La gente che sta bene

Acquista su Ibs.it   Dvd La gente che sta bene   Blu-Ray La gente che sta bene  
Un film di Francesco Patierno. Con Claudio Bisio, Margherita Buy, Diego Abatantuono, Jennipher Rodriguez, Laura Baldi.
continua»
Commedia, durata 105 min. - Italia 2014. - 01 Distribution uscita giovedì 30 gennaio 2014. MYMONETRO La gente che sta bene * * 1/2 - - valutazione media: 2,59 su 40 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
Consigliato nì!
2,59/5
MYMONETRO®
Indice di gradimento medio del film tra pubblico, critica e dizionari + rapporto incassi/sale (ITALIA)
 dizionari * * * - -
 critica * * - - -
 pubblico * * - - -
   
   
Giuseppe Sobreroni è un top manager che, licenziato in tempo di crisi, sarà disposto a tutto pur di ritornare in vetta.
Richiedi il passaggio in TV di questo film
Chiudi Cast Scrivi Trailer
primo piano
Favola nera con tocchi di comicità extradark e rapide pennellate di ironia
Paola Casella     * * * - -

Umberto Dorloni è un avvocato d'affari nella Milano che si finge impermeabile alla crisi. È un tipo senza scrupoli, pronto a licenziare i "collaboratori" meno produttivi e a fare lo sgambetto ai partner del suo studio legale di grido. Ma il capo non lo stima, la moglie Carla è stanca delle sue disattenzioni, la figlia preadolescente Martina si ribella e il figlio Giacomino simula malori letali. Umberto però resta convinto di far parte della "gente che sta bene", quanto a denaro e a sanità mentale. Dietro la sua parlantina assordante, dietro il suo sguardo sfuggente si intravvede la paura di un uomo che annaspa per rimanere a galla e nascondere a se stesso l'evidenza che la sua vita non è quella che voleva. A scoperchiare il vaso di Pandora è il licenziamento improvviso, che dà inizio ad una serie di mosse da parte di Umberto per recuperare terreno e non cadere vittima della crisi, come tutti.
"Ti piace il nuovo uomo italiano?", gli chiederà il mesfistofelico Patrizio Azzesi, l'avvocato più potente di Milano interpretato da Diego Abatantuono. Ed è la domanda che Francesco Patierno pone anche al pubblico: siete fieri di quello che siamo diventati, e di ciò che abbiamo elevato a modello di successo? Claudio Bisio dipinge il suo Umberto come un uomo alla resa dei conti ma infantilmente disposto ad autoconvincersi di essere sulla cresta dell'onda. La sua simpatia innata contribuisce a rendere il personaggio dell'avvocato arrivista ancora più inquietante, perché gli toglie quella punta di perfidia che ci permetterebbe di liquidarlo come "altro da noi".
Patierno, basandosi sul romanzo (e sulla collaborazione alla sceneggiatura) di Federico Baccomo, descrive nitidamente, con grande precisione di dettagli, un ambiente e un comportamento già sedimentati come strati geologici, nei quali tutti noi rischiamo di fare la fine del fossile. Ma il regista, come il suo protagonista, è solo apparentemente cinico, il che è evidente sia nel doppio binario su cui si muove Umberto fin dalle prime scene, che nell'integrità filmica con cui Patierno mette in scena la sua storia. Persino il product placement è "piazzato" con una misura di eleganza e un senso narrativo congruente.
Le scelte di casting dimostrano ulteriore buon gusto: Abatantuono giganteggia scegliendo una recitazione sotto le righe che contrasta la sua statura (di attore); Margherita Buy lavora sottotraccia nel raccontare un personaggio femminile, la moglie di Umberto, che invece di agire reagisce, fino a quando non può perdonarsi di farlo. A lei, e alle donne, Patierno riserva la speranza, che è quella di un'intera società. La vicenda di Umberto segue la stessa linea etica di Flight nel sottrarre ostacoli esterni alla possibile redenzione del protagonista, e anche questo denota assenza di cinismo, perché conserva una fede autentica nelle risorse interiori degli uomini. Il vero crimine al centro della storia resta il furto di identità, non solo quello che subisce Umberto, ma quello che ha subìto un intero Paese.
La gente che sta bene ha un solo, vistoso difetto, ed è di marketing: viene "venduto" al pubblico come una commedia scanzonata (basta guardare la locandina ammiccante del film), quando invece è una favola nera, con tocchi di comicità extradark e rapide pennellate di ironia.

Incassi La gente che sta bene
Primo Weekend Italia: € 868.000
Incasso Totale* Italia: € 1.457.000
Ultima rilevazione:
Box Office di domenica 9 febbraio 2014
Sei d'accordo con la recensione di Paola Casella?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
70%
No
30%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico
* - - - -

Film mediocre figlio di un periodo mediocre.

lunedì 3 febbraio 2014 di Maybenot

Il film è decisamente mediocre. Ha visibilità solo per mancanza di alternative. Bisio in un ruolo tragico è semplicemente fuori luogo. Un film dove si prova in tutti i modi di ammiccare allo spettatore, simbolico il continuo ripetere che "C'è la crisi" mentre  si fa la bella vita nei salotti eleganti. Argomenti SERI come la depressione che porta la moglie di Abatantuono a tagliarsi i polsi raccontata tra una tetta e l'altra che rende il tutto solamente continua »

* * * - -

Com'è realmente strutturata la società odierna

lunedì 3 febbraio 2014 di Flyanto

 Film in cui si racconta di un affermato avvocato (interpretato da Claudio Bisio) che un giorno  inaspettatamente viene licenziato dal titolare dello studio legale presso cui lavora. Da questo momento in cui egli paventa il proprio futuro non più ricco di agi ed all'insegna di una certa sicurezza, il protagonista si adopererà in ogni modo al fine di trovare una degna occupazione che gli  consenta di vivere per tutto il resto della propria vita in tutta tranquillità continua »

* * - - -

Un film che non sta bene

domenica 16 febbraio 2014 di mauro

Credo che questo film si scontri con un limite grosso come una casa: fare la parodia ad una situazione reale che possiamo definire già paradossale, è come se Mel Brooks volesse fare la parodia ad uno dei suoi film, infatti il risultato è quello. Non credo che si possa affrontare un argomento di scottante attualità in un modo così demenziale, ne esce un ritratto impoverito di molte sfaccettature, nel quale i suoi tratti più conosciuti vengono inutilmente continua »

* * - - -

"la gente che sta bene" fa stare male

domenica 9 febbraio 2014 di Fausta Rosa

Se pensavamo di passare 105 minuti in leggerezza e buonumore, tra risate liberatorie e scanzonate battute, come indicato nella presentazione del film: commedia, ci siamo sbagliati di grosso. "La gente che sta bene"è un dramma cinico in cui le atmosfere esasperate ed esagerate, dai toni cupi e angoscianti di una Milano e di una Berlino senza volto e senza umanità, fanno male più di quanto lo faccia la realtà che cerca in qualche modo di raccontare. Perchè crisi di valori sì, ma senza possibilità continua »

Non ci sono ancora frasi celebri per questo film. Fai clic qui per aggiungere una frase del film La gente che sta bene adesso. »
Shop

DVD | La gente che sta bene

Uscita in DVD

Disponibile on line da giovedì 17 luglio 2014

Cover Dvd La gente che sta bene A partire da giovedì 17 luglio 2014 è disponibile on line e in tutti i negozi il dvd La gente che sta bene di Francesco Patierno con Claudio Bisio, Margherita Buy, Diego Abatantuono, Jennipher Rodriguez. Distribuito da Rai Cinema - 01 Distribution. Su internet gente che sta bene (DVD) è acquistabile direttamente on-line su IBS. Sono inoltre disponibili altri DVD in versione speciale del film. altre edizioni »

Prezzo: 17,99 €
Aquista on line il dvd del film La gente che sta bene

APPROFONDIMENTI | Un cineasta dallo stile difficilmente etichettabile.

Francesco patierno

mercoledì 29 gennaio 2014 - Mauro Gervasini

La politica degli autori: Francesco Patierno Guardando La gente che sta bene, il film di Francesco Patierno ispirato all'omonimo romanzo di Federico Baccomo (Marsilio) dal 30 gennaio nelle sale, viene da pensare che una terza via alla commedia italiana esista. Basta cercarla. Ci vuole coraggio, questo sì, forse persino una certa dose di incoscienza, ma chi non risica non rosica. La gente che sta bene racconta di un avvocato d'affari interpretato da Claudio Bisio il quale, all'apice del successo, rischia di perdere tutto. Senonché, forzando un po' la mano del destino, riesce a entrare nelle grazie di uno squalo della professione, volto e mole di Diego Abatantuono, tanto che la "contro-svolta" sembra assicurata.

   

Claudio Bisio fa il "passo lungo" nel Nordest della crisi

di Paolo D'Agostini La Repubblica

Il film di Francesco Patierno (suo film precedente Cose dell'altro mondo, grottesca rappresentazione della convivenza multiculturale nell'operoso Nordest) è una variazione sugli stessi umori e motivi del film di Paolo Virzì Il capitale umano che ha offeso i brianzoli. Ma in questa Milano di finanzieri e avvocati, dove Abatantuono corrisponde al personaggio di Gifuni, marpione che casca in piedi, e Claudio Bisio a quello di Bentivoglio, che fa il passo più lungo della gamba, il tono è completamente diverso. »

Milano è una commedia ma nera come l'inferno

di Fabio Ferzetti Il Messaggero

Commedia nera, anzi nerissima. Stessi ingredienti delle troppe commedie italiane di questi anni. Ma toni assai diversi, a partire dal registro acido e a volte quasi assurdo su cui sono tenuti gli attori. Claudio Bisio è l'avvocato di un grande studio internazionale abituato a spararle grosse e passarla liscia, finché di colpo tutto si capovolge. Era quello che licenziava, con frasi fatte di calcolato cinismo. Si trova a essere quello che viene licenziato (dal capo Claudio Bigagli, un portento di misura e disprezzo). »

Bisio è l'immagine dell'Italia resta in superficie come il film

di Alessandra Levantesi La Stampa

Di gente che sta bene tratto dal romanzo di Federico Baccomo (Marsilio), è interessante la scelta di un registro più agro che dolce in controtendenza a quello che offre la piazza nostrana: con rare eccezioni come Il capitale umano cui la commedia di Francesco Patierno per contenuti un poco si accosta. Siamo in presenza di un personaggio che, come l'inconsistente Fabrizio Bentivogilo nel film di Paolo Virzì, è sedotto dall'idea di entrare a far parte della schiera degli happy few. Superficiale, vestito di tutto punto, sempre con la battuta dl alleggerimento pronta, persino quando licenzia un povero inpiegato, l'avvocato in carriera Claudio Bisio è un tipico esemplare dell'Italia dei disvalori in cui viviamo. »

La gente che sta bene | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
MYmovies
Paola Casella
Pubblico (per gradimento)
  1° | maybenot
  2° | mauro
  3° | flyanto
  4° | fausta rosa
  5° | melvin ii
  6° | mauro.t
  7° | stefano bruzzone
Link esterni
Facebook
Shop
DVD
Uscita nelle sale
giovedì 30 gennaio 2014
Prossimamente al cinema Oggi al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2014 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità