This Must Be the Place

Acquista su Ibs.it   Soundtrack This Must Be the Place   Dvd This Must Be the Place   Blu-Ray This Must Be the Place  
Un film di Paolo Sorrentino. Con Sean Penn, Frances McDormand, Eve Hewson, Harry Dean Stanton, Joyce Van Patten.
continua»
Drammatico, durata 118 min. - Italia, Francia, Irlanda 2011. - Medusa uscita venerdì 14 ottobre 2011. MYMONETRO This Must Be the Place * * * 1/2 - valutazione media: 3,59 su 278 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
   
   
   

L'estro di Sorrentino sbarca oltreoceano Valutazione 4 stelle su cinque

di Luca Scialò


Feedback: 72469 | altri commenti e recensioni di Luca Scialò
mercoledì 26 ottobre 2011

Cheyenne è l’ex frontman di un amatissimo gruppo dark rock degli anni ’80, i Fellows, ormai cinquantenne e ritiratosi a lussuosissima vita privata in quel di Dublino, dove vive con la moglie Jane. Come tante rockstar patisce la sindrome di Peter pan, peggiorata anche dalla scarsa maturità accentuata dal non aver avuto figli. Ha dunque l’umana paura di invecchiare, esorcizzata utilizzando ancora quel look che lo ha distinto quando si esibiva sul palco. Di tanto in tanto va a trovare la madre di una sua fan, l’infelice Mary, che vive ogni giorno guardando la finestra con il telefono tra le mani, in attesa del ritorno del figlio tredicenne scappato di casa da tre mesi. O quanto meno di una sua telefonata. Un giorno arriva una telefonata dalla lontana America. Suo padre, che non vede e col quale non parla da anni, sta morendo. Una notizia che stravolge la sua vita ormai priva di emozioni. Parte così verso il suo capezzale. Nota sul braccio del padre una sorta di codice e apprende che è stato tra gli ebrei deportati ad Auschwitz. Decide così di mettersi sulle tracce del suo aguzzino, non sapendo però se avrà il coraggio di farlo fuori una volta trovato. Incontrerà varie persone sul suo cammino e quel viaggio diventerà anche un modo per affrontare le sue paure interiori e per capire un po’ di più chi era quel genitore del quale era convinto non lo volesse bene. Prendete la regia di Sorrentino, con le sue inquadrature spiazzanti e sorprendenti, le sequenze che si alternano ora in violento contrasto tra loro, ora in sinuosa armonia, e i personaggi caricaturati; aggiungeteci una fetta d’America, l’armonia urbanistica Dublino, la drammaticità dell’Olocausto, e soprattutto, la consueta bravura che buca lo schermo di Sean Penn, e otterrete This must be the place. Il regista napoletano propone una storia che, pur se affronta un tema abbastanza abusato nel cinema - ovvero il viaggio verso il capezzale di un caro come metafora della vita - è fuori dagli schemi. Alcune sequenze sono una vera lezione di regia, come il crescendo dell’animazione del concerto di un amico di Cheyenne, a cui assiste rattristito (le inquadrature mobili che s’infilano nel pubblico e l’apparizione in penombra del protagonista sullo sfondo, col suo triste volto pallido alla Pierrot che si intravede con gradualità e che si isola dal resto, sono autentiche perle). O ancora, la successione di due scene in forte contrasto tra loro: quella della madre e del figlio che si abbracciano in piscina e quella dell’auto presa in prestito dalla rockstar che si incendia. Acqua e fuoco che si susseguono come gli stati d’animo contrastanti del protagonista. Il finale pure beffa il protagonista. Se è vero che inizialmente sembra essere quasi scontato, finisce per sorprende nelle sue ultime scene. I personaggi si riappacificano tutti con loro stessi. O almeno, hanno ritrovato la forza per andare avanti. E poi c’è lui, Sean Penn. Immenso come sempre. Interpreta con mimica corporea impeccabile lo stereotipo della rockstar in età avanzata: rimbambita e infantile nelle mura domestiche; dalle movenze buffe e imbranate che a molti rievocano quell’Ozzy Osbourne visto nella famosa serie Tv in onda su Mtv, che ha spiattellato la vita privata della sua famiglia: gli Osbourne. Chissà che Sorrentino non si sia proprio ispirato a lui per il suo personaggio. Il suo Cheyenne è un personaggio depresso, sofferto, ormai più simile a un malinconico Pierrot che a un gagliardo darkrocker.

[+] lascia un commento a luca scialò »
Sei d'accordo con la recensione di Luca Scialò?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
80%
No
20%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico

Ultimi commenti e recensioni di Luca Scialò:

Vedi tutti i commenti di Luca Scialò »
This Must Be the Place | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
Pubblico (per gradimento)
  1° | jaylee
  2° | pepito1948
  3° | weach
  4° | immanuel
  5° | amazz
  6° | w smith
  7° | osteriacinematografo
  8° | lunetta
  9° | lettidude
10° | olgadik
11° | weach
12° | pierpi78
13° | eduardo
14° | 26watt
15° | fabrizioarno
16° | riccardotripodi
17° | giacomogabrielli
18° | carolinabruno
19° | aldo ricci
20° | flavia58
21° | claddfever
22° | ettoregna
23° | antonio trimarco
24° | antonio trimarco
25° | filippo catani
26° | pozzo
27° | luca scialò
28° | owlofminerva
29° | michela papavassiliou
30° | filmicus
31° | sandro roy
32° | intothewild4ever
33° | diego vitali
34° | maria giorgia
35° | luigi spagnolo
36° | stefano b
37° | angelo umana
38° | boffese
39° | melandri
40° | achab50
41° | alex99
42° | paolo assandri
43° | vecchiaragazza
44° | ernestoann1
45° | gianleo67
46° | monicamontanari
47° | teo '93
48° | danko188
49° | rosario velardi
50° | weach
51° | upbordello
52° | weach
53° | weach
54° | weach
55° | rescart
56° | peer gynt
57° | great steven
58° | mauryt
59° | luke_90
60° | albert-1
61° | pietroleone
62° | papaguena
63° | valeria
64° | henry90
65° | fablic83
66° | johnny veritas
67° | caligolaimperatormundi
68° | michela silla
69° | taxidriver
70° | mantraliulai
71° | owlofminerva
72° | poggi
73° | dernier
74° | omero sala
75° | weach
76° | giorpost
77° | stefano bruzzone
78° | mystic
79° | daniele frantellizzi
80° | amandagriss
81° | davidearte
82° | www.federicoremiti.com
83° | matthewbrown
84° | il fisio
85° | desgi
86° | molenga
87° | katamovies
88° | shanks
89° | lolligno69
90° | jayan
91° | paolo assandri
92° | ultimoboyscout
93° | erixon
94° | clavius
95° | iacio
96° | flyanto
97° | captainbeefheart
98° | derriev
99° | renato volpone
Nastri d'Argento (8)
David di Donatello (26)


Articoli & News
Poster e locandine
1 | 2 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17 | 18 | 19 | 20 | 3 | 21 | 22 | 23 | 24 | 25 | 26 | 27 | 28 | 29 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 |
Immagini
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17 | 18 | 19 | 20 | 21 | 22 | 23 | 24 | 25 | 26 | 27 | 28 | 29 | 30 | 31 | 32 | 33 | 34 | 35 | 36 | 37 | 38 | 39 | 40 | 41 | 42 | 43 | 44 | 45 | 46 | 47 | 48 | 49 | 50 | 51 | 52 | 53 | 54 | 55 | 56 | 57 | 58 | 59 | 60 | 61 | 62 | 63 | 64 |
Link esterni
Sito ufficiale
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2017 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità