Mr. Robot - Stagione 2

Film 2016 | Drammatico +13 49 min.

Regia di Sam Esmail, Jim McKay, Tricia Brock, Deborah Chow, Nisha Ganatra, Niels Arden Oplev, Christoph Schrewe. Una serie con Portia Doubleday, Martin Wallström, Rami Malek, Carly Chaikin, Christian Slater. Cast completo Titolo originale: Mr. Robot. Genere Drammatico - USA, 2016, durata 49 minuti. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13

Condividi

Aggiungi
Mr. Robot - Stagione 2
tra i tuoi film preferiti.




oppure

La seconda stagione della serie incentrata sulle vicende del tecnico informatico Elliot garantisce tutte le risposte alle domande che la prima stagione aveva lasciato in sospeso.

Consigliato assolutamente no!
n.d.
MYMOVIES N.D.
CRITICA N.D.
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO N.D.

Il tuo browser non supporta HTML5 video. Usa Google Chrome!

La stagione 2 di Mr. Robot, il 'dopo sbronza della rivoluzione'.
Andrea Fornasiero
lunedì 13 marzo 2017
Andrea Fornasiero
lunedì 13 marzo 2017

La seconda stagione di Mr. Robot va in onda negli States, sul canale basic cable USA Network, dal 13 luglio 2016, quando la serie ha già incassato due Golden Globe (Miglior Drama e Miglior Attore Non Protagonista per Christian Slater) e una nomination per Rami Malek come protagonista, oltre a sei nomination per gli Emmy - che saranno assegnati a settembre, quando la serie vincerà per il Miglior Attore Protagonista e la Miglior Colonna Sonora originale a firma di Mac Quayle. Come se questo non bastasse la prima annata di Mr. Robot è diventata uno straordinario successo sul web, generando una moltitudine di discussioni tra i fan, suscitando l'interesse e l'approvazione della community degli hacker e ottenendo largo spazio anche sui media mainstream.

La serie insomma arriva in Tv con un pesante carico di aspettative, che la prima stagione di certo non aveva, tanto da essere divenuta l'alfiere di un rinnovamento nella programmazione di USA Network, che in seguito a Mr. Robot cerca di dare un taglio più dark e complesso alle proprie serie con titoli come Eyewitness e l'onirica Falling Waters.

L'autore di Mr. Robot Sam Esmail, tutt'altro che intimidito dal successo ottenuto, gioca al rialzo: ottiene dalla rete la regia di tutti gli episodi e riesce a girare così tanto materiale da aumentare da 10 a 12 gli episodi della stagione. Anche dal punto di vista narrativo non prende scorciatoie e la seconda annata si apre su quello che definisce "il dopo-sbronza della rivoluzione", ossia un periodo di cupo e confuso assestamento dopo il radicale finale della stagione precedente. Lo status quo in cui troviamo i personaggi infatti è subito frammentato, con il protagonista Elliot chiuso in un ritiro a casa della madre dove cerca di combattere la propria malattia mentale e in particolare la sua seconda personalità: il machiavellico Mr. Robot che gli appare con le fattezze del padre deceduto anni addietro.

Elliot vive dunque in una autoimposta separazione dagli altri personaggi e l'unica persona che incontra è praticamente Leon, interpretato dal rapper newyorkese Joey Bada$$ e capace di riempire i silenzi di Elliot con la propria loquacità a base di filosofia e citazioni di Seinfeld. A segnare un'altra netta differenza c'è poi l'uscita di scena del principale antagonista della scorsa annata, Tyrell Wellick, divenuto l'uomo più ricercato del mondo (anche dalla moglie Joanna) e forse in realtà ucciso dallo stesso Elliot, come sembra lasciar intendere la sequenza d'apertura della stagione.

Sempre più isolata appare anche la posizione di Angela, amica d'infanzia di Elliot infiltrata nella E-Corp dove la sua carriera procede spedita verso i piani più alti della inquietante corporazione. È attraverso di lei e dei suoi numerosi incontri con il megalomane CEO Philip Price, che la serie racconta le conseguenze della crisi causata dall'attacco hacker della F-Society. Come già aveva anticipato la scena post-titoli di coda della prima stagione, dove Philip incontrava il leader della Dark Army Whiterose nelle vesti però maschili di Zhang - nientemeno che il ministro della State Security cinese - esiste una cospirazione molto elaborata in cui Philip e Whiterose operano in un rapporto enigmatico. Quest'ultima, apparsa molto brevemente nella prima annata, è molto più presente nella seconda stagione e sarà tra i personaggi principali della terza, del resto l'interpretazione di BD Wong - già lunghissima presenza in Law & Order: Special Victim Unit e che ritroveremo anche in Iron Fist - ne ha fatto una immediata fan favorite e la sua identità di cinese transgender arricchisce la serie di ulteriori sfumature di diversità.

Anche il team di F-Society capitanato da Darlene non se la passa benissimo e vive in clandestinità in una smart house occupata in un clima di paranoia. Del resto a dare loro la caccia c'è un altro nuovo personaggio: l'agente della divisione cyber crime dell'FBI Dominique "Dom" DiPierro, interpretata da Grace Gummer, la figlia di Meryl Streep già vista al cinema in The Homesman e Frances Ha e in Tv in The Newsroom ed Extant.

Questo stato molto frammentato da cui riprende il racconto vedrà lentamente riavvicinarsi le diverse linee narrative, non senza un radicale colpo di scena, più spiazzante di quello della prima annata. Se in rete la seconda stagione è stata accolta un po' meno bene della precedente, le vanno comunque riconosciute la straordinaria ambizione e una coerenza stilistica unica, tanto che USA Network continua a credere fortemente nel progetto. Per la terza annata il cast si arricchisce infatti dell'ottimo Bobby Cannavale (reduce da Vinyl, in Mr. Robot interpreterà un rivenditore di auto usate, che chissà come entrerà nel complesso intreccio) ed è confermato alla regia di tutti gli episodi lo showrunner Sam Esmail, che ha richiesto e ottenuto più tempo con la partenza della nuova stagione a ottobre 2017.

Sei d'accordo con Andrea Fornasiero?
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2017 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati