•  
  •  
Apri le opzioni

David Gordon Green

David Gordon Green. Data di nascita 9 aprile 1975 a Little Rock, Arizona (USA).
Nel 2013 ha ricevuto il premio come miglior regia al Festival di Berlino per il film Prince Avalanche. David Gordon Green ha oggi 47 anni ed è del segno zodiacale Ariete.

Un uomo per tutti i generi

A cura di Fabio Secchi Frau

Ha scelto di vivere tra Charleston e Austin, piuttosto che a Los Angeles. Senza saperlo è entrato a far parte di quel ristretto gruppo di cineasti anticonformisti che hanno preso la stessa decisione. Fuori Hollywood è meglio. Persone come Richard Linklater, Robert Rodriguez o Mike Judge.
La città della Carolina del Sud, che ha dato il nome al famoso ballo, gli ricorda un po' la sua città natale, Little Rock, in Arkansas. Mentre la città del Gran Premio degli Stati Uniti d'America di Formula 1, gli regala gli svaghi di una città che continua a crescere. È da questi luoghi che, colui che la critica cinematografica americana considera "l'uomo dai molti talenti" e che la critica europea osserva alzando un sopracciglio, ha lavorato alla serie tv della HBO Vice Principals e a film come Strafumati con Seth Rogen e James Franco e Stronger - Io sono più forte con Jake Gyllenhaal e Tatiana Maslany. Proprio quest'ultimo titolo, un biopic su Jeff Bauman, l'uomo che perse entrambe le gambe nell'attacco terroristico della maratona di Boston del 2013, ha raccolto i maggiori consensi della sua carriera. Merito della sceneggiatura di John Pollono più che della regia di David Gordon Green, sia chiaro. Fu la storia a resistere alla tentazione di trasformare Jeff in un eroe o un martire, facendoci sentire il suo disagio quando viene spinto a sventolare patriottiche bandiere americane o quando gli viene chiesto di posare per delle foto. La regia si mise semplicemente al suo servizio.
Ma se c'è un talento in David Gordon Green, quello è sicuramente il fatto di essere un uomo per tutti i generi. Pagandolo ("A volte, sono film commerciali e, a volte, non lo sono, e cerco di rimanere a galla e di avere una carriera con persone che ti sosterrano perché hai bisogno che scrivano assegni e finanzino i tuoi film"). Uno che, come tanti a Hollywood, riesce a passare dalle commedie ai drammi, dagli horror ai film romantici. Seppur con alti e bassi. Lo ammetterà lui stesso, del resto. "I miei film non sono stati straordinariamente commerciali, ma mi hanno aperto alcune porte".
Green è cresciuto in una famiglia borghese. Non era il miglior atleta della scuola, ma se la cavava con lo studio. "Ero molto motivato a crearmi una carriera. Avevo ambizione".
Eredita l'amore per la settima arte da suo padre. "Era un grande appassionato di cinema. Mi avrebbe portato al cinema ogni giorno della sua vita, se avesse potuto". Ma l'amore non basta. Green viene rifiutato da tutte le scuole di cinema in cui aveva fatto domanda. Alla fine, solo la North Carolina School of Arts lo accetta. Lì, succede una cosa strana. Piuttosto che interessarsi ai corsi di regia ai quali era iscritto, sente di aver trovato la sua vocazione nella sceneggiatura e nella critica. Nonostante questo, circondato dai suoi compagni di classe che diventeranno poi compagni di lavoro (il direttore della fotografia Tim Orr, il montatore Colin Patton, lo scenografo Richard A. Wright e l'attore Danny McBride), prende sempre più piede la sua posizione davanti all'obiettivo di una cinepresa. A cominciare dal suo primo lungometraggio George Washington , incentrato su un gruppo di adolescenti afro-americani della Carolina del Nord. Vince il Discovery Award al Toronto International Film Festival e il New York Film Critics Circle come miglior pellicola. Seguono una manciata di titoli indipendenti fino ad approdare a script commerciali, proposti dall'industria cinematografica e televisiva di intrattenimento. Roba come la commedia medievale Sua Maestà con Natalie Portman, ma anche vari telefilm che Green stesso ha scritto e prodotto (Eastbound & Down, Red Oaks , il già citato Vice Principals ).
In Italia, rimane uno sconosciuto. I suoi film, nelle nostre sale, non hanno goduto di un successo popolare, né sono diventati dei cult o hanno raccolto seri riconoscimenti da parte dei più noti festival del mondo. Le uniche eccezioni sono rappresentate dall'Orso d'Argento vinto al Festival di Berlino nel 2013 per la regia del suo Prince Avalanche e il Gran Premio della Giuria al Sundance del 2003 per All the Real Girls . Il primo è il remake dell'islandese Á Annan Veg . La storia di due operai (Paul Rudd ed Emile Hirsch) che lavoravano nel più completo isolamento piacque alla Giuria capitanata da Wong Kar-wai. Il secondo, invece, è una commedia romantica su uno sciupafemmine che perde la testa per la migliore amica di sua sorella. Storie diverse tra loro, ma che offrono a Green la possibilità di esplorare culture con le quali non ha molta familiarità.
"Sono orgoglioso di tutti i miei film e posso parlare tutto il giorno di loro", ha dichiarato. "Posso girare un sacco di cose diverse. Mi diverto molto dal genere al genere. Il cinema è qualcosa che hai nella tua testa o nel tuo cuore. Ci provi. Non ho un genere preferito... ma ci metto la stessa audacia e lo stesso interesse per ogni cosa".

Studi e primi film
David Gordon Green è uno dei quattro figli di un'istruttrice del metodo psicopropilico Lamaze e del preside della facoltà di medicina di Richardson, in Texas, Hubert Gordon Green Jr.. Dopo aver frequentato la Richardson High School e la sunnominata North Carolina School of Arts, comincia a cimentarsi dietro la cinepresa, firmando i cortometraggi Pleasent Grove e Physical Pinball , fino a George Washington . Si comincia a delineare la sua predilezione per storie di formazione ambientate in piccole città rurali americane, per titoli di coda retrò, per dialoghi scarni ma aulici e per le frequenti inquadrature dal basso. Seguono, nel 2003 All the Real Girls e Undertow nel 2004.

Pellicole non sempre riuscite
La prima volta che gli viene chiesto di dirigere la regia di una sceneggiatura che non ha scritto è quando gli viene offerta la trasposizione cinematografica del romanzo "Snow Angels" di Stewart O'Nan, con Sam Rockwell e Kate Beckinsale. Il film, che verrà poi distribuito dalla Warner, debutterà senza gloria e senza infamia al Sundance del 2007. Il vero boom lo affronterà con Strafumati, seguito dalla serie Eastbound & Down e da quella animata Good Vibes . Sono gli anni in cui affina anche la sua carriera di produttore (Viaggio al nord e più in là Donald Cried ).
Nel 2011 realizza The Sitter , che da noi ha l'orrendo, infelice titolo di Lo spaventapassere , per richiamare in sala adolescenti ai primi pruriti. Peccato che il film parli di tutt'altro. Non ci sono ridicoli tentativi di perdere la verignità in stile American Pie , non si parla di teenagers già espertissimi dell'arte coito o di easy girls scollacciate che oggi farebbero arrossire anche la nostra Edwige Fenech per quantità di esperienze sessuali sulle spalle. Si tratta invece di una commedia prevedibile, paragonabile secondo alcuni a Tutto quella notte di Chris Columbus, ma con alcune trovate comiche discutibili. La goliardica storia di uno scapestrato studente che è costretto dalla madre a fare da baby sitter ai figli dei suoi vicini di casa e che pensa sia geniale portarli in giro per New York di notte in cerca di cocaina per la sua fidanzata. Definito "incredibilmente spiacevole", David Gordon Green si rifarà nel 2013 con i fasti di Prince Avalanche e con Joe , uscito nello stesso anno. Il secondo film è ispirato a uno dei romanzi più noti di Larry Brown. Una zoppicante storia di redenzione dal sapore di sogno americano con Nicolas Cage e Tye Sheridan. Ricorda un po' Mud , ma risulta troppo laborioso e didascalico. Le intenzioni sono buone e Green si dà da fare per essere quel buon artigiano che è profondamente convinto di essere. Purtroppo, è un prodotto di media qualità, che piacerà sicuramente a chi ama i cupi drammi agresti, con personaggi sconsolati nell'impeccabile squallore della provincia Made in Usa e nella sua violenza. Violenza abbastanza cruda in questo film che però gli sarà molto più utile quando verrà scelto da John Carpenter e Jason Blum per girare il nuovo Halloween (2018), che Green scriverà assieme a Danny McBride. Nel mezzo, il noto Stronger , le cui buone critiche sono la ragione principale per la quale è stato voluto per continuare la saga di Michael Myers.
Nel 2021 torna infatti con Halloween Kills.

Prossimi film

Drammatico, Horror - (Italia, USA - 2022), 130 min.

Ultimi film

Horror, (USA - 2021), 105 min.
Horror, Thriller - (USA - 2018), 109 min.
Drammatico, (USA - 2014), 97 min.

Focus

APPROFONDIMENTI
venerdì 15 febbraio 2013
Mauro Gervasini

Al di là dei premi, il miglior film statunitense della Berlinale è stato quest'anno considerato quasi unanimemente Prince Avalanche di David Gordon Green, storia di due uomini interpretati da Emile Hirsch e Paul Rudd che trascorrono l'estate in solitudine tracciando la segnaletica di una strada di campagna. Il film è in realtà il remake dell'islandese A annan veg di Hafsteinn Gunnar Sigurosson vincitore nel 2011 del Torino Film Festival

I film più famosi

Horror, Thriller - (USA - 2018), 109 min.
Commedia, (USA - 2008), 111 min.
Horror, (USA - 2021), 105 min.
Drammatico, (USA - 2013), 117 min.
Drammatico, (USA - 2014), 97 min.
Drammatico, Horror - (Italia, USA - 2022), 130 min.

News

Dopo Stronger - Io sono più forte, il regista americano dirige l'horror Halloween. Da domani al cinema.
Le foto della quarta giornata della rassegna.
In concorso con Child of God e Philomena.
Il regista americano alla Berlinale con Prince Avalanche.
Il lento declino di un tipico talento indie.
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | Serie TV | Dvd | Stasera in Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | TROVASTREAMING
Copyright© 2000 - 2022 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati