Magic in the Moonlight

Acquista su Ibs.it   Dvd Magic in the Moonlight   Blu-Ray Magic in the Moonlight  
Un film di Woody Allen. Con Eileen Atkins, Colin Firth, Marcia Gay Harden, Hamish Linklater, Simon McBurney.
continua»
Commedia, Ratings: Kids+13, durata 98 min. - Francia, USA 2014. - Warner Bros Italia uscita giovedì 4 dicembre 2014. MYMONETRO Magic in the Moonlight * * * - - valutazione media: 3,09 su 67 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
Consigliato sì!
3,09/5
MYMONETRO®
Indice di gradimento medio del film tra pubblico, critica e dizionari + rapporto incassi/sale (ITALIA)
 dizionari * * * - -
 critica * * 1/2 - -
 pubblico * * * - -
   
   
   
Una commedia romantica che narra di un grande prestigiatore che prova a smascherare una sedicente medium.
Richiedi il passaggio in TV di questo film
Chiudi Cast Scrivi Trailer
primo piano
Una 'comédie au champagne', dove si accetta il soccorso dell'illusione delle immagini, dei giochi di prestigio e di qualche nota jazz sul nero
Marzia Gandolfi     * * * - -

Berlino, 1928. Wei Ling Soo è un celebre prestigiatore cinese in grado di fare sparire un elefante o di teletrasportarsi sotto gli occhi meravigliati di un pubblico acclamante. Ma dietro la maschera e dentro il suo camerino, Wei Ling Soo rivela Stanley Crawford, un gentiluomo inglese sentenzioso e insopportabile che accetta la proposta di un vecchio amico: smascherare una presunta medium, impegnata a circuire una ricchissima famiglia americana in vacanza sulla riviera francese. Ospite dei Catledge sulla Costa azzurra e sotto falsa identità, si fa passare per un uomo d'affari; Stanley incontra la giovane Sophie Baker ed è subito amore. Ma per un uomo cinico e sprezzante come lui è difficile leggere dietro alle vibrazioni di Sophie un sentimento sincero. Un temporale e il ricovero della zia adorata, faranno crollare il razionalismo e le resistenze di Stanley: il soprannaturale esiste eccome e si chiama amore.
Non va mai preso alla leggera un film di Woody Allen, anche se si presenta fresco ed estivo come una promenade lungo la Costa Azzurra. Perché il gusto che avvertiamo dopo averne goduto è sempre più complesso di quello inizialmente percepito. Nel suo cinema sono sempre i dettagli o le presenze marginali ad aprire gli spiragli che fanno intravedere la profondità di senso. Dietro alle coppe di champagne e alle maniere sofisticate, dentro i vestiti bianchi e le automobili decappottabili, sotto i cappellini a cloche, i temporali estivi e la comédie au champagne, quella dove lui e lei si conoscono, si detestano e poi finiscono col capitolare l'uno nelle braccia dell'altro, si prepara in fondo il crepuscolo della Jazz Age fitzgeraldiana e il collasso della Germania sotto i colpi della crisi e del nazismo. E Magic in the Moonlight apre proprio sul 'palcoscenico' di Berlino e davanti a un pubblico che a breve non vedrà più l'elefante nella stanza perché sceglierà di ignorarlo, ignorando col pachiderma una tragedia evidente. Nemmeno la magia può volatilizzare un elefante e una verità, la sparizione è soltanto un'illusione prodotta da un prestigio, una rimozione dal campo visivo che prima o poi ricompare, proprio come la madre di Sheldon-Woody nell'Edipo derelitto. Lo sa bene il mago very british di Colin Firth, che come il film possiede tutta la malinconia e l'esotismo di una cartolina postale.
Non è certo la prima volta che Allen ricorre alla magia, che ha giocato d'altra parte un ruolo rilevante nella sua filmografia. Magia (Stardust Memories, New York Stories, Alice, Ombre e nebbia, La maledizione dello scorpione di giada, Scoop) e divinazione (Incontrerai l'uomo dei tuoi sogni) si impongono in primo piano e dentro le sue commedie, sublimando la dimensione comica e rivelando uno dei temi principali della poetica alleniana: la scelta. Il cinema di Allen arriva sempre al vicolo cieco dell'alternativa tra "orribile o miserrimo" (Io e Annie) o come per Magic in the Moonlight tra la vita vera e la sua illusione. Come ogni altro personaggio alleniano nemmeno Stanley Crawford troverà una risposta perché per il regista è più importante continuare a porsi nuove domande. Il protagonista di Colin Firth, un'implosione raffinata di cinismo e arroganza, sceglie allora lo slancio vitale, l'impulso irrazionale di agire e reagire dentro l'universo, "un luogo assolutamente freddo". Come l'arroseur arrosè dei Lumière, il prestigiatore finisce annaffiato dal suo stesso annaffiatoio e da un'avventuriera americana che sembra barare meglio di lui, provando che la magia non si trova sempre dove noi pensiamo. Così il suo razionalismo implacabile capitolerà sotto la luce brillante di Darius Khondji e lo charme preveggente di Emma Stone che, come il mago cinese di Alice, lo stana dalla codardia e lo porta a consapevolezza. Se i pessimisti sostengono che il nostro passaggio sulla terra è un disastro, l'avvenire non può essere che funesto e "l'eternità troppo lunga, specialmente verso la fine", esibendo soltanto la loro insofferenza e il loro malessere scoraggiante e lamentoso, gli ottimisti da par loro sono dei cretini assoluti, totalmente irragionevoli e privi di logica e di buon senso, proprio come la vecchia coppia sulla panchina di Incontrerai l'uomo dei tuoi sogni. Così non resta che gettare la maschera cartesiana e ammettere di essere proprio come Sophie, non un essere candido magari ma nemmeno infame, che esercita la suggestione per ingannare e proteggere, la magia per rendere più piacevole la vita degli altri, il potere mistificatorio per richiamare i morti in vita, non quelli seppelliti ma quelli che vivono temporaneamente fuori dalla partita. Non datevi pensiero perciò se vedrete l'impostore rivelato pregare e implorare addirittura la misericordia divina in un momento di sconforto, è solo una boutade. Woody Allen non accetta mai il soccorso della religione ma non smette mai di trovarlo nell'illusione. L'illusione delle immagini, dei vecchi giochi di prestigio, di una bolla di champagne e di qualche nota jazz sul nero.

Incassi Magic in the Moonlight
Primo Weekend Italia: € 1.450.000
Incasso Totale* Italia: € 3.459.000
Ultima rilevazione:
Box Office di domenica 28 dicembre 2014
Incasso Totale* Usa: $ 10.330.000
Ultima rilevazione:
Box Office di domenica 28 settembre 2014
Sei d'accordo con la recensione di Marzia Gandolfi?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
68%
No
32%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico
* - - - -

Il solito inutile woody

domenica 7 dicembre 2014 di Flaw54

Stessa musica, stessi colori, stessi dialoghi:una noia mortale! Allen non sa più essere se stesso e ripete ormai sempre lo stesso film. I tempi di Crimini e misfatti e soprattutto fi Match point sono ormai lontani. Il filo della storia è assai tenue ( e questo è un eufemismo), gli attori ormai sono interscambiabili, tanto non hanno più una loro identità. Mi meraviglio del fatto che Colin Firth ed Emma Stone accettino queste parti. Il film poteva svolgersi sul lettino continua »

* * * * -

Grande woody

giovedì 25 dicembre 2014 di maopar

guardare alla luna con la magia dell'amore Valutazione 5 stelle su cinque Sì 68% No 32% Quando all'uscita dalla sala i giudizi sul film sono estremi e contrastanti...vuol dire che siamo stati coinvolti... manifestando un rifiuto o come per me una totale condivisione emotiva perché sei in "sintonia" con l'autore. Addirittura hai potuto anche anticipare il regista(quando Stanley sperimenta la preghiera....).I personaggi sono azzeccatissimi,l'illusionista Stanley il più bravo del mondo di vasta continua »

* * * * -

Magic allen

domenica 7 dicembre 2014 di Maurizio Meres

Ancora lui ,dal suo genio questa volta esce una magia fatta di eleganza raffinatezza e amore ,in un ambientazione vellutata così come era quel tipo di borghesia con il paraocchi e un indifferenza sociale radicata di quel periodo ,scenari della bellissima costa azzurra stupendi ,atmosfera fantastica visto il tema del film direi magica .Dialoghi come suo solito accattivanti,coinvolgenti,che proiettano lo spettatore dentro il film ,ambientazione superlativa curata nei particolari ,abiti ,modi di fare continua »

* * * - -

Woody è sempre woody

martedì 9 dicembre 2014 di Wounded Knee

Non sarà il miglior film di Woody Allen, ma continua senz’altro tutte le tematiche del suo pensiero. Non ultimo il concetto che “non esiste il bianco o il nero nella vita, ma molte sfumature di grigio”. Il protagonista, interpretato da un Colin Firth, sempre all’altezza della situazione (e oltre), cinico e disincantato, viene “folgorato” da colei che lo incanta, in quanto il suo esatto opposto. Fin qui siamo nello schema della seduzione, gli opposti continua »

Zia Vanessa
Quello che non ci uccide, il più delle volte ci frega.
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Zia Vanessa
Il mondo può anche essere del tutto privo di scopo, ma non del tutto privo di magia.
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Stanley
"Speriamo tutti che arrivi qualcuno dotato di super poteri, ma l'unico super potere certo brandisce una falce!"
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Shop

DVD | Magic in the Moonlight

Uscita in DVD

Disponibile on line da mercoledì 1 aprile 2015

Cover Dvd Magic in the Moonlight A partire da mercoledì 1 aprile 2015 è disponibile on line e in tutti i negozi il dvd Magic in the Moonlight di Woody Allen con Emma Stone, Colin Firth, Marcia Gay Harden, Jacki Weaver. Distribuito da Warner Home Video. Su internet Magic in the Moonlight (DVD) è acquistabile direttamente on-line a prezzo speciale su IBS. Sono inoltre disponibili altri DVD in versione speciale del film. altre edizioni »

Prezzo: 9,74 €
Prezzo di listino: 12,99 €
Risparmio: 3,25 €
Aquista on line il dvd del film Magic in the Moonlight

Woody Allen, la magia è solo nel titolo

di Maurizio Acerbi Il Giornale

Woody Allen torna in Francia (qui nel Sud), sperando di ripetere il successo del suo irresistibile Midnight in Paris e lo fa con il solito sguardo nostalgico verso il passato, confezionando, non a caso, una commedia romantica che sembra uscita da una cineteca degli Anni Trenta. Niente di clamoroso, purtroppo, e non certo all'altezza del precedente Blue Jasmine. Qui, si limita a trasmettere qualche divagazione su magia e illusionismo, ragione e trascendenza, fede e ateismo, Nietzsche e Hobbes, mediocrità e rassegnazione; nulla di nuovo per chi frequenta la sua filmografia e con un sapore di rimasticato e rielaborato. »

Il mago e l'imbrogliona ma stavolta il genio Allen appare un po' assopito

di Curzio Maltese

In un arte dove la maggior parte degli artisti, anche i più grandi, ha smesso d'inventare prima dei sessant'anni, siamo abituati a considerare Woody Allen l'eccezione più clamorosa. Superati i settanta, ormai sono 79, il grande Woody ha saputo far vibrare al massimo le molte corde dei propri talenti, regalandoci alcuni capolavori del decennio. Dalle tragedie perfette di Match Point e Blue Jasmine , alla più esilarante commedia di Scoop, passando per il divertimento filosofico di Basta che funzioni, la sensualità travolgente di Vicki Cristina Barcellona, l'incanto metafisico di Midnight in Paris. »

Woody Allen, l'amore è un gioco truccato

di Alessandra Levantesi La Stampa

Se si guarda a Magic in the Moonlight come a un'ulteriore commedia romantica di Woody Allen, resta difficile non catalogarla opera minore; per carità, firmata, godibile, lussuosamente ambientata nella cornice di un'incantata Costa Azzurra Anni '20 e interpretata da un'ottima coppia di attori, il carismatico Colin Firth e la deliziosa Emma Stone. Ma alcuni personaggi secondari sono disegnati con inconsueta sciatteria e, a dispetto del loro essere sempre in scena, si direbbe che all'autore del rapporto sentimentale fra il prestigiatore Stanley e la sedicente medium Sophie importi poco: il che vanifica il magico del chiaro di luna. »

di Federico Pontiggia Il Fatto Quotidiano

Fine anni 20. Stanley (Eirth), alias Wei Ling Soo, è il mago più celebre al mondo, l'unico capace di far scomparire un elefante. Ma non è magia, bensì raziocinio: Stanley è uno scienziato e un pessimista cosmico, poco incline a illudersi e godersi la bella vita. Eppure, i tempi sono maturi: viene chiamato in Costa Azzurra affinché smascheri una bella ragazza americana, Sophie (Emma Stone), che si accredita facoltà sovrannaturali. È tornato Woody Allen, ed è in uno stato di forma più che discreto, ci prende per mano e ci accompagna tra schermaglie amorose, scenari mozzafiato e costumi (di Sonia Grande) stupendi. »

Magic in the Moonlight | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
MYmovies
Marzia Gandolfi
Pubblico (per gradimento)
  1° | maopar
  2° | maurizio meres
  3° | wounded knee
  4° | samuelemei
  5° | cristina t. chiochia
  6° | camiglia
  7° | filippo catani
  8° | fabian t.
  9° | iolanda la carrubba
10° | donato prencipe
11° | antonietta dambrosio
12° | frankdamiano
13° | soviet rossija
14° | marcello bardini
15° | mauridal
16° | maria.f
17° | killbillvol2
18° | great steven
19° | frankdamiano
20° | no_data
21° | antonietta dambrosio
22° | mauridal
23° | valequeen
24° | sabrina lanzillotti
25° | angelo bottiroli - giornalista
26° | the_diaz_tribe
27° | flyanto
28° | johnny1988
29° | vincenzo ambriola
30° | luigi chierico
31° | ultimoboyscout
32° | cesare premi
33° | felipito
34° | fexy96
35° | flaw54
Trailer
1 | 2 |
Poster e locandine
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 |
Link esterni
Shop
DVD
Uscita nelle sale
giovedì 4 dicembre 2014
prossimamente al cinema Oggi al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2016 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità