Ombre rosse

Film 1939 | Western 99 min.

Regia di John Ford. Un film Da vedere 1939 con John Wayne, Thomas Mitchell, John Carradine, George Bancroft, Andy Devine, Claire Trevor. Cast completo Titolo originale: Stagecoach. Genere Western - USA, 1939, durata 99 minuti. - MYmonetro 4,71 su 9 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Ombre rosse tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Nuovo Messico 1880: una diligenza lascia una città per raggiungere un forte. Il film ha ottenuto 7 candidature e vinto 2 Premi Oscar,

Consigliato assolutamente sì!
4,71/5
MYMOVIES 5,00
CRITICA N.D.
PUBBLICO 4,32
ASSOLUTAMENTE SÌ
Leggendaria epopea western.

Nuovo Messico 1880: una diligenza lascia una città per raggiungere un forte. I passeggeri sono una prostituta (Trevor), un commerciante di liquori, un banchiere, una donna incinta, un giocatore di professione (Carradine), un medico alcolizzato (Mitchell), uno sceriffo (Bancroft), ai quali si aggiunge Ringo (Wayne), evaso (ma è innocente) dal carcere per vendicarsi di Luca, assassino di suo padre. La diligenza fa sosta in alcune stazioni e alla fine del viaggio viene assalita dagli indiani. Nel frattempo i rapporti umani si sono intrecciati e ognuno ha rivelato se stesso. Il banchiere era semplicemente un ladro, la donna ha partorito, il giocatore muore, il medico si riscatta, il commerciante avrà qualcosa da raccontare, Ringo compie la sua missione. Lo sceriffo lo arresta, ma poi lo lascia fuggire con la prostituta. Non c'è dubbio che si tratti di uno dei più grandi film mai realizzati, riconosciuto universalmente anche dai recensori più severi e aristocratici. Per la prima volta un western si prestava a letture più articolate e profonde grazie anche alla (probabile) fonte, Palla di sego, di Maupassant. Il viaggio, i rapporti interni di un gruppo diversissimo, il pericolo che sovrasta e poi arriva, davano la possibilità a Ford di mostrare attitudini, anche intellettuali, che non gli venivano attribuite. Ecco dunque in campo i pregiudizi, il coraggio, la paura, il dolore e l'avventura, serviti da attori magnifici, compreso John Wayne, ritenuto fino ad allora un "bisteccone" monocorde e divenuto divo di massima grandezza. C'è anche l'epica, anche se non è il valore principale del film (l'epica era meglio rappresentata da un western di De Mille del '36, La conquista del West, con Gary Cooper): epica è l'iniziativa di Wayne di sposare la prostituta Dallas appena conosciuta; il corteggiamento notturno, di pochissime parole (alla Wayne, appunto), coi protagonisti appoggiati a una palizzata (importante elemento fordiano che serve a "dividere" la scena fisicamente e idealmente), è uno dei più straordinari momenti del cinema di Ford. Sul piano della tecnica cinematografica Ford presentava iniziative importanti: la cinepresa che corre parallelamente alla diligenza, per esempio. Da ricordare l'attacco finale degli indiani nel deserto, con Wayne che spara dal tetto della diligenza e col più liberatorio degli "arrivano i nostri" della cavalleria, con tanto di tromba che suona la carica. Ombre rosse dava il via a una stagione straordinaria del western in quel 1939, ultimo anno di pace che sarebbe diventato l'anno magico del cinema di ogni tempo, anche in Europa.

Piero Di Domenico
lunedì 10 ottobre 2005

Nel 1880, su una diligenza in partenza dalla cittadina di Tonto in direzione di Lordsburg, verso il New Mexico, si ritrovano, oltre al conducente e allo sceriffo, la moglie incinta di un ufficiale, un giocatore di carte, un rappresentante d'alcolici e un banchiere che sta fuggendo con i soldi della banca. All'ultimo momento si aggiungono anche un medico ubriacone e una prostituta, cacciati dal paese. Sulla strada la diligenza trova Ringo, un fuorilegge rimasto senza cavallo, che viene preso in consegna dallo sceriffo. Alla seconda stazione di rifornimento, dopo due giorni di viaggio, la donna incinta partorisce mentre tra Ringo e Dallas, la prostituta, n asce l'amore. Il viaggio però si complica quando, nel territorio degli Apaches di Geronimo in rivolta, la diligenza è assaltata dagli indiani; l'arrivo della cavalleria riuscirà ad evitare il preannunciato massacro. Una volta in città, il banchiere viene arrestato mentre lo sceriffo concede a Ringo di consumare la propria vendetta contro i responsabili del delitto di cui era stato accusato e di fuggire oltre confine con Dallas per ricostruirsi una vita. Ispirato a un racconto di Maupassant, "Ombre rosse" rappresenta nella storia del cinema l'esempio più noto del western classico, in cui si ritrovano tutti gli elementi fondamentali del genere: dai grandi spazi (la Monument Valley resa leggendaria proprio da questo film) al tema del viaggio, dal clima di minaccia incombente per la presenza degli indiani all'intervento della cavalleria, dall'eroe ingiustamente accusato che supera una prova impossibile alla punizione dei colpevoli. Il film, che segnò il ritorno di Ford al western dopo 13 anni e la consacrazioine per John Wayne, costituisce un atto di accusa verso l'epoca precedente a Roosevelt, contro l'ipocrisia sociale e l'emarginazione nei confronti dei più deboli, gli esclusi dalla società, che non a caso sono gli autentici protagonisti del film.

Sei d'accordo con Piero Di Domenico?
Su MYmovies il Dizionario completo dei film di Laura, Luisa e Morando Morandini

Intorno al 1880 una diligenza parte con sette passeggeri da Tonto diretta a Lordsburg, nel Nuovo Messico, attraverso un territorio occupato dagli Apaches di Geronimo. Per la strada sale Ringo, ricercato per un delitto che non ha commesso. Dovrà vedersela con i fratelli Plummer, i veri responsabili del crimine di cui è accusato. Sceneggiato da Dudley Nichols sulla base del racconto Stage to Lordsburg di Ernest Haycox (ispirato a Boule de suif di Maupassant), è forse - almeno in Italia per due generazioni di critici e di cinefili - il western più famoso e amato di tutti i tempi. Questo "Grand Hotel" su ruote, come fu definito sul New Yorker , si presta a letture di ogni genere, come ogni classico. Ebbe 5 nomination agli Oscar e ne vinse 2: Mitchell (attore non protagonista) e la musica, che attinge al folclore americano. Il western precedente di Ford è del 1926.

Tutte le recensioni de ilMorandini
CONSULTALO SUBITO

OMBRE ROSSE disponibile in DVD o BluRay su IBS

DVD

BLU-RAY
€7,99 €16,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
lunedì 3 maggio 2010
il cinefilo

OMBRE ROSSE del regista John Ford si potrebbe definire,a mio giudizio,il più grande film western realizzato negli stati uniti(ma ci sono anche altri "classici" come MEZZOGIORNO DI FUOCO). TRAMA:Nell'1880 una diligenza con a bordo un fuorilegge,una prostituta,un rappresentante di alcolici,un medico ubriaco e un meschino banchiere si dirige verso il New Mexico ma dovranno vedersela con gli indiani. Vai alla recensione »

domenica 18 maggio 2014
tomdoniphon

Un medico alcolizzato, una prostituta, un giocatore, un rappresentante di liquori, la moglie incinta di un ufficiale, un banchiere disonesto, uno sceriffo (e poco dopo un bandito) viaggiono sulla diligenza per Lordsburg, che verrà in seguito attaccata dagli apaches (e salvata dalla cavalleria), mentre scorrono visioni svologoranti della Monument Valley (fino ad allora sconosciuta allo spettatore [...] Vai alla recensione »

domenica 27 marzo 2011
Dandy

Uno dei western più celebri(per alcuni il migliore),quintessenza del genere e summa dei temi che caratterizzeranno i film futuri del genere.Segnò il ritorno di Ford al western e fu il trampolino di lancio per Wayne.Ed è oltre alle cose sovraelencate,un coraggioso atto d'accusa contro l'ipocrisia sociale e l'emarginazione in pieno New Deal di Roosvelt(nel momento [...] Vai alla recensione »

martedì 14 dicembre 2010
brunus10480

Una diligenza nel vecchio West, 7 persone, 7 anime diverse che devono condividere forzatamente un pericoloso vaggio verso il nuovo Messico. La società americana con i suoi pregi e suoi difetti è rappresentata magistralmente dal migliior John Ford: Ringo dovrà farsi giustizia da solo in una terra ingiusta, Dallas proverà a riscattare la propria immagine di prostituta mostrando [...] Vai alla recensione »

martedì 17 aprile 2018
elgatoloco

Tratto, se pur con la mediazione di un'altra opera letteraria(statunitense)da"Boul de Suif"di Guy  de Maupassant, "Stagecoach"(carrozza di scena, letteralmente mentre in italiano è"Ombre rosse", 1939, di John Ford è non solo archetipo di tanti"western", con Nativi americani-pellerossa(qui gli Apaches di jeronimo)molto aggressivi, da cui [...] Vai alla recensione »

venerdì 1 dicembre 2017
stefano capasso

Una diligenza composta da una variegato gruppo di viaggiatore, sta per intraprendere il viaggio verso un forte, correndo il rischio di essere attaccata dai pellerossa. Siamo nel Nuovo Messico nel 1880 e la conquista del west è in pieno svolgimento, la promessa di raggiungere quei territori di confine mobilità tutti. Durante il viaggio si unisce Ringo, famoso fuorilegge che diventerà [...] Vai alla recensione »

lunedì 24 aprile 2017
Great Steven

  OMBRE ROSSE (USA, 1939) diretto da JOHN FORD. Interpretato da JOHN WAYNE, CLAIRE TREVOR, JOHN CARRADINE, THOMAS MITCHELL, ANDY DEVINE, DONALD MEEK, LOUISE PLATT, GEORGE BANCROFT A Tonto, nel 1880, una diligenza deve partire, diretta a Lordsburg, nel New Mexico, vicino alla frontiera meridionale. I passeggeri sono: Lucy Mallory, moglie incinta di un ufficiale dell’Esercito; un banchiere [...] Vai alla recensione »

lunedì 24 aprile 2017
Great Steven

  OMBRE ROSSE (USA, 1939) diretto da JOHN FORD. Interpretato da JOHN WAYNE, CLAIRE TREVOR, JOHN CARRADINE, THOMAS MITCHELL, ANDY DEVINE, DONALD MEEK, LOUISE PLATT, GEORGE BANCROFT A Tonto, nel 1880, una diligenza deve partire, diretta a Lordsburg, nel New Mexico, vicino alla frontiera meridionale. I passeggeri sono: Lucy Mallory, moglie incinta di un ufficiale dell’Esercito; un banchiere [...] Vai alla recensione »

sabato 12 febbraio 2011
claudus

Sono alla terza pellicola di Ford , dopo " L'uomo che uccise liberty Valance " e " Sentieri Selvaggi " , entrambe mi erano parse emotivamente interessanti, pensavo quindi di andare sul sicuro anche con " Ombre Rosse ", ma , devo ammettere di essere rimasto in parte deluso dalla forma del film, non dal contenuto.

mercoledì 10 aprile 2013
Renato C.

Quand'ero adolescente, ed andavo al cinema con i miei coetanei c'era un po' di diffidenza verso i western in bianco e nero; quando però qualche cinema faceva i filoni dei grandi classici ed apparivano films come "Mezzogiorno di fuoco" ed appunto "Ombre rosse" ci si ricredeva! La televisione poi, in Italia era ancora totalmente in bianco e nero, e ci dilettavamo [...] Vai alla recensione »

mercoledì 17 aprile 2019
Fabio

Da vedere: western per eccellenza, disegna un modello che sarà destinato a essere un paradigma. Memorabile e per certi versi insuperata la scena dell'assalto alla diligenza. È l'unica scena d'azione, per il resto Ford predilige i dialoghi e il confronto tra i personaggi. Troviamo un gruppo variamente assortito ma proprio per questo vitale, puro.

lunedì 2 settembre 2013
arnaco

John Ford non poteva certo prevedere che le banche avrebbero trascinato l'umanità nella crisi che stiamo soffrendo, ma guarda caso l'unico personaggio veramente sordido del suo film Ombre Rosse è proprio un banchiere. Al suo confronto Geronimo e i "cattivi" Apache sono degli innocui angioletti.

giovedì 29 marzo 2012
brando fioravanti

Un viaggio su una diligenza con a bordo persone di diverse classi sociali. Dopo tante ostilità impareranno a rispettarsi. Idea buona e originale ai suoi tempi. Difronte alle difficolta si mettono da parte odio e pregiudizi. Ma si cade verso un ottimismo  e un buonismo eccessivo. Tutto si risolverà nei migliori dei modi. Il protagonista con solo tre cartucce riesce a uccidere [...] Vai alla recensione »

lunedì 15 giugno 2009
rock2

è noioso come tutti i film di ford.guardate i film di leone vi annoieranno di meno.

martedì 16 giugno 2009
cir876

è noioso come tutti i film di john ford.

Frasi
Un gentiluomo non fuma in presenza di una signora.
Tre settimane fa ho estratto un proiettile a un tale che era stato ferito da un gentiluomo. Il proiettile era nella schiena.
Dialogo tra Hatfield (John Carradine) - Doc Boone (Thomas Mitchell) - Lucy Mallory (Louise Platt)
dal film Ombre rosse
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Gian Piero dell'Acqua

Il viaggio di una diligenza insidiata dagli indiani attraverso il deserto del Nuovo Messico, intorno al 1880. A bordo, la moglie di un ufficiale, incinta, e una ragazza di piccole virtù, un gentiluomo sudista e un medico alcoolizzato, un rappresentante di liquori e un arrogante banchiere in fuga. Inoltre, il postiglione, lo sceriffo e Ringo, un fuorilegge che viene tradotto in carcere.

Mario Gromo
La Stampa

Da La spia in poi Ford non doveva quasi mai deluderci, queste Ombre rosse sono ben degne della sua firma. È un film dalla tessitura anche audace, sovente complessa in un suo drammatico crescendo; e tutta la prima metà del film si propone ambizioni non comuni, ha pagine duttili, cadenze ampie. La vicenda, nell'Arizona verso la metà dell'ottocento, si intesse di cinque, presentate da un montaggio a temi [...] Vai alla recensione »

NEWS
ACCADDE OGGI
sabato 10 febbraio 2018
Andrea Chirichelli

Il 10 febbraio 1939 a Miami, prima internazionale per Ombre Rosse, diretto da John Ford, con John Wayne, Claire Trevor, Thomas Mitchell e John Carradine. Il film ottenne due Oscar (Miglior attore non protagonista a Thomas Mitchell e Miglior colonna sonora) [...]

winner
miglior attore non protag.
Premio Oscar
1940
winner
miglior colonna sonora
Premio Oscar
1940
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2021 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati