L'inquilino del terzo piano

Film 1976 | Commedia 125 min.

Regia di Roman Polanski. Un film Da vedere 1976 con Isabelle Adjani, Melvyn Douglas, Bernard Fresson, Roman Polanski, Jo Van Fleet. Cast completo Titolo originale: Le locataire. Genere Commedia - Francia, 1976, durata 125 minuti. - MYmonetro 3,80 su 45 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi L'inquilino del terzo piano tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Un uomo prende in affitto una casa la cui proprietaria si è uccisa gettandosi da una finestra. Nel condominio l'uomo ha una vita difficile, vessato da un amministratore severissimo.

Passaggio in TV
venerdì 14 dicembre 2018 ore 1,20 su SKYCINEMACLASSICS

Consigliato assolutamente sì!
3,80/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA N.D.
PUBBLICO 3,95
CONSIGLIATO SÌ
Scheda Home
Cinema
Trailer
Un appartamento maledetto per un incubo kafkiano.
Recensione di Chiara Renda
Recensione di Chiara Renda

Trelkovski, modesto impiegato di origini polacche, prende possesso a Parigi di un appartamento la cui inquilina precedente, Simon Chule, si è uccisa buttandosi dalla finestra. O, sarebbe meglio dire, è l'appartamento stesso a prendere possesso dell'uomo. Circondato da inquietanti e grotteschi vicini, Trelkovski scopre nell'appartamento orribili tracce dell'ex-inquilina e finisce progressivamente in un tunnel di follia che lo conduce al totale sdoppiamento di personalità nella ragazza.
Tratto dal romanzo "Le locataire chimerique" di Roland Topor, è il decimo lavoro di Polanski e sicuramente il più kafkiano, grazie alle atmosfere claustrofobiche e grottesche che inchiodano lo spettatore a questo condominio popolato di personaggi che sembrano parenti dei vicini di casa di Rosemary Woodhouse. Una dramma gotico e psicologico sulla diversità e sulla figura dello straniero, interpretato da un Polanski dostoevskijano e interpretabile come metafora e riflessione sull'artista, in bilico tra follia e razionalità estrema e ossessionato da un pubblico volgare e gretto. Come in Rosemary's baby, anche qui il nemico è rappresentato dalla società, il vicinato che complotta contro il protagonista con fare massonico. E Trelkosky, smarrito come un personaggio di Kafka, finisce per diventare una pedina ingabbiata in un sinistro meccanismo più grande di lui, inesorabilmente condannato a un destino beffardo dal quale non riesce a svincolarsi.
Il terrore quotidiano e fantastico e i simbolismi tipici di Polanski si fanno sempre più estremi con lo scorrere del film: dagli inquilini nel bagno ai macabri ritrovamenti all'interno delle pareti (ossessione polanskiana fin dai tempi di Repulsion) si arriva all'inesorabile sdoppiamento di personalità - anche nell'abbigliamento - in Simon Chule. Fotografato dall'operatore Sven Nykvist, capace di prospettive inusuali ed estreme, L'inquilino del terzo piano è uno dei migliori incubi prodotti dalla mente disturbata del regista polacco.

Sei d'accordo con Chiara Renda?

Un uomo prende in affitto una casa la cui proprietaria si è uccisa gettandosi da una finestra. Nel condominio l'uomo ha una vita difficile, vessato da un amministratore severissimo. Un giorno comincia a comportarsi stranamente (per esempio, si veste da donna), finché sembra posseduto dalla personalità dell'inquilina morta (tutta la casa reca tracce strane di lei).


L'INQUILINO DEL TERZO PIANO disponibile in DVD o BluRay su IBS

DVD

BLU-RAY
€7,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
sabato 21 agosto 2010
chriss

L' inquilino del terzo piano è un thriller psicologico geniale ed illuminante, sia per i contenuti espressi ( solitudine, angoscia interiore, claustrofobia, visioni inquietanti, alienazione, sdoppiamento di personalità e follia), sia per i modi con i quali il regista, Roman Polanski, veste magnificamente i panni del protagonista, un modesto [...] Vai alla recensione »

giovedì 9 settembre 2010
chriss

Prendete un uomo qualunque: Trelkovski, per esempio. Un tipo così fa proprio al caso nostro. Di lui sappiamo tutto: modesto impiegato polacco, naturalizzato francese, in cerca di un appartamento a Parigi. Quest' uomo di mezza età ha tutte le caratteristiche di una personalità fragilissima. Mettetelo dentro un palazzo abitato da vicini grotteschi ed assillanti; [...] Vai alla recensione »

mercoledì 25 agosto 2010
chriss

L' inquilino del terzo piano è davvero un bel rompicapo psicologico. Io credo di aver trovato tre possibili soluzioni dopo aver rivisto alcune scene che lo dimostrano, ma potrebbero essercene delle altre. La prima soluzione è che Trelkovski fosse malato di una malattia mentale. La scena-chiave (67' minuto) comincia a casa di Stella.

martedì 7 settembre 2010
chriss

The tenant (l' inquilino) è un' opera d' arte: un incubo psicologico che colpisce profondamente nell' anima. A me ha lasciato un forte senso d' amarezza, inquietudine e smarrimento interiore. Il dramma comincia con l' inquadratura di un uomo (Trelkovski?) affacciato alla finestra; l' inquadratura si sposta in basso (vetrata rotta da una caduta), [...] Vai alla recensione »

giovedì 7 febbraio 2013
Antonio Tramontano

L’inquilino del terzo piano è un’inquietante storia di follia, quella di un semplice impiegato (che a tratti ci ricorda il Josef K. kafkiano), figura identificabile nell’immaginario collettivo quale “uomo comune” ed in cui tutti possono rappresentarsi. Trelkovski è un eroe moderno, un personaggio dotato di una particolare sensibilità, circondato [...] Vai alla recensione »

domenica 5 settembre 2010
chriss

Trelkovski è un uomo solo e la mezza età incalza pure per lui. A prima vista sembrerebbe timido, impacciato ed estremamente vulnerabile. Fragile: così fragile che un barbone gli sfila dei soldi dal portafoglio. E' piccolo, goffo e poco pieno di sé. Di origini polacche, giunge in terra straniera: Parigi, le coeur de la France.

venerdì 14 febbraio 2014
andrea046

Se volessimo disporre l'intera filmografia del maestro polacco secondo un gradiente per così dire di "polanskianita" intrinseca, senza alcun dubbio Le Locataire andrebbe a collocarsi tra i suoi film più rappresentativi. E, sì, ci accorgeremmo anche che il polanskiano va volentieri a braccetto con il kafkiano, e questo film ne rappresenta la prova manifesta.

domenica 31 luglio 2011
fedeleto

Dopo l'epico chinatown ,polanski firma un altro capolavoro ,dove l'atmosfera malsana  ricorda quella di rosemary's baby.Un inquilino si stabilisce in una casa dove poco prima si e' suicidata una donna .Incontrera' un'amica della medesima, e ricostruira' la sua vita ,convincendosi che gli inquilini siano ossessivi e tentino di portare anch'egli al delirio,e travestendosi [...] Vai alla recensione »

lunedì 20 luglio 2015
dario

Prevedibile. La storia ha uno sviluppo modesto, colpa di Polanski che è un attore mediocre. Egli non riesce a convincere, e questo è grave, perchè tutto ruota intorno a lui. Banale la tesi del diverso che viene espulso dalla comunità conservatrice. Ma la banalità diventa eccessiva per la povertà della seceneggiatura e per la mancanza di sviluppi originali. Vai alla recensione »

mercoledì 13 agosto 2014
Toniozzo

L'inquilino del terzo piano è un film diretto e interpretato da Roman Polanski nel 1976, oltre che da Isabelle Adjani (sono loro due i personaggi di spicco nel film). E' tratto da un romanzo (Le locataire chimérique) ed è uno dei 4 o 5 capolavori del regista polacco naturalizzato francese (gli altri sono, a parer mio: Chinatown, Rosemary's Baby, il Pianista e Tess). La [...] Vai alla recensione »

domenica 22 gennaio 2012
Gisele

Il tutto è ambientato a Parigi,ma non nella Parigi che siamo abituati a vedere,ma in una Parigi claustrofobica. Il regista,Roman Polanski,riesce ad occludere anche le riprese girate all'aperto,non dando allo spettatore la possibilità di riprendere fiato,neanche per un istante. Il protagonista della pellicola è Trelkovski,impiegato polacco,che si trasferisce nell'appartamento che era stato precedentemente [...] Vai alla recensione »

lunedì 7 marzo 2011
ipno74

Il film inizia con un timido ritmo, dove un Polansky giovanissimo, interpreta un ruolo di persona buona in cerca di un appartamento. Proprio in questo appartamento avverrà la sua metamorfosi psicologica, con scene che toccano l'horror, il thriller, il giallo. Dopo averlo visto vi verrà voglia di rivederlo per poter capire alcune scene che nella visione del film non avete dato la giusta interpretazione [...] Vai alla recensione »

giovedì 5 marzo 2015
gioelegentile

Inutile mettersi a discutere della trama di questo capolavoro, semplice negli eventi ma incomprensibile nel complesso. Vorrei invece mettere l'accento su alcuni aspetti ricorrenti del Polanski fino a quel momento: fatta eccezione per il noir Chinatown, che ha sicuramente del polanskiano, ma è un prodotto differente (anche perchè è l'unico di questo primi 10 film di cui [...] Vai alla recensione »

lunedì 4 febbraio 2013
painno

Cara dolce Simone Chule, Chule come Trelkovski. La stessa persona , forse. Un condominio che diventa terrore, mille occhi di spia che affliggono la vita di questo povero impiegato immigrato in Francia. Persino fuori dal condominio, al bar , il gioco di oppressione e di nera burla continua. Nemmeno la bellezza e la sensualità di Isabelle Adjani riesce a togliere il cupo alone di mistero [...] Vai alla recensione »

sabato 25 aprile 2009
taniamarina

Tratto da un romanzo di Topor Roland, in questo film nessun altro appartamento sarà così ossessivo ed inquietante. Ed è interessante osservare che il regista sia, come spesso accade nei suoi film, attratto dagli ambienti angusti, concedendo di tanto in tanto squarci di vita normale e serenamente noiosa, in contrapposizone con gli incubi che hanno aimé colonizzato la sua stessa vita.

lunedì 3 maggio 2010
dany101

polansky riesce a incantare,con il suo film più summatico della sua poetica narrativa.é però un incantesimo di magia nera.La vena grottesca si intreccia a più riprese con il raccapriccio della vicenda,e questo aiuta la visione di chi è facile turbare,ma la cosa che stupisce è il dosaggio esperto che Polansky fa degli elementi costitutivi del suo cinema,paragonabile all'uso disinvolto del colore da [...] Vai alla recensione »

mercoledì 8 luglio 2009
Bandy

Questo film per me è uno tra i più belli di Polanski. Da vedere assolutamente

venerdì 24 agosto 2018
Syntropy

Le gauloise di mais, il pastis, i clochard lungo la Senna, assenza di caffè e di bidé...siamo a Parigi. Tarkoski è un omino gentile ed educato ma si percepisce una certa inquietudine rappresentate dai personaggi che gravitano intorno a lui come sue proiezioni interiori che crea man mano con maggior paranoia nel momento in cui la sua anima, il suo SE, vuole prendere la parola e [...] Vai alla recensione »

mercoledì 20 giugno 2018
toty bottalla

Non è certo fra i migliori lavori di Roman Polanski, qui, si percepisce una certa presunzione affidando il racconto a una sceneggiatura troppo allentata con personaggi caricati a molle cosicchè, le oltre due ore di visione risultano pesanti, un viaggio nella psiche che francamente covince poco. Saluti.

domenica 28 agosto 2016
Onufrio

Trelkowski, giovane impiegato, decide di prendere in affitto un'appartamento nel cuore di Parigi. Nello stesso appartamento, la precedente affittuaria si è gettata dalla finestra ponendo fine alla propria esistenza. Il protagonista vive un'esistenza tranquilla, a basso profilo, ma alcuni eventi all'interno del palazzo iniziano a turbarlo, tutto gli eventi li conduce al suicidio della [...] Vai alla recensione »

lunedì 22 febbraio 2016
Hopeful70

Inquietante capolavoro di Polanski sulla solitudine, l' accettazione/non accettazione del diverso e le ossessioni mentali con un finale criptico e allucinante.

lunedì 20 luglio 2015
dario

Un Polanski minore, poca cosa nella recitazione. Bella fotografia e buona ambientazione, ma la storia è prevedibile e condotta banalmente.

venerdì 17 luglio 2009
paride86

Come in "Rosemary's baby" anche qui il protagonista si trasferisce in un nuovo appartamento. Questa volta, però, Polanski ribalta completamente il significato della storia: mentre Rosemary era vittima di un complotto di cui era la sola a non sapere nulla, Trelkovski crede di essere vittima di una congiura che in realtà esiste solo nella sua testa.

giovedì 4 marzo 2010
Luca Scialo

Un francese di origini polacche fitta un appartemento, ed è molto entusiasta dell'affare, date le difficoltà di trovare casa a Parigi. Ben presto però l'entusiamo comincerà a calare sempre più, venuto a sapere che in quell'appartamento si era precedentemente suicidata una ragazza, e avendo sempre più a che fare con alcuni inquilini del condominio [...] Vai alla recensione »

sabato 15 maggio 2010
Filippo Demarchi

  Trelkovski é omosessuale. Non é capace a dire no. Ordina un Martini quando ha voglia di un caffé. Parla a voce bassa, ha un fare maldestro e si lascia convincere. Dopo aver dato una banconota ad un vagabondo, cammina in uno sterco di cane. Davanti alle immagini di Bruce Lee, Trelkovski non accetta la mano di Stella tra le sue gambe.

Frasi
Se mi tagli la testa cosa dirai? Me e la mia testa o me e il mio corpo.Che diritto ha la mia testa di chiamarsi me!
Trelkovsky (Roman Polanski)
dal film L'inquilino del terzo piano - a cura di lejean85
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati