•  
  •  
Apri le opzioni

Phoebe Waller-Bridge

Phoebe Waller-Bridge (Phoebe Mary Waller-Bridge) è un'attrice inglese, produttore, sceneggiatore, è nata il 14 luglio 1985 a Londra (Gran Bretagna).
Nel 2020 ha ricevuto il premio come miglior attrice in una serie televisiva brillante al SAG Awards per il film Fleabag. Dal 2019 al 2020 Phoebe Waller-Bridge ha vinto 6 premi: Critics Choice Award (2020), Emmy Awards (2019), Golden Globes (2020), Producers Guild (2020), SAG Awards (2020). Phoebe Waller-Bridge ha oggi 36 anni ed è del segno zodiacale Cancro.

Anni di niente

A cura di Fabio Secchi Frau

La creatrice di Killing Eve, Phoebe Waller-Bridge, ha un bel paio di anni passati sugli schermi grandi e piccoli. Inizia la sua carriera come attrice. Appare in Vi presenteo Christopher Robin e doppia un personaggio di Solo: A Star Wars Story, ma ricopre anche ruoli da protagonista in Crashing e Fleabag sul piccolo schermo.
Nonostante questo, è solo con la tesa e stravagante trasposizione della BBC America Killing Eve, che è andata incontro all'entusiasmo del pubblico mondiale. Più di quanto avesse preventivato. E, tra l'altro, ricompensato con una candidatura agli Emmy per la migliore sceneggiatura, alla quale si aggiunge quella per la migliore attrice protagonista, Sandra Oh.
Proprio con la Oh, con la sua co-protagonista Jodie Comer e con un team di eccezionale talento, la Waller-Bridge ha creato un serial che ha inchiodato tutta l'America. La prima stagione, di otto episodi, ha portato 1, 25 milioni di spettatori. Basato su una serie di racconti di Luke Jennings, prodotto dalla Sid Gentle Films e sostenuta dai BBC Studios, Killing Eve partiva come una serie dalle aspettative molto alte per le nazioni anglofone. Ma il vero colpo di scena è stato proprio nella stesura dello script. Un rinnovamento del genere spy-thriller che la Waller-Bridge ha operato volendo infondere a una trama ricca di suspense anche il dramma e la commedia. Pura gioia per la scrittura, hanno detto alcuni.
Ma chi c'è dietro quella penna? Chi è Phoebe Waller-Bridge? Tenta di descriverla una delle attrici del cast, la veterana Fiona Shaw, che dice: "È assolutamente unica. È fantastico avere qualcuno che padroneggia così bene la lingua inglese e che scrive per la televisione. È meravigliosa! Non solo è abile nella narrativa o nel vedere le cose, ma è abile nell'uso della parole. È molto divertente leggere i suoi script e avere il permesso di riprodurli".
E non è questo l'unico consenso avuto. C'era da aspettarselo dopo che il suo pluripremiato adattamento dello spettacolo teatrale "Fleabag" l'ha vista diventare uno dei talenti più richiesti del Regno Unito. Ma solo Sally Woodward Gentle, dopo molta perserveranza, è riuscita ad assicurarsi che la scrittrice adattasse la saga letteraria "Villanelle" di Jennings per il piccolo schermo con il titolo Killing Eve. Esattamente come nel libro, la storia segue la vita di Eve, una noiosa ma inflessibile agente di sicurezza dell'MI5, il cui lavoro come dietro una scrivania non soddisfa le sue fantasie di far parte del controspionaggio. Tuttavia, la sua vita cambia quando entra in gioco un'epica caccia alla donna con Villanelle (Jodie Comer), un sicario internazionale. La serie le vede impegnate inseguimenti e scontri testa a testa lungo tutta l'Europa, alternando parti piene d'azione a parti più divertenti. Usando le stesse parole della sceneggiatrice, il fine era quello di mettere in discussione le spy-stories e di rinfrescarle, evitando sentieri già battuti e con l'audacia di proporre al mondo personaggi e situazioni vividamente anomale, anche poco plausibili, per l'immaginario collettivo.
Come ci è riuscita? Facciamo un esempio. Prendiamo Eve e il suo dramma d'ufficio. Lei è un personaggio accessibile al pubblico, che si pensa di conoscere e riconoscere fin dalla prima scena. Ma tutti i dettagli che la compongono si rivelano essere parte di un qualcosa di più straordinario. Di una Eve nascosta sotto un'altra Eve. Una struttura narrativa simile a quella di un iceberg con la sua punta. Rovesciando la medaglia, abbiamo invece una donna straordinaria, Villanelle, la sua antagonista, che puntata dopo puntata rivela al pubblico il suo bisogno di normalità. All'improssivo, chi ha preso visione del serial si trova di fronte a due eroine e due cattive nel medesimo tempo. In più, c'è l'attrazione, l'ossessione, l'eccitazione nuova, sfumata o reale, che le due donne provano l'una per l'altra. Un tipo di passione diverso, eppure molto naturale. Nel momento in cui Eve conosce Villanelle, si attiva in lei un interruttore che non era mai stato attivato prima. La prima volta che si incontrano è il momento in cui si "innamorarono". Sono solo donne che si adorano per la reciproca intelligenza, che sono tanto attratte reciprocamente da sfociare in un duello di controllo per il potere (forse anche sessuale). Una cosa che, chiaramente, ha fatto innamorare del telefilm la comunità LGBT americana.
La stessa Waller-Bridge è sorpresa. Soprattutto ora che il pubblico statunitense sta scoprendo anche i suoi precedenti lavori, come il sopra menzionato Fleabag. "Sono andata alla scuola di recitazione, mi sono sbattuta a destra e a sinistra per anni e non è successo niente".
E invece ora, dopo tanto niente, è una delle voci più brillanti e ribelli della tv inglese.

Studi
Nata a Londra, figlia di Michael Cyprian Waller-Bridge e di Teresa Mary Clerke, Phoebe Waller-Bridge può vantare antenati illustrissimi. Suo nonno materno era un baronetto e suo padre discende da un membro del Partito Conservatore. Cresciuta a Ealing, con il fratello minore Jasper (oggi compositore e autore della colonna sonora di Fleabag), è costretta ad assistere al divorzio dei suoi genitori quando era ancora una bambina. Iscritta al St Augustine's Priory, una scuola privata cattolica per ragazze, entra poi al DLD College London di Marylebone e al Trinity College di Dublino, dove studia letteratura inglese. Sentendo però una grande vocazione per l'arte drammatica, decide di iscriversi alla Royal Academy of Dramatic Art di Londra.

L'incontro con Vicky Jones
Debutta come attrice nel dramma "Roaring Trade" al Soho Theater e poi riesce ad apparire nella seconda stagione del telefilm Broadchurch. Seguono però anni in cui non riesce a trovare un'altra scrittura e comincia a deprimersi. Sarà l'incontro con la regista Vicky Jones, che poi diventerà la sua migliore amica, a cambiarla per sempre. La Jones la spinge a pensare che il divertimento dovrebbe essere parte integrante del loro rispettivo fallimento come regista e attrice. Così, si mettono in testa di fondare una compagnia teatrale: la DryWhite. Gli spettacoli proposti vanno bene e loro si divertono effettivamente tanto. Ma all'improvviso, regia e recitazione iniziano a diventare una cosa seria per il pubblico, "ad avere vita propria", dirà la Waller-Bridge stessa. Vicky le impone di scrivere un'opera teatrale, così nasce "Fleabag". Dopo, le chiede di firmare una "fottuta" commedia e arriva "Good. Clean. Fun.". Il pubblico e la critica sono unanimi nel definire la sua prosa meravigliosa e lei, sul palco, fra gli applausi, non smette mai di ringraziare la sua amica. "Lei è stata una parte enorme di me. Trovare della gente che sia disposta a spingerti a cambiare è un vero dono. Paragonarsi ad altri, è competitivo, triste, difficile. Bisogna trovare persone come Vicky, con le quali ti diverti a lavorare, costruisci una 'famiglia' e ricominci a lavorare". Nel frattempo, la Waller-Bridge recita nell'episodio "India" di Bad Education e, nel 2016, scrive e recita in ben due sitcom. Una è l'adattamento televisivo di "Fleabag" e va in onda sulla BBC Three. L'altra è invece Crashing che va in onda su Channel 4.

Il successo di Killing Eve
Scelta per doppia l'androide L3-37 nel film Solo: A Star Wars Story (2018), viene convita a trasporre per la BBC America una serie di e-book di Luke Jennings. Finalmente, arriva Killing Evee con lei il successo sopra descritto.

Vita privata
Phoebe Waller-Bridge era sposata con il documentarista Conor Woodman, ma la coppia divorzia nel 2017.

Ultimi film

SERIE - Commedia, (USA - 2020)
Drammatico, (Gran Bretagna - 2011), 113 min.

News

Delusione Netflix quasi a mani vuote. Per le serie TV trionfano Fleabag e Succession.
I 6 espisodi della seconda e ultima stagione vedono la protagonista crescere, senza smettere mai di esercitare il suo...
Una scrittura audace che la rende una delle menti più diaboliche e istrioniche del piccolo schermo anglofono (e non...
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | Serie TV | Dvd | Stasera in Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | TROVASTREAMING
Copyright© 2000 - 2021 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati