Advertisement
La politica degli autori: François Ozon

Il più irrequieto e inafferrabile tra i registi francesi nati negli anni 60.
di Mauro Gervasini

In foto François Ozon.
François Ozon (54 anni) 15 novembre 1967, Parigi (Francia) - Scorpione. Regista del film Giovane e bella.

mercoledì 6 novembre 2013 - Approfondimenti

Di tutta la generazione di registi francesi nati e cresciuti negli anni 60, quelli che la Nouvelle Vague l'hanno solo vista al cinema, François Ozon, classe 1967, è il più irrequieto e inafferrabile criticamente. Non che la sua opera sia priva di temi ricorrenti, anzi. La sessualità, l'elaborazione del lutto, il tempo che passa e persino la libertà al potere, contro vari tipi di istituzioni (la famiglia in primis) sono argomenti trattati in tutti i film, spesso la loro stessa ragione d'essere. Ma Ozon cerca ogni volta modi originali per renderli narrativi e accattivanti, dribblando i compartimenti stagni dei generi (dal musical, al melodramma, al giallo). L'ultimo titolo, Giovane e bella, presentato al Festival di Cannes qualche mese fa e dal 7 novembre nelle sale, è paradigmatico della diversità dei toni. Storia nota di una diciassettenne (la meravigliosa Marine Vacth) che dopo un'estate travagliata decide di prostituirsi on line col nome d'arte Lea, rimorchiando e facendosi pagare come una squillo di lusso. Dosando con sensibilità due registri opposti (la commedia e il dramma), con il contrappunto di Françoise Hardy e delle sue canzoni senza tempo, quindi adattissime per sottolineare quello devastato di Lea, il regista crea una "leggerezza" perfetta per raccontare un paradigma dell'adolescenza.

A Ozon piacciono i film suddivisi in capitoli, come appunto l'ultimo, o visti a ritroso, come CinquePerDue, o ricchi di detour narrativi che ti fanno prevedere uno sviluppo e invece prendono altre direzioni, come Nella casa (2012). Il suo successo di pubblico maggiore resta Otto donne e un mistero (2001) che in Francia ha superato abbondantemente i 3 milioni di spettatori. Tutto sommato non uno dei suoi migliori, divertissement stile "cluedo" con otto donne, tra le quali mostri sacri del cinema d'oltralpe come Catherine Deneuve e Fanny Ardant, e un cadavere. Nonostante il punto di partenza macabro, anche in questo caso a Ozon piacciono soprattutto i sorrisi e le canzoni. C'è pure Raffaella Carrà in una scena memorabile di un altro suo celebre titolo, questa volta riuscitissimo, Gocce d'acqua su pietre roventi (1999), da una pièce mai rappresentata di Rainer Werner Fassbinder, scritta a diciannove anni, solo due in più di Lea. In una ronde pansessuale tra due uomini (il più maturo interpretato dal grandissimo e compianto Bernard Giraudeau) una ragazza e un trans, si intravede forse la presenza esorcizzata in tutti i film, a partire dai primi cortometraggi (visti a Cannes e Locarno): la Morte.

Trattata come una presenza, appunto, dispensatrice di senso nel capolavoro dell'autore: Sotto la sabbia (2000). Storia di una donna, Charlotte Rampling, che non si rassegna alla scomparsa del marito Bruno Cremer. Lo aspetta come se dovesse tornare da un momento all'altro. Moderna Penelope, la protagonista tesse la tela del tempo illudendosi di abitare Itaca, terra del ritorno, quando invece la sola sua compagna di viaggio è appunto lei, la Morte. Un film di grandi intuizioni, non sempre ritrovate da Ozon nelle prove successive, dal programmatico Il tempo che resta (2005), dove il protagonista Romain Duris, malato terminale, accetta di mettere incinta una ragazza conosciuta per caso così da "perpetrarsi", all'altrettanto schematico Potiche - La bella statuina (2010) sul percorso accidentale di una capitana d'industria interpretata da Catherine Deneuve. Aggiungiamo il già citato CinquePerDue e il pur osannato Nella casa, almeno nella sua attorcigliata seconda parte. Sono titoli che dimostrano come nonostante il talento, Ozon abbia un difetto irredimibile: la cerebralità. Che smorza qualche volta il suo desiderio di essere leggero.

Gallery


news correlate
in Primo Piano

{{PaginaCaricata()}}

Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2022 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati