Youth - La giovinezza

Acquista su Ibs.it   Soundtrack Youth - La giovinezza   Dvd Youth - La giovinezza   Blu-Ray Youth - La giovinezza  
Un film di Paolo Sorrentino. Con Michael Caine, Harvey Keitel, Rachel Weisz, Paul Dano, Jane Fonda.
continua»
Drammatico, Ratings: Kids+13, durata 118 min. - Italia, Francia, Svizzera, Gran Bretagna 2015. - Medusa uscita mercoledì 20 maggio 2015. MYMONETRO Youth - La giovinezza * * * 1/2 - valutazione media: 3,73 su 158 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
Consigliato assolutamente sì!
3,73/5
MYMONETRO®
Indice di gradimento medio del film tra pubblico, critica e dizionari + rapporto incassi/sale (ITALIA)
 dizionari * * * * -
 critica * * * - -
 pubblico * * * - -
   
   
   
Dopo il successo di This Must Be the Place e La grande bellezza, il regista premio Oscar Paolo Sorrentino dirige un film interpretato da un cast di stelle internazionali.
Richiedi il passaggio in TV di questo film
Chiudi Cast Scrivi Trailer
primo piano
Sorrentino torna a trovare la profondità, la leggerezza ma anche la concentrazione che permettono al film di levitare
Giancarlo Zappoli     * * * * -

Fred e Mick sono due amici da moltissimo tempo e ora, ottantenni, stanno trascorrendo un periodo di vacanza in un hotel nelle Alpi svizzere. Fred, compositore e direttore d'orchestra famoso, non ha alcuna intenzione di tornare a dirigere un'orchestra anche se a chiederglielo fosse la regina Elisabetta d'Inghilterra. Mick, regista di altrettanta notorietà e fama, sta invece lavorando al suo nuovo e presumibilmente ultimo film per il quale vuole come protagonista la vecchia amica e star internazionale Brenda Morel. Entrambi hanno una forte consapevolezza del tempo che sta passando in modo inesorabile.
Paolo Sorrentino era atteso al varco con questo film che arriva dopo l'Oscar de La grande bellezza e la sua estetica così personale tanto da aver diviso critica e pubblico in estimatori e detrattori molto decisi. Per di più il regista tornava in competizione a Cannes dove solo due anni fa la giuria non aveva degnato del benché minimo riconoscimento il film ricoperto successivamente da molteplici allori. Il rischio maggiore però, che era più che lecito paventare da parte di chi amava il suo cinema ma non era impazzito di gioia dinanzi al suo ultimo lavoro, era quello di ritrovare un Sorrentino ormai divenuto manierista di se stesso. Il trailer del film seminava più di un indizio in tal senso ma, fortunatamente, i trailer non sono i film. Perché il Sorrentino regista è tornato a confrontarsi con il Sorrentino sceneggiatore. Se entrambi avevano deciso di convivere senza intralciare il lavoro dell'altro dando così luogo a ridondanze e compiacimenti oltremisura, in questa occasione l'uno non ha concesso all'altro (e viceversa) più di quanto fosse giusto concedergli. Ne è nato così un film compatto a cui non nuocciono neppure le molteplici sottolineature del finale. Perché questa volta il modello di Sorrentino torna ad essere se stesso, senza più o meno consci confronti con i maestri che, anche quando citati, vengono metabolizzati nel suo universo creativo. Non mancano anche qui personaggi più o meno misteriosi che appaiono e scompaiono e a cui ora è comunque lo spettatore a poter assegnare la valenza simbolica che preferisce. Perché Fred e Mick sono persone che sono state personaggi nella loro vita ma che su questo schermo tornano a presentarsi come persone. Con le loro angosce, con le loro attese, con i loro segreti e, soprattutto, con la consapevolezza di una memoria destinata a perdersi nel tempo come le lacrime del Roy Batty bladerunneriano.
Sorrentino non ne fa due vecchie glorie più o meno coscienti delle proprie attuali forze fisiche e intellettuali ma offre loro anche i ruoli di genitori che conoscono luci ed ombre di un'arte altrettanto difficile: quella che i figli pretendono che venga esercitata nei loro confronti, non importa in quale età essi si trovino. In tutto ciò, ci si può chiedere, che ruolo viene assegnato alla giovinezza del titolo? Quello di specchio riflettente (e deformante al contempo) di passioni, desideri, fragilità. Su tutto questo e su molto altro ancora Sorrentino torna a trovare la profondità, la leggerezza ma anche la concentrazione che permettono al film di levitare. Chi lo vedrà capirà il senso del verbo.

Incassi Youth - La giovinezza
Primo Weekend Italia: € 2.426.000
Incasso Totale* Italia: € 5.995.000
Ultima rilevazione:
Box Office di domenica 23 agosto 2015
Sei d'accordo con la recensione di Giancarlo Zappoli?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
66%
No
34%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico
Premi e nomination Youth - La giovinezza

premi
nomination
Premio Oscar
0
1
Nastri d'Argento
2
0
Golden Globes
0
2
Globi d'oro
1
2
European Film Awards
3
5
David di Donatello
2
14
Cesar
0
1
* - - - -

L'estetica del vuoto

giovedì 21 maggio 2015 di ROBERT EROICA

Una “Spa” di lusso nascosta tra le montagne svizzere fa da sfondo alle umane vicende di ospiti non proprio comuni: un ex direttore d’orchestra, un attore hollywoodiano, un regista affermato ma ormai al capolinea, una giovane moglie tradita e lasciata e, addirittura, “Miss Universo” in soggiorno speciale. Il tema conduttore di “Youth – La giovinezza” è lo scorrere del tempo, dove la tristezza, la gioia, il trionfo, sono visti nella prospettiva di chi è prossimo al congedo: al centro dei discorsi continua »

* * * * *

Commovente , profondo e spiritoso : grazie paolo !

giovedì 21 maggio 2015 di Alex2044

Un incipit musicale spiazzante poi il film incomincia a levitare e non si ferma più fino alla fine . Un film bellissimo commovente  e spiritoso che parla della vita e della morte e del tempo che passa con tutti  i nostri dubbi ed i nostri perchè.  La fantasia è seminata piene mani . Le immagini sono di una bellezza abbagliante e poi i paesaggi , i personaggi , le battute intelligenti e profonde . Certo gli attori contano e sono fenomenali continua »

* * * - -

Una delusione. purtroppo.

giovedì 21 maggio 2015 di gi.effe.emme.

L'attesa era tanta, forse troppa. Un cast stellare, il primo film dopo l'Oscar, il secondo tentativo lontano dalla lingua "di casa". I temi sembravano tuttavia vicini, accoglienti, favorevoli all'autore. Purtroppo però, "The Youth" non convince. Certo, la regia è sempre quella, certo Bigazzi si conferma un Maestro della fotografia, certo la colonna sonora funziona, e ancora certo Michael Cane e Harvey Keitel sono una coppia di "vecchietti" continua »

* * * * -

La gioventù. ovvero: la “grande bellezza” perduta

mercoledì 20 maggio 2015 di carlosantoni

Sorrentino si riconosce lontano un miglio, mi vien da dire come Caravaggio o Bernini o Beethoven. La sua estetica può disturbare anche parecchio (spesso mi disturba) o piacere moltissimo, in ogni caso se ne riconosce facilmente la cifra. Così è anche in “Youth – La giovinezza”, anche se francamente non capisco perché non abbia intitolato il suo film “Oldness – La vecchiaia”, visto che è di vecchiaia che parla, e non di gioventù. Il suo film è una ricognizione dolente e compassata sul senso della continua »

Harvey Keitel Youth - La Giovinezza
"Ho perso i migliori anni della mia vita. Tu hai detto che le emozioni sono sopravvalutate, ma è una vera stronzata, le emozioni sono tutto quello che abbiamo!"
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Mick Boyle (Harvey Keitel) ai suoi giovani collaboratori
"Questo è quello che si vede da giovani: si vede tutto vicinissimo; quello è il futuro... E questo è quello che si vede da vecchi: si vede tutto lontanissimo; quello è il passato"
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Fred Ballinger
"Io capisco solo la musica. E sai perchè la capisco? Perchè la musica non ha bisogno delle parole, nè dell'esperienza. La musica c'è..."
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Shop

DVD | Youth - La giovinezza

Uscita in DVD

Disponibile on line da mercoledì 28 ottobre 2015

Cover Dvd Youth - La giovinezza A partire da mercoledì 28 ottobre 2015 è disponibile on line e in tutti i negozi il dvd Youth - La giovinezza di Paolo Sorrentino con Harvey Keitel, Rachel Weisz, Paul Dano, Jane Fonda. Distribuito da Warner Home Video. Su internet Youth. La giovinezza (DVD) è acquistabile direttamente on-line su IBS. Sono inoltre disponibili altri DVD in versione speciale del film. altre edizioni »

Prezzo: 9,99 €
Aquista on line il dvd del film Youth - La giovinezza

SOUNDTRACK | Youth - La giovinezza

La colonna sonora del film

Disponibile on line da martedì 26 maggio 2015

Cover CD Youth - La giovinezza A partire da martedì 26 maggio 2015 è disponibile on line e in tutti i negozi la colonna sonora del film Youth - La giovinezza del regista. Paolo Sorrentino Distribuita da Indigo Film. Su internet il cd Youth è acquistabile direttamente on-line a prezzo speciale su IBS.

Prezzo: 16,90 €
Prezzo di listino: 19,70 €
Risparmio: 2,80 €
Aquista on line la colonna sonora del film Youth - La giovinezza

APPROFONDIMENTI | L'affollato immaginario di Youth - La giovinezza.

Il cinema è un hotel

domenica 24 maggio 2015 - Roy Menarini

Il cinema è un hotel Il richiamo dell'albergo, per il cinema, pare irresistibile. Ci sono passati tutti, da Lubitsch ai cinepanettoni, da Kubrick a Wes Anderson, da Fellini a Resnais. E ora tocca a Sorrentino. Che cosa c'è di così gratificante nell'ambientare un film in un hotel? Facile: per regista e sceneggiatori è molto più semplice gestire storie e set. I personaggi, per entrare in scena, non devono avere altra giustificazione che un motivo per il riposo o la vacanza. E - nel tempo sospeso di una villeggiatura - il tempo libero dei protagonisti fa sì che molti di questi film propongano bilanci di vita o novità sentimentali.

   

NEWS | Il giovane favoloso è il film dell'anno.

Garrone, munzi e sorrentino si dividono i premi

sabato 27 giugno 2015 - a cura della redazione

Nastri d'Argento 2015, Garrone, Munzi e Sorrentino si dividono i premi Un verdetto inatteso, con una spartizione 'a tre' dei Nastri più importanti tra Anime nere di Francesco Munzi, Il racconto dei racconti - Tale of Tales di Matteo Garrone e Youth -La giovinezza di Paolo Sorrentino che conquistano tre premi ciascuno. Nessuno lo avrebbe previsto e invece, ai voti dei giornalisti cinematografici, i riconoscimenti mancati a Cannes e Venezia sono stati riscattati da un pareggio tra gli autori e i titoli più interessanti dell'anno. Vittoria di strettissima misura di Paolo Sorrentino come regista del miglior film 2015, Youth - La giovinezza, che conquista anche fotografia (Luca Bigazzi) e montaggio (Cristiano Travaglioli), insieme ad Anime nere di Francesco Munzi al quale vanno i Nastri per la migliore produzione (Cinemaundici di Luigi e Olivia Musini) e per la sceneggiatura (ancora Munzi con Fabrizio Ruggirello e Maurizio Braucci).

   

VIDEO | Una clip dal film di Sorrentino in concorso a Cannes. Domani al cinema.

Si vede tutto lontanissimo

martedì 19 maggio 2015 - a cura della redazione

Youth - La giovinezza, si vede tutto lontanissimo Quello che si vede da giovani è tutto vicinissimo. È il futuro. Quello che si vede da vecchi è tutto lontanissimo. È il passato". Con queste parole Harvey Keitel/Mick spiega ai suoi collaboratori durante una gita in montagna il significato della vecchiaia (e della giovinezza). Il nuovo atteso film di Paolo Sorrentino, Youth - La giovinezza vede protagonisti Harvey Keitel (Mick) e Michael Caine (Fred), due amici di vecchia data che si ritrovano alla soglia degli ottant'anni in un elegante albergo ai piedi delle Alpi per trascorrere una vacanza primaverile.

   

VIDEO | In concorso al Festival di Cannes, il film sarà al cinema dal 20 maggio.

Il trailer ufficiale

giovedì 30 aprile 2015 - a cura della redazione

Youth - La giovinezza, il trailer ufficiale Dopo l'Oscar per La grande bellezza, Paolo Sorrentino torna alla regia con YOUTH - La Giovinezza. In un elegante albergo ai piedi delle Alpi Fred e Mick, due vecchi amici alla soglia degli ottant'anni, trascorrono insieme una vacanza primaverile. Fred è un compositore e direttore d'orchestra in pensione, Mick un regista ancora in attività. Sanno che il loro futuro si va velocemente esaurendo e decidono di affrontarlo insieme. Guardano con curiosità e tenerezza alla vita confusa dei propri figli, all'entusiasmo dei giovani collaboratori di Mick, agli altri ospiti dell'albergo, a quanti sembrano poter disporre di un tempo che a loro non è dato.

   

NETFLIX |

Le vere star sono tornate. jane fonda e lily tomlin sono grace and frankie

venerdì 13 maggio 2016 - Marco Chiani

Le vere star sono tornate. Jane Fonda e Lily Tomlin sono Grace and Frankie "Esistono gruppi di ascolto per mogli di uomini che diventano gay a settant'anni?". Possibile. Fatto sta che a Grace e Frankie avrebbero fatto proprio comodo, perché di primo acchito non hanno saputo gestire la valanga che le ha travolte. Durante un pranzo-apocalisse, Robert, marito dell'una, e Sol, marito dell'altra, colleghi in affari da una vita, anche con un certo candore hanno dichiarato loro di avere una relazione da vent'anni e di voler trascorrere insieme il restante tempo a disposizione.

La grande vecchiezza

di Fabio Ferzetti Il Messaggero

Due grandi vecchi per un film sul tempo che passa mentre la giovinezza (degli altri s'intende) ci assedia senza riguardi. Due grandi attori, Michael Caine e Harvey Keitel, per una riflessione giocosa sull'arte, la creazione, la bellezza (più seccature annesse, tipo la celebrità e i suoi obblighi). Un film così aperto e accogliente che riassume e rielabora tutto ciò che Sorrentino ha già fatto, ma in forma addolcita e semplificata. Come se il regista de La grande bellezza e Le conseguenze dell'amore volesse rendere il suo cinema più accessibile, meno inquietante, senza rinunciare ai tratti che lo rendono ormai così riconoscibile, seducente e, osiamo questa parola ambigua, piacevole. »

L'albergo sulle Alpi dove si incontrano incantate solitudini

di Natalia Aspesi La Repubblica

Un bambino, solo, si esercita con il violino, una bambina, sola, si mangia le unghie, l'eterea massaggiatrice "che non ha nulla da dire", danza sola, il giovane divo americano (Paul Dano) sulla sdraio, fissa, solo, la piscina. In piscina una celebrità del calcio irrimediabilmente obesa, un vistosamente finto Maradona, galleggia, solo, sotto un berretto che lo nasconde. Solo, il grande compositore e direttore d'orchestra in pensione guarda una vecchia foto di se stesso accanto a un bella donna. Sul letto, sua figlia quarantenne piange, sola. »

Youth o bluff? Sorrentino, Cannes e la gioventù perduta

di Adriano De Grandis Il Gazzettino

Dalle terrazze romane alle Alpi svizzere di un albergo che fu caro a Thomas Mann (ma la liaison finisce qui), Paolo Sorrentino con "Youth" chiude ancora di più in una visione claustrale il suo mondo sempre più popolato di macchiette grottesche, dove la regia barocca e sostanzialmente prigioniera di un inesauribile desiderio di meravigliare in inquadrature che si spengono dentro il loro stesso stupore, esclude al suo cinema di espandersi verso l'esterno dello schermo, uscendo finalmente nella vita e abbandonando quel limbo sospeso, che ormai è la chiave del suo credo artistico. »

Uno sguardo che va «oltre» e il primato dell'auto-sarcasmo

di Valerio Caprara Il Mattino

Sono molti i registi che affermano di volerci insegnare a vivere. Sono molti di meno i temerari che vogliono aiutarci a esorcizzare la paura della morte. Paolo Sorrentino non fa sconti ai sentimenti misti di terrore e rassegnazione che incombono sugli uomini quando la fatidica clessidra non comunica più segnali incoraggianti, ma ha il potere di deviare l'attenzione degli spettatori da un'analisi asettica e oggettiva della relativa condizione (la vecchiaia esiste) alla percezione dei fenomeni complessi e contraddittori che la definiscono in maniera diversa presso i singoli individui. »

Youth - La giovinezza | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
Pubblico (per gradimento)
  1° | alex2044
  2° | carlosantoni
  3° | sergio dal maso
  4° | pepito1948
  5° | maopar
  6° | michele
  7° | macguffin
  8° | sbreggio93
  9° | daniele fanin
10° | giajr
11° | gianchi
12° | giank51
13° | vanessa zarastro
14° | stefafonta
15° | florentin
16° | bruce harper
17° | redrose
18° | riccardo tavani
19° | no_data
20° | mauro.t
21° | luciachiara
22° | carlosantoni
23° | maurizio meres
24° | mauridal
25° | fabiofeli
26° | the boxer
27° | p0vr0
28° | jaylee
29° | omero sala
30° | guidobaldo maria riccardelli
31° | liviofa
32° | alexander 1986
33° | omero sala
34° | stefano67
35° | patric
36° | dhany coraucci
37° | jacopo b98
38° | no_data
39° | silvano bersani
40° | jayan
41° | antonella_sensi
42° | oz1984
43° | forsedomani
44° | giancampisi
45° | no_data
46° | antonio tramontano
47° | jackmalone
48° | iuras
49° | catcarlo
50° | zenos
51° | nanni
52° | artal
53° | ginux85
54° | yellowcab
55° | luigi chierico
56° | john stimmer
57° | onufrio
58° | lucva
59° | giorpost
60° | ricciottti
61° | maurizio d'anna
62° | vincenzo ambriola
63° | 10205747764127580@facebook
64° | angelo umana
65° | zarar
66° | carlosantoni
67° | no_data
68° | svalda
69° | mickey97
70° | rosaria conte
71° | nino pell.
72° | gabriella
73° | mauribianu
74° | no_data
75° | maumauroma
76° | homer52
77° | flyanto
78° | dellagambar
79° | madrigal
80° | folignoli
81° | johnny1988
82° | elephantribal
83° | fravagna
84° | enrico danelli
85° | cesare premi
86° | cesare premi
87° | enzo70
88° | marezia
89° | reiver
90° | marezia
91° | kimkiduk
92° | andrea giostra
93° | stefano67
94° | luka1975
95° | pisiran
96° | gi.effe.emme.
97° | robert eroica
Premio Oscar (1)
Nastri d'Argento (2)
Golden Globes (2)
Globi d'oro (3)
European Film Awards (8)
David di Donatello (16)
Cesar (1)


Articoli & News
Trailer
1 | 2 |
Video
1|
Immagini
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 |
Link esterni
Facebook
prossimamente al cinema Oggi al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2016 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità