•  
  •  
Apri le opzioni

Kim Ki-Duk

Kim Ki-Duk (Kim Ki Duk) è un attore sudcoreano, regista, produttore, produttore esecutivo, scrittore, sceneggiatore, fotografo, montatore, scenografo, è nato il 20 dicembre 1960 a Bongwha (Corea del sud) e muore il 11 dicembre 2020 all'età di 60 anni a Riga (Lettonia).
Nel 2004 ha ricevuto il premio come miglior regia al Festival di Berlino per il film La samaritana.

Il più occidentale degli autori asiatici

A cura di Vincenzo Bevar

"Il mio cinema è un dialogo fatto d'immagini, come per la pittura".
La labilità del confine tra amore e odio è resa magistralmente dall'analisi della filmografia di uno dei registi contemporanei più controversi: Kim-Ki-Duk. Tacciato di essere un visionario in patria e osannato, invece, con una pioggia di riconoscimenti nel vecchio continente, Kim in Europa sembra aver trovato l'America. Distribuite in Italia dal 2003, le opere del regista coreano si distinguono per la ricorrenza di tematiche ed elementi duri, mostrati allo spettatore in maniera fredda e quasi naturale. Parliamo di una violenza che a differenza di tanto cinema contemporaneo, non appare mai fine a se stessa ma, piuttosto, inglobata all'interno di un quadro più grande ed elevato che è quello dell'analisi dell'animo umano, del mutismo che caratterizza la maggior parte dei personaggi che abitano le sue storie, simbolo di una reazione, anch'essa fredda e quasi incosciente, di chi oppone ai soprusi della vita la rinuncia alla comunicazione verbale. Elementi questi che, miscelati a scelte stilistiche e narrative fortemente innovative, danno vita a una forma totalmente estranea a paragoni e parallelismi, scaturita, invece, dalla passione di un autodidatta che il cinema non lo ha mai studiato né sotto l'aspetto teorico né nella pratica.

Gli esordi
Kim-Ki-Duk, infatti, nasce nel 1960 a Bonghwa, piccolo villaggio della Corea del Sud, trasferendosi all'età di nove anni a Seoul, dove frequenta una scuola di avviamento professionale al settore agricolo. Abbandonati gli studi per problemi familiari si arruola, all'età di vent'anni, nell'esercito, esperienza questa che condizionerà profondamente il suo modo di vedere i rapporti interpersonali e, conseguentemente, l'estro e la creatività al servizio dell'arte. Parentesi altrettanto importante è quella che lo vede avvicinarsi alla religione, trascorrendo due anni in una chiesa per ciechi col fine di diventare predicatore. L'arte però, altra passione coltivata negli anni, lo trascina violentemente fuori dal suo passato, portandolo ad intraprendere un viaggio nel vecchio continente dal sapore bohemien. Parigi diventa quindi la palestra migliore per un pittore che sopravvive grazie alle sue opere e che, a stento, porta avanti l'amore per l'arte vissuta a trecentosessanta gradi iniziando, tra l'altro, a scrivere sceneggiature per il cinema.
Nel 1992 torna in Corea dove realizza la sceneggiatura di A painter and a criminal condemmed to death, che l'anno seguente ottiene il riconoscimento dell'Educational Institute of Screenwriting. Trascorsi quasi tre anni il passaggio alla regia è quasi obbligatorio e Kim accetta di cimentarsi nell'impresa pur non avendo mai avuto esperienza di set. Le prime opere Crocodile (1996), Wild animals (1997) e Birdcage Inn(1998), oltre a contenere una matrice espressamente autobiografica, introducono senza indugi al centro della poetica dell'autore che, attraverso sesso, violenza e disperazione, compone un quadro profondamente intimo e personale, ma allo stesso tempo sbalorditivo per un esordiente.

La consacrazione
La quarta opera, L'isola, rappresenta l'apice della prima parte di una promettente carriera. La pellicola, infatti, oltre ad essere presentata a Venezia e al Sundance, condensa quell'idea di cinema basata sull'astrazione e sulla quasi totale assenza di un contesto dominante per le storie messe in scena. L'anno successivo realizza Real fiction primo insuccesso che però porta avanti l'analisi introspettiva, mettendo su pellicola sensazioni e riflessioni di Kim legate all'esperienza nell'esercito. L'insuccesso, inoltre, è attribuibile alla matrice fortemente innovativa e sperimentale che si pone alla base di un opera realizzata in soli duecento minuti grazie all'utilizzo simultaneo di dieci cineprese e di due videocamere digitali.
Address Unknown (2001) e The Coast Guard(2002) ripercorrono, attraverso il racconto di vite diametralmente opposte, la storia della Corea, spingendo l'autore a relazionarsi con la durezza di una realtà pungente e dolorosa. Sempre nel 2001, invece, realizza Bad Guynel quale passato e presente di mescolano e fondono in modo tale da far perdere il concetto stesso di realtà nei meandri della storia.
È il 2003 l'anno della cosiddetta maturità artistica che in Kim trova forma ed espressione in Primavera, estate, autunno, inverno... e ancora primavera, pellicola che si discosta dalla durezza delle precedenti ma che allo stesso tempo contiene un forte equilibrio visivo e narrativo, tanto da consacrare definitivamente il suo autore in tutta Europa.

I premi
L'anno successivo realizza La Samaritana, film che riporta a galla forti tematiche come la prostituzione e che vale l'Orso d'argento a Berlino per la regia.
Autore volitivo e in continua eruzione Kim nello stesso anno porta in scena Ferro 3-La casa vuota, anch'esso energicamente legato alle tematiche giovanili tanto da diventarne in un certo qual modo summa artistica e personale. Il film non tarda ad essere apprezzato ricevendo il Leone d'argento alla Mostra Internazione d'Arte Cinematografica di Venezia nel 2004.
Nei due anni successivi realizza L'arco (2005) e Time (2006), pellicole che in maniera diametralmente opposta analizzano la profondità dell'amore, scandagliandone i fondali fino a toccare aspetti ambigui e pericolasi come la pedofilia. Negli anni successivi si susseguono i film Soffio (2007), Dream (2008) e Amen (2011).
Dopo un periodo di depressione e crisi artistica (raccontato nel film Arirang), Kim Ki-Duk torna alla Mostra del Cinema di Venezia per presentare in Concorso nel 2012 il film Pietà. Tra gli ultimi titoli diretti dal regista troviamo il drammatico One on One (2014), Il prigioniero coreano (2016), presentato alla Mostra del Cinema di Venezia, e Human, Space, Time and Human (2018).
Il regista è morto l'11 dicembre 2020 per complicanze legate al Covid 19.

Ultimi film

Drammatico, (Corea del sud - 2014), 122 min.
Drammatico, (Corea del sud - 2013), 90 min.
Drammatico, (Corea del sud - 2012), 104 min.
Drammatico, (Corea del sud - 2011), 100 min.
Drammatico, (Corea del sud - 2007), 84 min.

Focus

NEWS
venerdì 11 dicembre 2020
 

È morto Kim Ki-duk, regista sudcoreano di film diventati cult come L'isola e Ferro 3. Vincitore del Leone d'oro a Venezia nel 2012, aveva 59 anni ed è morto per complicazioni legate al Covid19. Il regista è morto in Lettonia, dove si era recato per acquistare una casa nella località marittima di Jurmala. Da alcuni giorni il suo entourage aveva del tutto perso i contatti. Le opere di Kim Ki-Duk si distinguono per la ricorrenza di tematiche ed elementi duri, mostrati allo spettatore in maniera fredda e quasi naturale

FOCUS
sabato 14 aprile 2018
Roy Menarini

Secondo i dizionari, l'apologo è "una favola allegorica con finalità didattiche, di cui possono essere protagonisti uomini, animali o cose inanimate", oppure ancora "una narrazione di carattere allegorico che normalmente si prefigge un fine etico e pedagogico". Tutta la filmografia di Kim Ki-duk ruota intorno al finto apologo, ovvero a offrire racconti apparentemente limpidi e consecutivi, racconti da cui ci si aspetta una certa morale, che poi sottraggono certezze allo spettatore e fanno trionfare le contraddizioni invece di un senso unitario

APPROFONDIMENTI
mercoledì 12 settembre 2012
Rossella Farinotti

Kim Ki Duk è stato l'eroe incontrastato di Venezia. Ha travolto tutti, si è assestato sopra le polemiche, le liti, le rivendicazioni, i minuetti premiazione, come quando si è dovuto correre ai ripari perché erano stati scambiati i premi fra Anderson, Leone d'argento, e Seidl, Premio Speciale della giuria. Una premessa: liti e rivendicazioni sono legittime, inevitabili, perché non ci sono più film che mettano tutti d'accordo, ma film "accettabili", che dividono

APPROFONDIMENTI
martedì 11 settembre 2012
Mauro Gervasini

Il più discusso cineasta del momento è coreano, gira vestito come un Don Chisciotte post atomico, ha la faccia simpatica e la voce intonata, nel caso gli si chieda di cantare. Kim Ki-duk (20 dicembre 1960) ha vinto il Leone d'oro alla 69. Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia con Pietà (dal 14 settembre in sala distribuito da Good Films) suscitando clamore, divisione, entusiasmo

CELEBRITIES
martedì 28 agosto 2007
Stefano Cocci

Il regista che ha fatto innamorare Cannes e Venezia Per lunghi tratti la vita di Kim Ki–Duk sembra un'avventura alla ricerca di se stesso e tanti suoi elementi entrano in quella grande storia fatta di simboli e simbolismo che è il suo cinema. Il regista nasce nel 1960 a Bonghwa, un villaggio di campagna nella provincia del Kyonsang del nord, nella Corea del Sud. La sua famiglia si trasferisce a Seul quando lui ha 9 anni

News

In occasione dell'uscita de Il prigioniero coreano, ora al cinema, ecco un video per ripercorrere e riapprezzare la...
Al Festival Snowpiercer, The Terror Live e il grande Im Kwon-taek.
Oggi in concorso L'intrepido e The Unknown Known.
Un eccentrico regista dal cinema simbolico ed iperbolico.
Premiato The Master per miglior regia e interpreti maschili.
Oggi l'arrivo di Bellocchio e delle giovani star Gomez e Hudgens.
Il regista coreano torna a Venezia per presentare il suo Pietà.
Il regista danese presenta anche a Busan il suo Melancholia.
Il dolore del tradimento nel nuovo film di Kim Ki-Duk.
Prima operaio, poi arruolato in marina, dopo pittore a Parigi. Infine, cineasta a 360°. Nelle sale con Soffio.
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | Serie TV | Dvd | Stasera in Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | TROVASTREAMING
Copyright© 2000 - 2021 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati