This Must Be the Place

Acquista su Ibs.it   Soundtrack This Must Be the Place   Dvd This Must Be the Place   Blu-Ray This Must Be the Place  
Un film di Paolo Sorrentino. Con Sean Penn, Frances McDormand, Eve Hewson, Harry Dean Stanton, Joyce Van Patten.
continua»
Drammatico, durata 118 min. - Italia, Francia, Irlanda 2011. - Medusa uscita venerdì 14 ottobre 2011. MYMONETRO This Must Be the Place * * * 1/2 - valutazione media: 3,59 su 278 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
Consigliato sì!
3,59/5
MYMONETRO®
Indice di gradimento medio del film tra pubblico, critica e dizionari + rapporto incassi/sale (ITALIA)
 dizionari * * * * -
 critica * * 1/2 - -
 pubblico * * * - -
   
   
   
La storia di un ex rocker, Cheyenne, alla ricerca dell'uomo che umiliò suo padre nel campo di concentramento nel quale era stato deportato.
Richiedi il passaggio in TV di questo film
Chiudi Cast Scrivi Trailer
primo piano
Lucidamente intimo, il percorso di vita di un personaggio indimenticabile
Giancarlo Zappoli     * * * * -

Cheyenne è stato una rockstar nel passato. All'età di 50 anni si veste e si trucca come quando saliva sul palcoscenico e vive agiatamente, grazie alle royalties, con la moglie Jane a Dublino. La morte del padre, con il quale non aveva più alcun rapporto, lo spinge a tornare a New York. Scopre così che l'uomo aveva un'ossessione: vendicarsi per un'umiliazione subita in campo di concentramento. Cheyenne decide di proseguire la ricerca dal punto in cui il genitore è stato costretto ad abbandonarla e inizia un viaggio attraverso gli Stati Uniti.
"And you're standing here beside me/I love the passing of time/Never for money/Always for love /Cover up and say goodnight . . . say goodnight/Home - is where I want to be/But I guess I'm already there/I come home - she lifted up her wings/Guess that this must be the place".
("E tu sei qui vicino a me/Amo lo scorrere del tempo/Mai per denaro/ Sempre per amore/Copriti ed augura la buonanotte/ Casa- è dove voglio essere/Ma mi sa che ci sono già/ Vengo a casa-lei ha sollevato le ali/Sento che questo dovrebbe essere il posto".)
Il testo della canzone dei Talking Heads che dà il titolo al film e riveste un ruolo in una delle scene più importanti e intense rappresenta una sorta di sintesi di questa opera in cui Sorrentino torna al lucido intimismo degli esordi sotteso costantemente da una ricerca che si fa percorso di vita. Cheyenne, rocker ormai in disarmo ma che un tempo fu celebre e di quella celebrità gode ancora i frutti economici, è un uomo che quotidianamente si trasforma in maschera. Quasi avesse bisogno di aggrapparsi a quel passato di gloria che ora non rinnega ma rifugge. Accanto a lui da 35 anni una donna solida che sa come essere sorridente argine alla sua pacata depressione. Al suo fianco un costante peso. Che sia il carrello della spesa o il trolley da viaggio (di cui sentirà magnificare l'innovatività creativa) Cheyenne si trascina dietro un bagaglio di situazioni irrisolte. Prima fra tutte la dinamica dei rapporti con la figura paterna. È un Edward Manidiforbice dei nostri giorni Cheyenne/John Smith. Un essere umano che il padre ha creato e, al contempo, limitato trasmettendogli inconsciamente un'ossessione che il figlio scoprirà solo dopo la sua morte. Il castello in cui Edward/Cheyenne si è rinserrato è il suo aspetto esteriore che al contempo lo lega al passato ormai amato/odiato e lo separa dal presente. Sean Penn è straordinario nel disegnare, ancorandolo alla realtà, un personaggio che potrebbe ad ogni inquadratura dissolversi nel grottesco o nella caricatura. Quest'uomo che fa di tutto per essere riconosciuto e, al contempo, nega pervicacemente con tutti la propria identità ha la complessità di quelle figure che si imprimono con forza nell'immaginario cinematografico. Un personaggio che, anche se lo nega ("Non sto cercando me stesso. Sono in New Mexico non in India") compie un lungo viaggio per ri/trovare un posto dentro di sé.

Incassi This Must Be the Place
Primo Weekend Italia: € 1.450.000
Incasso Totale* Italia: € 6.094.000
Ultima rilevazione:
Box Office di lunedì 30 gennaio 2012
Primo Weekend Usa: $ 7.100
Sei d'accordo con la recensione di Giancarlo Zappoli?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
80%
No
20%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico
Premi e nomination This Must Be the Place

premi
nomination
Nastri d'Argento
3
5
David di Donatello
6
14
* * * * -

Alla ricerca del tempo perduto

domenica 16 ottobre 2011 di jaylee

Paolo Sorrentino, dopo Il Divo che lo ha di fatto reso noto al pubblico internazionale, scrive e dirige il suo primo film internazionale, che si estende dall’Irlanda agli Stati Uniti. Lo fa con un film di ricerca, nel senso che la pellicola narra di un ex pop star (interpretato da Sean Penn ed ispirato nel look a Robert Smith dei Cure), intrappolato nel suo personaggio (ed ossessionato dal suicidio di due suoi fan) ed ormai ritiratosi dalle scene da 20 anni, che scopre l’ossessione del continua »

* - - - -

Algida sonnolenza

sabato 15 ottobre 2011 di renato volpone

Il film attraversa gli Stati Uniti con una devastante lentezza, raccontando gli incontri del protagonista con personaggi talvolta assurdi, nella fantomatica quanto mai irreale ricerca di una vendetta per il padre ebreo. Con algida, insopportabile eleganza, la storia racconta di tutto e di niente, moltissimo già visto, facendo calare una noia mortale.  continua »

* * * * -

E dio prima creò il sogno a stento seguì la realtà

venerdì 6 gennaio 2012 di weach

This must be the Place di Paolo Sorrentino-anno di produzione 2011 Parliamo di sensibilità allo stato puro senza spazio per l'intelletto ? Forse di un movimento energetico che ci rapisce nel suo inteso "rumore d'amore"? Sono solo due ore armoniche, malinconiche, appassionate,struggenti? Il protagonista è alla ricerca dell'amore che non ha potuto avere o dare mentre ascolta un silenzio esistenziale ricolmo di dolore fisco e materiale? Si intravede sullo sfondo continua »

* * * * -

La maschera ed il suo trolley

venerdì 21 ottobre 2011 di pepito1948

Cheyenne, un cinquantenne straboccante di soldi guadagnati quando era una famosa rockstar, srotola lentamente la sua vita portandosi appresso un carrello pieno di un glorioso vissuto (o carico del suo vuoto presente). Nascondendosi dietro la maschera di cerone, rossetto e parrucca, passa il tempo pigramente, vive in una splendida casa con la moglie che è il contrario di lui ma è felice di condividere le loro diversità, va a fare la spesa per rendersi utile, offre agli scettici continua »

Cheyenne
"Il problema è che passiamo troppo velocemente dall'età in cui diciamo "farò così" a quella in cui diremo "è andata così""
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Cheyenne
"Non è vero, ma è bello che tu me lo dica"
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Cheyenne
"Qualcosa mi ha disturbato, non so bene cosa, ma qualcosa mi ha disturbato..."
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Shop

DVD | This Must Be the Place

Uscita in DVD

Disponibile on line da mercoledì 6 febbraio 2013

Cover Dvd This Must Be the Place A partire da mercoledì 6 febbraio 2013 è disponibile on line e in tutti i negozi il dvd This Must Be the Place di Paolo Sorrentino con Sean Penn, Frances McDormand, Eve Hewson, Harry Dean Stanton. Distribuito da Warner Home Video. Su internet This Must Be the Place (DVD) è acquistabile direttamente on-line su IBS. Sono inoltre disponibili altri DVD in versione speciale del film. altre edizioni »

Prezzo: 9,99 €
Aquista on line il dvd del film This Must Be the Place

SOUNDTRACK | This Must Be the Place

La colonna sonora del film

Disponibile on line da martedì 18 ottobre 2011

Cover CD This Must Be the Place A partire da martedì 18 ottobre 2011 è disponibile on line e in tutti i negozi la colonna sonora del film This Must Be the Place del regista. Paolo Sorrentino Distribuita da Indigo Film, il cd è composto da musiche di genere Pop e Rock Internazionale.

APPROFONDIMENTI | L'imperfetto vagabondaggio di Sorrentino e Sean Penn.

Il clown on the road

lunedì 17 ottobre 2011 - Roy Menarini

Il clown on the road Che This Must Be the Place rappresenti un film di svolta per Paolo Sorrentino sembra palese a tutti. Sia a coloro che plaudono a questa trasformazione internazionale, sia a quelli che rimangono legittimamente perplessi di fronte al nuovo film del regista napoletano. Qualche ragione per dubitare della riuscita di questa pellicola va analizzata, infatti, con estrema serenità. Anzitutto, le reazioni più tiepide non devono in alcun modo riguardare una presunta genuflessione di Sorrentino alle leggi del mercato internazionale.

   

INCONTRI | Paolo Sorrentino presenta This Must Be the Place, road movie con Sean Penn.

This must be italy

giovedì 6 ottobre 2011 - Ilaria Ravarino

This Must be Italy Strano oggetto Sorrentino. Sarcastico, sfuggente, sempre un pezzo più avanti del suo interlocutore. I suoi film sono come lui e l'ultimo, This Must Be the Place, presentato a Cannes e in uscita il 14 ottobre, gli assomiglia moltissimo. È come se il pubblico, quello dei critici che hanno incontrato ieri a Roma il regista campano con lo sceneggiatore Umberto Contarello, davanti a Sorrentino si sentisse smarrito. Il triangolo delle Bermuda della poetica cinematografica italiana dell'ultimo ventennio (salotto – risata - sentimento) è sparito dalla mappa.

   

INCONTRI | Applausi a scena aperta per This must be the place con Sean Penn.

A cannes il road'n'roll di sorrentino

venerdì 20 maggio 2011 - Ilaria Ravarino

A Cannes il Road'n'roll di Sorrentino Risate in sala, un applauso a scena aperta ed entusiasmo generale a fine proiezione: il road’n roll This must be the place di Paolo Sorrentino, programmato in coda al concorso, piace e convince soprattutto il pubblico internazionale. Già cult l’interpretazione di Sean Penn, applaudito al primo fotogramma e ininterrottamente in scena per 118 minuti, in una prova d’attore che l’umore generale lancia in corsa per il premio alla migliore interpretazione: «Non mi sono ispirato a Ozzy Osbourne», precisa lui in conferenza stampa, anche se la mimesi è evidente persino nella voce.

   

INCONTRI | Risse, fischi e applausi, le reazioni a The Tree of Life.

Cannes perde la testa per malick

lunedì 16 maggio 2011 - Ilaria Ravarino

Cannes perde la testa per Malick Rissa all'ingresso in sala, una fila iniziata nelle prime ore del mattino, le porte del Palais che si chiudono in anticipo sollevando il malumore generale. Cannes perde la testa per The Tree of Life di Terrence Malick, il film più atteso del concorso, ambiguamente accolto da applausi e fischi ma da tutti ardentemente desiderato. Al cinema dal 18 maggio, The Tree of Life ha esaltato e irritato il pubblico, spaccandolo a metà: chi ha amato i primi 90 minuti di muta cosmogonia, chi non li ha tollerati, chi semplicemente non li ha capiti.

   

NEWS | Il film di Sorrentino selezionato nella sezione Spotlight.

Andrà al sundance film festival

giovedì 22 dicembre 2011 - a cura della redazione

This Must be the Place andrà al Sundance Film Festival Il film This Must be the Place di Paolo Sorrentino, dopo aver sbancato ai botteghini italiani, è pronto per farsi notare anche oltreoceano. È stato infatti selezionato al Sundance Film Festival, in programma dal 19 al 29 gennaio a Park City, e verrà presentato nella sezione fuori concorso Spotlight, la stessa che aveva accolto Corpo celeste di Alice Rohrwacher l'anno scorso. Nel programma del festival dedicato al cinema indipendente, saranno presenti più di 100 lungometraggi che rappresenteranno oltre trenta paesi con all'incirca 45 opere prime.

   

NEWS | Moretti e Sorrentino alla kermesse, De Niro presidente della giuria.

Conferme e rumors sul festival

martedì 1 marzo 2011 - Nicoletta Dose

Cannes 2011, conferme e rumors sul festival Il cinema italiano è in crisi? La domanda rimbomba, senza trovare risposta, nei dibattiti intellettuali dei maggiori critici cinematografici, nelle chiacchiere tra novelli cinefili e in ogni occasione festivaliera che si presenti. Quest'ultime, se sono a Venezia, Cannes o Berlino, garantiscono rassegne contraddistinte dal tocco d'autore, e prendervi parte è una fervida dimostrazione di vitalità. Se alla Berlinale 2011 l'Italia ha presenziato solo fuori concorso, con la commedia Qualunquemente e Gianni e le donne, alla sessantaquattresima edizione del Festival di Cannes, che si terrà dall'11 al 22 maggio prossimi, ritorna da protagonista con alcune tra le più interessanti proposte dell'anno.

   

GALLERY | I lavori del workshop organizzato dal Trailers Film Fest.

I manifesti di

venerdì 14 ottobre 2011 - Nicoletta Dose

Creatività applicata, i manifesti di This Must be the Place Il workshop "Creatività applicata: dal film al poster in tre giorni" organizzato dal Trailers Film Fest e curato da Riccardo Fidenzi e Maurizio Ruben per Internozero Comunicazione, ha permesso a circa trecento giovani, tra universitari di facoltà umanistiche (Lettere e Filosofia e Scienze della Comunicazione) e studenti del liceo artistico, di cimentarsi nella creazione di un manifesto cinematografico. Nella sede universitaria del Monastero dei Benedettini, si è svolta una maratona di tre giorni (28-29-30 settembre) che quest’anno il Trailers Film Fest, in collaborazione con Alessandro De Filippo, docente di Tecniche del linguaggio cinematografico, ha voluto inserire nell’ambito delle iniziative dedicate ai mestieri del cinema.

   

VIDEO | In anteprima il trailer italiano del film di Paolo Sorrentino.

Rock on the road

venerdì 23 settembre 2011 - Nicoletta Dose

This Must Be the Place, rock on the road Il verso di una canzone dei Talking Heads risuona nel mondo stralunato di Paolo Sorrentino. Il suo cinema, fatto di personaggi reali ma atipici, si lascia sedurre dalle sonorità rock e da un personaggio intimamente depresso ma nel look ancora stravagante e ribelle. Con capelli scombinati, rossetto rosso e rimmel nero, in This Must Be the Place l'ex rockstar Cheyenne, interpretato dal premio Oscar Sean Penn, seducente e laconico protagonista del film, raggiunge in America il padre morente che non vedeva da anni e, venuto a conoscenza del suo ultimo desiderio, cerca di seguire quella missione: trovare il criminale nazista responsabile delle torture subite nel campo di concentramento durante la seconda guerra mondiale.

   

BIZ

This Must Be the Place non potrà concorrere.

Niente Oscar 2012 per Sorrentino

martedì 6 dicembre 2011 - Robert Bernocchi

Come prevedibile e come si vociferava da tempo, This Must Be the Place non sarà eleggibile per gli Oscar 2012. Infatti, la Weinstein Company ha annunciato che lo porterà nelle sale americane solo a marzo e quindi, non uscendo nel 2011 su territorio americano, non potrà giocarsi le sue carte nella prossima edizione. Fin troppo ottimista Nicola Giuliano della Indigo Film, che ha prodotto la pellicola: "In realtà non sfuma nulla, semplicemente il film di Sorrentino concorrerà l'anno prossimo. Purtroppo abbiamo chiuso troppo tardi l'accordo per la distribuzione con la Weinstein Company. continua »

   

Negli Stati Uniti domina Paranormal Activity 3.

This Must Be the Place ancora primo in Italia

sabato 22 ottobre 2011 - Robert Bernocchi

Box office Italia Si poteva pensare che Matrimonio a Parigi, l'ultima fatica di Massimo Boldi, avrebbe ottenuto facilmente il primo posto nel fine settimana. Quasi sicuramente, il risultato finale sarà questo, ma ieri This Must Be the Place di Paolo Sorrentino ha conquistato la vetta della classifica con 226.448 euro. Quello che impressiona maggiormente è la tenuta rispetto a sette giorni fa, per cui il film ha perso circa il 20%, un risultato fantastico. Subito dietro, il già citato Matrimonio a Parigi, che ha raccolto 204. continua »

   

La rubrica sul premio cinematografico più prestigioso del mondo.

This Must Be an Oscar?

martedì 18 ottobre 2011 - Robert Bernocchi

E a proposito di film stranieri, anche se non concorrerà in questa categoria, si è molto discusso sui giornali italiani delle chances per i premi maggiori di This Must Be the Place di Paolo Sorrentino. C’è grande fiducia tra i quotidiani nostrani, ma alcuni dimenticano persino che per concorrere bisogna uscire almeno per una settimana in un cinema di Los Angeles, cosa che non è ancora sicuro voglia fare la Weinstein Company. Quello che nessuno sembra essersi chiesto è come mai i fratelli Weinstein, senza dubbio i maggiori esperti di Oscar degli ultimi venticinque anni, abbiano dei dubbi su questo titolo. continua »

   

Quinto potere, errori e stranezze della critica cinematografica.

This Must Be the Spoiler

lunedì 17 ottobre 2011 - Robert Bernocchi

Piera Detassis decide di rivelare su Panorama come finisce la ricerca del protagonista di This Must Be the Place nei confronti dell'aguzzino nazista del padre. Visto che è una scena di grande effetto, senza dubbio un brutto spoiler. Fabio Ferzetti sul Messaggero invece descrive una sorpresa che capiamo solo alla fine della pellicola e che è decisamente importante. continua »

   

Negli Stati Uniti, non sfondano i remake.

This Must Be the Place decolla in Italia

sabato 15 ottobre 2011 - Robert Bernocchi

Non era semplice prevedere un grande successo per This Must Be the Place, considerando il passato di Sorrentino (finora, tre flop al botteghino italiano su quattro film) e l'argomento (rockstar in crisi e Olocausto) della pellicola. Invece, è proprio quello che si sta profilando, almeno in questo primo weekend, considerando che ieri la pellicola ha ottenuto 276.243 euro, piazzandosi nettamente al primo posto e con una media per sala che promette di essere notevole. In questi casi, va sempre ricordato che i risultati iniziali di una pellicola dipendono dalla bravura di venderla piuttosto che dal gradimento del pubblico (che invece ai misura in seguito quando il passaparola ha avuto luogo, quindi almeno al secondo se non al terzo weekend). continua »

   

News e anticipazioni dal mondo del cinema.

La Weinstein Company distribuirà il film di Paolo Sorrentino

giovedì 22 settembre 2011 - Robert Bernocchi

Ottima notizia per This Must Be the Place e per il suo regista, Paolo Sorrentino. Infatti, a distribuire la pellicola negli Stati Uniti sarà la Weinstein Company. Se uno degli obiettivi del film era farsi notare nei vari premi cinematografici che verranno assegnati questo autunno, in particolare grazie al protagonista Sean Penn, sicuramente avere il sostegno della società che ha lanciato l’anno scorso Il discorso del re (quattro Oscar, tra cui miglior film e miglior regia) e The Fighter (che ha vinto le statuette per gli attori Christian Bale e Melissa Leo) è un’ottima base di partenza. continua »

   

Una conferenza a Venezia fa il punto della situazione.

Il cinema italiano all'estero

venerdì 9 settembre 2011 - Alessandro De Simone

Senza troppi giri di parole, uno dei maggiori problemi che ha il cinema italiano è la sua spendibilità sui mercati internazionali, risorsa ancora molto limitata rispetto al bacino potenziale. I numeri non sono da buttare, ventisei milioni di euro di vendite tra il 2008 e il 2010, ma sicuramente si può fare di meglio, cercando di creare delle condizioni migliori rispetto a quelle attuali. “Abbiamo portato all’estero negli scorsi anni centocinquanta film” ha dichiarato Paolo Del Brocco, amministratore delegato di RaiCinema, nell'ambito dell'incontro organizzato dall'Anica nello spazio Digital Expo dell'Excelsior nel corso della 68. continua »

   

Il gusto paradossale della vendetta

di Fabio Ferzetti Il Messaggero

Bisogna vedere due volte il film di Paolo Sorrentino. Una per goderlo, una per capirlo, perché il senso profondo (e abbastanza disturbante) di «This Must Be The Place» è diluito in una struttura narrativa leggerissima e in una serie di immagini così fluide e affascinanti da mettere quasi in ombra la sostanza del discorso. Molto meno ovvia, e più «pesante», di quanto sembri. Che cosa racconta infatti il primo film in inglese di Sorrentino? Il cammino di crescita di un’ex rockstar (strepitoso Sean Penn) che sopravvive alla propria gloria arroccato nei suoi ricordi non sempre lieti e nel suo look storico (trucco, smalto, rossetto, un po’ come Robert Smith dei Cure). »

Non convince Sorrentino l'americano

di Davide Turrini Liberazione

Difficile innamorarsi di questo Paolo Sorrentino in terra americana. Difficile, se non addirittura impossibile. Sarà stata per l'attesa elevata, per questa idea di una produzione extranazionale (non statunitense, però) di cui si era parlato più volte, ma This must be the place sembra un Sorrentino snaturato, alle prese con della pasta da plasmare non del tutto sua. In This must be the place si prova, come sempre nel nostro amatissimo autore de Il Divo e L'uomo in più, ad inquadrare e fagocitare sfondi ambientali ed architettonici (la Latina fascista, la Napoli anni ottanta, la Roma democristiana, l'anomica Lugano) per poi renderli non luoghi, spazi immaginari dove far agire l'eccentricità delle proprie maschere attoriali. »

I conti di una vita

di Roberto Escobar Il Sole-24 Ore

A cinquanta e più anni Cheyenne (Sean Penn, bravissimo) è un bambino. Come un bambino guarda il mondo: con sorpresa, a occhi spalancati. Ma, ancora come un bambino, del mondo riesce a vedere quello che uno sguardo più disincantato non vedrebbe. Fra questi due estremi - fra un'ingenuità senza difesa e uno stupore incuriosito - si muove il protagonista di "This Must Be the Place" (Italia, Francia e Irlanda, 2011, 118'). Costruendo il proprio film attorno alla figura di una ex rockstar - il titolo viene da una canzone dei Talking Heads, e fra i personaggi c'è David Byrne nella parte di se stesso - Paolo Sorrentino sceglie di rischiare. »

Il viaggio di Sean Penn nell'America insolita scovata da Sorrentino

di Curzio Maltese

This must be the place, ovvero il trucco e l'anima. A parte il film di Malick, oltre ogni categoria, è di Paolo Sorrentino il film più sbalorditivo di Cannes 2011. Qui tutti i grandi registi hanno rifatto se stessi, alcuni molto bene, come Kaurismäki e i fratelli Dardenne. Altri maluccio o malissimo, come Almodovar e Lars von Trier. Soltanto gli italiani hanno rischiato nuove strade e Sorrentino ancor più a fondo e senza riserve rispetto al Moretti di Habemus Papam. Non si tratta soltanto della scelta di girare una storia originale in inglese e in America. »

This Must Be the Place | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
Pubblico (per gradimento)
  1° | jaylee
  2° | pepito1948
  3° | weach
  4° | immanuel
  5° | amazz
  6° | w smith
  7° | osteriacinematografo
  8° | lunetta
  9° | lettidude
10° | olgadik
11° | weach
12° | pierpi78
13° | eduardo
14° | 26watt
15° | fabrizioarno
16° | riccardotripodi
17° | giacomogabrielli
18° | carolinabruno
19° | aldo ricci
20° | flavia58
21° | claddfever
22° | ettoregna
23° | antonio trimarco
24° | antonio trimarco
25° | filippo catani
26° | pozzo
27° | luca scialò
28° | michela papavassiliou
29° | owlofminerva
30° | filmicus
31° | sandro roy
32° | intothewild4ever
33° | diego vitali
34° | maria giorgia
35° | luigi spagnolo
36° | stefano b
37° | angelo umana
38° | boffese
39° | melandri
40° | achab50
41° | alex99
42° | paolo assandri
43° | vecchiaragazza
44° | ernestoann1
45° | gianleo67
46° | teo '93
47° | danko188
48° | peer gynt
49° | monicamontanari
50° | rosario velardi
51° | weach
52° | upbordello
53° | weach
54° | rescart
55° | weach
56° | weach
57° | great steven
58° | mauryt
59° | luke_90
60° | albert-1
61° | pietroleone
62° | papaguena
63° | henry90
64° | fablic83
65° | johnny veritas
66° | taxidriver
67° | owlofminerva
68° | michela silla
69° | caligolaimperatormundi
70° | mantraliulai
71° | valeria
72° | dernier
73° | poggi
74° | omero sala
75° | weach
76° | giorpost
77° | stefano bruzzone
78° | mystic
79° | daniele frantellizzi
80° | amandagriss
81° | davidearte
82° | www.federicoremiti.com
83° | matthewbrown
84° | il fisio
85° | desgi
86° | molenga
87° | katamovies
88° | shanks
89° | lolligno69
90° | paolo assandri
91° | jayan
92° | ultimoboyscout
93° | clavius
94° | erixon
95° | iacio
96° | flyanto
97° | captainbeefheart
98° | derriev
99° | renato volpone
Nastri d'Argento (8)
David di Donatello (20)


Articoli & News
Trailer
1 | 2 | 3 |
Video
1|
Poster e locandine
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17 | 18 | 19 | 20 | 21 | 22 | 23 | 24 | 25 | 26 | 27 | 28 | 29 |
Immagini
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17 | 18 | 19 | 20 | 21 | 22 | 23 | 24 | 25 | 26 | 27 | 28 | 29 | 30 | 31 | 32 | 33 | 34 | 35 | 36 | 37 | 38 | 39 | 40 | 41 | 42 | 43 | 44 | 45 | 46 | 47 | 48 | 49 | 50 | 51 | 52 | 53 | 54 | 55 | 56 | 57 | 58 | 59 | 60 | 61 | 62 | 63 | 64 |
Link esterni
Sito ufficiale
prossimamente al cinema Oggi al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2016 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità