Joe

Film 2013 | Drammatico 117 min.

Anno2013
GenereDrammatico
ProduzioneUSA
Durata117 minuti
Regia diDavid Gordon Green
AttoriNicolas Cage, Tye Sheridan, Gary Poulter, Ronnie Gene Blevins, Heather Kafka, Sue Rock Adriene Mishler, Brenda Isaacs Booth, Anna Niemtschk, Aaron Spivey-Sorrells, Ulysses Lopez, Robert Johnson, Dana Freitag, Erin Elizabeth Reed, Spiral Jackson, Trevante Rhodes, John Daws, Brian Mays.
Uscitagiovedì 16 ottobre 2014
TagDa vedere 2013
DistribuzioneMovies Inspired
MYmonetro 3,09 su 22 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di David Gordon Green. Un film Da vedere 2013 con Nicolas Cage, Tye Sheridan, Gary Poulter, Ronnie Gene Blevins, Heather Kafka, Sue Rock. Cast completo Genere Drammatico - USA, 2013, durata 117 minuti. Uscita cinema giovedì 16 ottobre 2014 distribuito da Movies Inspired. - MYmonetro 3,09 su 22 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Joe tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Joe ha l'occasione di redimere i suoi peccati offrendo una chance a un ragazzo in cerca di lavoro. Il film è stato premiato al Festival di Venezia, Al Box Office Usa Joe ha incassato nelle prime 3 settimane di programmazione 345 mila dollari e 106 mila dollari nel primo weekend.

Joe è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD e Blu-Ray su IBS.it. Compralo subito

Consigliato sì!
3,09/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA 3,07
PUBBLICO 3,21
CONSIGLIATO SÌ
Una trasparente metafora del sogno americano che scarta all'ultimo momento l'atto d'accusa all'America e alla sua cultura della frontiera.
Recensione di Marzia Gandolfi
venerdì 30 agosto 2013
Recensione di Marzia Gandolfi
venerdì 30 agosto 2013

Gary Jones ha quindici anni e un padre alcolista che 'picchia duro'. Costretto a cambiare paese con la madre e la sorella per le intemperanze del genitore, il ragazzo arriva in una cittadina del Texas deciso a trovare lavoro e a proteggere la parte sana della sua famiglia. Assoldato da Joe Ransom, un uomo generoso coi deboli e aggressivo con gli arroganti, Gary trova pace e consiglio al suo fianco. Ex detenuto col vizio della birra e delle belle signore, Joe è noto alla polizia e inviso a un vecchio rivale che non smette di provocarlo rivelandone la natura collerica. Natura che sembra acquietarsi davanti allo sguardo azzurro e pulito di Gary, che non smette di provarci e di sognare un futuro migliore. Accomunati dallo stesso cuore, crescono insieme, tra abeti 'avvelenati' e dentro un pick-up. Ma il mondo fuori non smette di tormentarli e di chiedere loro il conto.
Trasposizione del romanzo omonimo di Larry Brown, Joe è la storia di una scoperta. La messa in scena di uno sguardo accecato molto tempo prima che impara di nuovo a vedere, lo sguardo di un 'padre' su un figlio ma pure, reciprocamente, lo sguardo di un figlio su un padre. Nell'America rurale, dove l'umanità sembra costretta a convivere con la sua parte peggiore, un uomo e un ragazzo si incontrano e camminano insieme verso la redenzione. Perché diversamente da Cronenberg (A History of Violence), David Gordon Green contempla la possibilità dell'innocenza e la possibilità di cancellare il proprio passato meritandosi una dannata seconda occasione. Nonostante un villain ottuso, un poliziotto ostinato e un altro indulgente, nonostante le forze incomprensibili e le pulsioni ancestrali, il protagonista di Nicolas Cage, che porta il suo passato nell'ardente perturbabilità del suo sguardo, prova a sedersi nella mensa del vivere 'civile' e a sperimentare una paternità simbolica. Partendo dalle proprie insufficienze, Joe non si offre a Gary come esempio ma come riflesso e riflessione consapevole dentro un paesaggio naturale sempre più selvaggio dove gli alberi, come i figli, vengono avvelenati e poi abbattuti. Feriti nel corpo e nell'anima, Joe e Gary hanno bisogno l'uno dell'altro e sono capaci di riconoscerlo e di riconoscersi, capaci di guardarsi e di trovare conforto nelle reciproche solitudini.
La vicenda di Joe, che si risveglia alla sua vera natura ogni qualvolta la minaccia entra in gioco, è frutto di una messa in scena che lavora su un passato sepolto senza mai fare ricorso all'uso didascalico del flashback e di un lavoro di attore dal volto fino a ieri inviolabile. Prossimo nel carattere al cattivo tenente di Herzog, Cage interpreta un personaggio incontinente che procede per la sua strada tra prostitute, neri, cani e reietti, scoprendo la primavera e la potenza salvifica dell'amore. Gordon Green, che frequenta con disinvoltura commedie e drammi indipendenti, realizza il suo soggetto nella maniera più lineare possibile, rivelandoci che il domani del mondo potrebbe in fondo non essere così oscuro. Trasparente metafora del sogno americano, Joe non si trasforma mai in un incubo, scartando all'ultimo momento l'atto d'accusa all'America e alla sua cultura della frontiera. Il senso più profondo della forza e della sopraffazione resta in superficie, soffocando l'inquietudine selvaggia incarnata da Nicolas Cage e Tye Sheridan e le dinamiche perverse prodotte dalla violenza. Violenza che si 'suicida' giù da un ponte, rigenerando un figlio e un padre (ideale) finalmente ritrovati nell'amore e nel lavoro che dà forma al mondo, che trasforma la materia, che realizza l'impresa e genera il futuro.

Sei d'accordo con Marzia Gandolfi?
JOE
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
iTunes
-
-
-
-
Google Play

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€9,99 €12,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
giovedì 16 aprile 2015
Zenos

Non capisco le recensioni negative. Davvero un bel film crudo. Non ho mai amato Nicolas Cage, ma in questo ruolo è supremo. I meriti vanno ammessi. Il film è un moderno dramma metaforico che ruota intorno alla vita drammatica di un ragazzo che cerca di riscattarsi e trova in Joe la propria via per il riscatto. In un'America violenta priva di legge, che ricorda molto un feudo sono le azioni a contare. [...] Vai alla recensione »

venerdì 11 settembre 2015
Giorgio Postiglione Giorpost

Joe è un rude texano dal passato burrascoso caratterizzato da alcool, tabacco e galera, con una "carriera" da galeotto iniziata per colpa di un poliziotto disattento. Fa il boscaiolo, uccide alberi deboli per conto di proprietari terrieri e un giorno si presenta al suo cospetto Gary, quindicenne in cerca di lavoro e di protezione da un padre violento che attua vessazioni di ogni tipo [...] Vai alla recensione »

sabato 16 settembre 2017
samanta

Ho visto il film Joe alla TV ed è un buon film. La trama: Joe ex pregiudicato è un piccolo imprenditore in una località ricca di boschi del sud degli USA, il lavoro per cui impiega operai consite nell'indebolire chimicamente gli alberi che poi verranno abbattuti dai boscaioli e sostituiti con alberi più robusti. Joe è un uomo solitario che vive chiuso in sè, [...] Vai alla recensione »

venerdì 17 aprile 2015
Rescart

In un certo senso l'immagine degli alberi che vengono avvelenati per poter essere in seguito legalmente abbattuti perchè malati e quindi sostituiti con nuovi alberi migliori, potrebbe essere considerata la metafora di ciò che accade nel film. Joe infatti - e non solo lui - è un albero malato destinato a venire abbattuto per essere sostuito da qualcuno che non si volterà dall'altra parte quando la [...] Vai alla recensione »

sabato 16 settembre 2017
Ennio

Davvero bello. Il realismo made in USA che coinvolge lo star system è un prodotto raro perciò da ricordare. Qui si parla di realismo crudo, alieno dalla spessa patina sentimentale e ammiccante che regna in quel settore e ricopre la realtà per renderla liscia e presentabile e quindi calamita di dollari.  Ambientato nel sud degli USA, degna di nota è l'assenza delle [...] Vai alla recensione »

lunedì 26 gennaio 2015
the thin red line

Joe Ransom, un ex pregiudicato, si tiene a fatica fuori dai guai lavorando nei boschi avvelenando e tagliando alberi. Gary, un giovane disagiato con padre alcolista e violento, cerca da lui un posto di lavoro e fin da subito entra nelle sue grazie. I due cresceranno insieme in una sorte di legame padre/figlio, cercando di costruirsi una vita migliore, cosa resa assai difficile da conoscenze pericolose. Joe [...] Vai alla recensione »

venerdì 1 maggio 2015
Filippo Catani

Un giovane ragazzo alle prese con una madre sbandata e un padre violento e alcolizzato finisce per stringere amicizia con Joe un ex galeotto che capitana una squadra di operai. David Gordon Green ci regala uno spaccato di quell'America lontana dai riflettori e dalla vita frenetica delle grandi metropoli. Ci troviamo infatti in un paesino rurale che offre allo spettatore una serie di personaggi [...] Vai alla recensione »

sabato 21 marzo 2015
Cinemaniac98official

Joe diretto da David Gordon Green , interpretato da Nicolas Cage e Tye Sheridan , un film drammatico con qualche sprazzo di thriller e azione , infatti Joe in alcune scene sembra un film alla Terrence Malick , ricorda molto infatti : rabbia giovane dello stesso Malick .  Sembra un film sulla vita , sulla natura , sulla redenzione , sembra un film molto calmo ma poi ci sono improvvisamente esplosioni [...] Vai alla recensione »

venerdì 28 novembre 2014
Fight_Club

un ritratto impietoso della provincia americana, a tratti molto realistico con scene crude, un universo di perdenti che vivono ai margini della società senza che esista un vero centro di attrazione. questo film si può associare ad altri già visti in questa stagione quali "il fuoco della vendetta" e "Mud". Nicolas Cage fa il suo e si dimostra adatto nel ruolo [...] Vai alla recensione »

venerdì 24 ottobre 2014
Fassbinder81

Un regista di commedie che cerca il film 'serio'. Tutto ben confezionato, ma prevedibile. America di provincia, reietti, padri disgraziati e disgraziati che si improvvisano padri. Bildungsroman come tanti altri. Siamo in zona Frozen River, Un gelido inverno e Mud ( col quale condivide il piccolo protagonista ). Tutto già visto.

lunedì 30 gennaio 2017
Onufrio

Crudo e schietto. I personaggi sono dei burberi americani arrabbiati con la vita stessa e sempre in cerca di rogne nate da un malessere interiore. Joe è uno di questi, che combatte giornalmente contro i propri demoni per stare alla larga dai guai, ma non mancano le situazioni in cui è facile perdere le staffe. L'incontro col giovane Gary, bisognoso di lavoro e maltratto da un padre [...] Vai alla recensione »

venerdì 26 agosto 2016
Redpa

Romanzo difficile  da trasporre in film perché fortemente psicologico.Una realtà  americana  marginale  che espone i temi in forma poco apprezzabile in ambito  eurpeo.  Il risultato è essenzialmente  noia.

lunedì 11 aprile 2016
g_andrini

E' un prodotto ben realizzato, con buone musiche, tra le altre cose. Parla di omosessualità in modo neanche troppo velato, oltre a una dose di varie tipologie di manie. Mi sento di dare due stelle perché non può essere un capolavoro, ma è certamente un film consigliato ad un pubblico maturo.

martedì 25 novembre 2014
MatteM86

Prendere a colpi la corteccia degli alberi, avvelenarli e lasciarli morire; è questo che il protagonista Joe e la sua squadra fanno per vivere, ed è questo che avviente nella vita dei personaggi del film, abitanti di una città texana. Un film che manca fondamentalmente di buoni e cattivi. Certo, è facile prendere in simpatia Joe, che scopre il suo lato paterno e protettivo, [...] Vai alla recensione »

sabato 31 agosto 2013
Peer Gynt

Dramma di un'America rurale dura e violenta, che ricorda titoli quali "Un gelido inverno" di Debra Granik. Un ritmo lento, un'atmosfera opprimente, personaggi che si trascinano dolenti scontando una vita che sembra senza futuro o redenzione, e un paesaggio essenziale, fatto di lavoratori neri, datori di lavoro bianchi, un bordello, uno spaccio, una stazione di polizia con prigione, [...] Vai alla recensione »

Frasi
"Io non so chi sono"
Joe Ransom (Nicolas Cage)
dal film Joe - a cura di Chiara
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Roberto Escobar
L'Espresso

Irruento e violento con i prepotenti, Joe (Nicholas Cage) è dolce e generoso con gli indifesi. In particolare, con Gary (Tay Sheridan), che a 15 anni deve vedersela con il padre alcolizzato e con la povertà. Ambientato in Texas, tra miseria umana e umana solidarietà, il film di Green sta dalla parte degli "ultimi", con il buon sapore del cinema d'America di tanto tempo fa.

Roberto Nepoti
La Repubblica

Poco dopo l'uscita italiana di Mud arriva un film che lo ricorda da vicino. Tratto da un romanzo di Larry Brown, narra l'incontro tra un ex-detenuto di nome Joe e il quindicenne Gary, in fuga da un padre alcolista violento e deciso a difendere la famiglia. Joe approda in un triste villaggio del Texas dove la comunicazione latita e la violenza è la misura di tutte le cose.

Federico Pontiggia
Il Fatto Quotidiano

Ogni giorno la stessa storia per l'ex galeotto Joe (Cage): i disperati da portare nel bosco ad avvelenare gli alberi, il bordello per sollazzarsi, il bar per trangugiare la solitudine, il divano per addormentarsi guardando il meteo. Ma tanto basta, l'importante è non ricacciarsi nei guai, finché non arriva Gary (Sheridan), 15enne angariato da un padre balordo, ma desideroso di mettersi in tasca qualche [...] Vai alla recensione »

Massimo Bertarelli
Il Giornale

Cupo dramma agreste tra personaggi di sconsolato squallore. In Texas il taciturno ex galeotto Joe dirige una squadra di neri chiamata a radere al suolo un bosco. Quando sbuca il volenteroso quindicenne Gary, in cerca di lavoro per sé e per il padre, l'accoglie nel manipolo. Troverà un inatteso amico, ma anche tanti guai. Nicolas Cage, forse contagiato dall'impeccabile deb Tye Sheridan, è quasi bravo. [...] Vai alla recensione »

Joe Morgenstern
Wall Street Journal

Mai azzardare previsioni su quello che faranno gli attori, specialmente i migliori. Il personaggio interpretato da Nicholas Cage nel potente dramma di David Gordon Green ha diversi tratti che sono diventati un marchio di fabbrica dell'attore: la fisicità minacciosa e la rabbia strisciante sotto una precaria capacità di controllarla. Eppure Cage ha tolto alla sua performance ogni eccesso.

Adriano De Grandis
Il Gazzettino

Con "Joe" David Gordon Green (Venezia 2013) ci porta dentro il più mefitico Sud degli Usa (siamo nel Texas), con una storia che inizia tra i binari abbandonati, dove un giovane ragazzo (il bravissimo quasi 17enne Tye Sheridan) rimprovera il padre balordo, nullafacente e alcolizzato, che gli risponde picchiandolo. In un clima di angoscia codificata nel western, un adulto sbandato, ma ancorato a un [...] Vai alla recensione »

Alessandra Levantesi
La Stampa

Ispirato a uno dei romanzi più noti di Larry Brown, Joe narra il percorso di redenzione del personaggio del titolo: un tipo rissoso e solitario, che si guadagna da vivere avvelenando gli alberi malati dei boschi, e accelerandone la morte, per conto di una compagnia di legname. Una pratica poco pulita, ma ai nostri occhi Joe è riscattato dal senso di responsabilità verso i compagni; e dall'impegno con [...] Vai alla recensione »

NEWS
VIDEO
martedì 23 settembre 2014
 

Gary Jones ha quindici anni e un padre alcolista che 'picchia duro'. Costretto a cambiare paese con la madre e la sorella per le intemperanze del genitore, il ragazzo arriva in una cittadina del Texas deciso a trovare lavoro e a proteggere la parte sana [...]

NEWS
sabato 31 agosto 2013
Annalice Furfari

Il cinema americano protagonista della terza giornata del festival di Venezia. A catturare i riflettori sul red carpet, ieri, è stato Nicolas Cage, divo prestato a una produzione indipendente, diretta da David Gordon Green, apprezzato regista della scena [...]

winner
premio marcello mastroianni
Festival di Venezia
2013
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati