Certamente, forse

Film 2008 | Commedia +13 112 min.

Titolo originaleDefinitely, Maybe
Anno2008
GenereCommedia
ProduzioneUSA, Gran Bretagna, Francia
Durata112 minuti
Regia diAdam Brooks
AttoriRyan Reynolds, Isla Fisher, Derek Luke, Abigail Breslin, Elizabeth Banks, Rachel Weisz Kevin Kline, Fiona Lane, Dana Eskelson, Blake Benitez, Paulina Gerzon, Victoria Goldsmith, Ashtyn Greenstein, Ashley Greiner, Dylan Hartigan.
Uscitavenerdì 16 maggio 2008
TagDa vedere 2008
DistribuzioneUniversal Pictures
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro 2,95 su 30 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Adam Brooks. Un film Da vedere 2008 con Ryan Reynolds, Isla Fisher, Derek Luke, Abigail Breslin, Elizabeth Banks, Rachel Weisz. Cast completo Titolo originale: Definitely, Maybe. Genere Commedia - USA, Gran Bretagna, Francia, 2008, durata 112 minuti. Uscita cinema venerdì 16 maggio 2008 distribuito da Universal Pictures. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 2,95 su 30 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Certamente, forse tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Un giovane consulente politico, che sta per divorziare dalla moglie, cerca di spiegare alla figlia undicenne le ragioni che lo spingono a separarsi. In Italia al Box Office Certamente, forse ha incassato 62,3 mila euro .

Certamente, forse è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING Compralo subito

Consigliato sì!
2,95/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA 2,22
PUBBLICO 3,63
CONSIGLIATO SÌ
Una commedia sentimentale dotata di grazia comica, che risveglia i sensi pigri e convenzionali dello spettatore.
Recensione di Marzia Gandolfi
mercoledì 12 marzo 2008
Recensione di Marzia Gandolfi
mercoledì 12 marzo 2008

Era il 1992 quando Will lasciò il Wisconsin per New York e per un sogno di gloria: lavorare alla campagna presidenziale di Bill Clinton. Qualche anno dopo si sposò e dal suo matrimonio nacque Maya, una bambina vivace e intraprendente che vuole sapere tutto, ma proprio tutto, dell'amore di mamma e papà, iniziato chissà dove e finito con un divorzio a Manhattan. Spetterà a Will raccontare quella fiaba nel tempo di una notte. Una lunga veglia densa di ricordi e affollata di donne: Emily, April, Summer. Quale sarà la mamma di Maya nell'America di Bush?
La commedia sentimentale, come il musical, non sembra godere in Italia di un successo stabile, eppure si tratta di un genere vivace e propositivo, attraversato da tensioni innovative, che mostra indubbi punti di forza. Il film di Adam Brooks, sceneggiatore di French Kiss, non dà una definizione dell'amore ma filma l'amore, argomento immenso di discussione e di analisi. A New York, luogo d'elezione del cinema alleniano, il regista adatta una commedia romantica che viaggia con il suo bagaglio di riferimenti sicuri. In Certamente, forse sono individuabili modelli celebri: il design domestico dei piccoli o grandi appartamenti newyorkesi (Woody Allen), lo spazio urbano reiventato attraverso la levità di una canzone e le stagioni sempre pronte ad offrire un climax sentimentale (Nora Ephron). Certo di Allen si tralascia lo sprofondamento amaro e la risalita grottesca, della Ephron l'implacabile tenuta dei dialoghi, eppure l'educazione sentimentale del ragazzo del Wisconsin è dotata di grazia comica, gioca in modo sottile e qualche volta trova i tempi giusti, risvegliando i sensi pigri e convenzionali dello spettatore.
Produzione propriamente hollywoodiana, Certamente, forse si costruisce intorno all'evocazione delle donne amate e perdute del protagonista fino all'agnizione finale, che svelerà alla sua bambina e allo spettatore quale delle tre fanciulle è quella della (sua) vita. La progressione del discorso amoroso tra papà e futura mamma, è affidata ad una favola, quella che il padre di Ryan Reynolds racconta alla figlia rispondendo alla sua domanda: che cos'è l'amore? L'amore è un'emozione ribelle alle regole e al "buon senso", ci dice Brooks con un film che ripercorre la felicità degli inizi e i litigi che ne anticipano la fine. L'amore come edificazione di una nuova unità sociale e come sua disgregazione.
Una piacevole commedia abitata da un "nuovo" volto, quello di Ryan Reynolds, un ragazzo di buona famiglia, adorabile perdente con scrupoli e dubbi esistenziali. La sua controparte femminile non poteva che essere Isla Fisher, la ragazza spigliata e accessibile della scrivania accanto.

Sei d'accordo con Marzia Gandolfi?
CERTAMENTE, FORSE
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD

-
-
-
-
CHILI
iTunes
-
-
-
-
Infinity
Amazon Prime Video
Google Play
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
venerdì 9 settembre 2011
Andrea Levorato

Certamente, forse **1/2 Produzione: USA 2008 Regia: Adam Brooks Attori principali: Ryan Reynolds, Abigail Breslin, Elizabeth Banks, Isla Fisher, Rachel Weisz, Kevin Kline Trama: Will (Reynolds) racconta a sua figlia Maya (Breslin) delle tre donne della sua vita e di come sposò sua madre. Mini recensione: Simpatica e fresca commedia travestita da giallo, che attraverso gli occhi di una [...] Vai alla recensione »

martedì 24 luglio 2012
ultimoboyscout

Commedia fragile dai toni buonisti che ha il suo punto forte nelle accurate e sorprendenti ricostruzioni  degli anni '90, passando con leggerezza dai primi enormi cellulari agli scandali in cui è stato coinvolto Clinton. Purtroppo anche i temi più seri insieme alla psicologia del protagonista sono trattati con troppa leggerezza, compresa la sua disillusione politica e nel complesso [...] Vai alla recensione »

venerdì 24 aprile 2009
beabla

carino

giovedì 4 marzo 2010
don64

Film commedia drammatica ben interpretata da attori gia' noti per quasto genere di film.La trama e' importante come tutto il film che prende il pubblico sin dall'inizio.L' interpretazione e' buona e nel complesso un film commedia che colpisce al cuore.Complessivamente un film bello da vedere.Voto 8

domenica 11 ottobre 2009
CAPPELLaiO MATT.O

un buon film per passare una buona serata..da guardare senza pensieri!

martedì 16 gennaio 2018
gommaflex28

Una serie di incontri romantici a ripetizione fra i quali non si intravede una trama. Tecnicamente ben fatto, ma insipido. 

lunedì 8 settembre 2014
elgatoloco

Film(commedia, ma fino a che punto vale l'attribuzione di un film a un genere?)intelligente e bello: mai l'"i remember"per flash back risulta fastidioso, anzi arricchente.  Bello in quanto lo spettatore(la spettatrice)scopre con il protagonista che il suo percorso sentimentale e di vita è importante e condiviso, con la figura della bambina/ragazzina che"intende"pi&ugr [...] Vai alla recensione »

domenica 24 maggio 2009
poldo

Carino ma banale... guardabile ma non eccezionale.

martedì 25 settembre 2012
Fedilla

La storia è un po' banale, parte dalla fine e ripercorre tornando indietro nel tempo la storia di Will, bel ragazzotto americano con la fissa di Bill Clinton che fa strage di cuori ovunque vada.  Simpatica la modalità con cui viene raccontata la vicenda: la sua bimba, una sera, gli chiede: 'ma tu e mamma come vi siete conosciuti? Frequentavi solo lei o c'erano altre [...] Vai alla recensione »

domenica 15 novembre 2009
Gertrude

brutto e soprattutto noioso...

Frasi
"Il cuore umano cela tesori, nel segreto tenuti, dal silenzio sigillati, i pensieri, le speranze, i sogni, i piaceri il cui incanto si infrangerebbe se venissero rivelati."
Una frase di Will Hayes (Ryan Reynolds)
dal film Certamente, forse - a cura di Dafne
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Paolo D'Agostini
La Repubblica

Nelle pieghe delle possibili variazioni all'eterno nucleo da commedia romantica - lui e lei dopo molti equivoci si ritrovano e si amano per sempre - Certamente, forse trova il suo posticino. È il racconto retrospettivo con il quale un padre prossimo al divorzio (Ryan Reynolds) intrattiene la figlia (Abigail Breslin). Truccando nomi e dettagli riconoscibili, a richiesta della bambina che è intuitiva, [...] Vai alla recensione »

Thomas Sotinel
Le Monde

"Un jour, peut-être" : l'amour au temps de Bill et Hillary Il faut pouvoir supporter les enfants bien trop sages pour leur âge (en l'occurrence la jeune Abigail Breslin, qui fut candidate au titre de Little Miss Sunshine), les bons sentiments qui dégoulinent peu et l'inévitable happy end larmoyante. Mais si l'on s'arme contre ces périls, Un jour, peut-être offre des plaisirs dont sont généralement [...] Vai alla recensione »

Silvia Colombo
Film TV

Will lavora come pubblicitario, sta divorziando e ha una figlia di dieci anni, che un giorno gli chiede di raccontarle una storia: la storia di come i suoi genitori si sono conosciuti e innamorati. Nel corso di una notte, il padre racconta a Maya i suoi trascorsi romantici con tre donne diverse. La rossa, la mora, la bionda. Quale delle tre sarà la mamma di Maya? Di solito la commedia sentimentale [...] Vai alla recensione »

Francesco Alò
Il Messaggero

Anni Novanta: Will Hayes (Ryan Reynolds) è un giovane ambizioso (ma con scrupoli) arrivato a New York dal Wisconsin per partecipare alla campagna elettorale di Bill Clinton. Qui incontra tre donne: le tre donne della sua vita. Una, poi, diventa sua moglie. Dieci anni più tardi, però, è tutto diverso: Will è disilluso dal suo lavoro e sta per divorziare.

Peter Travers
Rolling Stone

I concede that there may be people who will cotton to this knockoff of TV's How I Met Your Mother. Me, I don't want to meet those people. Ryan Reynolds, a star still waiting to happen, plays a disillusioned ad guy (is there another kind?) with a precocious daughter (is there another kind?). Since the kid is played by Little Miss Sunshine's Abigail Breslin with no loss in solar energy, Daddy, on the [...] Vai alla recensione »

Mariarosa Mancuso
Il Foglio

Abigail Breslin era la deliziosa creatura – con la pancia in fuori e le gambette storte – che alla fine di "Little Miss Sunshine" si spogliava e ballava, circondata da una schiera di simil-Barbie e rispettive mamme (tutte furiose). L'aveva istruita il nonno sporcaccione, espulso dalla casa di ricovero perché incline a sostanze proibite dalla legge, non solo dal regolamento interno.

Cinzia Romani
Il Giornale

La seconda occasione è una fissa per gli americani, che qui tessono un dramma romantico intorno alla centrale questione del cimento bis. «Papà, com'eri prima di sposarti?», chiede l'impiccioncella Maya a suo padre, trasferitosi nella Grande Mela per fiancheggiare, come attivista, le elezioni di Bill Clinton. Di fronte a tale richiesta Will, ora consulente politico arrivato e in via di divorzio dalla [...] Vai alla recensione »

Kenneth Turan
The Los Angeles Times

It’s not an accident, obviously, that “Definitely, Maybe” is opening on today of all days. This is a film bound and determined to do whatever it takes to be your Valentine. If it had trusted itself more, it might even have succeeded. For this slick romantic comedy has several things going for it, including an interesting premise and an attractive cast that includes Ryan Reynolds, Isla Fisher, Elizabeth [...] Vai alla recensione »

A. O. Scott
The New York Times

“Definitely, Maybe,” a nimble and winning little romance written and directed by Adam Brooks, begins with one of those awkward Important Talks that parents are sometimes required to have with their children. In this case Maya Hayes (Abigail Breslin) needs some debriefing after a sex education class at her Manhattan elementary school. She’s acquired some technical vocabulary but not a lot of context, [...] Vai alla recensione »

David Denby
The New Yorker

Forse Ryan Reynolds, con il suo sguardo dolce, è troppo titubante per un ruolo da protagonista. In questa commedia romantica interpreta il ruolo di un giovane che non riesce a scegliere la sua compagna. Un personaggio che dovrebbe sembrare un po' sperduto, in cui Reynolds non si trova molto a suo agio. Ma Certamente, forse, scritto e diretto da Adam Brooks, ha fascino e spirito.

Antonello Catacchio
Ciak

Bisogna dire che gli americani sono degli eterni bambini. Al punto che quando hanno qualche problema esistenziale, non sapendo come affrontarlo, anziché rivolgersi allo strizzacervelli si affidano ai loro pargoletti. Che dimostrano di essere più maturi di loro. Succede anche nel film di Adam Brooks, con Ryan Reynolds in attesa di divorzio che si trova a raccontare le sue vecchie relazioni alla figlioletta [...] Vai alla recensione »

Boris Sollazzo
DNews

L'amore è come il mondo, è bello perché è vario. Ce lo racconta Ryan Reynolds, attore di gran talento ancora non giustamente apprezzato, eroe clintoniano di Adam Brooks, sceneggiatore (tra i suoi gioielli French Kiss) con l'hobby della regia. La storia è semplice o lo è almeno il pretesto da cui si parte. Il nostro è un ragazzo padre della sensibile e impicciona Abigail Breslin (la piccola peste di [...] Vai alla recensione »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati