Paradiso amaro

Acquista su Ibs.it   Soundtrack Paradiso amaro   Dvd Paradiso amaro   Blu-Ray Paradiso amaro  
Un film di Alexander Payne. Con George Clooney, Shailene Woodley, Beau Bridges, Robert Forster, Judy Greer.
continua»
Titolo originale The Descendants. Commedia, durata 110 min. - USA 2011. - 20th Century Fox Italia uscita venerdý 17 febbraio 2012. MYMONETRO Paradiso amaro * * * 1/2 - valutazione media: 3,66 su -1 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
   
   
   

Sid Valutazione 3 stelle su cinque

di gianmarco.diroma


Feedback: 7173 | altri commenti e recensioni di gianmarco.diroma
lunedý 20 agosto 2012

In un mondo dove uomini pregano altri uomini affinchÚ coprano i loro errori, dove la mostruositÓ (come insegna il sempreverde David Lynch) si nasconde e si annida proprio lý, dove sembrano invece essere manifeste virt¨ profonde legate alla difesa del lavoro e della famiglia - come quando il personaggio Brian Speer Ŕ capace di passare con grande repentinitÓ dal registro di amante colto in flagrante a quello di marito premuroso ed accogliente con un sorriso che neanche quello di Tom Cruise potrebbe eguagliare -, si svolge il dramma di Matt King, costretto a fare i conti con l'imminente ed inevitabile morte della moglie Elizabeth. Il racconto procede tranquillo, ha un suo senso compiuto, riuscendo a non essere per questo un film a tesi. Nel senso che gli attori diretti da Alexander Payne, interpretano dei personaggi vivi, le cui emozioni, seppur stemperate in una forma molto composta ed equilibrata, capace di smorzare la forza del dramma - non diventando per˛ commedia -, rivelano nel compiersi lineare della vicenda alcuni momenti in grado di andare molto in alto. La figura di Sid per esempio, stereotipo del cosiddetto maschio dalla zucca vuota (oggi si direbbe "barbaro"), il quale invece diventa capace di dare una sonora lezione di vita al disorientato padre di famiglia Matt King. Anche la vita di Sid nasconde un dramma, la scomparsa del padre, ma non per questo sembra 'crogiolarsici'. La sua funzione Ŕ quella di accompagnare Alex; di farle compagnia. Lo fa anche passando per stupido e superficiale. Ma in realtÓ adempie alla sua funzione di amico e compagno di viaggio. Qui a Venezia c'Ŕ un ponte chiamato Ponte dell'umiltÓ; dopo o prima di questo ponte, a seconda della direzione in cui si proceda, c'Ŕ un ristorante. Si chiama Linea d'ombra. Sid sembra avvicinarsi a superarla la sua linea d'ombra, con umiltÓ, essendo capace di scorgere degli elementi di ilaritÓ anche nella tragedia - si veda la sequenza a casa dei nonni di Alex, quando non riesce a trattenere il riso di fronte alla demenza senile della nonna - crescendo nel corso del racconto, arrivando nel finale a porsi per un momento come elemento regolatore nella gestione di un momento difficile, quando Julie Speer va a trovare Matt, ed Elizabeth ormai in fin di vita. Lo stesso incontro tra una Julie ferita ed umiliata nel suo ruolo di moglie e madre fedele, e il corpo (morente) di Elizabeth pone due questioni chiave. La questione del perdono, e la questione dell'amore, di un'idea dell'amore molto alta in questo film: innamorato sinceramente della sua famiglia, Brian Speer, non ha la forza, nell'umiliazione che prova dopo l'incontro con Matt King, di andare a salutare per l'ultima volta la sua amante. Manda la moglie, sorta di figura di continuitÓ tra il suo tradimento e il (possibile) superamento di questo tradimento (da intendersi come tradimento di fiducia). Poi c'Ŕ il bacio tra Matt ed Elizabeth. Tra labbra vive e labbra rotte ai lati, secche, gonfie, bianche, bluastre e screpolate, di labbra pronte per spirare. E poi l'ultimo saluto ad Elizabeth. Quattro momenti clou, quattro punte di massima tensione, durante le quali questa pellicola diventa qualcosa di pi¨ di un semplice film d'intrattenimento. Un film sano (meriterebbe la S maiuscola), da vedere magari a Natale. Un film sano ed intelligente. Di quelli che non serve uscire sconvolti e provati. Di quelli che si pu˛ dire: "Basta che funzioni/Whatever works"! Di quelli del tipo: "La vita Ŕ meravigliosa/It's a wonderful life"!

[+] lascia un commento a gianmarco.diroma »
Sei d'accordo con la recensione di gianmarco.diroma?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
100%
No
0%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico

Ultimi commenti e recensioni di gianmarco.diroma:

Vedi tutti i commenti di gianmarco.diroma »
Paradiso amaro | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
MYmovies
Adriano Ercolani
Pubblico (per gradimento)
  1░ | osteriacinematografo
  2░ | owanone
  3░ | hidalgo
  4░ | beppe baiocchi
  5░ | michela papavassiliou
  6░ | 1962thor
  7░ | chaoki21
  8░ | gianmarco.diroma
  9░ | pepito1948
10░ | williamd
11░ | antycapp
12░ | noodles76
13░ | paolo bisi
14░ | ultimoboyscout
15░ | salda91
16░ | rampante
17░ | jacopo b98
18░ | melandri
19░ | tumau
20░ | ale.francini
21░ | glenn_glee
22░ | ender
23░ | jaylee
24░ | dario
25░ | xquadro
26░ | catcarlo
27░ | trammina93
28░ | kondor17
29░ | jacopo b98
30░ | francescoambrosino
31░ | shanks
32░ | diego p.
33░ | memoriediunavagina
34░ | lem10
35░ | gianleo67
36░ | adelfococo
37░ | aesse
38░ | annu83
39░ | diomede917
40░ | sammy91
41░ | michele recchia
Rassegna stampa
Piera Detassis
SAG Awards (2)
Premio Oscar (6)
Golden Globes (7)
Critics Choice Award (8)
BAFTA (3)
AFI Awards (1)


Articoli & News
Immagini
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17 | 18 | 19 | 20 | 21 | 22 | 23 | 24 | 25 | 26 | 27 | 28 | 29 |
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri prossimamente » Altri film al cinema » Altri film in dvd » Altri film in tv »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2023 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità