Paradiso amaro

Acquista su Ibs.it   Soundtrack Paradiso amaro   Dvd Paradiso amaro   Blu-Ray Paradiso amaro  
Un film di Alexander Payne. Con George Clooney, Shailene Woodley, Beau Bridges, Robert Forster, Judy Greer.
continua»
Titolo originale The Descendants. Commedia, durata 110 min. - USA 2011. - 20th Century Fox uscita venerdì 17 febbraio 2012. MYMONETRO Paradiso amaro * * * - - valutazione media: 3,45 su 111 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
Consigliato sì!
3,45/5
MYMONETRO®
Indice di gradimento medio del film tra pubblico, critica e dizionari + rapporto incassi/sale (Italia)
 dizionari * * * * -
 critica * * * - -
 pubblico * * * - -
   
   
   
Dal regista e sceneggiatore (premio Oscar) di Sideways, ecco un'altra commedia agrodolce.
Richiedi il passaggio in TV di questo film
Chiudi Cast Scrivi Trailer
primo piano
Una commedia toccante, abile nello scavare dentro figure che si differenziano pochissimo da noi
Adriano Ercolani     * * * * -

Le Hawaii non sono esattamente il paradiso in terra che tutti crediamo: almeno non lo sono più per uno dei suoi abitanti, Matt King. Sua moglie Elizabeth ha appena avuto un incidente che l'ha gettata in coma, e non si riprenderà più. Non resta che staccare le macchine che la tengono ancora in vita. Da anni troppo concentrato sul suo lavoro, l'uomo si ritrova con due figlie che ormai non conosce più, la più grande delle quali, Alexandra, è sulla via della ribellione più spinta. Il dolore di Matt per la tragedia subita si trasforma in frustrazione quando scopre che sua moglie aveva una relazione extraconiugale, e stava per chiedere il divorzio. Il marito tradito e disperato si lancia allora alla ricerca dell'amante della sua sfortunata consorte...
Prima di Sideways consideravamo Alexander Payne un regista interessante ma tutto sommato sopravvalutato: Election e A proposito di Schmidt avevano svelato un cineasta dotato di notevole gusto acido per la commedia ma troppo propenso a dipingere personaggi sopra le righe e con i quali era difficile empatizzare. Poi è arrivato il capolavoro con protagonista Paul Giamatti, straordinario esempio di compostezza estetica e volontà di scavare in profondità dentro la psicologia e i sentimenti di uomini comuni. Adesso a sette anni di distanza viene presentato Paradiso amaro al Toronto Film Festival, opera che si pone come ulteriore e prezioso tassello nella filmografia di Payne in quanto capace di equilibrare le due facce del suo cinema che sopra abbiamo evidenziato.
Spesso l'ironia, il sarcasmo e le situazioni più assurde arrivano proprio nei momenti in cui l'animo umano è maggiormente esposto al dolore. Questo ci mostra con perizia e sensibilità il suo nuovo lungometraggio, costruito su persone assolutamente comuni che nella difficoltà perdono le loro certezze ma si sforzano di ritrovare un nuovo equilibrio, simile nella sostanza ma costruito su basi molto più solide di quello trovato in passato. George Clooney si dimostra, fin dalle primissime scene, perfetto nelle vesti comode ma sottilmente complicate di un uomo confuso come potrebbe essere chiunque in tali circostanze. Una prova d'attore tanto matura la sua quanto convincente proprio perché lavora in sottrazione, e non sfrutta l'appeal e il carisma ormai consolidati che la star di solito propone sul grande schermo. Accanto a lui appaiono in varie scene un gruppo di caratteristi di finissima bravura, tra i quali spiccano Robert Forster e la troppo sottovalutata Judy Greer. Merita poi una segnalazione la giovane Shailene Woodley, bravissima nella parte della primogenita scombinata che nel momento del bisogno ritrova se stessa e si dimostra spesso più matura di suo padre.
Alexander Payne costruisce Paradiso amaro secondo il suo stile di regia lineare, mai ostentato, che inquadra volti e ambienti lasciando che siano loro e i dialoghi di una sceneggiatura umanissima a creare la sostanza del film. Il risultato è una commedia molto toccante, vagamente stonata, abile nello scavare dentro figure che si differenziano pochissimo da noi. L'acquisita forza del cinema di Alexander Payne come Paradiso amaro conferma pienamente sta proprio in questo, nel rendere interessante e coinvolgente la vita interiore di personaggi con cui ci si può identificare nel loro essere ordinari, o meglio esseri umani.

Stampa in PDF

Incassi Paradiso amaro
Primo Weekend Italia: € 1.145.000
Incasso Totale* Italia: € 3.290.000
Ultima rilevazione:
Box Office di domenica 6 maggio 2012
Incasso Totale* Usa: $ 82.524.000
Ultima rilevazione:
Box Office di domenica 8 aprile 2012
Sei d'accordo con la recensione di Adriano Ercolani?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
70%
No
30%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico
Premi e nomination Paradiso amaro

premi
nomination
Premio Oscar
1
5
Golden Globes
2
5
BAFTA
0
3
* * * - -

Un bel film, con personaggi ben delineati.

venerdì 3 febbraio 2012 di Michele recchia

 Tralasciando il discorso della scemenza della traduzione del titolo in italiano, l’ultima fatica di Alexander Payne, THE DESCENDANTS = GLI EREDI,  ci mostra continuamente il volto attonito di uno straniato George Clooney che guarda i suoi interlocutori o il vuoto con occhi fissi, perché mentre parla ripensa senza pausa a quello che piano piano riesce a scoprire di una moglie che lui non ha mai capito, conosciuto, immaginato. Una donna che scopre un po’ diversa dalla continua »

* - - - -

Bisognerebbe piangere, ma in realtà fa ridere

lunedì 5 marzo 2012 di sammy91

La maggior parte delle critiche per questo film sono più che positive, ma per quanto mi riguarda io non sono per niente d'accordo. Sono andata a vedere questo film con la consapevolezza che fosse di genere drammatico e aspettandomi di versare una valle di lacrime, sentimentalista come sono. E invece, niente, nemmeno una. Anzi, l'esatto opposto, ho riso.  Perchè? Perchè non c'era niente da piangere, nonostante le vicende del film sono piuttosto tristi, direi. continua »

* * * * -

Lo sguardo dolceamaro di clooney

lunedì 20 febbraio 2012 di osteriacinematografo

 La prima considerazione che sono costretto ad esprimere su “Paradiso amaro” è che in realtà s’intitola “The descendants”; la seconda è che continuo a non capire il lavoro di adeguamento fatto dai traduttori italiani: perché c’è bisogno che un film venga reinventato come “Paradiso amaro”? Capisco che un termine muti senso e sonorità nella traduzione, ma come mai il pubblico italiano non viene considerato continua »

* * * * -

Film convincente

sabato 11 febbraio 2012 di owanone

Trama: un cinquantenne, Matt King(Clooney), è il fiduciario di una vasta proprietà di terra vergine in un'isola hawaiana per conto dei discendenti (The Descendants) di una famiglia hawaiano-americana radicatasi nell'archipelago 150 anni prima. Vengono però costretti da una nuova legislazione o a vendere la proprietà o a cederla nell'arco di pochi anni. Nel corso di alcune riunioni fra i discendenti si decide di votare per la vendita con un notevole ritorno economico per tutti loro. In questo sfondo, continua »

george clooney
"Dai ai figli abbastanza per fare qualcosa ma non tanto da non fare niente."
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
matt king
"Una famiglia è proprio come un arcipelago, sono parte di un tutt'uno, benchè separate e sole e sempre alla deriva, lentamente si allontanano…".
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Matt King
Mia gioia, mio amore, mia pena...
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Shop

DVD | Paradiso amaro

Uscita in DVD

Disponibile on line da mercoledì 6 giugno 2012

Cover Dvd Paradiso amaro A partire da mercoledì 6 giugno 2012 è disponibile on line e in tutti i negozi il dvd Paradiso amaro di Alexander Payne con George Clooney, Shailene Woodley, Judy Greer, Beau Bridges. Distribuito da 20th Century Fox Home Entertainment. Su internet Paradiso amaro (DVD) è acquistabile direttamente on-line su IBS. Sono inoltre disponibili altri DVD in versione speciale del film. altre edizioni »

Prezzo: 9,99 €
Aquista on line il dvd del film Paradiso amaro

SOUNDTRACK | Paradiso amaro

La colonna sonora del film

Disponibile on line da martedì 17 gennaio 2012

Cover CD Paradiso amaro A partire da martedì 17 gennaio 2012 è disponibile on line e in tutti i negozi la colonna sonora del film Paradiso amaro del regista. Alexander Payne Distribuita da Sony Classical.

APPROFONDIMENTI | Paradiso amaro tra dolore e generosità.

Autunno alle hawaii

domenica 19 febbraio 2012 - Roy Menarini

Autunno alle Hawaii Difficile individuare la primogenitura dei cliché cinematografici. Per esempio: è Alexander Payne che ha indirizzato il cinema indipendente americano verso certi codici o è il cinema indipendente americano ad aver fornito pedissequi modelli a Payne? Paradiso amaro, vedendo il bicchiere mezzo vuoto, obbedisce supino ad alcune parole d'ordine quasi ossessive del cinema e della letteratura Usa degli ultimi anni: le famiglie sbilenche, le figlie sboccate e ribelli, i padri inadatti, il viaggio interno al territorio con funzione riparatoria, l'adulterio come detonatore, e così via.

   

NEWS | Martin Scorsese miglior regista, premio alla carriera a Morgan Freeman.

Trionfano e the artist

lunedì 16 gennaio 2012 - Nicoletta Dose

Golden Globes, trionfano Paradiso amaro e The Artist I protagonisti della 69a edizione dei Golden Globes, che si è tenuta ieri sera al Beverly Hilton Hotel di Los Angeles, sono stati proprio i grandi favoriti, Paradiso amaro di Alexander Payne (miglior pellicola drammatica) e The Artist (miglior commedia o musical) di Michel Hazanavicius. Durante una serata di glamour e lusso, il conduttore Ricky Gervais ha smorzato i toni dispensando battute al vetriolo (Natalie Portman è stata definita "patetica"), scherzato con il cane protagonista di The Artist e sentenziando che i "Golden Globes stanno agli Oscar come Kim Kardashian sta a Kate Middleton".

GALLERY | Le foto del 'dramma tropicale' con George Clooney.

Crisi e rinascita di un genitore di sostegno

giovedì 19 gennaio 2012 - Luca Volpe

Paradiso amaro, crisi e rinascita di un genitore di sostegno Ambientato alle Hawaii e diretto dal regista premio Oscar Alexander Payne (Sideways), Paradiso Amaro racconta le vicende di Matt King (George Clooney) e della sua famiglia. Quando sua moglie entra in coma in seguito ad un incidente in barca, Matt, padre di due figlie, si troverà a fare i conti con il proprio passato e con gli imprevisti del futuro. Cercherà così di ricucire il rapporto con le figlie, di 10 e 17 anni, e di capire se valga la pena vendere la terra di famiglia, una striscia di spiaggia tropicale ereditata dai reali hawaiani e dai missionari.

BIZ

News e anticipazioni dal mondo del cinema.

Il secondo trailer di The Descendants

martedì 18 ottobre 2011 - Robert Bernocchi

L’attesa per il nuovo film di Alexander Payne è talmente alta, che c’è chi parla di Oscar per George Clooney. In The Descendants l’attore interpreta un padre costretto a ritrovare un buon rapporto con le sue due figlie, dopo un incidente capitato alla moglie. Ci sono diversi altri nomi interessanti nel cast, tra cui Judy Greer, Beau Bridges, Matthew Lillard e Robert Forster. Il film arriverà in uscita limitata il 18 novembre, con l’obiettivo evidente di ben figurare ai premi. Dal trailer, sembra che risate e lacrime siano ben bilanciate. continua »

   

Un Clooney insolitamente opaco papà distratto e marito tradito

di Natalia Aspesi La Repubblica

George Clooney nel ruolo di padre distratto, di marito tradito, di ricco proprietario terriero in una delle isole Hawaii, c o n s p a v e n t o s e c a m i c i e hawaiane, bermuda, ciabatte, e guance improvvisamente paffute, non è al meglio per le sue ammiratrici. Ma forse si sbagliano perché lui e il suo ultimo film Paradiso amaro, diretto dal venerato Alexander Payne ( Sideways) hanno entusiasmato la critica non solo americana, vinto i Golden Globe e sono tra i candidati agli Oscar (con 5 candidature, tra cui miglior film, miglior regia, miglior attore protagonista). »

Non è la solita cartolina dalle Hawaii merito di Clooney, la star che rischia

di Michele Anselmi Il Riformista

A un passo dai 51 anni e senza quella palla al piede di Elisabetta Canalis, il sale & pepe George Clooney di sicuro fa troppe pubblicità in Italia per “arrotondare”, ma bisogna riconoscere che al cinema ama rischiare. Invece di ficcarsi in film hollywoodiani di prevedibile successo, ramo “mainstream”, sperimenta come attore, regista e produttore. Lo dimostrano, per restare all’attualità, Le idi di marzo da lui diretto e interpretato nonché Paradiso amaro di Alexander Payne, da venerdì nelle sale, dove si ritaglia un inconsueto ruolo da protagonista. »

Clooney uomo di sfide

di Alessandra Levantesi La Stampa

Da Toronto a New York a Torino, in ogni festival per cui è passato, Paradiso amaro ha incantato pubblico e critica: cosicché non c’è da stupirsi che ora sia in gara per l’Oscar in cinque categorie importanti e con ottime possibilità di farcela. Merito di un autore, il quarantenne Alexander Payne, che non esita ad andare controcorrente, realizzando commedie di raffinata semplicità imbastite sulle impalpabili mutevolezze dell’animo; e con, al centro del quadro, personaggi maschili che sanno conquistare la nostra simpatia nonostante, o forse proprio in grazia dei loro difetti. »

Incubo familiare alle Hawaii con un Clooney perfetto

di Valerio Caprara Il Mattino

Famiglie disfunzionali 1. Le Hawaii possono essere, appunto, un «Paradiso amaro» dove una madre e moglie cade in coma irreversibile a seguito di un incidente nautico, la figlia adolescente è assai problematica e soprattutto il padre avvocato resta di sasso scoprendo d’essere stato intollerabilmente tradito dalla moribonda. Alexander Payne è un regista di nicchia ma non troppo, tenuto in grande considerazione tanto dai cinéfili quanto dai votanti degli Oscar perché sa offrire storie ben architettate e tematiche quotidiane, credibili e spalmate su toni tra l’umoristico e il tragico. »

Paradiso amaro | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
MYmovies
Adriano Ercolani
Pubblico (per gradimento)
  1° | osteriacinematografo
  2° | michela papavassiliou
  3° | hidalgo
  4° | brat_pack
  5° | chaoki21
  6° | 1962thor
  7° | antycapp
  8° | owanone
  9° | pepito1948
10° | gianmarco.diroma
11° | noodles76
12° | paolo bisi
13° | ultimoboyscout
14° | rampante
15° | salda91
16° | melandri
17° | jaylee
18° | ale.francini
19° | ender
20° | catcarlo
21° | glenn_glee
22° | francescoambrosino
23° | xquadro
24° | tumau
25° | diego p.
26° | kondor17
27° | jacopo b98
28° | shanks
29° | jacopo b98
30° | adelfococo
31° | lem10
32° | memoriediunavagina
33° | aesse
34° | diomede917
35° | annu83
36° | sammy91
37° | michele recchia
Rassegna stampa
Piera Detassis
Premio Oscar (6)
Golden Globes (7)
BAFTA (3)


Articoli & News
Trailer
1 | 2 | 3 | 4 |
Immagini
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17 | 18 | 19 | 20 | 21 | 22 | 23 | 24 | 25 | 26 | 27 | 28 |
Prossimamente al cinema Oggi al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2014 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità