MYmovies.it
Advertisement
Il ragazzo invisibile 2, «Salvatores? Vuole naturalezza e improvvisazione»

Ludovico Girardello e Galatea Bellugi raccontano il sèguito del primo superhero movie italiano.
di Paola Casella

Ludovico Girardello 2000, Vittorio Veneto (Italia). Interpreta Michele nel film di Gabriele Salvatores Il ragazzo invisibile.
giovedì 2 novembre 2017 - Incontri

Sono i protagonisti de Il ragazzo invisibile - Seconda generazione, sèguito del primo superhero movie italiano girato tre anni fa da Gabriele Salvatores. Ludovico Girardello, 17 anni, ricopriva già il ruolo del titolo nel primo film di quella che si annuncia come una saga cinematografica, mentre la ventenne Galatea Bellugi è la new entry nei panni di Natasha, sorella di Michele, il ragazzo invisibile.

Galatea, nata a Parigi da padre italiano (l'attore Duccio Bellugi) e madre danese, ha già varie interpretazioni alle spalle fra cui quella nel film Keeper che ha vinto il Torino Film Festival nel 2015, e studia relazioni internazionali all'università di Copenhagen.
Paola Casella

Ludovico ha recitato nella serie televisiva Non uccidere e del videoclip di Fabri Fibra Pamplona. Da due anni fa anche parte della compagnia teatrale Lorenzo da Ponte di Vittorio Veneto.


VAI ALL'INTERVISTA
L'INTERVISTA

In che modo Michele è cambiato rispetto al primo film?
LUDOVICO: è cresciuto con me, e come me è diventato un teenager. E ha sviluppato un colore più tetro, a causa degli avvenimenti che scoprirete ma anche di quella fase dell'adolescenza in cui tutto sembra brutto, tutti sono contro di te e per questo "devono morire". L'intero film entra in questo lato dark perché è raccontato dal punto di vista di Michele.

Anche Natasha ha un lato dark?
GALETEA: Natasha ha un passato diverso rispetto a Michele, perché è vissuta in Marocco con quella madre russa che Michele non ha mai conosciuto. È nata in una situazione violenta e dunque ha sviluppato una grande rabbia interiore.

Infatti, letteralmente, si infiamma subito.
GALETEA: Natasha prova la rabbia degli adolescenti davanti alle ingiustizie e l'usare il fuoco è il suo modo per proteggersi. Gabriele Salvatores non me l'ha descritto come un superpotere, ma come una caratteristica del mio personaggio.

LUDOVICO: Anche la mia invisibilità non è tanto un superpotere quanto un lato del carattere di Michele. Potersi rendere invisibili vuol dire per lui schivare i problemi, riuscire a nascondersi quando qualcosa lo ostacola e poter stare da solo quando chi ha intorno non gli piace.

Qual è stato il rapporto fra voi due fuori dal set?
ENTRAMBI: Abbiamo legato subito, ci siamo messi a fare tai chi insieme, e le riprese sono state una specie di gita scolastica. Anche noi, come i nostri personaggi, abbiamo imparato a conoscerci ma ancora adesso manteniamo quella piccola distanza che si conserva davanti ad una miccia accesa.

E il rapporto con Salvatores?
LUDOVICO: Sul set del primo film ero più in difficoltà, perché avevo alle spalle solo un anno di teatro. Adesso invece ci capiamo al volo, ho imparato a gestire la parte tecnica del lavoro, e per il resto vado di istinto. Tantopiù che Gabriele ci incoraggia a improvvisare.

GALETEA: Gabriele è sempre in ascolto, sempre in cerca di qualcosa che lo sorprenda.

LUDOVICO: Ci lascia molta libertà artistica, e da noi vuole soprattutto spontaneità e naturalezza.

Quali sono i vostri futuri progetti di lavoro?
GALETEA: Io ho girato in Francia L'apparition di Xavier Giannoli.

LUDOVICO: Io ho finito di girare Capri, Batterie di Mario Martone.

Mica male!
ENTRAMBI: Decisamente!


SCOPRI IL FILM
news correlate
in Primo Piano

{{PaginaCaricata()}}

Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2017 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati