Zoran, il mio nipote scemo

Acquista su Ibs.it   Soundtrack Zoran, il mio nipote scemo   Dvd Zoran, il mio nipote scemo   Blu-Ray Zoran, il mio nipote scemo  
Un film di Matteo Oleotto. Con Giuseppe Battiston, Teco Celio, Rok Presnikar, Marjuta Slamic, Roberto Citran.
continua»
Commedia, durata 103 min. - Italia, Slovenia 2013. - Tucker Film uscita giovedì 31 ottobre 2013. MYMONETRO Zoran, il mio nipote scemo * * * - - valutazione media: 3,08 su 30 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
Consigliato sì!
3,08/5
MYMONETRO®
Indice di gradimento medio del film tra pubblico, critica e dizionari + rapporto incassi/sale (ITALIA)
 dizionari * * * - -
 critica * * * - -
 pubblico * * * - -
   
   
   
L'oziosa e pigra routine di Paolo verrà interrotta da un ospite inatteso. Sarà un'ottima occasione di svolta nella sua vita.
Richiedi il passaggio in TV di questo film
Chiudi Cast Scrivi Trailer
primo piano
Una commedia punteggiata da siparietti che si beve e lascia nel finale in bocca un sapore amabile e rotondo
Marzia Gandolfi     * * 1/2 - -

Paolo Bressan è un uomo cinico col vizio del vino e della menzogna, con cui mette in difficoltà il prossimo e prova a riconquistare la sua ex moglie. Occupato presso una mensa per anziani, è svogliato e sgraziato con gli amici del paese che gli danno ricovero nelle difficoltà, contenendone l'incontinenza e la boria. Tra un bicchiere di vino e un piatto di gulash, 'eredita' un nipote da una lontana zia slovena, a cui dovrà dare ospitalità il tempo necessario perché la burocrazia faccia il suo corso e il ragazzo si stabilisca in una casa-famiglia. Zoran, adolescente naïf nascosto dietro un paio di grandi occhiali, è un ragazzino colto che parla un italiano aulico e gioca bene a freccette. Accortosi molto presto del talento del nipote nel lanciare e colpire sempre il centro, Paolo è deciso a sfruttarne la disposizione, iscrivendolo al campionato mondiale di freccette. Spera in questo modo di vincere sessantamila euro e di sistemarsi per sempre lontano dalla provincia friulana. Niente andrà come previsto e Paolo farà finalmente i conti con se stesso e coi sentimenti degli altri.
Opera prima di Matteo Oleotto, Zoran, il mio nipote scemo si svolge in un piccolo paese della provincia friulana che, come quella di Andrea Molaioli contempla 'lo scemo del villaggio' ma declina la storia in commedia. 'Alterato' da uno sguardo etilico, Zoran, il mio nipote scemo descrive un territorio e un soggetto che il regista goriziano conosce bene, dedicandosi alle vigne e al vino nel tempo libero. E il vino è senza dubbio la materia di cui è fatto il film di Oleotto e il sogno del suo protagonista.
Praticando leggerezza e sorriso, Zoran, il mio nipote scemo gravita intorno a due nodi narrativi, il caso e l'occasione. Il caso, la morte improvvisa di una zia dimenticata e forse mai conosciuta, offre al Bressan di Giuseppe Battiston l'occasione di dare una svolta alla propria vita, trasformandola, nell'epilogo, in esperienza di vita. A innescare il gioco è un ragazzino che riuscirà a 'invischiare' uno zio ruvido e ubriacone in qualcosa che Paolo Bressan non aveva previsto e che ha a che fare con la riscoperta dei sentimenti e dell'amore.
Punteggiata da siparietti, risate grasse e gomiti alzati, la commedia di Oleotto si muove al ritmo di una canzone popolare, zeppo di "buone cose di pessimo gusto". Libero e svagato, poggia come tralcio alla vite sulle spalle larghe di Giuseppe Battiston, a cui Oleotto affida un personaggio bisbetico, che conferma e rinnova all'attore il consenso del proprio pubblico. Rok Prašnikar, efficace e intenso alla sua prima prova, resiste a un personaggio fuor di misura e a uno zio cialtrone, che infila osterie e scorciatoie. La scrittura caricaturale e l'eccessivo buonismo annullano tuttavia la candida percezione della vita del nipote Prašnikar, che tutt'altro che scemo riassorbe e in qualche occasione neutralizza la sfacciata (e villana) piacioneria dello zio Battiston. Come un buon vino friulano, Zoran, il mio nipote scemo si beve e lascia nel finale in bocca un sapore amabile e rotondo.

Premi e nomination Zoran, il mio nipote scemo MYmovies
Incassi Zoran, il mio nipote scemo
Primo Weekend Italia: € 96.000
Incasso Totale* Italia: € 592.000
Ultima rilevazione:
Box Office di domenica 22 dicembre 2013
Sei d'accordo con la recensione di Marzia Gandolfi?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
61%
No
39%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico
Premi e nomination Zoran, il mio nipote scemo

premi
nomination
Festival di Venezia
1
0
Nastri d'Argento
0
1
David di Donatello
0
2
* * * * -

In vino veritas

lunedì 4 novembre 2013 di Giu1962

Sul cinema italiano un po' troppo "romanocentrico" finalmente soffia un po' di vento da nordest. Divertente, ironico, ad alto tasso alcolico, velato di sofferenza e di quella apparente tristezza della provincia (che forse non salverà il mondo, ma oggi è la vera zattera che ci tiene a galla nella crisi), ZORAN è un piccolo gioiello grezzo, quasi fatto "a mano", dove il bicchiere è sempre pieno anche quando è vuoto, dove l'alcolismo continua »

* * * - -

Come l'insolito può cambiare un'esistenza

lunedì 11 novembre 2013 di Flyanto

 Film in cui si racconta di un uomo di nome Paolo (interpretato da Giuseppe Battiston) alquanto cinico, misogino e fortemente dedito al bere a cui un giorno una vecchia zia slovena morta lascia in affidamento un giovane ragazzo di nome Zoran. Questi ad un primo impatto sembra ritardato o, comunque, vivere in un suo mondo tutto particolare e, venendo a contatto con Paolo gli sconvolge alquanto l'esistenza. Dopo i primi e difficili momenti di convivenza in cui Paolo vuole chiaramente disfarsi continua »

* * * - -

El vin fa alegria

martedì 19 novembre 2013 di FabioFeli

Zoran, il mio nipote scemo di Matteo Oleotto Paolo Bressan (il bravo Giuseppe Battiston), un omone friulano prepotente e con una incredibile faccia tosta, lavora come cuoco in una cooperativa che si occupa di assistenza sociale, grazie ad Alfio (Roberto Citran), compagno della sua ex moglie, Stefania (Marjuta Slamic). Tra un dispetto e l’altro, giocati a Ernesto (Riccardo Maranzana), un compagno di lavoro della cooperativa, che dirige un coro nonostante la sua balbuzie, viene avvertito che la zia continua »

* * * - -

Il cialtrone e l'imbranato

martedì 19 novembre 2013 di pepito1948

Il tema dello sfruttamento, per fini più o meno opportunistici, del talento di chi è in condizione di minorità (anagrafica o mentale), non è nuovo nel cinema; basti pensare a due esempi, pur lontani nel tempo e nello sviluppo narrativo, come Bravissimo di D’Amico con Sordi e Rainman di Levinson con Crouise. In entrambi i casi l’occasione imprevista di occuparsi di qualcuno incapace di utlilizzare autonomamente ed al meglio le proprie straordinarie potenzialità continua »

Paolo Bressan rivolto allo sventuratissimo Ernesto
"Se sei mona e credi in Dio, crederai nel Dio dei mona"
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Dialogo tra Alfio e Zoran
Alfio: "Come dite voi giovani? Uno sballo?"
Zoran: "Un'epifania"
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
un cliente della frasca
ninin varda che i coeori xe finii
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Shop

DVD | Zoran, il mio nipote scemo

Uscita in DVD

Disponibile on line da martedì 18 marzo 2014

Cover Dvd Zoran, il mio nipote scemo A partire da martedì 18 marzo 2014 è disponibile on line e in tutti i negozi il dvd Zoran, il mio nipote scemo di Matteo Oleotto con Giuseppe Battiston, Teco Celio, Rok Presnikar, Marjuta Slamic. Distribuito da Cecchi Gori Home Video. Su internet Zoran, il mio nipote scemo (DVD) è acquistabile direttamente on-line a prezzo speciale su IBS.

Prezzo: 10,39 €
Prezzo di listino: 12,99 €
Risparmio: 2,60 €
Aquista on line il dvd del film Zoran, il mio nipote scemo

SOUNDTRACK | Zoran, il mio nipote scemo

La colonna sonora del film

Disponibile on line da lunedì 25 novembre 2013

Cover CD Zoran, il mio nipote scemo A partire da lunedì 25 novembre 2013 è disponibile on line e in tutti i negozi la colonna sonora del film Zoran, il mio nipote scemo del regista. Matteo Oleotto Distribuita da Sidecar, il cd è composto da musiche di genere Pop e Rock Internazionale, e Pop e Rock Internazionale. Su internet il cd Zoran. Il mio nipote scemo è acquistabile direttamente on-line a prezzo speciale su IBS.

Prezzo: 15,20 €
Prezzo di listino: 18,00 €
Risparmio: 2,80 €
Aquista on line la colonna sonora del film Zoran, il mio nipote scemo

APPROFONDIMENTI | Zoran, Il mio nipote scemo come modello di progetto.

Una piccola impresa del nordest

sabato 2 novembre 2013 - Roy Menarini

Una piccola impresa del nordest Basta aver conosciuto la "banda Zoran" in questi anni - il folto gruppo di persone che hanno dato vita all'intelligente commedia, capitanato da Matteo Oleotto e Giuseppe Battiston - per perdere ogni obiettività. Irresistibile la simpatia umana, sincero e schietto l'humus culturale. Eppure, pur viziato da uno sguardo "di parte", un discorso su che cosa significa Zoran, Il mio nipote scemo nelle acque stagnanti del cinema italiano bisognerà pur farlo. Si comincia col territorio, quello friulano e sloveno, che è al tempo stesso Italia ma non lo è già più; che si allarga alla produzione (mista, indipendente e plurilingue) e alle maestranze, che raccolgono quel territorio, rinunciando ai soliti noti del cinema romano, e lo ibridano ancora di più con competenze lontane; che poi si riverberano anche nella storia, un road movie che offre al nostro miglior caratterista il ruolo da protagonista che si merita e che entra in quel tessuto geografico e antropologico con sincerità assoluta.

   

NEWS | In concorso anche Tsai Ming-liang con Jiaoyou.

Ecco rosi e il suo sacro gra

giovedì 5 settembre 2013 - Annalice Furfari

Venezia 70, ecco Rosi e il suo Sacro GRA Fischi e qualche timido applauso dalla critica per il secondo film italiano in concorso ieri alla Mostra del Cinema di Venezia, L'intrepido di Gianni Amelio, analisi agrodolce della situazione del lavoro ai tempi della crisi. Le aspettative nei confronti dell'ultimo cineasta italiano che si è aggiudicato il Leone d'Oro - nel 1998 con Così ridevano - erano elevate, ma il film non ha convinto tutti. Al Lido con Antonio Albanese, attore protagonista, Amelio ha spiegato che L'intrepido è "un inno alla dignità dell'uomo, la storia di un personaggio candido che fa un mestiere che è la quintessenza del precariato odierno", vale a dire il rimpiazzo a chiamata, con un lavoro diverso ogni giorno.

VIDEO | La commedia friulana con Giuseppe Battiston premiata alla Mostra del Cinema di Venezia.

Il trailer

sabato 19 ottobre 2013 - Chiara Renda

Zoran, il mio nipote scemo, il trailer Il vino è la salute, l'acqua è il funerale", con questo motto inizia il trailer in esclusiva di Zoran, il mio nipote scemo, fortunato esordio alla regia del friulano Matteo Oleotto. A cantare queste parole sono gli anziani dell'osteria del paese vicino Gorizia dove vive Paolo Bressan (Giuseppe Battiston). Quarantenne alla deriva, cinico e misantropo, Paolo vive le sue giornate tra l'osteria e un'infantile ossessione nei confronti dell'ex moglie. Le cose cambiano inaspettatamente quando entra in scena suo nipote Zoran, uno strano sedicenne occhialuto cresciuto sui monti della Slovenia.

   

VIDEO | Cinque clip della commedia diretta dall'esordiente Oleotto e interpretata da Battiston.

Aspettando

lunedì 7 ottobre 2013 - a cura della redazione

Aspettando Zoran, il mio nipote scemo La lunga attesa è (quasi) finita: dopo aver "ubriacato" la Mostra del Cinema di Venezia, diventando subito un piccolo cult, Zoran, il mio nipote scemo di Matteo Oleotto approderà nelle migliori sale da giovedì 31 ottobre! Il progetto distributivo messo a punto dalla Tucker Film colloca questa prima uscita a Milano, Roma e, ovviamente, in tutto il Friuli Venezia Giulia, "domicilio naturale" della commedia, per poi estendersi alle città capo-zona (e, infine, alla provincia) dal 7 al 14 novembre. Un'azione capillare basata su due fattori: il grande successo dell'avventura veneziana (tra lunghi applausi e importanti riconoscimenti, come il Premio del Pubblico della Settimana della Critica e il Premio "Schermi di qualità") e l'incredibile conto alla rovescia innescato dagli spettatori, attraverso i social network e il passaparola.

   

Il giovane Zoran dominato da zio Battiston

di Paolo D'Agostini La Repubblica

La potente figura di Battiston domina (ben "contrastato" dal ragazzo coprotagonista) la curiosa scena del piccolo ma non trascurabile film ambientato (e coprodotto) tra Italia e Slovenia. Bressan è un cialtrone, alcolista dissacratore e senza rispetto per niente, lavoricchia in una mensa, si fa invitare a pranzo dall'ex moglie che si è messa con un pesce lesso tutto chiesa e hobby (Roberto Citran) e soprattutto bivacca all'osteria di Gustino (Teco Celio) dal quale la notte si fa nascondere per evitare il posto di blocco che gli costerebbe il ritiro della patente. »

Quella strana eredità slava

di Antonello Catacchio Il Manifesto

Per quasi un secolo il territorio di Gorizia ha assistito a frizioni e scontri tra italiani e sloveni. La città divisa in due dal confine paragonata a Berlino tra rancori e risentimenti mai sopiti. Ora anche la Slovenia fa parte dell'Unione europea, il confine è solo un ricordo. Tutto tranquillo, se non ci fosse Paolo Bressan. Paolo si presenta come un alcolista corpulento, con un passato da sciupafemmine che gli è costato l'essere mollato dalla moglie, un presente in cui sembra intento a sciupare se stesso, e un futuro che sembra già sciupato dal passato. »

Battiston gran mattatore amico solo del bicchiere

di Valerio Caprara Il Mattino

Un film da osteria. Nel senso calorico del termine: «el vin xè la salute, l'acqua xè il funeral», come intona il coro del paese di confine tra l'Italia e la Slovenia dove «Zoran» è ambientato. Il deb Oleotto v'insedia un personaggio «smisurato» per la stazza, la sgradevolezza che sarebbe piaciuta a Dino Risi e la bravura dell'interprete Battiston. Ci vogliono classe e coraggio, in effetti, per dare profondità di sfumature ai trantran del trasandato e zingaresco Paolo, incattivito dalla solitudine, rancoroso nei confronti del boss che gli ha rubato l'ex moglie, perseguitato dagli agguati della polstrada e amico solo del bicchiere. »

Zoran, voglia di famiglia

di Marco Contino La Nuova Venezia

Dopo i mariti violenti di Groning, i nonni carcerieri di "Miss violence" e, in generale, l'impietosa rappresentazione di famiglie frantumate, i vincoli parentali regalano un sorriso: al Festival è il momento di "Zoran, il mio nipote.scemo", film d'esordio del regista goriziano Matteo Oleotto, inserito nel programma della Settimana della Critica. Siamo in un piccolo paese sul confine italo-sloveno: qui vive Paolo Bressan (Giuseppe Battiston), quarantenne misantropo, che passa le sue giornate all'osteria di Gustino, tra (molte) "ombre" e- (poche) chiacchiere. »

Zoran, il mio nipote scemo | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
MYmovies
Marzia Gandolfi


Pubblico (per gradimento)
  1° | giu1962
  2° | flyanto
  3° | pepito1948
  4° | fabiofeli
  5° | eugenio
  6° | ruger357mgm
  7° | albymarat
Festival di Venezia (1)
Nastri d'Argento (1)
David di Donatello (2)


Articoli & News
Trailer
1 | 2 |
Video
1| 2| 3| 4| 5| 6|
Immagini
1 | 2 |
Link esterni
Facebook
Prossimamente al cinema Oggi al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2014 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità