Dizionari del cinema
Miscellanea (1)
Collegamenti
Media & Link
Consulta on line la Biblioteca del cinema. Tutti i film dal 1895 a oggi:
venerdì 16 novembre 2018

Timothée Chalamet

Rendere giustizia al personaggio

Nome: Timothée Hal Chalamet
22 anni, 27 Dicembre 1995 (Capricorno), New York City (New York - USA)
occhiello
Sapessi quanto poco so delle cose importanti....
dal film Chiamami col tuo nome (2017) Timothée Chalamet è Elio Perlman
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Timothée Chalamet
Golden Globes 2018
Nomination miglior attore in un film drammatico per il film Chiamami col tuo nome di Luca Guadagnino

Premio Oscar 2018
Nomination miglior attore per il film Chiamami col tuo nome di Luca Guadagnino

BAFTA 2018
Nomination miglior attore per il film Chiamami col tuo nome di Luca Guadagnino



Regista e protagonisti raccontano Chiamami col tuo nome, tra aspettative, soddisfazioni e un complimento più inatteso di altri. Al cinema.

Luca Guadagnino: «il mio film? Non è una storia d'amore gay»

venerdì 26 gennaio 2018 - Paola Casella cinemanews

Luca Guadagnino: «il mio film? Non è una storia d'amore gay» "Che effetto fanno quattro candidature agli Oscar? Provo grande felicità e orgoglio. Ma sono già nel mezzo dei lavori per il prossimo film (Rio con Jake Gyllenhaal, Michelle Williams e Benedict Cumberbatch, mentre è in post produzione il remake di Suspiria con Chloe Grace Moretz, Dakota Johnson e Tilda Swinton), dunque riesco a mantenere le cose in prospettiva". All'indomani delle nomination per Chiamami col tuo nome - Miglior Film, Miglior Attore Protagonista, Miglior Sceneggiatura Non Originale e Miglior Canzone - Luca Guadagnino si schernisce. "Non ci sarà un discorso di accettazione, ne sono convinto, siamo già contenti così", e ringrazia la squadra che ha reso tutto possibile, in primis Armie Hammer e Timothée Chalamet, accanto a lui in questo incontro con la stampa. Come è nato Chiamami col tuo nome?
Guadagnino: In maniera inusuale. Un produttore americano mi ha fatto leggere il romanzo da cui è tratto il film che è ambientato in Liguria. Io mi trovavo proprio in quella regione quando mi è stato chiesto di dare un mio parere. Da lì sono entrato a far parte della produzione, abbiamo cercato un regista - fra i nomi possibili c'era Gabriele Muccino - e ho finito per girarlo io con un budget minimale.

Come è avvenuto l'incontro con gli attori?
Guadagnino: Timothée aveva 17 anni, ma era già un veterano dopo Homeland e la parte di Casey Affleck giovane in Interstellar. La nostra prima conversazione è stata un'epifania: sapevo di aver incontrato Elio e insieme una voce straordinaria. Armie invece lo tenevo d'occhio fin dai tempi di The Social Network.
Hammer: Luca ed io ci siamo incontrati nel 2010 a casa sua. Di solito questi meeting durano una quarantina di minuti, invece noi abbiamo passato quasi quattro ore a parlare di libri, filosofia e arte, mangiando e bevendo caffè. Da attore presuntuoso ero convinto di essere già scritturato. Invece sono passati sei anni di silenzio assoluto prima di ricevere la telefonata che mi chiedeva se ero interessato alla sceneggiatura del prossimo film di Luca. Ho risposto: "Ci sto!" prima di averla letta, e dopo ho detto: "Wow!" e ho firmato. Se volevo considerarmi un artista dovevo mettermi alla prova e superare i miei limiti, ed è proprio quello che è successo. Chiamami col tuo nome ha cambiato la traiettoria della mia vita e il modo in cui intendo continuare a fare cinema.
Chalamet: Per me ci sono voluto tre anni di attesa, e finalmente a vent'anni ho avuto la parte. Mi è sembrata un'occasione unica: quando si è giovani è raro poter recitare ruoli che non siano quelli del fidanzatino o dello studentello. Elio invece è un personaggio ricco, complesso e articolato, di grande intelligenza e fluidità intellettuale. La parte più difficile è stato imparare a parlare l'italiano e a suonare il piano: l'"improvvisazione" al pianoforte che appare nel film era il frutto di un mese e mezzo di prove.

Hostiles - Ostili

* * * - -
(mymonetro: 3,13)
Un film di Scott Cooper. Con Christian Bale, Rosamund Pike, Wes Studi, Adam Beach, Rory Cochrane.
continua»

Genere Avventura, - USA 2017. Uscita 22/03/2018.

Lady Bird

* * * - -
(mymonetro: 3,32)
Un film di Greta Gerwig. Con Saoirse Ronan, Laurie Metcalf, Tracy Letts, Lucas Hedges, Timothée Chalamet.
continua»

Genere Commedia, - USA 2017. Uscita 01/03/2018.

Chiamami col tuo nome

* * * 1/2 -
(mymonetro: 3,53)
Un film di Luca Guadagnino. Con Armie Hammer, Timothée Chalamet, Michael Stuhlbarg, Amira Casar, Esther Garrel.
continua»

Genere Drammatico, - Italia, Francia, USA, Brasile 2017. Uscita 25/01/2018.

Natale all'improvviso

* * 1/2 - -
(mymonetro: 2,50)
Un film di Jessie Nelson. Con Diane Keaton, John Goodman, Olivia Wilde, Amanda Seyfried, Marisa Tomei.
continua»

Genere Commedia, - USA 2015. Uscita 26/11/2015.

Interstellar

* * * 1/2 -
(mymonetro: 3,91)
Un film di Christopher Nolan. Con Matthew McConaughey, Anne Hathaway, Jessica Chastain, Michael Caine, John Lithgow.
continua»

Genere Fantascienza, - USA 2014. Uscita 06/11/2014.
Filmografia di Timothée Chalamet »

domenica 21 ottobre 2018 - I film e gli eventi del giorno nel daily ufficiale della Festa del Cinema di Roma curato da MYmovies.it.

Mai arrendersi! Oggi è il giorno di Beautiful Boy

a cura della redazione cinemanews

Mai arrendersi! Oggi è il giorno di Beautiful Boy Grande attesa per il film Beautiful Boy di Felix Van Groeningen, storia di un ragazzo, interpretato da Timothée Chalamet, vittima della tossicodipendenza, e di un padre che non si arrende e cerca di farlo uscire da questo incubo. In concorso troviamo anche il nuovo film di Barry Jenkins, vincitore del premio Oscar per Moonlight, Se la strada potesse parlare, e il film per famiglie, Mia e il leone bianco di Gilles de Maistre. SCARICA IL DAILY DELLA GIORNATA DEL 21 OTTOBRE

   

lunedì 15 ottobre 2018 - Il film con Lady Gaga incassa 28 milioni di $ e punta ai 200 milioni.

Venom supera i 142 milioni di $. A star is born lo rincorre in 2a posizione

Andrea Chirichelli cinemanews

Venom supera i 142 milioni di $. A star is born lo rincorre in 2a posizione Venom resiste al primo posto della classifica americana con 35,7 milioni di dollari, che portano il suo totale a 142,8 milioni, cifra che soddisfa senz'altro Sony, che non vedeva simile cifre da diverso tempo. Il calo rispetto alla settimana scorsa è del 55%, in linea con gli altri blockbuster superoistici. Regge benissimo A Star is Born (guarda la video recensione), che incassa 28 milioni di dollari, con un calo del 35% rispetto alla settimana di debutto. Il film è andato benissimo durante la settimana, riuscendo a superare Venom nella giornata di martedì, e dovrebbe restare in sala almeno fino a dicembre. Gli obiettivi per i due film restano 200 milioni per Venom e 150 per A Star is Born, ma sono entrambi conservativi. Partenza debole per le new entry della settimana, in particolare per First Man - Il primo uomo (guarda la video recensione), che ottiene solo 16,5 milioni, una cifra più bassa rispetto alle attese degli analisti. Sicuramente trovare spazio tra Venom e A Star is Born era dura, ma le attese di Warner erano ben diverse. Vedremo se il film crescerà col passaparola. Piccoli brividi 2 - I fantasmi di Halloween, apre con 16,2 milioni, molti meno rispetto al primo capitolo, che ne aveva incassati 23, ma la cifra è comunque buona, visto l'affollamento di titoli in sala. Apre male invece 7 sconosciuti a El Royale che, nonostante un supercast, si ferma a 7,2 milioni in settima posizione (è costato 32 milioni e dovrà puntare sul mercato estero per finire in attivo).

Da segnalare la partenza super di Beautiful Boy, il dramma con la coppia Steve Carell-Timothée Chalamet, che ha incassato 221mila dollari in appena quattro sale, con una media superiore ai 50mila dollari per schermo. La prossima settimana arriva Halloween, da cui ci si aspettano cifre molto importanti, almeno superiori ai 50 milioni.
A livello internazionale la notizia della settimana è l'ingresso di Venom nella top 20 degli incassi con 378 milioni di dollari. Il film dovrebbe chiudere superando il mezzo miliardo di dollari. A Star is Born è arrivato a 135,4 milioni ed occupa la 35esima posizione, ma viaggiando con le medie per sala attuali, dovrebbe superare i 200 milioni complessivi entro la fine del mese.

   

venerdì 5 ottobre 2018 - La 13esima edizione apre il 18 ottobre con 7 sconosciuti a El Royale di Drew Goddard. In concorso l'italiano Il vizio della speranza.

Festa del Cinema di Roma: donne, memoria e cinema del reale

Paola Casella cinemanews

Festa del Cinema di Roma: donne, memoria e cinema del reale "Le parole chiave, per questa 13esima edizione della Festa del cinema di Roma, sono tre: donne, memoria e cinema del reale", afferma Antonio Monda, direttore artistico, al primo anno del suo secondo mandato, della kermesse capitolina. Le donne sono numerose: 12 le registe in programma, molte le star premiate e molti i nomi femminili alla guida della Festa, da Laura Delli Colli, Vice Presidente della Fondazione Cinema per Roma, a Francesca Via, Direttore Generale della Fondazione, fino all'ufficio stampa Cristiana Caimmi. Alla memoria del passato italiano, anche quello più drammatico, sono dedicati molti film e numerosi omaggi, e i documentari sono presenti in tutte le sezioni perché, afferma Monda, "non c'è differenza fra fiction e cinema di realtà quando la qualità è alta", e spazieranno dalla politica - primo fra tutti Fahrenheit 11/9 di Michael Moore (in concorso), che porrà la domanda: "Come è possibile che nel mondo sia arrivata una presidenza Trump?" - alla musica. Monda raccomanda anche di tenere d'occhio il doc Three Identical Strangers di Tim Wardle (sempre in concorso), probabile vincitore ai prossimi premi Oscar.
Il budget per questa edizione è "meno di tre milioni e mezzo", afferma Delli Colli, e le star saranno numerose: da Cate Blanchett, protagonista di Il mistero della casa del tempo di Eli Roth (in concorso) a Steve Coogan e John C. Reilly, gli Stanlio e Ollio del film dedicato alla celebre coppia comica; da Martin Scorsese, che racconterà al pubblico della Festa i suoi film italiani preferiti, uno dei quali è Il posto di Ermanno Olmi, e riceverà il Premio alla carriera da Paolo Taviani, ad Alice e Alba Rohrwacher, che converseranno per la prima volta insieme in pubblico (e Alice affiancherà anche Scorsese in una sua conversazione); da Sigourney Weaver, protagonista di un incontro pubblico, a Isabelle Huppert, anche lei Premio alla carriera.

Altre news e collegamenti a Timothée Chalamet »
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità