dose

La politica degli ultimi tempi ha perso di vista la serietà. Al di là di partiti e fazioni, ciò che unisce trasversalmente tutti coloro che siedono in parlamento (e sempre più spesso sulle poltrone televisive) è la mancanza di onestà etica.

LIBRI
martedì 18 gennaio 2011
Fabio Secchi Frau

La recensione *** Rispetto all'originale da cui è ispirato (Silvio Berlusconi, per stessa ammissione di Antonio Albanese durante un'intervista a "Che tempo che fa"), Cetto La Qualunque è un personaggio totalmente immaginario e quindi (fortunatamente) [...]

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati