Lost

Film 2004 | Drammatico 42 min.

Regia di J.J. Abrams, Jeffrey Lieber, Damon Lindelof, Jack Bender. Una serie con Matthew Fox, Evangeline Lilly, Dominic Monaghan, Ian Somerhalder, Maggie Grace. Cast completo Genere Drammatico - USA, 2004, Valutazione: 3,00 Stelle, sulla base di 40 recensioni.

Condividi

Aggiungi
Lost
tra i tuoi film preferiti.




oppure

Un aereo precipita su un isola. I sopravvissuti dovranno affrontare i misteri dell'isola e una comunità dedita a strani esperimenti. La serie ha ottenuto 7 candidature e vinto un premio ai Golden Globes, 20 candidature e vinto 2 Emmy Awards.

Consigliato assolutamente no!
n.d.
MYMOVIES N.D.
CRITICA N.D.
PUBBLICO 4,81
CONSIGLIATO N.D.
Scheda Home
Cinema
Trailer
La serie che ha cambiato il modo di fare TV.

Sopravvissuti due volte. Alla vita di prima, piena di scheletri nell'armadio, e a quella sull'isola, ancor più pericolosa e sul filo del rasoio. Due volte perduti: caduti dalla pentola nella brace. Quello che succede ai passeggeri del volo 815 della Oceanic Airlines con rotta da Sidney a Los Angeles travalica l'incidente aereo e diventa un caso "ai confini della realtà". Su quale isola del Pacifico del sud sono precipitati i 48 sopravvissuti del disastro? Che razza di creatura è quella che ha dilaniato in un sol colpo il copilota dell'aereo intrappolato ancora vivo nella cabina di pilotaggio finita in cima agli alberi? Come fa un orso polare a trovarsi su un atollo tropicale? Che cosa nasconde il messaggio che si ascolta una volta riattivata la radio, proveniente dall'isola e sempre lo stesso da 16 anni? Ma soprattutto: chi diavolo sono e che cosa nascondono gli scampati alla tragedia?

Nonostante i superstiti sull'isola misteriosa risultino 48, il serial segue le vicende di 14 personaggi principali: il neurochirurgo Jack Shephard (Matthew Fox), il quale dopo aver prestato i primi soccorsi ai feriti è destinato a diventare il leader del gruppo; la bella Kate Austin (Evangeline Lilly), la più intraprendente insieme a Jack; Charlie Pace (Dominic Monaghan), il bassista della band inglese Drive Shaft; Boone Carlyle (Ian Somerhalder), a capo dell'azienda della madre che si occupa di eventi nuziali; la sorellastra viziata e manipolatrice Shannon Rutherford (Maggie Grace), la quale ha girato il mondo a spese del fratellastro; l'esperto in telecomunicazioni Sayid Jarrah (Naveen Andrews), un veterano della Guardia Repubblicana irachena di Saddam Hussein a Tikirt; Michael Dawson (Harold Perrineau jr.), un costruttore di New York con aspirazioni d'architetto rimasto vedovo da poco; il figlio di lui Walt Lloyd (Malcolm David Kelley), che la madre aveva portato con sé ad Amsterdam dopo la fine della storia con Dawson; l'obeso Hugo "Hurley" Reyes (Jorge Garcia), fresco vincitore milionario della lotteria; il ribelle di turno James "Sawyer" Ford (Josh Holloway), originario del Tennessee; il coreano JinSoo Kwon (Daniel Dae Kim), l'unico dei sopravvissuti a non parlare inglese; la moglie apparentemente sottomessa SunSoo Kwon (Yoonjin Kim); l'enigmatico John Locke (Terry O'Quinn), manager di rincalzo in una compagnia di Tustin, in California; Claire Littleton (Emilie de Ravin), l'unica dei protagonisti (insieme al bambino che porta in grembo) a essere originaria dell'Australia.

Ognuno di loro ha uno o più flashback i quali, più che svelarne il passato, gettano ombre scurissime e rivelano drammi messi in valigia prima di decollare; generano incroci, tensioni, scontri, allegorie; fanno passare i personaggi al metaldetector. Jack ha coperto il padre alcolizzato, anch'egli medico, da una leggerezza in sala operatoria che ha causato la morte di una paziente incinta; quando non ha più retto il peso e ha confessato la verità alla commissione d'inchiesta, il genitore si è suicidato. Kate viaggiava ammanettata a uno sceriffo dopo essere stata arrestata per una rapina in New Mexico. Charlie è un eroinomane che ha mandato a quel paese il fratello, un tempo membro della band. Boone e Shannon sono andati a letto assieme poco prima del volo. Sayid è stato un infiltrato dei servizi segreti americani e inglesi. Michael ha sempre avuto paura di occuparsi del figlio Walt, forse sperando egoisticamente in una carriera più esaltante. Hurley ha vinto 156 milioni di dollari alla lotteria, ma da quel giorno ha conosciuto solo disgrazie (la morte del nonno, la fine del matrimonio del fratello, la madre che si è rotta un'anca, lo stesso Hurley che finisce arrestato...). Sawyer è un truffatore sfasciafamiglie di professione che ha ucciso una persona per errore. JinSoo è stato assoldato dal padre di SunSoo per commettere estorsioni, minacce, violenze. SunSoo ha preso lezioni d'inglese di nascosto e al checkin ha avuto l'occasione di fuggire dal marito. John era un paraplegico costretto sulla sedia a rotelle che sull'isola riacquista l'uso delle gambe (fosse la sua unica stranezza!). Claire era in volo per affidare il nascituro a una coppia di Los Angeles. La successione dei flashback della prima stagione è questa: nei due episodi della puntata-pilota tocca a Jack, Kate e Charlie; nel terzo ancora a Kate, nel quarto a Locke, nel quinto nuovamente a Jack, nel sesto a Sun, nel settimo a Charlie, nell'ottavo a Sawyer, nel nono a Sayid, nel decimo a Claire, nell'undicesimo a Jack, nel dodicesimo a Kate, nel tredicesimo a Boone, nel quattordicesimo a Michael e Walt, nel quindicesimo a Charlie, nel sedicesimo a Sawyer, nel diciassettesimo a Jin, nel diciottesimo a Hurley, nel diciannovesimo a Locke, nel ventesimo a Jack, nel ventunesimo a Sayid, nel ventiduesimo a Kate, nel trittico conclusivo (Exodus) a vari personaggi. Agli scampati del volo Oceanic si aggiungono successivamente due figure già sull'isola: il pericoloso Ethan Rom (William Mapother) dapprima si presenta come un altro sopravvissuto del disastro aereo, ma quando Hurley redige un censimento degli scampati si scopre che l'uomo non era nella lista dei passeggeri; rimarrà ucciso dopo aver rapito Charlie e Claire. La francese Danielle Rousseau (Mira Furlan) ha vissuto sull'isola da sopravvissuta per 16 anni e ha ucciso i restanti compagni di una spedizione scientifica perché erano stati "infettati" da una strana sostanza; dopo aver catturato Sayid, la donna gli rivela che è in cerca disperata del figlio Alex e per questo rapisce, quando questi viene alla luce, il primogenito di Claire (con la speranza di poterlo scambiare con suo figlio, tenuto prigioniero da un fantomatico gruppo che lei chiama "gli Altri"). All'appello risponde anche Vincent, il labrador retriever di Walt originariamente appartenuto a Brian, l'ultimo compagno della madre; il vero nome del cane è Madison. Subito dopo l'impatto dell'aereo al suolo, i sopravvissuti erano originariamente 51, se si calcolano anche il copilota del velivolo, l'uomo che finisce risucchiato dalla turbina del motore e lo sceriffo che estradava Kate; alla fine della prima stagione sono ancora vivi in 44 (aggiungendo nella conta Aaron Littleton, il figlio appena nato di Claire). Ha destato scalpore la morte di Boone per le ferite riportate in seguito alla caduta dalla cabina di pilotaggio sugli alberi nel ventesimo episodio; Ian Somerhalder ha confessato a "Entertainment Weekly" tutto il suo disappunto per aver saputo della fine del suo personaggio all'ultimo minuto (tanto che l'attore aveva già comprato casa alle Hawaii per stare vicino al set). Il serial vanta la firma di J.J.Abrams, il quale è il coideatore insieme a Damon Lindelof; i due sono altresì produttori esecutivi in compagnia di Bryan Burk e Carlton Cuse. La tambureggiante colonna sonora è composta da Michael Giacchino. Tra i riconoscimenti andati al telefilm si contano 2 Emmy Awards, un ASCAPAward, 2 Saturn Awards, un Golden Satellite Award, 2 Golden Reel Awards, un Visual Effects Society Award e 2 Television Critics Association Awards (uno quale "miglior nuovo programma dell'anno" e l'altro quale "miglior programma innovativo"). Girata sull'isola di Oahu alle Hawaii, divenuta subito meta di turisti "perduti", la serie annovera la puntata-pilota più costosa della storia della televisione: oltre 11 milioni di dollari, di cui uno speso per recuperare e trasportare i resti di un jumbo jet Lockeed L1011 sulla spiaggia hawaiana. La canzonehit dei Drive Shaft di Charlie, "You All, Everybody", composta in realtà da Chris Seefried, si ascolta trasversalmente durante un party nella puntata La terribile verità di Alias (2001), nel quarto ciclo; un secondo link con l'altra serie firmata da Abrams avviene nell'episodio Con la coscienza pulita (sempre nella quarta stagione), in cui all'aeroporto si sente l'annuncio di un volo dell'Oceanic Airlines diretto a Sydney. Un altro rimando ad Alias è il cameo nei panni del copilota di Greg Grunberg, presenza fissa nelle produzioni di Abrams (si veda anche in Felicity, 1998). Il ruolo di Hurley è stato creato appositamente su misura per Jorge Garcia; YoonJin Kim ha sostenuto il provino per la parte di Kate; quando si è presentata ai casting la semisconosciuta canadese Evangeline Lilly, J.J. Abrams ne è rimasto folgorato ("È una bellezza particolare, che non ha nulla di umano"); in un primo tempo, Jack doveva essere interpretato da Michael Keaton e il suo destino era quello di morire nella puntata-pilota (sarebbe toccato a Kate ereditare la leadership); anche Claire, in origine, doveva soccombere nel primo episodio; Dominic Monaghan è stato provinato dapprima per la parte di Sawyer. Le prime cinque puntate si aprono tutte con l'inquadratura dell'occhio spalancato di uno dei protagonisti: il primo è quello di Jack; la tecnica viene ripresa, anche se non continuativamente, negli episodi a seguire (nella seconda parte del trittico finale del primo ciclo è l'iride del piccolo Aaron a dare avvio alla storia). Il telefilm ha generato dibattiti e forum come non si vedeva dai tempi di X-Files (1993), soprattutto sulle varie ipotesi di risposta agli enigmi disseminati nel plot. "Credo che alla gente queste domande ricorrenti stimolino la fantasia, creino un percorso mentale parallelo a quello dell'episodio - ha confidato il coideatore della serie Damon Lindelof - è un fil rouge che unisce i fans della serie. Del resto anche in Twin Peaks, dopo una decina di puntate, la domanda principale non era più 'Chi ha ucciso Laura Palmer?', ma 'Come farà un detective schizofrenico come l'agente Cooper a risolvere il caso?'". Tra le tante teorie formulate, il 17 novembre 2004 "Usa Today" ha vagheggiato che tutti i protagonisti si trovano in realtà al Purgatorio, che John Locke è assoldato da ingegneri genetici o scienziati del comportamento umano che stanno compiendo un esperimento, che l'atollo è una sorta di Fantasilandia (1978); "Entertainment Weekly" nel dicembre 2004 ha azzardato che una catastrofe potrebbe aver ucciso tutti gli abitanti della Terra a parte quelli sopravvissuti sull'isola o che gli alieni abbiano distrutto l'aereo e collocato alcuni membri dell'equipaggio in un habitat in cui li possano studiare come cavie, o addirittura che tutta la serie non sia altro che il sogno (incubo) di uno dei passeggeri (probabilmente Jack). Naturalmente tutte le indiscrezioni sono state prontamente smentite dai produttori, anche se le voci si sono rincorse su internet alimentando il mito del serial oltre il piccolo schermo. Tuttavia, è risultata sempre più fondata l'ipotesi che una delle chiavi della vicenda sia la combinazione di numeri della lotteria vincente di Hurley, il quale l'ha avuta da un paziente di un ospedale psichiatrico che a sua volta l'ha ereditata da un ufficiale della Marina che l'ha captata da un segnale radio: 4815162342. Non è un caso che la seconda e la terza cifra compongano il numero del volo dell'Oceanic e che Abrams sia un appassionato di numerologia (si veda a tal proposito anche in Alias). Almeno due i predecessori seriali illustri di Lost: ne L'isola di Gilligan (1964), in cui sette sopravvissuti di un naufragio si rifanno una vita su un'isola del Sud Pacifico dopo che la loro nave è stata distrutta da una bufera nel corso di un'escursione turistica, si sviluppavano interrogativi simili a quelli della serie degli anni 2000: come mai, vista la vicinanza dell'isola alle Hawaii, non si è mai tentata una traversata? Come riuscivano i protagonisti ad avere così tanti cambi di vestiti (erano miliardari, però la loro gita navale doveva durare solo mezza giornata)? Come faceva un telefilm ambientato su un'isola deserta ad avere così tanti "ospiti" (tra i quali due cosmonauti russi, uno scienziato pazzo, un gruppo di musica pop)?; ne La terra dei giganti (1968), invece, un gruppo di persone in volo da Los Angeles a Londra compie un atterraggio di fortuna su un'isola dove tutto è dodici volte più grande, compresi dei giganti che iniziano a dar loro la caccia. Lost ha segnato due tappe fondamentali nella storia della televisione: da una parte, con la puntata-pilota vista da 18 milioni e 700 mila telespettatori, è risultato il telefilm drammatico più visto dal 2000 in un debutto da prima serata, e insieme a Desperate Housewives ha risollevato le sorti stagionali dell'ABC ; dall'altra ha posto l'inevitabile confronto con la trama da realityshow de L'Isola dei famosi, evidenziando che c'è un oceano in mezzo ai due modi di raccontare l'isolamento, che è più appassionante una storia sceneggiata esplicitamente che una spacciata per reale. Aldo Grasso ha osservato sul "Corriere della Sera": "Per riflettere su di sé, la nostra società ha bisogno di inventarsi un luogo estremo (il naufragio), una metafora esistenziale (l'isola sperduta), una condizione inusuale (la sopravvivenza). Eccoli dunque i nostri eroi, prigionieri di un'oscura malia metafisica, sbattuti in un universo torbido e ignoto, in un posto dai tratti sfuggenti e contraddittori per misurarsi con forze tenebrose (che però ogni tanto danno segno di vita), con gli Altri (esistono o sono la nostra parte inconoscibile?), persino con i cattivi (pirati?). La condizione estrema di vita fa uscir fuori i caratteri delle persone, spesso li ribalta, a volte li trasmuta. Il pratico tenta di costruire una sorta di arca di Noè con cui fuggire; il credente cerca di interpretare i segni profondi del naufragio come evento preordinato, destino, inevitabile sacrificio (è l'Isola che sceglie i suoi naufraghi, non il contrario); l'istintivo si affida alla vita risorgente, al bambino appena nato. L'attesa del soccorso (che è poi l'attesa del domani) non è mai pensiero ma azione, energia pura, intesa ora come avversità atmosferica e ambientale, ora come dinamica di gruppo, ora come incontro con le misteriose presenze che abitano la giungla. Lost segue uno schema narrativo di grande fascino, ben sperimentato in letteratura: addentrarsi in una terra da cui pochi tornano a narrare. È l'ottica migliore per dare risalto a particolari di solito insignificanti, a sentimenti dimenticati, ad angosce sconosciute. Ma Lost è anche la serie che ha ridato dignità espressiva al flashback, il più esausto e sfruttato degli artifici retorici della fiction. Chi sopravvivrà? Chi ha il coraggio di guardare negli occhi il mistero? Chi fugge? Chi si abbandona al destino? Lo sguardo scruta con ansia l'orizzonte, se c'è orizzonte".

Episodi: 24 (42 min.)
Regia di Jeffrey Lieber, Damon Lindelof, J.J. Abrams.

Nata dalla mente di J.J Abrams e Damon Lindelof nel 2004, Lost è un'opera che non si limita a sfondare presso il grande pubblico (quattro milioni di telespettatori in Italia, oltre venti in America, centinaia di migliaia di fans sparsi in tutto il mondo) ma diventa un vero e proprio fenomeno di costume che ha, evidentemente, qualcosa in più rispetto alla peraltro agguerrita concorrenza.
Il plot: Dopo aver rilevato un guasto che lo costringe ad allontanarsi dalla rotta prefissata, un aereo precipita su un'isola apparentemente deserta. In molti (troppi?) si salvano ma devono organizzarsi e sopravvivere in un ambiente ostile e minaccioso.
L'incipit di Lost impatta violentemente sull'asfittico scenario televisivo americano e funge da ripartenza, da cesura verso il passato, rappresenta la palingenesi e la risposta che il tubo catodico dà alla crisi apparentemente irreversibile del grande schermo: è l'inizio di una nuova era e di un nuovo modo di fare intrattenimento. I network, l'Abc nel caso di Lost, assumono e danno fiducia a nuovi sceneggiatori, produttori e registi: il risultato è un vero e proprio atto di coraggio. L'episodio pilota della serie costa infatti quasi 20 milioni di dollari ed è il più costoso della storia della televisione americana.
La prima stagione di Lost è la più mistica e misteriosa. Non è la mera storia di un gruppo di survivors, ma un felice mix di generi diversi: avventura, fantascienza, thriller, dramma, il tutto condito con una spruzzata di umorismo nero che rende alcuni episodi molto divertenti e permette di alleggerire la tensione che in certi momenti si fa quasi insostenibile. Lost dimostra, fin dalle prime puntate, di essere una serie impegnativa per lo spettatore: ci sono moltissimi personaggi da seguire e nessuno spicca sugli altri, gli autori pongono domande su domande, ma non danno nessuna risposta; viene recuperato e rivalutato uno strumento narrativo che pareva essere caduto in disgrazia, il flashback, che ci permette di conoscere il passato dei protagonisti ed essere partecipi delle loro avventure.
Nonostante tutto, Lost riesce nel miracolo di non scadere mai nella banalità o nel manicheismo, basti pensare alla fine rappresentazione di due personaggi "a rischio" come l'iracheno Sahid e la coppia coreana formata da Sun e Jin, con quest'ultimo che ha enormi difficoltà a comunicare col resto del gruppo, non conoscendo l'inglese.
Damon Lindelof , J.J. Abrams e Carlton Cuse battezzano la nascita di un "mostro" che si autoalimenta, i misteri si susseguono a ritmo indiavolato e più ci si addentra nelle storie dei protagonisti che si intrecciano nel presente e nel passato, più aumentano le domande che restano senza risposta: nascono siti, forum, blog dedicati alla serie, internet diventa il terreno prediletto per tutti coloro che vogliono cercare di dipanare la matassa che, paradossalmente, è già sbrogliata, almeno nella testa degli autori: come più volte da essi dichiarato infatti, la fine di Lost è già scritta, solo, si cerca di capire come arrivarci.
Interpretato da un gruppo di attori magnifici (giustamente ben pagati, Matthew Fox guadagna 250000 dollari a puntata!) e musicato con una partitura emozionale ed emozionante da Michael Giacchino, enfant prodìge del cinema americano, Lost rappresenta il punto d'incontro tra cinema e televisione, nel quale i due media si incontrano e sovrappongono fino a diventare qualcosa di nuovo e appassionante. A proposito...cosa c'è nella botola?
Pilota, prima parte
Il volo Oceanic 815 precipita su un'isola sperduta. Tra i numerosi superstiti c'è Jack, un dottore che cerca di prestare i primi soccorsi ai sopravvissuti. Insieme a Kate e Charlie, parte alla ricerca della cabina di pilotaggio, nel tentativo di inviare un messaggio di soccorso via radio.
Pilota, seconda parte
Il giorno successivo all'incidente Charlie, Kate Boone e l'esperto di comunicazioni Sayid cercano di raggiungere un'altura per inviare un SOS. Intercettano un messaggio inviato da una donna francese che viene ripetuto da circa 16 anni.
Tabula rasa
Jack e Hurley scoprono che Kate era prigioniera di un poliziotto in fin di vita. Il piccolo Walt preoccupato per la scomparsa del cane, fa amicizia con Locke.
La caccia
L'accampamento viene invaso da un branco di cinghiali. Locke, accompagnato da Kate e Michael, decide di andare a caccia. Jack, che ha delle strane visioni, dà fuoco all'aereo per impedire che i cadaveri attirino nuovamente gli animali.
Il coniglio bianco
Esplorando la foresta Jack scopre delle grotte nelle cui vicinanze c'è una sorgente d'acqua dolce. I superstiti decidono così di organizzarsi per cercare di sopravvivere.
La casa del sol levante
Alcuni dei superstiti vengono condotti da Jack alle grotte, altri rimangono sulla spiaggia ad aspettare i soccorsi. Viene fatta luce sulla vita passata dei due coreani Jin e Sun, mentre Locke cerca di aiutare Charlie a superare la sua dipendenza dalle droghe.
La falena
Jack rimane intrappolato nelle grotte, ma Charlie riesce a liberarlo e a liberarsi dalla dipendenza della droga. Kate, Sayid e Sawayer cercano di localizzare il misterioso segnale ma Sayd viene colpito alla testa.
Il truffatore
Si scoprono elementi del passato di Sawyer che viene torturato da Sayd nel tentativo di farsi dire dove ha nascosto gli inalatori che servono per curare l'asma di Shannon. Sayid decide di lasciare il campo sconvolto dai sensi di colpa.
Solitudine
Sayid incontra Danielle Rousseau, la donna francese che aveva registrato il messaggio. Imprigionato dalla Rousseau, rievoca il suo passato in Iraq. Nel frattempo Hurley costruisce un campo da golf contribuendo ad allentare la tensione dei superstiti.
Un figlio
Nel flashback si ripercorre la gravidanza di Claire e i tentativi di un misterioso medium di dissuaderla dal dare il figlio in adozione. Huerley fa un censimento dei sopravvissuti all'incidente e scopre che uno di loro non era sulla lista passeggeri. Per Claire si avvicina Il momento del parto.
Inseguimento
Claire e Charlie sono stati rapiti. Jack, Locke, Boone e Kate partono alla loro ricerca dividendosi in due gruppi. Jack e Kate trovano Charlie in fin di vita, Locke e Boone si imbattono in una misteriosa struttura metallica. Mentre Jack cerca di salvare la vita di Charlie viene tormentato da ricordi dolorosi.
Il mistero della valigetta
Kate e Sawyer recuperano una valigetta da una cascata. Il contenuto della valigetta è lo spunto per rievocare un momento del passato di Kate. Sayid, tornato al campo, chiede aiuto a Shannon per tradurre alcuni documenti appartenenti alla Rousseau.
Ragione e sentimento
Locke somministra una droga a Boone, intenzionato a rivelare a Shannon il mistero della botola ritrovata nella foresta. Nel frattempo Kate scopre che Sun è in grado di parlare in inglese.
Speciale
Walt si addentra nella foresta dopo aver litigato con il padre che non approva l'amicizia con Locke. Il cacciatore e Michael riescono a salvarlo da un orso polare. Si scoprono alcuni elementi importanti del passato di Michael e del suo rapporto con il figlio.
Ritorno
Claire ritorna all'accampamento ma non ricorda niente dal momento del decollo dell'aereo. I superstiti preparano un piano per fermare Ethan, tornato indietro per riprendere Claire.
Fuorilegge
Si scoprono alcuni segreti del passato di Sawyer. Tra questi anche l'incontro con il padre di Jack in un bar di Sidney.
Cambiamenti
Michael costruisce una zattera per lasciare l'isola che però viene distrutta da un misterioso incendio. Viene incolpato Jin e Sun, per scagionarlo, è costretta a rivelare un segreto che la riguarda.
Numeri
Hurley decide di incontrare la francese, spinto dal desiderio di conoscere il mistero dei numeri che gli hanno fatto vincere una lotteria e l'hanno in qualche modo condotto sull'isola.
Deus ex machina
Dopo aver sognato un aereo precipitato nella foresta, Locke convince Boone a seguirlo. I due trovano l'aereo, Boone riesce ad accendere la radio ma rimane coinvolto in un incidente molto grave. Nel flashback si rievoca il passato di Locke.
Non nuocere
Jack cerca di salvare la vita a Boone mentre Kate e Charlie assistono Claire nel parto. Nel flashback ripercorriamo il matrimonio di Jack.
Il bene superiore
Locke, ritenuto responsabile per la morte di Boone, viene minacciato di morte da Shannon. Saiyd, sfruttando la sua abilità negli interrogatori, riesce a sapere da Locke dove si trova la botola.
In fuga
Mentre la zattera di Michael è ormai pronta per salpare, Locke e Sayid conducono Jack alla botola. I superstiti vengono a conoscenza del passato di Kate.
Esodo, prima parte
La Rousseau annuncia ai sopravvissuti il prossimo arrivo degli abitanti dell'isola. Si scopre che cos'è la Roccia Nera e si incontra un misteriosa creatura, definita "sistema di sicurezza". La zattera di Michael prende il largo con a bordo il figlio Walt, Jin e Sawyer.
Esodo, seconda parte
La francese rapisce il figlio di Claire per proporre uno scambio con gli Altri. Walt viene rapito dagli abitanti dell'isola e la zattera viene distrutta. Grazie alla dinamite rinvenuta alla Roccia Nera la botola viene aperta, rivelando un misterioso cunicolo.
Episodi: 23 (42 min.)
Regia di Jeffrey Lieber, Damon Lindelof, J.J. Abrams.

I sopravvissuti del volo Oceanic 815 abbattutosi su un'isola sperduta dell'Oceano pacifico, continuano a lottare per sopravvivere. I protagonisti incontreranno altri sopravvissuti che erano precipitati dall'altra parte dell'isola e scopriranno un misterioso bunker pieno di strane apparecchiature. Ma ben presto si renderanno conto di non essere i soli sull'isola.
Uomo di scienza, uomo di fede
Jack, Locke e Kate esplorano il bunker misterioso mentre Shannon, alla ricerca del cane Vincent, s'imbatte in un volto familiare nella giungla.
Alla deriva
Michael e Sawyer rischiano di morire in alto mare e scoprono un nuovo predatore. Locke scende nel bunker, dove ritrova la scomparsa Kate.
Orientamento
Jack, Locke e Kate raccolgono nuove informazioni sulla botola. Sawyer, Michael e Jin, picchiati e rapiti, si chiedono se i rapitori siano gli Altri.
Tutti odiano Hugo
Hurley ha difficoltà a svolgere un incarico mentre gli tornano alla mente ricordi inquietanti. Intanto Sawyer e gli altri scoprono l'identità dei loro rapitori.
Oggetti smarriti
Michael va nella giungla per trovare Walt ma scopre di non essere solo. Intanto i rapitori di Sawyer e Jin esigono di farsi portare all'accampamento.
Abbandono
La ferita di Sawyer si aggrava sempre più mentre con Michael, Jin e i sopravvissuti della sezione di coda, procede verso l'interno dell'isola.
Gli altri 48 giorni
I primi, strazianti 48 giorni dei sopravvissuti della sezione di coda vengono rivelati. I flashback mostrano i punti di vista di Ana Lucia, Eko, Bernard e Libby.
Ritrovarsi
La violenza esplode: Ana Lucia rapisce con il suo gruppo Sayid e gli altri sopravvissuti mentre il suo tormentato passato emerge dai flashback.
Storia di Kate
Convinta che uno spirito la perseguiti tramite Sawyer, Kate confessa il suo crimine, mentre Eko e Locke fanno una scoperta sul film.
Il salmo 23
Claire perde fiducia in Charlie dopo che Eko lo interroga sulla statua della Vergine Maria. Kate taglia finalmente i capelli al convalescente Sawyer.
Linea di confine
Jack, Locke e Sawyer seguono Michael che, determinato a trovare Walt, si addentra nella giungla verso i temuti Altri.
Fuoco e acqua
Quando dei vividi sogni inducono Charlie a credere che Aaron sia in pericolo, Locke sospetta che l'uomo abbia ripreso a drogarsi.
Il lupo
Quando Sun è ferita gravemente durante un tentativo di rapimento, alcuni sopravvissuti temono che gli Altri possano essere tornati.
Uno degli altri
Dopo l'attacco a Sun, i sopravvissuti pensano che tra loro ci sia un infiltrato degli Altri, mentre Sawyer scopre il tradimento di Hurley e lo ricatta.
Maternità
Il piccolo Aaron contrae una misteriosa malattia. Intanto Claire ritorna con Kate e Danielle nel luogo in cui è stata rapita, sperando di trovare un rimedio.
Tutta la verità
Locke incarica Ana Lucia d'interrogare Henry Gale sulla mongolfiera che l'ha portato sull'isola e Sun si rende conto che potrebbe essere incinta.
Chiusura
La botola comincia a vivere di vita propria e Locke chiede aiuto a un improbabile alleato. Intanto Ana Lucia, Sayid e Charlie cercano la verità su Henry Gale.
Dave
Libby offre sostegno a Hurley, convinto che l'isola abbia uno strano effetto su di lui quando comincia ad avere visioni di un amico del centro psichiatrico.
S.O.S.
Rose si oppone al piano di Bernard di creare un segnale di SOS. Intanto la passione si riaccende tra Jack e Kate mentre si recano dagli Altri per uno scambio.
Due per la strada
Dopo aver trovato Michael esausto nella foresta, Jack e Kate lo riportano all'accampamento principale, dove l'uomo rivela nuovi dettagli sugli Altri.
Domanda
Eko sogna il fratello che lo conduce in un luogo sull'isola e chiede l'aiuto di Locke per trovarlo. Intanto Jack è alle prese con una situazione difficile.
Tre minuti
Michael convince Jack ad aiutarlo a salvare Walt. Locke, responsabile della botola, può decidere delle sorti di tutti, premendo un bottone.
Si Vive Insieme, si Muore Soli
Scoperto qualcosa di strano in alto mare, Jack e Sayid studiano un piano per affrontare gli Altri e far tornare Walt, mentre Eko e Locke sono ormai ai ferri corti.
Michael, Jack, Kate, James e Hurley si avvicinano agli Altri via terra, mentre Sayid, Sun e Jin li attaccano dal mare mentre il passato di Desmond si svela...
Episodi: 22 (42 min.)
Regia di Jeffrey Lieber, Damon Lindelof, J.J. Abrams.

La terza stagione di Lost parte "male" e finisce come meglio non si potrebbe, con uno dei cliffhanger (i meno abituati a utilizzare il particolare metalinguaggio creatosi nelle comunità di appassionati, possono utilizzare ancora la vecchia e sana espressione "colpo di scena") più incredibili della storia della televisione, ennesima dimostrazione di quanto questa serie riesca a essere polimorfica e imprevedibile. Stavolta J.J Abrams non c'è, è troppo impegnato a cercare di rinverdire i fasti di Star Trek (il nuovo film uscirà a dicembre 2008), ma il resto degli sceneggiatori sa come continuare il percorso da lui tracciato.
La stagione è rigidamente divisa in due fasi: la prima parte è quasi interamente dedicata alle disavventure del terzetto composto da Jack, Kate e Sawyer, che, catturati dagli Altri, si ritrovano confinati in un'altra piccola isola, vicina a quella "madre" in attesa di conoscere il proprio destino. Questo incipit permette di introdurre alcuni personaggi che si riveleranno molto importanti nel prosieguo di stagione (in particolare Juliet Burke, interpretata da Elizabeth Mitchell): e fa luce su alcuni dei misteri che riguardano l'attività della Dharma e di Ben Linus, il capo riconosciuto di questa fazione. Sull'isola invece si sviluppano le storie degli altri protagonisti, Desmond e Charlie in particolare, che instaurano un rapporto decisamente atipico, visto che, dopo l'esplosione della botola, il primo si rende conto di avere acquisito la capacità di prevedere il futuro, futuro che si preannuncia invece alquanto spiacevole per il giovane cantante...
La prima parte di stagione soffre parecchio il doversi forzatamente concentrare solo su pochi personaggi: fortunatamente, quando l'intero gruppo di protagonisti si riunisce di nuovo, la serie acquista velocità e vigore, anche grazie a una serie di trovate davvero azzeccate da parte degli autori che culminano, come detto, in uno dei più atipici e incredibili finali mai visti, capace di lasciare col cuore in gola i tanti fans della serie.... Tra le new entry è doveroso segnalare l'ottima interpretazione di Elizabeth Mitchell nei panni dell'ambigua Juliet, una delle scienziate della Dharma, mentre a dir poco imbarazzanti (ma risolti poi con un colpo di scena davvero apprezzabile) sono gli esordi di "Nikki & Paulo", che avrebbero dovuto essere due nuovi superstiti, buoni per rimpolpare le fila dei sopravvissuti del disastro aereo, ma che i fans hanno detestato fin dalla prima apparizione (a buon diritto, a dirla tutta).
Storia di due città
La puntata è dedicata a Jack, che rivive in flashback il doloroso divorzio dalla moglie e gli abituali scontri col padre. Sull'isola, lui, Kate e Sawyer sono tenuti prigionieri dagli Altri il cui capo è, evidentemente, Ben Linus/Henry Gale. Facciamo la conoscenza di Juliet, che diventerà una delle protagoniste della stagione. È ultimo episodio scritto direttamente da J.J Abrams assieme a Damon Lindelof.
La ballerina di vetro
Ben fa un'offerta molto particolare a Jack: se quest'ultimo lo opererà, lui gli permetterà di tornare a casa. Sun, Jin and Sayid, che erano sulle tracce di Jack e Kate, vengono attaccati dagli Altri e Jin è costretta a commettere un omicidio. Scopriamo chi è il padre del figlio di Sun.
Ulteriori istruzioni
Locke, Desmond, ed Eko sono sopravvissuti all'esplosione della botola, ma tutti hanno subito conseguenze imprevedibili da quell'evento. Il flashback è dedicato a Locke, alle prese con una situazione piuttosto imbarazzante. Desmond scopre di avere la capacità di prevedere il futuro. Un personaggio deceduto fa, infine, il suo momentaneo ritorno...
Ognuno pensi per sé
Il marito della ragazza uccisa da Jin, appresa la notizia, se la prende con Sawyer, che viene pestato a sangue: per il povero sopravvissuto non è finita, infatti Ben gli fa credere di avergli impiantato un pacemaker che gli procurerà un arresto cardiaco qualora superasse una certa frequenza di battiti....
Il prezzo della vita
Jack è costretto a fare una scelta che potrebbe rivelarsi decisiva anche per gli altri Losties. La puntata è dedicata quasi interamente a Eko, che ha delle strane visioni in mezzo alla giungla durante le quali riconosce il fratello morto... . Vediamo nuovamente in azione il mostro di fumo, la cui natura e origine è ancora misteriosa.
Lo voglio
Puntata molto attesa dai sostenitori della causa "Kate deve stare assieme a Sawyer", infatti nella cella nella quale entrambi sono rinchiusi succede quello che tutti aspettavano...tutti tranne Jack che, inavvertitamente, assiste alla scena e prende, sull'onda emotiva conseguente, una decisione importante. Scopriamo un importante fatto accaduto a Kate nel suo passato.
Deja vu
Puntata interamente dedicata a Desmond: veniamo a sapere cosa gli è successo dopo l'esplosione della botola, come ha ottenuto il potere di prevedere il futuro e dettagli sul suo rapporto con Penny, la fidanzata che avevamo visto nell'ultima puntata della seconda stagione...
Non a Portland
La stagione decolla: per la prima volta un flashback è dedicato a un elemento degli Altri: scopriamo il passato di Juliet e le ragioni che l'hanno spinta ad andare sull'isola (e soprattutto scopriamo come ci si arriva...). Jack intanto opera Ben, mentre Sawyer e Kate tentano la fuga...
Straniero in terra straniera
Vi ricordate la partita a poker tra Jack e Sawyer nella seconda stagione? In questa puntata scopriamo l'origine dei tatuaggi di Jack e importanti elementi sul suo passato. Curiosità: questa è considerata la peggiore puntata di sempre di Lost, almeno a sentire i fan più accaniti e in effetti, rispetto alle altre, sembra davvero avere una marcia...in meno. Guest star è Bai Ling, modella orientale "famosa" per le sue foto oseè apparse ai tempi dell'ultimo episodio di Guerre Stellari (la sua parte venne tagliata proprio a seguito di quel servizio).
Tricia Tanaka è morta
Episodio dedicato ad Hurley: che fosse leggermente sfortunato era risaputo, ma dopo la visione di questa puntata...beh, c'è davvero da compiangerlo! Intanto Kate e Sawyer tornano sull'isola e il gruppo storico di sopravvissuti si riforma. Kate, Sayid e Locke si mettono alla ricerca di Jack, rimasto con gli Altri dopo aver operato Ben...
Digitare 77
Kate, Sayid e Locke continuano la loro missione per raggiungere Jack. Facciamo la conoscenza di un altro importante membro degli Altri. Sull'isola intanto Sawyer viene umiliato a ping pong da Hurley che gli intima di non utilizzare più i suoi soliti nomignoli almeno per una settimana. Il flashback è dedicato a Sayid che ricorda una delle sue vittime...
Per via aerea
Anche Claire viene a conoscenza delle particolari capacità acquisite da Desmond, mentre scopriamo che tra la neomamma e Jack c'è un legame molto, molto particolare. I fan hanno apprezzato molto il particolare look di Claire, in questa puntata...e voi?
L'uomo di Tallahassee
Una delle migliori puntate della stagione: veniamo finalmente a sapere cosa ha costretto Locke sulla sedia a rotelle. Non meno incredibile è la reazione di Jack all'arrivo presso il villaggio degli Altri di Kate, Sayid e Locke....
Exposé
Puntata decisamente particolare: viene infatti risolta definitivamente la spinosa questione inerente i personaggi di Nikki e Paulo, new entry nel cast, ma molto poco amati dal pubblico. La risoluzione della loro storia è davvero geniale e conferma l'acume degli sceneggiatori della serie: 40 minuti di purissimo humour noir con un finale di raro cinismo...
Abbandonate
Locke sembra deciso a unirsi agli Altri per scoprire il mistero dell'isola, mentre Sawyer si fa convincere da Hurley a cambiare definitivamente vita. Nel flashback scopriamo ulteriori dettagli sul passato di Kate e sul suo rapporto conflittuale con la madre.
Una di noi
Jack, Sayid, Kate, e Juliet tornano al campo base dei Losties ma l'arrivo della scienziata non è accolto con particolare favore dai sopravvissuti. Juliet però serba la soluzione di un segreto che riguarda tutte le donne incinte che vivono sull'isola... Nel flashback scopriamo inoltre che il suo rapporto con Ben è meno idilliaco di quanto non fosse lecito credere...
Piovuta dal cielo
Comincia il climax finale. Un nuovo personaggio piomba letteralmente in mezzo agli altri superstiti, mentre il gioco delle coppie sembra definire una volta per tutte i rapporti tra Sawyer, Kate, Juliet e Jack...
Piovuta dal cielo
Comincia il climax finale. Un nuovo personaggio piomba letteralmente in mezzo agli altri superstiti, mentre il gioco delle coppie sembra definire una volta per tutte i rapporti tra Sawyer, Kate, Juliet e Jack...
Data del concepimento
Juliet porta Sun in una nuova Hatch della Dharma, nella quale le rivela il segreto inerente il destino inquietante che tocca a tutte le donne che partoriscono sull'isola. Il flashback è interamente dedicato a Sun, che rivive un doloroso momento del suo passato.
Il brigantino
Altri due supersegreti vengono finalmente svelati: veniamo a conoscenza dell'identità del vero Sawyer e cosa succede al padre di Locke. Rivediamo dopo molto tempo la Black Rock, la nave arenatasi all'interno dell'isola, protagonista del finale della prima stagione di Lost.
L'uomo dietro le quinte
Chi è il "vero" capo degli Altri? Lo scopriamo in questa emozionante puntata, dedicata a Ben Linus, nella quale ci viene svelato come e quando questo personaggio arrivò sull'isola. Juliet fa una scelta importante, mentre il finale di stagione si avvicina...
Greatest Hits
Una delle puntate più toccanti della serie è dedicata a Charlie, che ricorda i cinque momenti migliori della sua vita. Jack pianifica una strategia per liberarsi definitivamente degli Altri mentre dal mare arriva un segnale...
Attraverso lo specchio
Il gran finale: due ore durante le quali succede di tutto e di più: il destino di molti personaggi viene risolto in maniera definitiva, si aprono le porte alla quarta stagione e una semplice ma geniale trovata narrativa capovolge l'intera storia vissuta fino a oggi. Imperdibile!
Episodi: 13 (42 min.)
Regia di Jeffrey Lieber, Damon Lindelof, J.J. Abrams.

La quarta stagione di Lost è stata trasmessa negli Usa dal 31 gennaio 2008 e doveva essere costituita da 16 episodi come le due successive ma a causa dello sciopero della WGA (Writers Guild of America) ne sono stati prodotti solo 13: 8 prima dello sciopero a cui ne sono seguiti altri 5. Ma a causa della lunghissima sceneggiatura dell'episodio finale, il network ha approvato la produzione di un 14° episodio per fare un ultimo episodio di 3 ore, messo in onda in due serate.
Alla fine della 3 serie, Jack ha lanciato l'SOS alla nave di Naomi, incurante della avvertimento di Ben che lo aveva avvisato che così facendo sarebbero morti tutti. Emerson rivela che l'arrivo della nave non sarà sicuramente una buona cosa e che al suo arrivo ci saranno molti passaggi di potere sull'isola e molti cambiamenti. In questa stagione si scoprirà tutto su Jacob e si tornerà a parlare della misteriosa botola? Era davvero implosa come aveva detto Locke?
Episodi: 16 (42 min.)
Regia di Jeffrey Lieber, Damon Lindelof, J.J. Abrams.


La quinta stagione di Lost è caratterizzata da una diversa struttura degli episodi. Se nelle serie precedenti gli episodi erano inframmezzati da flashback o flashfoward su un determinato personaggio, i nuovi episodi mostrano quello che succede fuori dall'isola alternate a quanto vi sta accadendo ma ambientato in un periodo di tempo differente a causa del spostamento dell'isola che ha trascinato con se coloro che avevano deciso di rimanerci, Locke,Juliet, Sawyer, Charlotte, Miles e Faraday. Intanto Desmond si è rincontrato con Penny (la figlia del magnate Charles Widmore), gli Oceanic 6 (Jack, Kate, Aaron, Hurley, Sun, e Sayid). Non si sa dove sia andato a finire Ben con lo spostamento dell'isola e perchè vuole che tutti vi tornino. Che fine hanno fatto i morti (o i presunti tali), Jin, Micheal (saltati in aria con l'esplosione della nave) e Claire (il cui destino è ancora incerto, si suppone che sia morta, ma allo stesso tempo non è morta...). Riusciranno i nostri eroi a tornare sull'isola dopo che hanno passato 108 giorni a cercare di scappare?
La serie è cominciata con una premiere di 3 ore composta da un episodio riassuntivo e due nuovi trasmessi nel gennaio 2009 ed è formata da 17 episodi.
Episodi: 16 (42 min.)
Regia di Damon Lindelof, Carlton Cuse.

La sesta ed ultima stagione di Lost, la fortunata serie drammatica creata da J.J. Abrams che racconta le avventure dei sopravvissuti di un incidente aereo in una misteriosa isola tropicale nel Pacifico del sud.
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
lunedì 4 febbraio 2013
Dave San

Questa serie non di rado ha attinto ai meccanismi scenici ricorrenti nei reality, sviluppandone però l'aspetto più epidermico. In Lost si applicano regole d’interazione abbastanza classiche. E’ la chimica che congiunge i personaggi o che li rende incompatibili tra loro, mentre gli eventi li riconciliano o li separano.

domenica 12 settembre 2010
CONTEDILUNA

Ho appena finito di vedere tutta la serie intera di Lost. Non seguo la TV e quindi sono venuto a conoscenza di questo capolavoro tramite i miei figli, che me lo hanno consigliato quando avevo finito le puntate di altri serial che mi erano piaciuti moltissimo, come Fringe e Lie To Me. Ho acquistato il cofanetto della prima serie e poi la seconda, la terza e così via.

giovedì 21 giugno 2012
Bella Earl!

- A un'altra vita, fratello - Il volo Oceanic 815 cade su un isola deserta nel sud dell'oceano Pacifico. Dei 48 sopravvissuti ne seguiremo 14 e li accompagneremo in un percorso di crescita che li vedrà affrontare i fantasmi del passato e quelli del futuro. La serie TV cult del 2000 annoverata prima tra le dieci migliori serie TV della storia dalla rivista BestMovie ci trasporta con [...] Vai alla recensione »

sabato 17 dicembre 2011
Liuk!

la migliore serie televisiva di sempre. Descrivere Lost a chi non lo ha mai visto è impossibile in quanto la trama è contorta ma comprensibile, i personaggi sono unici e perfettamente delineati, ogni episodio chiude e apre misteri con ritmi mai visti. Qui siamo davanti veramente al massimo storico, ogni parola è sprecata. Grazie Lost e grazie a tutti quelli che ci hanno lavorato, [...] Vai alla recensione »

domenica 12 settembre 2010
CONTEDILUNA

Molta ansia per vedere se mi soddisferanno. Lost per me è stata bellezza assoluta (mai visti volti voci corpi più gradevoli da osservare in questo intreccio continuo di vita) - Vita (tutte le metafore, i sentimenti, le pulsioni umane ne sono contenute (come in una delle opere Liriche immortali. Ad esempio Tosca, che inneggia l'amore e la lotta per la libertà.

martedì 8 novembre 2011
debby_red

Nessun'altra frase per descrivere questa serie tv l'ho gia rivista 4 volte tutte le stagioni ormai Jack, Soyer, Kate, John sono la mia seconda "famiglia" xD bellissime tutte le stagioni in particolare la 5a che parla dei viaggi nel tempo <3 <3

mercoledì 6 gennaio 2010
andre89LOST

NON SO COME FARò QUANDO FINIRA' LA SESTA STAGIONE

sabato 5 settembre 2009
Revan93

Diciamocelo,in TV non c'è più nessuna serie appassionante,carismatica,imprevedibile,e che lascia col fiato sospeso come Lost.Questo perchè probabilmente i registi si sono resi conto che serviva qualcosa di classico (flashback,flashforward,viaggi nel tempo) ma allo stesso tempo innovativo (colpi di scena,misteri irrisolti per puntate e puntate) per attirare spettatori allo schermo.

sabato 19 settembre 2009
Roscharch

Lost è il più bel telefilm dai tempi di X-Files. Quel genio di J.J. Abrahms ha saputo creare una storia ricca di tensione e colpi di scena conquistando tutto il mondo. Lo consiglio agli amanti dei telefilm metafisici.

venerdì 11 ottobre 2013
brando fioravanti

Sopravvisuti ad un disastro aereo un gruppo di persone si ritrova in un isola piena di misteri. Dopo una lunga e quasi interminabile serie non viene data risposta a quasi nessuna domanda. Quel poco che si chiarisce lo si fa in maniera superficiale e frettolosa.  La sceneggiatura è  allungata visto il gran successo e comincia a perdere senso e coerenza. [...] Vai alla recensione »

Frasi
Si vive insieme… Si muore soli…
Una frase di Kate Austen (Evangeline Lilly)
dalla serie Lost - a cura di Matteo
Piangi la tua perdita, continua la tua vita…
Una frase di Ben Linus (Michael Emerson)
dalla serie Lost - a cura di luca
Il destino è una puttana capricciosa…
Una frase di Ben Linus (Michael Emerson)
dalla serie Lost - a cura di skuko
Kate: Cosa stai facendo?
Sawyer: Sopravvivo, come sempre!
Dialogo tra Kate Austen (Evangeline Lilly) - James 'Sawyer' Ford (Josh Holloway)
dalla serie Lost - a cura di DB
Jack: "Dov'è Locke?" Sawyer: "Sarà uscito a comprare le sigarette!"
Dialogo tra James 'Sawyer' Ford (Josh Holloway) - Jack Shephard (Matthew Fox)
dalla serie Lost - a cura di eli
Locke: Ricordi se siete passati di qua mentre tornavate!?
Sawyer: Oh... certo! Ecco la mia foglia preferita... come potri dimenticare questo posto!
Dialogo tra James 'Sawyer' Ford (Josh Holloway) - John Locke (Terry O'Quinn)
dalla serie Lost - a cura di clau :)
Jack: Se hai un idea migliore
Sawyer: Migliore di andare in giro per la foresta incantata con un pugnale a caccia di prosciutti?...no, idea migliore non esiste
Dialogo tra James 'Sawyer' Ford (Josh Holloway) - Jack Shephard (Matthew Fox)
dalla serie Lost
Dobbiamo tornare Kate! Dobbiamo tornare!
Una frase di Jack Shephard (Matthew Fox)
dalla serie Lost - a cura di Ale91
Jack: Io non credo nel destino.
Locke: Sì, invece. Solo che ancora non lo sai.
Una frase di Jack Shephard (Matthew Fox)
dalla serie Lost - a cura di susy
- Secondo te in questo bozzolo che cosa c'è?
- Non lo so, è una farfalla?
- No. Qualcosa di più bello. È un bozzolo di falena. Un'ironia... tutti guardano le farfalle ma sono le falene a filare la seta. Sono più forti, più veloci.
- È bellissimo, ma...
- Vedi questo forellino? Questa falena presto emergerà. Ora è dentro che lotta, che si scava la via attraverso la corteccia del bozzolo. Adesso la potrei aiutare, con il coltello. Potrei allargare il foro e la falena sarebbe libera, ma troppo debole per poter sopravvivere. In natura si lotta per diventare forti.
Una frase di John Locke (Terry O'Quinn)
dalla serie Lost
sta uscendo spingi claire, spingi!!!
Una frase di Kate Austen (Evangeline Lilly)
dalla serie Lost - a cura di eleonora
"La cinesina ha cominciato a parlare la nostra lingua."
James 'Sawyer' Ford (Josh Holloway)
dalla serie Lost - a cura di ele
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Simone Regazzoni
Vanity Fair

Se amate l'arte, ma non avete voglia di farvi prendere in giro dall'ultima, costosissima provocazione dell'artista di turno che avreste potuto tranquillamente realizzare anche voi, disertate vernissage e mostre d'arte contemporanea. Restate a casa, sedetevi comodi e guardate Lost: la serie tv capolavoro, l'opera d'arte televisiva nata nel 2004 dal genio di J.

Aldo Grasso
Il Corriere della Sera

Il conto alla rovescia è terminato: ieri sera su Abc è cominciata la sesta e ultima stagione di Lost. Attesissima dai fan di tutto il mondo, tanto che anche il presidente Obama ha dovuto assicurare che il tradizionale discorso sullo Stato dell' Unione, trasmesso a reti unificate, non sarebbe stato pronunciato il 2 febbraio, per non costringere a uno slittamento della messa in onda del telefilm.

Antonio Dipollina
Il Venerdì di Repubblica

Primo, la tempistica, davvero notevole. I fanatici del tutto e subito avranno comunque modo di vantarsi per aver visto il programma preferito con un anticipo di una settimana. Ma sarà comunque una sola settimana, rispetto ai mesi del passato. Nel senso che Lost, sesta e ultima stagione, arriva da noi a soli sette giorni dalla messa in onda negli Stati Uniti.

Alessandra Farkas
Il Corriere della Sera

«Obama si è arreso, abbiamo vinto. Che Dio benedica l' America», ha digitato su Twitter uno dei produttori di «Lost» dopo che la Casa Bianca si è piegata alle esigenze di audience della rete Abc, spostando il primo Discorso sullo Stato dell' Unione del presidente per evitare che si accavallasse con il ritorno sugli schermi della popolarissima serie tv giunta alla sesta e ultima stagione.

Silvia Kramar
Il Giornale

Il 3 maggio, nel cuore della notte, i due creatori della serie televisiva Lost sono riemersi, distrutti, dalla sala di montaggio. Damon Lindelof e Carlton Cuse, che per sei stagioni consecutive avevano affascinato il pubblico televisivo americano con il loro telefilm sui sopravvissuti del disastro aereo e sulla loro difficile sopravvivenza in quell'isola tropicale spesso paragonata al paradiso, all'inferno [...] Vai alla recensione »

Renato Franco
Il Corriere della Sera

«Lost»: persi come i dispersi del volo Oceanic 815 precipitati sei stagioni fa, persi come i fogli della sceneggiatura del telefilm che si avvia alla sua conclusione. Perché se «Lost» è un giallo al cubo, anche tutto ciò che gli ruota attorno ha un alone di mistero dove finzione e realtà, come nel serial tv, si mescolano, si confondono e confondono.

Diego Del Pozzo
Il Giornale

La serie cult che il 2 febbraio ha fatto slittare di qualche ora persino il discorso del presidente Obama, arriva stasera anche in Italia. Alle 21.10 Fox (canale 110 di Sky) manderà in onda il primo episodio dell'attesissima stagione finale di «Lost», adrenalinica e misteriosa serie tv creata da J.J. Abrams, Damon Lindelof e Jeffrey Lieber nel 2004 per il network Abc.

Aldo Grasso
Il Corriere della Sera

Riassunto delle stagioni precedenti: «Un aereo cade su un' isola all' apparenza deserta e i sopravvissuti scoprono che non è abbandonata come sembra, ma che un tempo era il centro di un progetto scientifico denominato Dharma. Gli scienziati legati a questa iniziativa sono stati uccisi dai nativi che si sono impossessati dei loro centri di ricerca. A causa di una misteriosa forza elettromagnetica l' [...] Vai alla recensione »

Stefania Carini
Europa

Lost, via all'ultima stagione L'attesa è quasi finita. Stasera in America inizia l'ultima stagione di Lost, un vero evento mondiale. Tutti sono in fibrillazione, fan americani e fan globali, che cercheranno di accedere a Lost per vie più o meno illegali. Fox (Sky) manderà in onda la serie dal 10 febbraio. La sorpresa è però un'altra: Telecom Italia ha stretto un accordo con Disney per distribuire legalmente [...] Vai alla recensione »

Antonio Mustara
Tv Sorrisi e Canzoni

Da una parte lo spirito di Jacob, ex guardiano dell'Isola e della misteriosa Luce, dall'altra quello del suo gemello, l'innominato Uomo in Nero che si è incarnato in Locke. In gioco c'è il destino dell'isola, quello dei suoi abitanti e, forse, le sorti dell'intera umanità. L'avvincente sfida, ormai alle ultime battute (ma sarà davvero così?), si deciderà nel gran finale di «Lost», un episodio extralarge [...] Vai alla recensione »

Antonio Dipollina
Il Venerdì di Repubblica

Sei anni, 114 episodi, l'impressione che non dovesse finire mai. E, invece, Lost finisce. Per l'esattezza lunedì alle 6 del mattino. Orario e giorno insolito; ma si spiega tutto pensando che a quell'ora sulla costa americana del Pacifico è la prima serata della domenica, e da quelle parti va in scena il gran finale della serie. Per la prima volta a memoria d'uomo, la tv italiana trasmette in diretta [...] Vai alla recensione »

Aldo Grasso
Il Corriere della Sera

Come sarà la vita dopo Lost? In un inedito rituale collettivo di visione globale si è conclusa la serie culto, che ha cambiato per sempre i canoni del racconto tv. Nessun altro telefilm avrebbe potuto generare un fenomeno simile: nessun altro telefilm ha saputo intrecciare altrettanto bene complessità delle trame e fascino universale dei personaggi e delle loro storie (Fox, canale 110 di Sky, lunedì, [...] Vai alla recensione »

Andrea Fornasiero
Film TV

Si voleva aspettare la fine della serie, ma ormai Lost risulta insostenibile. Abbiamo sopportato: una orribile Immersione nell'oceano in CGI; una nuova fazione sull'isola in un tempio degno di Xena; un'interminabile diatriba su una pillola di veleno; i vari fantasmini visti da Hugo, in particolare la moglie di Richard; Jack attendere che una miccia si spenga da sola, perché l'isola avrà pure le sue [...] Vai alla recensione »

Antonio Dipollina
La Repubblica

Era la fine, l' inizio o chissà che. Lost ha chiuso con il puntatone di quasi due ore in onda negli Stati Uniti alle 9 di sera della domenica e da noi alle 6 del mattino di ieri, con una clamorosa diretta sui canali Fox, evento mai avvenuto prima per una fiction. Ieri sera Fox ha mandato la versione con i sottotitoli italiani: tutti quelli che aspettano la puntata finale doppiata in onda lunedì è meglio [...] Vai alla recensione »

Silvia Kramar
Il Giornale

Il medico Jack Shephard è riuscito a salvare l'isola di Lost e il sipario sulla serie cult della rete televisiva Abc è calato domenica sera dopo un'appassionante maratona televisiva di cinque ore. Dopo cinque anni e 8 mesi di puntate cominciate il giorno in cui il volo 815 della Oceanic, in rotta tra Sidney e Los Angeles, era precipitato su un'isola, i sopravvissuti hanno salutato il pubblico senza [...] Vai alla recensione »

NEWS
LIBRI
lunedì 6 aprile 2009
Pierpaolo Simone

La recensione *** È sufficiente dare una scorsa alla premessa scritta da Simone Regazzoni – autore del bel libro sulla filosofia di Lost – per capire che il punto è stato centrato: filosoficamente e televisivamente parlando.

NEWS
mercoledì 11 marzo 2009
Marlen Vazzoler

Matthew Fox è candidato come miglior attore per Lost L'Academy of Science Fiction, Fantasy and Horror Films ha fatto uscire le nominations per la 35° edizione dei Saturn Adwards che si terrà il 25 giugno.

VIDEO
lunedì 10 novembre 2008
Lisa Meacci

Destiny calls! Ecco il primo trailer in anteprima della prossima stagione di Lost, la serie tv americana firmata dagli autori Carlton Cuse e Damon Lindelof. Negli States uscirà a gennaio 2009 mentre per il nostro paese, ovviamente, c'è da attendere [...]

NEWS
mercoledì 16 gennaio 2008
Stefano Cocci

Neanche lo sciopero degli sceneggiatori ferma l'enigmatica serie Una misteriosa isola alimenta gli incubi dei fanatici di telefilm: un autentico rompicapo che coinvolge misteri della natura e che ci fa confrontare con paure ataviche.

winner
miglior serie televisiva drammatica
Golden Globes
2006
winner
miglior attore secondario serie tv drammatica
Emmy Awards
2007
winner
miglior attore secondario serie tv drammatica
Emmy Awards
2009
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2017 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati