Ricordati di me

Acquista su Ibs.it   Soundtrack Ricordati di me   Dvd Ricordati di me   Blu-Ray Ricordati di me  
Consigliato sì!
2,82/5
MYMONETRO®
Indice di gradimento medio del film tra pubblico, critica e dizionari + rapporto incassi/sale (n.d.)
 dizionari * * 1/2 - -
 critican.d.
 pubblico * * 1/2 - -
Carlo e Giulia hanno due figli adolescenti: Velentina, la minore, è disposta a tutto pur di sfondare nel mondo dello spettacolo.
Richiedi il passaggio in TV di questo film
Chiudi Cast Scrivi Trailer
primo piano
Non proprio una salutare ventata di ottimismo, ma un manifesto dell'autocritica italiana
Andrea Chirichelli     * * * - -
Questo film è disponibile in versione digitale, scopri il miglior prezzo:
TROVASTREAMING

Prendete Stefano Accorsi e Giovanni Mezzogiorno alla fine de L'ultimo bacio, aggiungete 20 anni ed ecco comparire magicamente Fabrizio Bentivoglio e Laura Morante, protagonisti di quello che, se non è il seguito ufficiale del film che tanto successo ha dato al giovane regista, sicuramente è la quadratura del cerchio, la conclusione del trittico sui difficili equilibri della famiglia media italiana iniziato con Come te nessuno mai. Un po' meno urlato del solito, il film di Muccino inquadra subito l'italia in cui vivono e si muovono i personaggi: quella delle radio accese persino in sala operatoria, quella in cui si possono semidistruggere le auto in sosta senza farsene troppi problemi, quella in cui le madri. più fanatiche delle figlie, si mettono alla costante ricerca per queste ultime di un futuro sotto i riflettori, anche se le figlie non sanno far nulla. Il titolo del film è un manifesto: è un urlo inespresso, all'inizio, e soffocato alla fine della pellicola. Se i protagonisti de L'ultimo bacio cercavano l'amore, qui è l'essere riconosciuti e riconoscibili l'obietivo primario dell'agire, obiettivo davanti al quale anche l'accoppiata amore/sesso cede il passo. Di fatto l'unico personaggio positivo alla fine della storia è quello interpretato da una soprendentemente valida Monica Bellucci: unica ad accettare il caro prezzo delle sue scelte e grazie a questo unica persona veramente libera. Infatti trando le somme la "morale" esce con le ossa rotte: solo il caso, presentatosi sotto la forma di incidente, interrompe il precipitare della crisi familiare. La meschinità generale in cui navigano i personaggi diventa protagonista essa stessa ed il sorriso ebete di Bentivoglio, che chiude il sipario sulla storia, non lascia presagire un futuro felice alla già provata famigliola.
Grande lavoro e grandi risultati si segnalano sul fronte attori: se Bentivoglio è perfetto con la sua aria da cane bastonato, la Morante è vagamente fuori dalle righe tra sfuriate plateali e slanci di fin troppo eccessiva dolcezza. entrambi sono una conferma; tutti gli altri sono una insperata sorpresa: il giovane Muccino è perfetto nel mostrare le inquietudini postadolescenziali di chi, quasi ventenne, è ancora in cerca della prima ragazza, Nicoletta Romanoff, l'aspirante soubrette (che apprendiamo con un leggero sconcerto essere nella vita reale già sposata e madre di due figli) stupisce per la concretezza e per la sicurezza con la quale affronta una parte non facile e, incredibile a dirlo, la Bellucci recita bene: se a questo aggiungiamo che persino il trittico Roncato/Taricone/Silvestrin passa indenne la scure del giudizio, c'è da fare i complimenti ad un regista capace come pochi di raccogliere il meglio dal materiale attoriale a sua disposizione. Non è proprio una salutare ventata di ottimismo ma almeno l'autocritica sulla società, anche se vagamente pelosa vista l'onnipresenza del regista in fase di lancio del film in ogni talk-show e spettacolo sulle reti pubbliche e private, gli italiani la sanno ancora fare.

Stampa in PDF

TROVASTREAMING
RICORDATI DI ME
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD HD+ SD HD HD+
iTunes
-
-
-
-
-
-
Google Play
* * * - -

Triste consacrazione della tv

di giovanni ciampaglia

Una voce fuori campo prepara il tappeto sul quale il film scivolerà, presentandomi il quadro di una famiglia italiana, con una vita da famiglia italiana. Si entra in fretta nella vita di questa famiglia. Impossibile non 'sentire' nella storia una mano invisibile (quella del regista) che mi vuole accompaganre da qualche parte, mostrandomi e spiegandomi un certo paesaggio umano: ci riesce molto bene. Famiglia medio borghese, madre passionale e accentratrice (Laura Morante), figli cresciuti a nutella continua »

* * * - -

Tempi moderni

mercoledì 10 marzo 2004 di Tiziana Stanzani

C’è un solo minuto di calma, sospeso in un silenzio carico di aspettative, nel nuovo film di Muccino. E’ l’impagabile tempo fuori del tempo che precede la sveglia della famiglia Ristuccia: eccoci al via dello sfascio e della riunificazione della famiglia media dei nostri tempi, ala protettrice e galera a un tempo, e ring di rapporti umani sul quale nessuno può evitare di salire e combattere. Quello che resta è dipendenza e frustrazione da cellulare; quello che resta, dopo un susseguirsi frenetico continua »

* * * * *

Un invito a riflettere

di Giuliana '83

SE PER UN ISTANTE SOLO TUTTI NOI SMETTESSIMO DI INSEGUIRE IL RAPIDO E FRENETICO RITMO DELLA VITA CHE QUOTIDIANAMENTE CI TRAVOLGE E PROVASSIMO A RIFLETTERE SU CIO' CHE OGNI GIORNO CI CIRCONDA E CHE SPESSO IGNORIAMO,CI ACCORGEREMMO DI QUANTA IPOCRISIA E INSICUREZZA SI CELA NELLE COSE CHE CREDIAMO VERE E DIAMO PER CERTE...CREDO CHE NIENTE AL GIORNO D'OGGI POSSA DARCI CERTEZZA MA CREDO ANCHE NEI SOGNI,SPESSO IRREALIZZABILI,CHE CI PERMETTONO DI SPERARE IN UNA VITA MIGLIORE...COSI' FANNO I PROTAGONISTI continua »

* * - - -

Muccino ha fatto 3, ma non convince

lunedì 30 aprile 2007 di Nicolò

Saga di una famiglia borghese (padre, madre, figlio, figlia) come tante altre. Carrellata di tradimenti, sogni, delusioni. C’è chi vive la gioventù come un incubo e cerca di crescere in fretta e chi non è mai cresciuto, anzi rimpiange quel bel periodo. Tartagliante come il suo autore, indeciso se denunciare l’odierna mediocrità della Tv di oggi o se sfruttarla per far batter cassa alla Medusa, è un melodramma ridondante di urla e superficiale con destrezza, con l’obiettivo di piacere a tutti i costi continua »

Monica Bellocci e Fabrizio Bentivoglio, un tempo fidanzati, si rivedono dopo anni. Lei gli chiede come va il menage coniugale
E tu, marito felice?
Marito.
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Monica Bellocci e Fabrizio Bentivoglio, un tempo fidanzati, si rivedono dopo anni. Lei gli chiede come va il menage coniugale
E tu, marito felice?
Marito.
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Monica Bellucci
Le persone che ci stanno vicine sono le prime a dimenticarsi del bello che c'è in noi.
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Shop

DVD | Ricordati di me

Uscita in DVD

Disponibile on line da mercoledì 3 aprile 2013

Cover Dvd Ricordati di me A partire da mercoledì 3 aprile 2013 è disponibile on line e in tutti i negozi il dvd Ricordati di me di Gabriele Muccino con Fabrizio Bentivoglio, Monica Bellucci, Laura Morante, Silvio Muccino. Distribuito da Cecchi Gori Home Video. Su internet Ricordati di me (DVD) è acquistabile direttamente on-line su IBS.

Prezzo: 12,99 €
Aquista on line il dvd del film Ricordati di me

SOUNDTRACK | Ricordati di me

La colonna sonora del film

Disponibile on line da lunedì 10 febbraio 2003

Cover CD Ricordati di me A partire da lunedì 10 febbraio 2003 è disponibile on line e in tutti i negozi la colonna sonora del film Ricordati di me del regista. Gabriele Muccino Distribuita da RCA Italiana, il cd è composto da musiche di genere Pop e Rock Internazionale.

di Roberto Nepoti La Repubblica

Non sarà il caso di cominciare a parlare di "neo-neorealismo"? Le etichette valgono quel che valgono; però è un fatto che Ricordati di me parla degli italiani (o di una parte di essi) come facevano, decenni fa, i neorealisti o i registi della commedia all'italiana: con la macchina da presa ficcata bene a fondo nell'attualità. Siamo pronti a scommettere - e questa ne sarebbe la riprova - che gli spettatori parleranno soprattutto dei contenuti del film di Muccino. E' giusto, o è sbagliato, che le famiglie si sfascino se i coniugi non si amano più? E' davvero la solitudine la sola cosa che abbiamo in comune? Perché siamo tutti dominati dall'ossessione di essere visti (aspiranti-veline, aspiranti-scrittori, aspiranti-attrici), disposti a darci un'identità soltanto attraverso gli occhi degli altri ('ma tu come mi vedi?' è la battuta-tormentone del film)? L'uomo è veramente la parte più fragile della coppia, l'oggetto smarrito del terzo millennio; come sembra confermare Carlo (Bentivoglio), che tenta di lasciare moglie (Morante) e figli per la nuova-vecchia fiamma Alessia (Bellucci), ma poi non sa uscire dall'indecisione e dalla (rassicurante) ambiguità? Muovendo da argomenti che riguardano ciascuno di noi, il regista ha scelto di fotografare la realtà senza concessioni né sconti di pena, con un'esattezza a-ideologica che non esclude, però, la partecipazione. »

di Mario Sesti Ciak

Chi è questa persona che mi compare di fronte quando sono allo specchio, perché è sempre così insicura e per quale ragione tutti la chiamano con il mio stesso nome? Alzi la mano chi non si è mai trovato almeno una volta in questa posizione. È la stessa nella quale tutti i personaggi del film prima o poi si ritrovano, in continuazione, in balia dell'angoscia. O dell'eccitazione. […] I verbi chiave del film sono "valere" ("Secondo te valgo qualcosa?") e "vedere" ("Ma tu come mi vedi?"). Le frustrazioni e i conflitti esplodono tra le persone che hanno legami più profondi ("Le persone che ci sono vicine sono le prime a scordarsi del bello che è in noi"), la macchina da presa scivola da un angolo all'altro della scena sospinta dai sussulti di ogni personaggio come la puntina di un grammofono su un vinile aspramente sconnesso. »

di Mauro Gervasini Film TV

Ricordatidi me. È un titolo, una speranza, un’incitazione, un imperativo, un valore assoluto del nostro tempo: apparire, essere qualcuno, valere qualcosa, lasciare un segno. Gabriele Muccino ragiona intorno a una delle regole effimere della modernità telematerialistica: i quindici minuti di notorietà di warholiana memoria non bastano più. Sono roba da sfigati. Lo dice il personaggio di Nicoletta Romanoff a Pietro Taricone, la cui fama si è volatilizzata al primo cambio di palinsesto. Il tema viene declinato secondo variabili generazionali, e con i debiti distinguo. »

di Paolo Boschi

Il diritto ai quindici minuti di celebrità catodica prefetizzato da Andy Warhol sembra perfettamente esemplificato dalla società italiana contemporanea: lo dicono numerosi sondaggi, lo dicono moltissime ragazzine che sognano di sfondare in TV come veline, e se è accorto anche Gabriele Muccino che in Ricordati di me, la sua ultima fatica sul grande schermo, ha cristallizzato in modo efficacissimo l’insorgente aspirazione nazionale per l’apparire. Allo scopo (e con molta onestà) il giovane regista romano, già cantore della generazione dei trentenni ne L’ultimo bacio e di quella degli adolescenti in Come te nessuno mai, ha deciso di continuare a focalizzarsi sull’ambiente che meglio conosce, la borghesia romana medio-alta ritratta dalla prospettiva di un universo familiare determinato ma in cui tutti gli spettatori potranno ritrovarsi o in cui, almeno a tratti, avranno timore di identificarsi. »

Ricordati di me | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
Pubblico (per gradimento)
  1° | giovanni ciampaglia
  2° | tiziana stanzani
  3° | giuliana '83
  4° | gianni lucini
  5° | alberto pezzi
  6° | gianni lucini
  7° | brunus10480
  8° | luke77
  9° | nicolò
10° | arnaldo85
11° | frdb82
12° | bruno
Rassegna stampa
Roberto Nepoti
Rassegna stampa
Mario Sesti
Mauro Gervasini
Link esterni
sito ufficiale
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2017 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità