Life - Non oltrepassare il limite

Film 2017 | Fantascienza +16 103 min.

Titolo originaleLife
Anno2017
GenereFantascienza
ProduzioneUSA
Durata103 minuti
Regia diDaniel Espinosa
AttoriJake Gyllenhaal, Rebecca Ferguson, Ryan Reynolds, Hiroyuki Sanada, Ariyon Bakare Olga Dihovichnaya, Alexandre Nguyen.
Uscitagiovedì 23 marzo 2017
DistribuzioneWarner Bros Italia
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +16
MYmonetro 2,53 su 26 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Daniel Espinosa. Un film con Jake Gyllenhaal, Rebecca Ferguson, Ryan Reynolds, Hiroyuki Sanada, Ariyon Bakare. Cast completo Titolo originale: Life. Genere Fantascienza - USA, 2017, durata 103 minuti. Uscita cinema giovedì 23 marzo 2017 distribuito da Warner Bros Italia. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +16 - MYmonetro 2,53 su 26 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi
Life - Non oltrepassare il limite
tra i tuoi film preferiti.




oppure

C'è vita su Marte? Un gruppo di scienziati fa una scoperta incredibile che potrebbe rivoluzionare la loro vita e quella dell'umanità. In Italia al Box Office Life - Non oltrepassare il limite ha incassato nelle prime 3 settimane di programmazione 1,5 milioni di euro e 711 mila euro nel primo weekend.

Consigliato nì!
2,53/5
MYMOVIES 2,50
CRITICA 2,71
PUBBLICO 2,39
CONSIGLIATO NÌ
Un grande budget per un film non troppo raffinato, che però porta dignitosamente a termine la sua missione d'intrattenimento.
Recensione di Marianna Cappi
mercoledì 22 marzo 2017
Recensione di Marianna Cappi
mercoledì 22 marzo 2017

Una squadra di astronauti, a bordo di una stazione spaziale internazionale, entra in possesso di un campione organico proveniente da Marte. Lo scienziato del gruppo espone la microscopica cellula ad una serie di stimoli, nel laboratorio della stazione orbitante, e "la cosa" reagisce. Si festeggia anche sulla Terra e i bambini delle scuole le trovano un nome: Calvin. Ma Calvin non è innocuo: cresce, interagisce e, disturbato, uccide. La priorità cambia rapidamente a bordo e una s'impone su tutte: tenerlo lontano dal nostro pianeta.

Il film di Espinosa va preso per il verso giusto, come un buon esempio di quelli che una volta si chiamavano b-movie, film di genere in cui non cercare il pelo nell'uovo, non pretendere approfondimenti psicologici o afflati tarkovskijani.

Un film da gustarsi pop corn alla mano per fare una prova del nove: più sono i momenti in cui la mano resta impigliata nel bicchiere di carta e ci si dimentica di portare il cibo alla bocca, più punti guadagna il film, perché significa che fa bene il suo mestiere, intrattiene, spaventa, aggancia.
Se tra gli antenati di Life ci sia un Alien o l'altro, dunque, poco importa; è immediatamente chiaro che il papino di Calvin sta per diventare una sua vittima, la prima di quei dieci piccoli indiani di cui non ci resta che visionare il come, il dove e il quando, perché il cosa è affare noto. Così, tra un'apparizione a sorpresa e l'altra, del viscido e tentacolare marziano, si leggono in filigrana informazioni altre: una scala di valore degli interpreti, per esempio, per cui il bellimbusto e coraggioso Ryan Reynolds è sacrificabile prima del malinconico e intelligente Jake Gyllenhaall, o la presenza di un finale con sberleffo, di quelli che il cinema che si prende più sul serio non si può permettere, e che invece il genere può ancora sfoderare, con tanto di commento musicale ironico (quando sui titoli di coda parte una versione scanzonata di "Spirit in the sky").

Per quanto questo sia un film che avrebbe potuto essere prodotto trent'anni fa, e anche molti di più, con altro stile e altro budget, va detto che il fatto che le conoscenze scientifiche dei nostri anni rendano in fondo credibile quanto prospettato (non da Marte ma da qualche pianeta molto più lontano non è da escludere che arrivi prima o poi una scintilla di vita rianimabile) bilancia alcuni snodi di più svolazzante fantasia e aggiunge un brividino gelido, a beneficio dell'effetto thriller.

Sei d'accordo con Marianna Cappi?
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
sabato 25 marzo 2017
Flavio1234

Niente di nuovo, ma Life è un film accettabile nel suo genere capace di creare tensione nello spettatore per la forte claustrofobia che emana. Non è alien, ma si presenta come un vero e proprio remake. Un prodotto onesto e ben confezionato con un finale ironico nella sua apparente tragicità.

mercoledì 7 giugno 2017
Liuk!

Life parte come descrizione dell'analisi di campioni provenienti da Marte con un discreto taglio pseudoscientifico, il tutto condito da un buon cast ed effetti speciali di buon livello. I primi venti-trenta minuti sono di buona fattura. Poi la trama vira su lidi già visti e stravisti, andando a copiare mostri sacri, Alien in primis, senza apportare nulla di nuovo ed anzi svilendo l'essere [...] Vai alla recensione »

domenica 2 aprile 2017
Cristian

Life - Non oltrepassare il limite di Daniel Espinosa (Safe House - Nessuno è al sicuro; Child 44 - Il bambino numero 44) è un film puramente convenzionale che nulla aggiunge o toglie al genere sci-fi, andando così a ficcarsi in una massa di pellicole ugualmente mediocri e dimenticabili. La sceneggiatura di Rhett Reese e Paul Wernick (Benvenuti a Zombieland; G.

venerdì 31 marzo 2017
massimo

il film è sempre dentro la stazione spaziale e questo è molto poco...si direbbe che il regista supplisce con suspense la quale c'è ma non ha buoni livelli anche perchè i dialoghi sembrano quasi ripetitivi sopratutto nella seconda parte....il film come ultimamente anche in altri generi che ci hanno abituato di stampo americano.

venerdì 31 marzo 2017
tmpsvita

Life è un thriller fantascientifico, con sfumature horror, che strizza troppo l'occhio ad Alien. Ed i paragoni ad esso sono impossibili da non fare. Ma, il film, non riesce neanche lontanamente a raggiungere i suoi livelli , risultando, così, solo un'inutile e soporifera brutta copia che manca di sostanza e di originalità.

mercoledì 17 maggio 2017
gianleo67

Una missione orbitante della ISS aggancia un satellite fuori controllo che trasporta dei campioni biologici provenienti dal pianeta Marte. Lo scopo è quello di studiare nello spazio eventuali forme di vita, costituendo una barriera di sicurezza contro eventuali contaminazioni dell'ambiente terrestre. Dopo gli iniziali entusiasmi però, qualcosa sembra andare storto e per i sei componenti dell'equipaggio [...] Vai alla recensione »

lunedì 3 aprile 2017
Fabian T.

Spiace vedere scenografie così curate e attori tanto impegnati nel rendere credibile il tutto quando l'intero film è quanto di più trito e ritrito si possa (ri)vedere. Non c'è un minimo di originalità creativa e perfino l'irritante polpo alieno (!) appare inverosimile e ridicolmente invincibile, sopravvivendo a ogni cosa, dal fuoco allo spazio profondo.

domenica 26 marzo 2017
Hazard

Il comparto tecnico del film ė superbo, scenografia e ambientazione sono ben curati ed assolutamente realistici. Il film raggiunge L obiettivo di diffondere tensione e ritmo in sala, specialmente nella prima parte. Tuttavia si ferma al raggiungimento di questo traguardo. Infatti la trama è debole, semplice Mei contenuti e nello svolgimento.

martedì 4 aprile 2017
iostesso

Da appasionato Alien penso che sia inusuale la modalita con la quale hanno scelto di dare vita al marziano -Come Fantahorror penso abbia raggiunto appieno il suo obbiettivo-moltissimi dettagli potevano essere curati meglio --penso che per cogliere appieno del perche di questo  disegno scenografico e della storia  bisogna spogliarsi un po delle idee gia preconfezionate frutto dei  confronti [...] Vai alla recensione »

sabato 3 giugno 2017
vox

Negli Stati Uniti, e non solo, il cinema non è più un'arte, bensì un prodotto da vendere. Ecco allora che si sfornano film a ripetizione, il 90% dei quali non sono opere d'arte, ma prodotti da consumare. Dietro un film ci deve essere un'IDEA, una motivazione, un "impulso creativo" In questo film non c'è nulla di nuovo e nulla per cui valga la [...] Vai alla recensione »

lunedì 27 marzo 2017
vandamme84

per quel che mi riguarda darei 3 stelle e mezzo, ma non potendo opto per le 4 perchè comunque è un film dai bei effetti speciali che intrattiene dall'inizio alla fine, pur portando un qualcosa che non è molto originale. 

lunedì 27 marzo 2017
jlkbest72

Fanta horror sviluppato bene con un cast eccezionale. Come al solito molta suspance è distrutta dal thailer  Azione ed effetti di buon livello e pure la trama è ben strutturata anche se non originalissima Il finale vale il film

sabato 25 marzo 2017
ronin2_go

Da dove cominciare? Da un consiglio: se avete visto il trailer, non andate a vedere il film.  Non c'è una briciola di novità, non c'è un'idea che non sia già contenuta nel trailer.  Scienziati a bordo della Stazione Spaziale Internazionale ricevono dei campioni da Marte, dove si cela una forma di vita.

giovedì 13 aprile 2017
unbarbagianni

Probabilmente a chi ha già visto film come Aliens può non essere sembrato troppo originale, sebbene solo il concept di base può essere simile, ma lo sviluppo delle trama è differente e tutto il resto c'è!Attori eccellenti con ottime interpretazioni (oltre ai famosi Jake Gyllenhaal, Rebecca Ferguson e Ryan Reynolds, anche gli altri tre sono molto validi), effetti speciali notevoli, musiche eccezionali, [...] Vai alla recensione »

FOCUS
SCRIVERE DI CINEMA
venerdì 24 marzo 2017
Eugenio Radin, vincitore del Premio Scrivere di Cinema

Nell'affacciarsi al mondo della fantascienza sembra che Daniel Espinosa abbia ben chiari in testa i modelli a cui intende ispirarsi: Ridley Scott in primis (difficile non vedere in questo Life un affettuoso omaggio ad Alien) e in generale quel cinema che gioca sul paradossale intreccio tra lo spazio aperto dell'Universo e la sostanziale claustrofobia interna alle navicelle spaziali, ovvero tutto quel filone (di cui la suddetta pellicola di Scott rappresenta tutt'oggi l'esempio più riuscito) che, come intuiva Enrico Ghezzi in un articolo dell'81, trasforma essenzialmente il film di fantascienza in un film da camera. Lo si capisce sin da subito, dal long take che da inizio alla narrazione e che segue i corpi fluttuanti degli astronauti lungo i cunicoli freddi e spogli della Stazione Spaziale Internazionale.

Non è l'unico trucco che l'arguzia del cineasta cileno-svedese utilizza per catturare l'attenzione dello spettatore: la tensione è mantenuta per tutta la durata dell'opera, la quale fa crescere il suo appeal in un climax di suspense e nervosismo, abile per altro nell'evitare soluzioni scadenti e solitamente abusate come gli ormai onnipresenti jump-scares.

Non si possono nutrire dubbi sulla riuscita del film se considerato nell'ottica di un adrenalinico intrattenimento, ma è necessario spingere più in profondità l'analisi per cercare di comprendere le motivazioni che possono giustificare quella che tutto sommato rimane una ricostruzione ai limiti del plagio del succitato capolavoro del 1979.

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
giovedì 23 marzo 2017
Silvio Danese
Quotidiano Nazionale

Alien dopo "Alien", ma non è cibo rimasticato. In un futuro imminente su una stazione spaziale un equipaggio di scienziati fa i conti con una molecola "risvegliata" dall'analisi della terra rossa. Secondo copione, la molecola diventa un gigante distruttivo di plasma trasparente, e dal thriller fantascientifico si passa alle regole dell'horror claustrofobico sfruttando (bene) il budello dell'astronave [...] Vai alla recensione »

giovedì 23 marzo 2017
Roberto Nepoti
La Repubblica

I primi film di fantascienza viaggiavano in due direzioni opposte: o si andava in astronave alla scoperta di altri mondi oppure si subiva, qui sulla Terra, l'invasione degli alieni. Nel 1979 arrivò Ridley Scott, che rimescolò le carte e spostò il meeting tra abitanti di pianeti diversi - come dire? - a metà strada, facendoli incontrare nello spazio profondo.

giovedì 23 marzo 2017
Maurizio Acerbi
Il Giornale

In una stazione spaziale internazionale, l'equipaggio sta studiando un campione di forma di vita, prelevato su Marte. Che si dimostra non solo intelligente, ma, man mano che cresce, sempre più ostile. Life si ispira con grande rispetto a Alien, senza scimmiottarlo, costruendosi una solida credibilità. Nulla è scontato nel film e i colpi di scena non pregiudicano mai il delicato equilibrio tra horror, [...] Vai alla recensione »

giovedì 23 marzo 2017
Francesco Alò
Il Messaggero

Is there life on Mars?» si chiedeva cantando David Bowie nel 1973. La risposta è sì. C'è vita su Marte anche se è mortifera e sarà protagonista di uno scontro ravvicinato del terzo tipo. Life, diretto dal regista d'origini cilene ma educazione svedese Daniel Espinosa, è un thriller fantascientifico quasi sublime dove l'armonia geopolitica stellare della orbitante International Space Station (giapponesi, [...] Vai alla recensione »

giovedì 23 marzo 2017
Alessandra Levantesi
La Stampa

Un team di scienziati viaggia a bordo di un'astronave che ruota intorno alla terra con il compito di riscontrare un'eventuale esistenza di vita su Marte. Tuttavia la loro scoperta cancella ogni speranza di amichevoli incontri ravvicinati del terzo tipo. Infatti una microscopica cellula, soprannominata Calvin, nel giro di pochi giorni sviluppa un'inaudita potenza fisica e cerebrale, dimostrando un feroce [...] Vai alla recensione »

giovedì 23 marzo 2017
Giona A. Nazzaro
Il Manifesto

Si inizia con un lungo piano sequenza che fa tanto Gravity e che la cosa non depone bene per il regista. Ma è la cosa migliore del film, è questo vuol dire tanto, purtroppo. Si attendono dei campioni da Marte e si pensa a Mission to Mars, ma purtroppo dietro la macchina da presa non c'è Brian De Palma ma il regista di Child 44 che con il team di sceneggiatori di Deadpool ha pensato bene di reinventare [...] Vai alla recensione »

giovedì 23 marzo 2017
Federico Pontiggia
Il Fatto Quotidiano

La prima fantascienza trumpiana. Improbabile che un film uscito solo quattro mesi e mezzo dopo le elezioni presidenziali americane possa scientemente fregiarsi dell'attributo, ma tant'è: Life - Non oltrepassare il limite è intimamente, ineludibilmente e ineluttabilmente trumpiano. Non avevamo ancora finito di plaudire al ritorno alla sciencefiction umanista con Arrival di Denis Villeneuve - il valente [...] Vai alla recensione »

NEWS
POSTER
venerdì 20 gennaio 2017
 

Sarà al cinema dal prossimo 23 marzo, Life - Non oltrepassare il limite, storia dell'equipaggio di una stazione spaziale internazionale in procinto di fare una delle scoperte più importanti della storia: raccogliere la prima prova di una vita terrestre [...]

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2017 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati