Paradiso amaro

Acquista su Ibs.it   Soundtrack Paradiso amaro   Dvd Paradiso amaro   Blu-Ray Paradiso amaro  
Un film di Alexander Payne. Con George Clooney, Shailene Woodley, Beau Bridges, Robert Forster, Judy Greer.
continua»
Titolo originale The Descendants. Commedia, durata 110 min. - USA 2011. - 20th Century Fox uscita venerdì 17 febbraio 2012. MYMONETRO Paradiso amaro * * * - - valutazione media: 3,42 su 116 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
   
   
   

Un Clooney insolitamente opaco papà distratto e marito tradito

di Natalia Aspesi La Repubblica

George Clooney nel ruolo di padre distratto, di marito tradito, di ricco proprietario terriero in una delle isole Hawaii, c o n s p a v e n t o s e c a m i c i e hawaiane, bermuda, ciabatte, e guance improvvisamente paffute, non è al meglio per le sue ammiratrici. Ma forse si sbagliano perché lui e il suo ultimo film Paradiso amaro, diretto dal venerato Alexander Payne ( Sideways) hanno entusiasmato la critica non solo americana, vinto i Golden Globe e sono tra i candidati agli Oscar (con 5 candidature, tra cui miglior film, miglior regia, miglior attore protagonista). Il titolo originale, The descendants si riferisce al fatto che Clooney e i suoi molti grassi cugini ubriaconi discendono da una principessa locale e da un banchiere americano, e hanno ereditato un immenso meraviglioso incontaminato terreno nell' isola di Kau' i. Il titolo italiano, più spiccio, riassume la situazione: il paradiso è Honolulu e dintorni, e sin dalle prime scene di grattacieli, traffico pazzo e capanne sulla spiaggia ci si ripromette di non andarci mai. L' amaro è la sconvolgente disgrazia che si abbatte su una famiglia molto americana che come tante appariva felice ed invece non lo era affatto. Un incidente mentre faceva sci d' acqua ha ridotto in coma irreversibile Elizabeth, la bella moglie di Matt King (Clooney) che, abituato ad occuparsi solo delle sue proprietà e della prossima vendita della terra di famiglia all' immancabile speculatore edilizio che ne lorderà la meraviglia con quintali di cemento per turisti di bocca buona, si trova all' improvviso a dover fare sul serio il padre, a badare alle due figlie, antipatiche e rancorose, la decenne e cicciotta Scottie e la bella diciassettenne Alex (Shailene Woodley, molto brava), tendente all' alcol e per questo mandata in collegio. È da lei, richiamata a casa a causa della disgrazia, che Matt apprende (e Clooney non muove neppure un sopracciglio) che questa moglie, del resto da lui trascurata, lo stava tradendo e pensava di abbandonarlo, e da una coppia di amici viene a sapere con chi. Papà e ragazze, cui si aggiunge un corteggiatore di Alex, adolescente scemotto che poi si rivelerà un cuore ferito, (Nick Krause), partono alla ricerca di questo amante: e intanto in un letto di ospedale giace il corpo inerte di Elizabeth, tenuto in vita da sibilanti macchine, il viso che si fa di giorno in giorno, più grigio, più scavato, perduto, non più umano. Sono scene dure, dolorose, di un film che è anche commedia, scene che ricordano da noi il calvario crudele, straziantee per fortuna senza immagini della povera Eluana. Finalmente il gruppetto familiare, con le ragazze che a poco a poco si riappropriano del padre, scova in una casetta sulla spiaggia l' amante della mamma, un uomo non solo provvisto di una moglie devota e ignara e di giocosi piccini, ma anche del tutto insignificante. Persino rispetto a questo Clooney insolitamente opaco. Eppure era Elizabeth che amava quell' ometto, lui no, la considerava solo un' avventura. O peggio, perché poi si viene a sapere che questo Brianè un agente immobiliare imparentato con il costruttore che sta per comprare i terreni dei King, il che arricchirebbe anche lui. Così Matt, che era d' accordo con i tanti cugini per vendere il paradiso di famiglia, pone il suo veto essenziale e lo salva. Nel tanto elogiato, anche ecologicamente, Paradiso amaro, scelto pure come miglior film dell' anno dall' American Film Institute, non manca nulla: un suocero manesco e furibondo verso il genero che non ha protetto sua figlia, una suocera perduta nell' Alzheimer (ultimamente questi vecchi malati si vedono in vari film), la moglie tradita dell' amante che vaa fare una scenata al corpo assente della donna che le ha rovinato il matrimonio. Per vergogna delle nostre leggi disumane, della stolida acquiescenza alla durezza della gerarchia vaticana e dei suoi atei e vocianti sostenitori, il film mostra come laggiù, in un arcipelago del Pacifico che è il 50° stato americano, conti il testamento biologico. Elizabeth lo aveva fatto, il suo rifiuto di essere tenuta in vita artificialmente non viene discusso da nessuno, né dai medici, né dai genitori, né dal marito e dalle figlie. Le macchine vengono staccate, chi l' ha amata bella, ridente, piena di vita, come siè vista nella primae unica scena del film, aspetta che il suo corpo già perduto si spenga. Poi magari si poteva evitare l' inutile lieto fine: nella loro casa hawaiana con sottofondo di insopportabili ukulele, papà, ragazze e ragazzo, seduti sul divano, mangiano un gelato guardando la tv. Anche con quel lutto lì, la famiglia è viva e vegeta...
Da La Repubblica, 14 febbraio 2012


di Natalia Aspesi, 14 febbraio 2012

Sei d'accordo con la recensione di Natalia Aspesi?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
71%
No
29%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico
Richiedi la data del prossimo passaggio in tv del film Paradiso amaro.
(Riceverai le informazioni pochi giorni prima del passaggio in tv. Il servizio è gratuito)

inserisci qui la tua email
Paradiso amaro | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
MYmovies
Adriano Ercolani
Pubblico (per gradimento)
  1° | osteriacinematografo
  2° | hidalgo
  3° | michela papavassiliou
  4° | brat_pack
  5° | chaoki21
  6° | 1962thor
  7° | owanone
  8° | antycapp
  9° | gianmarco.diroma
10° | pepito1948
11° | paolo bisi
12° | noodles76
13° | beppe baiocchi
14° | williamd
15° | rampante
16° | ultimoboyscout
17° | salda91
18° | melandri
19° | ale.francini
20° | trammina93
21° | ender
22° | jaylee
23° | gianleo67
24° | dario
25° | catcarlo
26° | glenn_glee
27° | francescoambrosino
28° | xquadro
29° | tumau
30° | diego p.
31° | kondor17
32° | jacopo b98
33° | shanks
34° | jacopo b98
35° | adelfococo
36° | lem10
37° | memoriediunavagina
38° | aesse
39° | annu83
40° | diomede917
41° | sammy91
42° | michele recchia
Rassegna stampa
Piera Detassis
Premio Oscar (6)
Golden Globes (7)
BAFTA (3)


Articoli & News
Trailer
1 | 2 | 3 | 4 |
Immagini
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17 | 18 | 19 | 20 | 21 | 22 | 23 | 24 | 25 | 26 | 27 | 28 |
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Chat | Shop |
Prossimamente al cinema Oggi al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2015 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità