The American

Film 2010 | Drammatico, 105 min.

Regia di Anton Corbijn. Un film con George Clooney, Violante Placido, Thekla Reuten, Paolo Bonacelli, Raffaele Serao, Johan Leysen. Cast completo Genere Drammatico, - USA, 2010, durata 105 minuti. Uscita cinema venerdì 10 settembre 2010 distribuito da Universal Pictures. - MYmonetro 2,21 su 4 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi The American tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

George Clooney, assassino in cerca di tranquillità, si innamorerà di una ragazza italiana intepretata da Violante Placido. In Italia al Box Office The American ha incassato nelle prime 7 settimane di programmazione 1,2 milioni di euro e 513 mila euro nel primo weekend.

The American è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD e Blu-Ray su IBS.it. Compralo subito

Consigliato nì!
2,21/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA 2,00
PUBBLICO 1,96
CONSIGLIATO NÌ
La coppia Corbijn-Clooney riesce a rendere viva una storia poco originale.
Recensione di Giancarlo Zappoli
venerdì 3 settembre 2010
Recensione di Giancarlo Zappoli
venerdì 3 settembre 2010

Jack è un killer privo di scrupoli. Una missione finita tragicamente in Scandinavia lo spinge a cercare un periodo di pausa. Il suo committente di origine russa gli trova un rifugio sulle montagne abruzzesi e Jack cerca di non risultare reperibile neanche per lui. Un giorno però, chiamandolo da un telefono pubblico, si sente fare la proposta di costruire e montare un fucile ad alta precisione che però non sarà lui a dover utilizzare. Jack ha bisogno della solitudine che si è andato a cercare ma, al contempo, vuole avere una donna. La trova in Clara che si prostituisce in una casa di appuntamenti. Il rapporto tra i due si trasforma pian piano in qualcosa di diverso.
Ci sono sfide che al cinema sono estremamente rischiose. Ad esempio quella di voler raccontare (ancora una volta) il desiderio di vita provato da un uomo che ha sempre procurato la morte. Per farlo, appoggiandosi a un libro pubblicato 20 anni fa ("A Very Private Gentleman" di Martin Booth). Il confronto, inevitabile, con film che sono divenuti dei classici può essere vinto solo se alla regia c'è un regista dallo sguardo particolarmente sensibile e davanti alla macchina da presa un attore capace di rendere credibile e 'moderno' il suo personaggio. L'accoppiata vincente è data da Anton Corbijn e George Clooney a cui si aggiunge un paesaggio capace di offrire non solo sfondi suggestivi ma vicoli, pietre direi quasi 'aria' estremamente originali. Corbijn decide di 'violare' visivamente l'isolamento di Jack scrutandone però con meticolosità da voyeurista dell'animo ogni singolo gesto che conduce alla preparazione di uno strumento di morte sicura. Non sarà Jack a dover schiacciare quel grilletto ma sarà stato lui a garantirne la precisione mortifera.
Per un ruolo del genere occorre un attore che sappia dare ai dettagli dei gesti, alle inflessioni dei non frequenti dialoghi, all'aggrottarsi di un sopracciglio l'intensità necessaria senza forzature. Clooney ci riesce ed anche se va incontro ad un finale ad alto tasso di retorica (l'unica di tutto il film) lo fa con la classe che gli è usuale. Paolo Bonacelli e Violante Placido si cuciono addosso due personaggi che consentono loro di sfruttare doti già mostrate in passato contribuendo all'esito finale. Che superficialmente può essere classificato come un 'deja vu'. Quello che invece non è.

Sei d'accordo con Giancarlo Zappoli?
Su MYmovies il Dizionario completo dei film di Laura, Luisa e Morando Morandini

La sceneggiatura, scritta da Rowan Joffe per l'olandese Corbijn - ex fotografo, a Londra autore di premiati video musicali - e tratta dal racconto A Very Private Gentleman di Martin Booth, non sta in piedi se si bada alla logica narrativa di un action movie . C'è un provetto sicario, ma si ignora chi lo paghi e perché. Si ignora quasi tutto dell'organizzazione di cui fa parte e dei suoi nemici (svedesi). Soltanto in apparenza e in parte è una spy-story violenta. Si basa sulla suspense e sul ritratto psicologico dell'antieroe. In Corbijn il regista vale più dello sceneggiatore. In un ruolo anomalo Clooney è più intenso del solito. Spedito, al riparo dai nemici, nel paesino di Castel del Monte, vicino a Sulmona, il sicario rivela una prodigiosa manualità meccanica, ma vive in tensione, col revolver in mano. Perciò Corbijn lo inquadra spesso di spalle, di nuca, e lo fa recitare con gli occhi in allarme. Descrive con fascino i paesaggi montuosi dell'Appennino. Lì sta il valore del film. Apprezzabili i contributi italiani della Violante, prostituta innamorata, e di Bonacelli, saggio parroco.

Tutte le recensioni de ilMorandini
CONSULTALO SUBITO
THE AMERICAN
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD HD+ SD HD HD+
Rakuten tv
-
-
CHILI
iTunes
-
-
-
-
-
-
Google Play

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€9,99 €5,90
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
mercoledì 15 settembre 2010
Sandro Roy

Di una pesantezza unica, di una noiosità angosciante, di una lentezza al limite dell'incredibile. In 105 min vi è solo la costruzione di un'arma, un inseguimento, una scena di sesso e nient'altro, a parte i meravigliosi paesaggi abruzzesi. Lo stesso Jack, interpretato da Clooney, è uno dei peggiori personaggi della storia del cinema, senza nulla togliere al sempre egregio George.

mercoledì 15 settembre 2010
Kronos

'The American' è una modesta imitazione in salsa provinciale di tanti classici sul tema del Killer in crisi esistenziale e a fine carriera. La sceneggiatura oscilla tra lo scontato e l'improbabile, la noia regna sovrana, il cast è svogliato (e, per inciso, gli attori italiani si doppiano da soli con esiti disastrosi), la regia è scolastica, il folklore italiano da calci nel sedere.

domenica 12 settembre 2010
ruggero

Film ambizioso nelle intenzioni, The American lascia trasparire sin dalle prime inquadrature i suoi difetti, una struttura inadeguata dove la recitazione qui sin troppo scarna di George Clooney non ce la fa a colmare le gravi carenze del film. La regia è insicura, tirata via, ci sono scene in cui vien da gridare " ma questa perchè non l'hai rifatta, dai sempre buona la prima?".

venerdì 8 ottobre 2010
Lucas Denny

Occasione sprecata per il divo americano che in questo film è sia produttore che attore. The American è tratto dal libro “A Very Private Gentleman” e narra le vicende di un killer in crisi con la sua coscienza che dalla Scandinavia raggiunge un paesino dell'appennino abruzzese, ma la storia si perde per strada. Il film non riesce a decollare, la sceneggiatura è [...] Vai alla recensione »

domenica 26 settembre 2010
NickRitz

A parte la trama poco originale, il film è veramente ridicolo anche sotto quell'opprimente cappa di serietà (tanto che la colonna sonora è praticamente assente) che persiste dall'inizio alla fine. Il cittadino medio abruzzese innanzitutto è il classico stereotipo dell'italiano visto dagli americani: tarchiato e con un bel paio di baffoni alla super mario.

mercoledì 2 marzo 2011
kouros76

Quando si vede un pessimo film si è soliti dire: "questo è decisamente il peggior film che abbia mai visto". Capita successivamente di doversi ricredere perchè il primato viene conquistato da un'altra pellicola. Questo forse non sarà il peggior film in assoluto della storia del cinema ma lascia davvero sgomenti per la totale mancanza di emozioni, per la piattezza assoluta.

domenica 16 gennaio 2011
dario

Ad un certo punto sembra prendere tono, poi ricade nel nulla per finire peggio. Finale da dimenticare. Regia zero e sceneggiatura sottozero. Clooney spaesato e svogliato. Vale solo la Placido, generosa anzi generosissima (ma il merito è della natura). Rubata la parola thriller.

giovedì 10 febbraio 2011
ipno74

Sono daccordo con tutte le recensioni fatte. Il film non è originale, è lento, noioso. Eppure, per tutto il film, si ha la sensazione che qualcosa deve pur succedere. Quindi il film, anche se non si ha volgia, lo si vede. Credo che Clooney abbia fatto questo film solo per soldi, e fare un film del genere deve essere stato pagato parecchio.

martedì 25 gennaio 2011
nonnetti

un saggio del provincialismo campanilista italiano. Pessima l'idea di girare in Italia volendo farlo dalla stessa parte di chi ci vive, il risultato è ridicolo e mai credibile. sceneggiatura di una pochezza allarmante che si tira dietro tutto il resto. timi messo a riparere macchine per cinque minuti, clooney temporeggia tra il mercato e il bar che scambia per una tavola calda americana, [...] Vai alla recensione »

domenica 30 gennaio 2011
Natan_Drake93

Mi viene difficile scrivere di questo film visto che rappresenta il nulla più assoluto.  La trama è semplice,banale e priva di colpi di scena. Un killer che dopo una missione finita in tragedia si ritira in un paesino sperduto,dove cerca di rimanere nascosto da degli svedesi. Non si cerca di evolvere minimamente la trama,il film gira tutto in torno(per la maggior parte)sulla costruzione [...] Vai alla recensione »

lunedì 2 novembre 2015
Panzy

Film decisamente sciapo come un filone di pane abruzzese. Pieno di stucchevoli ed urtanti stereotipi tipici di un'italietta rurale pre boom. Unoscript scontato pieno di soluzioni di continuità, incongruenze ed anacronismi, fiacco e senza nessun attimo di vera tensione. Anche lo scavo psicologico dei personaggi, se questa voleva essere la cifra interpretativa,risulta un coacervo di banalità da B movie [...] Vai alla recensione »

martedì 20 gennaio 2015
Great Steven

THE AMERICAN (USA, 2010) diretto da ANTON CORBIJN. Interpretato da GEORGE CLOONEY, THELKA REUTEN, VIOLANTE PLACIDO, PAOLO BONACELLI, BRUCE ALTMAN, IRINA BJORKLUND, FILIPPO TIMI Clooney produce e interpreta nel ruolo predominante questo thriller anomalo che trae le sue origini da un racconto di Martin Booth, intitolato A Very Private Gentleman e che vede alla regia l’ex fotografo olandese [...] Vai alla recensione »

domenica 26 agosto 2018
"Joss"

Non è un capolavoro, su questo purtroppo con ci sono dubbi, anzi... Come dire, un'occasione sprecata. C'erano gli attori, belli e interessanti, anche una storia forse già vista ma in fin dei conti non banale, eppure la trama si sviluppa su binari sbagliati, come se il regista ad un certo punto, o forse a essere cattivi già dall'inizio, prendesse il treno che va dalla parte opposta.

mercoledì 22 giugno 2011
The Reservoir Dude

Sottovalutato. Da quei critici insensibili alle citazione e alla poesia. E' un western moderno, come hanno già affermato. E lo ribadisco. Ci sono tutti i caratteti tradizionali di un buon western, non alla John Ford, ma alla Clint Eastwood. Una main road nel paesino, cambia l'ambientazione okay, siamo in Italia e non in America, ma ci sono anche delle specie di cowboy, assassini pentiti [...] Vai alla recensione »

lunedì 17 gennaio 2011
Dario J. A.

Per niente banale. Segue uno sviluppo pacato ma deciso, facendo leva sui dettagli espressivi e la bellezza dei paesaggidi fondo. Le musiche, come i dialoghi, sono ridotti al minimo e nel complesso trasportano verosimilmente nella sensazioni del protagoniosta più volte ripreso come in un quadro di Hopper. Attesa, riflessione, ansia di libertà e di condivisione emergono da un peronaggio [...] Vai alla recensione »

mercoledì 22 settembre 2010
nickcastle91

George torna a cantarsela e a suonarsela  da solo la canzone. George Clooney da produttore è come Tom Cruise, riserva le parti migliori per se, infatti se in "Mission: Impossible, Cruise obbligò de Palma a fargli un minimo (piuttosto alto) di primi e primissimi piani, quà il vecchio George fa lo stesso, riserva tutte le inquadrature migliori per se, lasciando le più [...] Vai alla recensione »

giovedì 16 settembre 2010
Roberto Simeoni

Noir dell'anima ancor prima che noir d'atmosfera (quasi nulle le scene d'azione), film lentissimo ma ricco di quella lentezza densa di senso che solo il cinema di Sergio Leone (esplicitamente citato nella trama) ci ha mai donato, questo piccolo ed incompreso capolavoro è destinato nel tempo lungo (che spesso è galantuomo) a diventare un cult movie come pochi.

mercoledì 15 settembre 2010
elena m.

cattura per l'inizio , ambientato nel candore della neve svedese, cattura per la storia misteriosa , e sopratutto per la splendida fotografia di corbijn, il regista,nato come fotografo! che ha catturato panorami mai visti d'abruzzo! la colonna sonora è interessante!

giovedì 26 agosto 2010
martalari

  Visto "the american" con clooney un film "d'attesa" a tratti soporifero lui credibile il contorno un po' meno   Peccato xche'... Il film inizia benissimo una passeggiata sulla neve e scopriamo subito con chi abbiamo a che fare...un killer freddo...siamo all'inizio: a clooney viene offerto di andare in un paese dell'abruzzo dove [...] Vai alla recensione »

domenica 12 settembre 2010
Salvatore Vitale

sono ancora annoiato dal film che mi annoio anche a scrivere la reconzione... non ho capito niente per tutto il film e lo sconsiglio a tutti...!

sabato 11 settembre 2010
alexia62

Concordo pienamente con te! Il film è noioso,lento e privo di suspence,non è un thriller,non è un film d'azione (3 scene in tutto il film)non è un film drammatico (a parte la scena finale). E' un film piatto,scontato e con finale pieno di retorica,nel complesso delude le aspettative.Ancora una volta Clooney mi delude,dopo l'ultimo film "tra le nuvole" [...] Vai alla recensione »

domenica 19 settembre 2010
JohnnyG

Sembra un telefilm italiano degli anni sessanta. Trama desolatamente prevedibile, basata su pochi snodi narrativi del tutto improbabili, che si svolgono in una lentezza biblica. Personaggi di spessore millimetrico, dialoghi patetici. Adoro Violante Placido, ma temo più per ragioni estetiche che artistiche. A Clooney tenderei a perdonare tutto, ma comincio a pensare che se provasse a inserire due o [...] Vai alla recensione »

sabato 11 settembre 2010
AngeloAD87

se volete sprecare i vostri eurI, "the american" è il film che fa per voi! In sala ho visto 2 persone dormire ( e non scherzo), mentre io sono rimasto sveglio solo per sperare che succedesse qualcosa! Che dire, una trama che non sta nè in cielo ne' in terra. la prima ragazza che compare nel film quando stanno in Svezia (e poi voglio capire qual'è il nesso logico tra la Svezia e l'Abruzzo) l'hanno [...] Vai alla recensione »

domenica 12 settembre 2010
Giupep

Mamma mia un film così pesante di George non l'ho mai visto,quasi tutti addormentati al cinema..Pesante..pesante..non l'ho consiglio....

giovedì 16 settembre 2010
Spike

Si vede che chi ha lavorato al film non conosce l'Italia: una per tutte, come è possibile che in un paesino sperduto ci sia un bordello? Interpretazioni prive di spessore, situazioni inverosimili e ridicole, personaggi surreali ( il prete è veramente improponibile ), pessima sceneggiatura, si salva in parte la regia. Non ci siamo. Dimenticavo, orrendo il doppiaggio!!!!!

domenica 12 settembre 2010
andaland

Oltre a belle cartoline abruzzesi, di questo film non resta nulla. Una trama inesistente, lento e noioso, senza un minimo di tensione, decisamente difficile da capire.

martedì 21 settembre 2010
Fresh

Praticamente la storia di uno ( perchè forse è un killer ma forse e solo uno che fa armi su ordinazione a livello artigianale) che riceve l'ordine di costruire un fucile e pensate un pò ... alla fine .... lo costruisce ... e poi finisce il film. Ma che è??? Un bambino di 5 anni avrebbe scritto una storia migliore. Dialoghi ZERO potevano intitolarlo: George.

venerdì 17 settembre 2010
sally

Quest'anno la stagione non mi sembra iniziata bene... Sospettavo che questa italianizzazione di George non portasse nulla di buono... ma sto' film è il piu' brutto che ha scelto di fare...Mediocre.... trama vista e rivista.... Violante non convince per niente nel suo ruolo di prostituta - ma tanto per me qualsiasi cosa fa non mi piace-scommetto che come la Marini su Somewhere -si [...] Vai alla recensione »

giovedì 24 febbraio 2011
leooooo

3 parole: penoso, inguardabile, terribile;

venerdì 13 maggio 2011
Gerlock_Holmes

Inutile sperare in qualche colpo di scena, non arriverà mai... Se si potessero condensare le battute (tagliando le lunghisssssssime pause) credo che il film durerebbe meno di 30 min. Di sicuro l'intento del regista era l'introspezione del personaggio di Clooney, ma ad un certo punto ( a forza di introspezionare - è un neologismo creato or ora - la materia sembra implodere su se [...] Vai alla recensione »

venerdì 29 aprile 2011
birbo

mamma mia che FLOP !! film senza una trama credibile, sconclusionato, inverosimile ( omicidi senza spiegazioni, trame incomprensibili, assenza totale della polizia, carabinieri che indagano ecc ecc ).... finale patetico.... MAMMA MIAAAA meno male che non l ho visto al cinema......

lunedì 13 settembre 2010
danielona

E' un film noioso, l'unica nota positiva è vedere bei paesaggi dell'Abruzzo.

domenica 12 settembre 2010
goldy

Il film è costruito in modo analogo all'esercizio "Cosa apparirà?" della Settimana Enigmistica dove basta unire con un tratto i numeri in progressione per ottenere un'immagine. Il film è costruito nello stesso modo. Se si riesce e si è capaci di dare significato agli eventi raccontatati si può ottenere una storia che il soggettista non si è preoccupato di scrivere.

venerdì 28 giugno 2013
kondor17

Eh si che si tratta di George Clooney... mi domando ma come fa un attore/regista del suo calibro a recitare in un film del genere? L'ha pure prodotto!! Soldi e reputazione buttati. L'ambientazione abruzzese è splendida, l'idea pure non è male, Violante placido bella come sempre. Credo comunque uno dei peggiori film che abbia mai visto. 

lunedì 24 giugno 2013
albydrummer

Grande Delusione..Lentissimo..,sinceramente lo sfondo e la location  abruzzese,con tutto il rispetto,non adatto al tipo di film e storia. MA QUALE STORIA?..

martedì 2 agosto 2011
Vavanzi

 

mercoledì 29 settembre 2010
Robi Neftali

Che delusione!! che noia!! lo spettatore rimane col desiderio di un colpo di scena che non arriva mai!! La trama sembra essere scritta a casaccio e un leggero sussulto lo si ha nel finale, anch'esso fatto così tanto per finire (grazie a dio) il film. George Clooney, che è anche produttore della pellicola, omaggia l'Abruzzo ma interpreta (seppur con sufficiente carisma) un film [...] Vai alla recensione »

mercoledì 15 settembre 2010
MisterCek

Dialoghi banali e scontati. Italia descritta per luoghi comuni. La bravura di Clooney (non in questo film però...) e la bellezza della violante non sono sufficienti a migliorare il mio personale giudizio al film. Mi aspettavo decisamente di più dal regista di Control... 

lunedì 13 settembre 2010
takycardia

Riassunto: Clooney lascia la desolata Svezia dove non c'è nulla se non neve e ghiaccio per il desolato Abruzzo che nonostante offra paesini veramente bellissimi non offre nulla più che un infinito nulla. Nella sua permanenza abruzzese George è allietato da bellissime donne nude ed è inseguito da non si sa bene chi per non si sa bene quale motivo. Dire inseguito poi è esagerato, non c'è azione, non [...] Vai alla recensione »

venerdì 30 agosto 2013
Matteo Fedele

Dopo interminabili momenti morti, mezzi diloghi validi a trasformare le ginocchia in mammelle, inconcepibili lunghezze di sceneggiatura e regia e un finale seriamente squallido, sorge spontaneo il quesito indicativo del film da dimenticare:"Perchè gli ho permesso di farmi del male?!". Il povero Clooney fa ciò che può all'interno di una trama che ben poco gli dà [...] Vai alla recensione »

martedì 3 giugno 2014
umberto

Talmente noioso da far passare dallo sbadigliare all'addormentarsi.Ci si chiede che senso abbia realizzare un film in questo modo. Già la storia è stupida di suo.Il bel paesaggio delle montagne abruzzesi (già reso magistralmente da altri registi,come i fratelli Taviani)è qui banalizzato,reso anonimo e quindi sprecato).La regitazione di George Clooney è piatta.Conclusione:pessimo.Due ore sprecate.

giovedì 16 settembre 2010
simo2107

..dopo "luomo che fissava le capre" avevo deciso di non vedere piu' un film con george..gli ho dato un'altra possibilità..sono senza parole..non saprei cosa salvare di questo film..una schifezza senza precedenti..

giovedì 5 giugno 2014
Niko68

Film veramente inconcludente, senza capo ne coda, privo di una benchè minima sceneggiatura degna di destare l'attenzione dello spettatore. Unica risicata soddisfazione vedere il plurimilionario Hollywoodiano Clooney dimenarsi alla guida di una Fiat Tempra......

giovedì 16 settembre 2010
spumadacento

Un Clooney monocorde, incapace di recitare un ruolo drammatico, vi accompagnerà in un film praticamente senza alcun senso. La storia ruota attorno al suo personaggio, un ex marines, che lavora come agente segreto e che fin dal primo fotogramma, si capisce che vuole diventare "buono". Basta con assassini, sparatorie, morti e crudeltà.

lunedì 16 novembre 2015
no_data

Non ho letto il rromanzo, ma escludo che posa essere peggioore del film, improbabile e mediocre nella regia e nella recitazione. Forse è servito al buon George per apprezzare il caffè italiano, visto che ha fatto pubblicità all'espresso. What as?

martedì 8 settembre 2015
lucap96

Nessun dialogo, scene assolutamente inutili, e un Clooney stranamente inespressivo. Da evitare assolutamente.

martedì 29 aprile 2014
dario

L'unica attrazione è Violante Placido, ma è merito della Natura, non certo del regista. Film senza capo ne coda, molto presuntuoso, orfano di sceneggiatura, con un Clooney fuori parte (Meglio sarebbe stato un Mel Gibson) e tanta noia. Per i più sensibili, anche un po' di nausea, garantita.  

sabato 25 dicembre 2010
battibaleno

La noia assoluta. Il nulla fatto film. Incomprensibile come un attore del livello di Clooney possa aver accettato di interpretare un non-film come questo. Anche il suo amore per l'Italia non può essere una giustificazione. Non merita nemmeno un passaggio in televisione.

sabato 4 dicembre 2010
ultimoboyscout

Forse c'ho capito poco io (e non sarebbe la prima volta...), ma mi ha veramente annoiato. Credevo di vedere un film veloce, ricco d'azione, addirittura adrenalinico, invece è un pappone clamoroso con dialoghi ragionati ma troppi dialoghi e pochissimo movimento. Un solo sussulto nel nulla, quel colpo di scena nel finale ma non basta assolutamente. Cast italiano migliorabilissimo.

giovedì 23 dicembre 2010
ster87

Film orribile! Senza storia, senza azione, senza nulla...vuoto...

Frasi
Gli uomini sono tutti peccatori
Una frase di Jack / Edward (George Clooney)
dal film The American - a cura di franca
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Kenneth Turan
The Los Angeles Times

"The American" is an exercise in style and withheld sentiment, a bleak and atmospheric art-house thriller that's more of an aesthetic experience than an emotional one. If Robert Bresson, the austere French minimalist, had directed a James Bond film, it might have turned out like this. Though Bresson favored nonprofessional actors, director Anton Corbijn has secured George Clooney to play the title [...] Vai alla recensione »

Fabio Ferzetti
Il Messaggero

Malgrado il titolo The American inizia fra le nevi della Svezia e prosegue sull’Appennino abruzzese. Se i film venissero classificati per climi e paesaggi diremmo che è un noir “di montagna”, sottogenere molto frequentato che accentua il lato esistenziale dell’avventura. George Clooney, che dice di chiamarsi Jack o forse Edward, è infatti un killer laconico che in apertura commette un gesto imperdonabile [...] Vai alla recensione »

Alberto Castellano
Il Mattino

Un killer professionista decide di abbandonare il crimine. Ma l’ultima missione gli costerà la vita. Detto così il plot di «The American» rientra nei canoni del noir classico d’azione e il protagonista ha i contorni di tanti (anti)eroi vittime consapevoli di un mestiere pericoloso. Ma il film diretto da Anton Corbijn mette in gioco un insolito cortocircuito tra un divo come George Clooney e un’ambientazione [...] Vai alla recensione »

NEWS
NEWS
giovedì 9 settembre 2010
Elisa Battistella

George l'Europeo Da titoli di origine letteraria come The American e La solitudine dei numeri primi all'ultimo, travolgente, lavoro di Werner Herzog, passando per gli horror Resident Evil – After Life e 4bia, la stagione cinematografica 2010/2011 entra [...]

NEWS
mercoledì 8 settembre 2010
Marlen Vazzoler

L'ultimo lavoro di Jack Dopo aver lottato e vinto lo scorso week-end lo scontro contro Machete di Robert Rodriguez per aggiudicarsi la vetta del box office americano, The American di Anton Corbijn (Control) si appresta ad essere distribuito anche sul [...]

NEWS
lunedì 6 settembre 2010
Andrea Chirichelli

Box Office Italia Finita l'estate ed iniziato il Festival di Venezia, il box office italiano comincia ad assumere connotati interessanti. In testa resiste Shrek con quasi 3 milioni di euro, anche se il dato raggiunto fino a oggi, 10 milioni di euro complessiv [...]

NEWS
mercoledì 1 settembre 2010
Nicoletta Dose

Un americano in Italia C looney ha da tempo un rapporto particolare con l'Italia. Qui ha comprato casa, fatto lunghe corse in motocicletta e si è pure innamorato. Le riviste di gossip adorano la coppia Clooney-Canalis, un po' perché sta durando più del [...]

NEWS
giovedì 22 luglio 2010
Marlen Vazzoler

Il film d'apertura e le giurie Stamattina è stato annunciato che il thriller psicologico nel mondo del balletto newyorkese Black Swan diretto da Darren Aronofsky ed interpretato da Natalie Portman, Mila Kunis, Winona Ryder, Vincent Cassel, Sebastian [...]

NEWS
martedì 4 maggio 2010
Marlen Vazzoler

L'ultima missione del Americano La Focus Features ha fatto uscire il primo trailer di The American, l'adattamento cinematografico del romanzo di Martin Booth, A very Private Gentleman, diretto da Anton Corbijn ed interpretato da George Clooney, che racconta [...]

NEWS
martedì 29 settembre 2009
Marlen Vazzoler

La Focus Features tramite una conferenza stampa ha fatto sapere che il titolo ufficiale del nuovo film diretto da Anton Corbijn (Control), tratto dal romanzo di Martin Booth A Very private Gentleman, sarà The American.

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati