Dizionari del cinema
Collegamenti
Media & Link
Consulta on line la Biblioteca del cinema. Tutti i film dal 1895 a oggi:
mercoledì 29 giugno 2016

Stefano Dionisi

Attore multiculturale, tra fiction tv e cinema

49 anni, 1 Ottobre 1966 (Bilancia), Roma (Italia)
Biografia Filmografia Critica Premi Foto Articoli e news Trailer Dvd CD Download Frasi celebri
occhiello
"Io amo la vita."
dal film Sostiene Pereira (1995) Stefano Dionisi è Monteiro Rossi
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Stefano Dionisi

Una nuova miniserie poliziesca per la prima serata di RaiUno.

Caccia all'Ottavo Re di Roma

venerdì 14 gennaio 2011 - Edoardo Becattini cinemanews

Caccia all'Ottavo Re di Roma Abbandonando momentaneamente i romanzi popolari e il melodramma seriale che ha garantito il successo degli ultimi prodotti (Terra ribelle, Paura di amare e Rossella), il prime time di RaiUno cambia faccia e propone un ritorno alla tradizione tutta italica del poliziottesco coniugata coi temi sociali più attuali. Diretta da un virtuoso frequentatore del cinema di genere come Michele Soavi (Dellamorte Dellamore, Arrivederci amore, ciao), Caccia al Re – La narcotici è il racconto in sei puntate (in onda a partire da domenica 16) della complessa operazione "Caput Mundi": la prima indagine affidata al vicequestore Daniele Piazza, subentrato come dirigente della sezione narcotici in seguito a un grosso scandalo di corruzione. In questo primo incarico, la nuova squadra di Piazza si troverà subito ad affrontare l'impero di un importante trafficante, detto l'Ottavo Re di Roma, con il quale Piazza ha un conto in sospeso da lungo tempo.
Ad interpretare il vicequestore è stato chiamato il tedesco Gedeon Burkhard, volto molto amato dai telespettatori de Il commissario Rex e di Squadra Speciale Cobra 11, affiancato dagli altri membri della squadra Raffaella Rea, Alina Nedelea, Sergio Friscia, Denis Fasolo e Valentino Campitelli. Del "lato oscuro" fanno parte invece l'Ottavo Re di Roma Stefano Dionisi e i suoi scagnozzi Michele D'Anca, Libero De Rienzo, Ricky Memphis e Bruno Conti. In mezzo alle due opposte fazioni stanno invece i giovani protagonisti della storia, adolescenti irretiti dal pericoloso gioco della droga, che nelle parole degli autori e degli attori sono i veri destinatari di questa nuova produzione. Una produzione in cui l'elemento didattico e civile ha quindi una forte presenza in quanto, come sostiene a gran voce Maurizio Masciopinto, responsabile delle relazioni esterne della Polizia di Stato: "Non è vero che il bene non fa ascolto!".

Dopo due film per il cinema, cosa l'ha attratta a tornare alla tv?
Michele Soavi: Mi ha molto affascinato il tema della serie. La sceneggiatura affrontava il mondo della droga tema in modo crudo, realistico, senza falsi buonismi. Si trattava di un lavoro molto accurato, scritto a partire da fatti di cronaca. La droga è sempre un tema molto attuale e dare su questo argomento dei messaggi ai giovani è un dovere didattico e terapeutico. Il servizio pubblico ha il dovere di fare questo tipo d'informazione, di raccontare qualcosa che ci faccia vedere il riflesso dell'immagine di noi e di come sono e cosa rischiano i nostri figli. Caccia al Re è tutto questo, condito da un buon ritmo e da una storia molto avvincente.

C'è qualcosa in comune fra Daniele Piazza e i suoi poliziotti precedenti?
Gedeon Burkhard: Sono ruoli sempre più drammatici, ma non hanno molto in comune fra loro a parte il fatto che sanno come usare un'arma. Il commissario Rex era un po' favola, Cobra 11 più improntato all'azione. In questa serie invece, il mio personaggio è vittima di un tragico destino e ciò lo avvicina molto più degli altri a una persona reale.

Cosa ti ha spinto a diventare l'Ottavo Re di Roma?
Stefano Dionisi: Ho accettato con grande passione perché mi ero divertito molto a lavorare con Michele Soavi per Il sangue dei vinti. I nostri cattivi sono interessanti perché appartengono al mondo criminale di tutti i giorni, ma in fondo sono sempre i soliti cattivi... La parte più importante della storia è senza dubbio quella che coinvolge gli adolescenti e il tema della droga. Finora non si era mai affrontato con una storia così affascinante e un tale talento di regia il problema dei ragazzi adolescenti che si avvicinano alle droghe.

Come si è svolto il lavoro degli sceneggiatori?
Leonardo Fasoli: In effetti, per noi l'obiettivo fondamentale era sviluppare il punto di vista degli adolescenti, cercare di raccontare le cose con un massimo di aderenza alla verità e di rispetto nei confronti dell'argomento. Occorreva prestare attenzione a non criminalizzarlo in maniera troppo facile per non essere troppo superficiali e rischiare di ottenere l'effetto contrario.
Maddalena Ravagli: Era fondamentale non condannare semplicemente l'uso della droga in quanto tale, ma indagare in quale modo e perché gli adolescenti si avvicinano e si integrano al business della cocaina. Non assumere una presa di distanza, ma chiedersi quindi in prima persona come ci comporteremmo se succedesse ai nostri figli. Uno dei grandi problemi attuali è proprio l'enorme distanza che c'è fra i giovani e i loro genitori.

Cosa ti ha spinto a diventare una poliziotta?
Raffaella Rea: In una fiction di questo tipo è il linguaggio con cui si racconta il problema a fare la differenza. Molto spesso notiamo uno scollamento fra materia trattata e storia realizzata, qua invece ho notato fin dalla scrittura una forte aderenza ai problemi della realtà. Inoltre, come donna, mi affascinava interpretare una poliziotta che per una volta non mettesse da parte la sua femminilità ma che anzi ne facesse un segno della sua passione e dedizione al lavoro.

Dopo tanti polizieschi, è la tua prima volta da cattivo?
Ricky Memphis: Sì, ma è il cattivo meno cattivo di tutti. Livio Vitale è sì un infame spacciatore che guadagna sulla pelle della gente, ma è anche un sognatore, un uomo diabolicamente ingenuo. In questo lavoro vedrete una Roma che è molto vicina alla situazione reale. Magari non capita proprio tutti i giorni di incontrare spacciatori come l'Ottavo Re, soprattutto se non te li vai a cercare, però attraverso la storia si percepisce come nella nostra società in questo momento ci sia una forte aria di criminalità e di perdita dei valori.

Dalla penna del grande romanziere un personaggio da non confondere con l'omonimo illusionista.

David Copperfield, la letteratura di Dickens approda su Rai Uno

venerdì 24 aprile 2009 - Alessandra Giannelli cinemanews

David Copperfield, la letteratura di Dickens approda su Rai Uno Da uno dei romanzi più popolari, ma anche più letti, da generazioni di adolescenti, David Copperfield, un film di Ambrogio Lo Giudice, co-prodotto da Rai Fiction e Rizzoli Audiovisivi, in onda, in prima serata su Rai Uno, domenica 26 e lunedì 27 aprile. Ad interpretare il noto personaggio è il bravo Giorgio Pasotti, a fianco a lui, un'altra eccellente protagonista, Maya Sansa, ma anche Gianmarco Tognazzi, nel personaggio del "cattivo" Uriah Heep, Stefano Dionisi, che interpreta Edward Murdstone, Chiara Conti, nel ruolo della madre di Copperfield e Larissa Volpentesta, nei panni di Emily. Un racconto, in realtà, non così letto, ma bensì tramandato oralmente, sostiene il responsabile Rai Fiction Max Gusberti, ma di certo un grande romanzo, anche un successo per la televisione nel 1965 (il celebre sceneggiato, interpretato da Giancarlo Giannini, divenne un cult), che crea una certa continuità, "televisivamente parlando", con la tradizione di riadattare alcune storie famose, come è accaduto con Rebecca-La prima moglie, che dovrebbe essere il "gusto" di Rai Uno.

Rai fiction si avventura nel mistery con un prodotto tratto dall'omonimo libro di Eraldo Baldini.

Mal'aria: una fiction fantasy

mercoledì 8 aprile 2009 - Alessandra Giannelli cinemanews

Mal'aria: una fiction fantasy Presentato come un film "strano" ovvero non nei canoni della fiction, Mal'aria è tratto dall'omonimo libro di Eraldo Baldini (pubblicato da Frassinelli e vincitore, nel 2003, del premio Fregene) perché c'è si una storia, ma anche mistery e superstizione.
Pino Corrias, capostruttura di Rai Fiction, ribadisce che questo racconto ha, soprattutto, a che fare con il fantasy, che è un genere non frequente per la televisione, che nasce dalla fantasia (appunto) di Baldini, uno scrittore "regionalizzato" che ambienta le sue storie nel ravennate, in paesaggi di nebbia e di acqua, sul delta del Po. La narrativa di questo autore è stata definita "gotico-rurale", che è anche il titolo che egli ha dato ai suoi racconti. Paragonato a Stephen King, ma anche ad altri scrittori noir, amico di Lucarelli, ha collaborato con lo stesso, distinguendosi per questa "chiave" in più, che è appunto il fantasy. Qui la protagonista, oltre alla malaria, alla nebbia e al paesaggio, che in questa storia contano molto, è una strega, che è quella che determina la malaria. Siamo nell'Italia del 1925, nella stagione fascista delle bonifiche, c'è la propaganda del regime che vuole che tutto funzioni e si avvii alla modernità e c'è questa interferenza della realtà e cioè che, in una zona rurale, stanno morendo dei bambini. Viene mandato un ispettore sanitario (il dottor Carlo Rambelli) che, nelle intenzioni del regime, dovrebbe sopire questo dato di realtà, mentre poi gli avvenimenti porteranno ad una serie di accadimenti, la cui narrazione è sempre avvolta nel mistero. Il film ha una chiave che rappresenta (dai tempi de Il segno del comando: uno sceneggiato della Rai del 1971), nelle immagini, negli effetti speciali, in questo fondale soprannaturale per la televisione, una novità.

La madre

* * - - -
(mymonetro: 2,25)
Un film di Angelo Maresca. Con Carmen Maura, Stefano Dionisi, Laura Baldi, Luigi Maria Burruano
Genere Drammatico, - Italia 2014. Uscita 10/07/2014.

L'amore fa male

* * - - -
(mymonetro: 2,00)
Un film di Mirca Viola. Con Stefania Rocca, Nicole Grimaudo, Paolo Briguglia, Diane Fleri, Claudio Bigagli.
continua»

Genere Drammatico, - Italia 2011. Uscita 07/10/2011.

Ti presento un amico

* - - - -
(mymonetro: 1,32)
Un film di Carlo Vanzina. Con Raoul Bova, Barbora Bobulova, Martina Stella, Kelly Reilly, Stefano Dionisi.
continua»

Genere Commedia, - Italia 2010. Uscita 12/11/2010.

La fisica dell'acqua

* * 1/2 - -
(mymonetro: 2,74)
Un film di Felice Farina. Con Claudio Amendola, Paola Cortellesi, Stefano Dionisi, Lorenzo Vavassori, Lorenzo Pavanello.
continua»

Genere Drammatico, - Italia, Svizzera, Francia 2009. Uscita 30/04/2010.

Il sangue dei vinti

* * 1/2 - -
(mymonetro: 2,49)
Un film di Michele Soavi. Con Michele Placido, Barbora Bobulova, Alina Nedelea, Valerio Binasco, Ana Caterina Morariu.
continua»

Genere Drammatico, - Italia 2008. Uscita 08/05/2009.
Filmografia di Stefano Dionisi »
La madre (2014) L'amore fa male (2011)
Prossimamente al cinema Oggi al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | moviecard® | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2016 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso |
pubblicità