Babel

Acquista su Ibs.it   Soundtrack Babel   Dvd Babel  
Un film di Alejandro González Iñárritu. Con Brad Pitt, Cate Blanchett, Gael García Bernal, Kôji Yakusho, Adriana Barraza.
continua»
Drammatico, durata 144 min. - USA, Francia, Messico 2006. uscita venerdì 27 ottobre 2006. MYMONETRO Babel * * * - - valutazione media: 3,30 su 151 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
Consigliato sì!
3,30/5
MYMONETRO®
Indice di gradimento medio del film tra pubblico, critica e dizionari + rapporto incassi/sale (Italia)
 dizionari * * 1/2 - -
 critica * * 1/2 - -
 pubblico * * * 1/2 -
   
   
   
Individui distanti tra loro migliaia di chilometri incrociano per qualche ora i loro destini sulla Terra, creando un disperato affresco di un'umanità sola e dolente.
Richiedi il passaggio in TV di questo film
Chiudi Cast Scrivi Trailer
primo piano
Un gioco a incastro artificioso e compiaciuto chiude la trilogia sul dolore umano firmata dalla coppia Iñarritu/Arriaga
Chiara Renda     * * - - -

Individui distanti tra loro migliaia di chilometri incrociano per qualche ora i loro destini sulla Terra, creando un disperato affresco di un'umanità sola e dolente.
Il detonatore che innesca una reazione a catena in questo puzzle composto da tessere fin troppo perfettamente combacianti è il colpo di fucile partito dalle mani di due ragazzini in un paese sperduto del Marocco. Un gesto immotivato, compiuto quasi accidentalmente da due innocenti che, come in un domino, agisce profondamente sulle vite di tre gruppi di persone in diverse zone del pianeta: una coppia di americani lì in vacanza per risolvere una crisi coniugale, una domestica messicana alle prese con i figli dei due nel giorno del matrimonio di suo figlio, e un'adolescente giapponese, sordomuta ed emotivamente emarginata, alla disperata ricerca d'amore in una Tokyo caotica e alienante.
Ossessionato dalle coincidenze del destino e dalle storie parallele, il messicano Iñarritu, già autore insieme al fido sceneggiatore Arriaga (premiato a Cannes per Le tre sepolture di Tommy Lee Jones) del più "grezzo" ma genuino Amores Perros e dello straziante 21 grammi, alza il tiro per questa babele multietnica di storie e destini umani vincitrice del Premio per la Regia al 59° Festival di Cannes.
Quattro episodi-limite di solitudine e dolore, quattro zone geografiche in cui i protagonisti sono o si sentono stranieri, quattro lingue più una (quella dei segni) per un film-manifesto della cultura globalizzata. Tutto ciò che rendeva duro, amaro e doloroso il cinema dell'aspro regista messicano è qui ripulito, addolcito e riverniciato da una patina visiva, ma anche narrativa, classicamente hollywoodiana. La tensione emotiva lascia spazio a una programmatica cerebralità, a un estetismo fin troppo raffinato e compiaciuto, e a una costruzione macchinosamente architettata in cui nulla può essere lasciato al caso (anche a costo di forzare i legami tra le storie: vedi l'episodio giapponese). Questa d'altronde sembra essere la tendenza delle storie corali che piacciono a Hollywood, a giudicare anche dal pluripremiato Crash di Paul Haggis, artificiosa e meccanica degenerazione della coralità sbandata e alla deriva dell'America oggi altmaniana. Non ci si stupisce dunque di fronte all'appesantimento retorico della coppia messicana corteggiata da Hollywood (Iñarritu/Arriaga) che, allargando il raggio d'azione della storia e forzandone i destini, ha perso in istintività e pulsione emotiva. Che gusto c'è nel comporre un puzzle in cui tutti i pezzi combaciano senza intoppi?

Premi e nomination Babel MYmovies
il MORANDINI
Babel recensione dal Dizionario Fumagalli - Cotta
Incassi Babel
Primo Weekend Italia: € 463.000
Incasso Totale* Italia: € 2.768.000
Ultima rilevazione:
Box Office di domenica 18 marzo 2007
Incasso Totale* Usa: $ 33.840.000
Ultima rilevazione:
Box Office di domenica 25 febbraio 2007
Sei d'accordo con la recensione di Chiara Renda?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
22%
No
78%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico
Premi e nomination Babel

premi
nomination
Premio Oscar
1
6
Golden Globes
1
7
Festival di Cannes
1
0
David di Donatello
1
0
* * * - -

Incomunicabilità sul pianeta terra

venerdì 3 novembre 2006 di Federico Barche

Babel. Benvenuti nel frullatore di Iñarritu. Il golden boy della nouvelle vague della cinematografia mondiale (alla pari con Paul Thomas Anderson, sia chiaro…) ci offre la sua personale Babele contemporanea. La storia è nota: si parla delle vicende dei personaggi di quattro nazioni lontane fra loro (Stati Uniti, Messico, Marocco e Giappone) che, causa un colpo di fucile partito dalle mani di due ragazzini in un paese sperduto del Marocco, vengono a intrecciarsi fra di loro. Ma il buon Alejandro continua »

* * * * -

La libertà e la sicurezza in marocco e in messico

domenica 29 ottobre 2006 di Turi Catania

Aattanagliati quotidianamente da un crescendo inaresstabile di frode e violenza, comunamente si pensa all'insostituibile opera svolta dalle forze dell'ordine, come ad un incacellabile debito che contraiamo con essi, vigli e solerti custodi della nostra sicurezza, anche a costo del più estremo sacrificio. Innegabile che ciò sia vero, mo solo parzialmente:Alejandro Inarritu, ci rammenta, benefica terapia alle amnesie sugli irrinunziabili valori di garanzia sui quali è stato edificato lo stato di continua »

* * * * *

La tesi di un genio: inarritu

giovedì 2 novembre 2006 di skyros

Inarritu prima di girare i suoi tre film ha studiato la storia del cinema: me lo immagino in una stanza di Città del Messico, caldo soffocante, una pala al soffitto che gira... è da poco passato mezzogiorno e il buon Alejandro si alza, ancora stanco della notte passata in qualche bario a suonare pezzi di latino house... si di notte lavora come dj ma sogna di fare un film... e nei caldi pomeriggi si riguarda i film russi del primo novecento, poi ha quella cassetta che continua a mandare avanti e continua »

* * * - -

Altalenante

giovedì 9 novembre 2006 di martina

Un film altalenante come la mia opinione sul film. Un film che alterna momenti di un'ottima regia, intensa ed originale, a momenti di troppa lentezza ed fermi eccessivi facendo durare il film forse un po' piu' del necessario. L'argomento trattato è molto interessante, ma soprattutto il modo in cui il regista ha deciso di trattarlo, rappresentando un mondo globalizzato, che nonostante sia visto in 4 parti diverse (per localizzazione, per vita quotidiana) del mondo (america, marocco, giappone, continua »

la badante messicana
"Non sono cattiva, ho fatto solo una cosa stupida"
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Aggiungi una frase
Shop

DVD | Babel

Uscita in DVD

Disponibile on line da mercoledì 29 agosto 2007

Cover Dvd Babel A partire da mercoledì 29 agosto 2007 è disponibile on line e in tutti i negozi il dvd Babel di Alejandro González Iñárritu con Brad Pitt, Cate Blanchett, Gael García Bernal, Kôji Yakusho. Distribuito da 01 Distribution, il dvd è in lingue e audio italiano, Dolby Digital 5.1 - italiano, DTS 5.1 - inglese, Dolby Digital 5.1. Su internet Babel (1 DVD) è acquistabile direttamente on-line a prezzo speciale su IBS. Sono inoltre disponibili altri DVD in versione speciale del film. altre edizioni »

Prezzo: 6,99 €
Prezzo di listino: 9,99 €
Risparmio: 3,00 €
Aquista on line il dvd del film Babel

SOUNDTRACK | Babel

La colonna sonora del film

Disponibile on line da lunedì 4 dicembre 2006

Cover CD Babel A partire da lunedì 4 dicembre 2006 è disponibile on line e in tutti i negozi la colonna sonora del film Babel del regista. Alejandro González Iñárritu Distribuita da Concord.

APPROFONDIMENTI | Con Biutiful Iñárritu torna alla lingua spagnola per raccontare la storia di un padre.

Quando eravamo padri

lunedì 31 gennaio 2011 - Tirza Bonifazi Tognazzi

Quando eravamo padri Tutto ebbe inizio in Messico, per le strade del Distrito Federal dove si incrociavano le storie dei sei personaggi di Amores Perros. Poi fu la volta di New Mexico, appena oltre la frontiera, con i tre personaggi di 21 grammi e il loro passato, presente e futuro. Infine con Babel Alejandro González Iñárritu fa il giro del mondo per raccontare con la stessa struttura a incastri di sempre storie multiple intrecciate dal fato. "Ognuno dei film che ho fatto e` stato girato in un linguaggio diverso, in un paese diverso, con diverse strutture e dimensioni.

   

Una Babele di amore e paura

di Lietta Tornabuoni La Stampa

Racconta il mito biblico che gli uomini si unirono tutti insieme per costruire una torre così alta da raggiungere il cielo; che Dio si offese e dette a ciascun gruppo lingue differenti, in modo che non potessero capirsi né comunicare. Alejandro Gonzalez Inarritu., 42 anni, messicano di nascita e americano di cittadinanza. gin autore di Amores perros e di 21 grammi, porta Brad Pitt e Cate Blanchett in concorso con Babel. Girato su tre continenti, in quattro storie e quattro lingue, complesso e riuscito, il film si sviluppa a partire da un episodio minimo. »

La Palma parlerà spagnolo? Il rivale di Almodovar è Inarritu

di Alberto Crespi L'Unità

Un magnifico affresco sulla globalizzazione sceneggiato come sempre da Guillermo Arriaga, il grande romanziere che per Inarritu ha scritto anche i precedenti Amores perros e 21 Grams (nonché il notevolissimo Le tre sepolture, opera prima di Tommy Lee Jones premiata qui a Cannes l'anno scorso). Le opere di Arriaga si riconoscono facilmente: non sono mai narrate in modo lineare. In 21 Grams l'andirivieni nel tempo era un autentico rompicapo, e lo stessi Inarritu l'ha definito ieri, in conferenza stampa, un «gioco sperimentale». »

La comunità (dis) integrata di "babel". Eccezionale Inarritu

di Boris Sollazzo Liberazione

Il giro del mondo in 144 minuti. Questo fa Alejandro Gonzales Innaritu, che priva le sue trame ad incastro perfetto tra Kasdan e Paul Thomas Anderson, del contesto più o meno claustrofobico di Amores Perros e 2l grammi, per lanciarsi su scala planetaria. Cinque lingue (di cui solo l'inglese doppiato), quattro storie, tre continenti questo è Babel premio per la miglior regia all'ultimo Festival di Cannes. Film corale e accorato, terzomondista e originalmente no global, non ha paura di affrontare le trappole retoriche e sensazionali(stiche) di una storia pretenziosa. »

di Fabio Ferzetti Il Messaggero

Nell'applaudito Babel il messicano Alejandro Gonzalez Inarritu dilata su scala planetaria il "plot" a incastri di Amores perros e 21 grammi. Se un fucile spara in Marocco è perché un giorno un giapponese ha fatto un dono avventato. Se giocando con quel fucile due pastorelli feriscono gravemente una turista americana, nessuno pensa a un caso ma scatta l'allarme terrorismo internazionale. E se una tata messicana per festeggiare le nozze del figlio ha la sventatezza di portare oltre confine i due bambini californiani che le sono affidati, ecco l'inevitabile affondo sull'immigrazione clandestina e il razzismo yankee. »

Babel | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
Premio Oscar (7)
Golden Globes (8)
Festival di Cannes (1)
David di Donatello (1)


Articoli & News
Approfondimenti
quando eravamo padri
Poster e locandine
1 | 2 | 3 | 4 | 5 |
Link esterni
Prossimamente al cinema Oggi al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2014 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità