•  
  •  
Apri le opzioni

Frederick Wiseman

Frederick Wiseman è un attore statunitense, regista, produttore, montatore, suono, è nato il 1 gennaio 1930 a Boston, Massachusetts (USA). Frederick Wiseman ha oggi 92 anni ed è del segno zodiacale Capricorno.

Il più grande documentarista americano vivente

A cura di Fabio Secchi Frau

Regista cinematografico e teatrale, Frederick Wiseman è uno dei più importanti documentaristi viventi.

Studi e passioni
Frederick Wiseman nasce a Boston il 1 gennaio 1930, figlio di Gertrude Leah e Jacob Leo Wiseman. Dopo essersi arruolato, rimane nella U.S Military dal 1954 al 1956, e conclusa anche la carriera militare, conclude i suoi studi in legge e si trasferisce per alcuni anni a Parigi. Torna in America solo quando la Boston University's Institute of Law and Medicine gli offre una cattedra in legge ma, parallelamente, oltre a cominciare il suo apprendistato da avvocato, si avvicina all'arte della regia documentaristica che gli farà vincere numerosi premi, nonché prestigiose borse di studio (come la Guggenheim e la MacArthur). Ciò che spinge Wiseman verso questa curiosa passione è il dare voce a tutti quegli emarginati che non possono averne una per parlare di se stessi. È all'interno di questa ottica che Wiseman contribuisce al giornalismo investigativo, oltre che al genere documentaristico.

I primi lavori
La sua opera prima è The Cool Word (1963), incentrato sulla vita della giovane gang afro-americana di Harlem, The Royal Pythons. Successivamente, produrrà e dirigerà Titicut Follies (1967) sui pazienti dell'ospedale criminale di Bridgewater State Hospital e su quelli del Massachussetts Correctional Institution. Il film, per la crudezza delle immagini, ottiene da subito numerosi premi in Germania e Italia e lo impone all'attenzione del nuovo e del vecchio continente. Da qui, l'impronta di Wiseman si delinea sullo studio delle tante istituzioni sociali che ci circondano (ospedali, scuole superiori e non, organi di polizia etc.). La PBS è una delle prime emittenti a comprendere il valore culturale del suo lavoro e a finanziarlo per poi trasmettere tutti i suoi documentari sulla sua rete.

Scelte di stile
Pur continuando a lavorare come docente e ricercatore presso la Boston University (ma anche la Brandeis University e Harvard), riesce a fondare nel 1970 la Zipporah Film, Inc. che gli permetterà di distribuire i suoi documentari. Si profila così uno stile apparentemente osservativo che trova le sue radici nel cinéma vérité, seppur riscontrando, proprio in questa origine, un chiaro contrasto con il pensiero di Wiseman, il quale ammette di modificare (attraverso il montaggio e la regia) i documentari, affinché essi possano avere un'ossatura drammatica (derivata dalle sue riflessioni che maturano proprio durante le riprese), aspetto che è chiaramente opposto a una delle peculiarità di questo genere documentaristico. I suoi film, quindi, sono un'elaborazione personale, e non un ritratto obiettivo e imparziale, della realtà. Seppur molte delle caratteristiche principali del suo stile siano frutto di scelte volutamente e puramente osservative: mancanza di narrazione (voce fuori campo, didascalie), rifiuto delle interviste e dell'interattività con la realtà, eliminazione di qualsiasi elemento riflessivo dell'autore, poiché non necessari a documentare la sua esperienza.

Premi
Nel 1990, durante il Festival di Berlino, vince il premio FIPRESCI per l'opera Near Death (1989). Nel 2010, viene candidato al César per il miglior documentario con La danse (2009), dedicato al Corpo di Ballo dell'Opéra National di Parigi. Nomination che si ripeterà nel 2012 con Crazy Horse (2011), documentario incentrato sul noto locale di cabaret parigino noto in tutto il mondo per il suo spirito trasgressivo. Nel 2013, durante la Mostra Cinematografica di Venezia, ottiene invece il Premio CICT-UNESCO Enrico Fulchignoni e il Premio Topo D'Argento per At Berkeley, che descrive la realtà di una delle più antiche e importanti Università degli Stati Uniti.

Ritorno alla legge
Wiseman ha anche scritto e tenuto numerose conferenze su temi di applicazione della legge. Attualmente, risiede a Cambridge e nel 2014 è stato insignito con il Leone d'Oro alla carriera dalla Mostra del Cinema di Venezia.

Ultimi film

Drammatico, (Francia, USA - 2022), 63 min.
Documentario, (USA - 2020), 272 min.
Documentario, (USA - 2018), 223 min.
Documentario, (USA - 2015), 190 min.
Drammatico, (Francia - 2013), 106 min.
Documentario, (Francia, USA - 2011), 134 min.

Focus

APPROFONDIMENTI
mercoledì 20 agosto 2014
Mauro Gervasini

A Frederick Wiseman, classe 1930, uno dei due Leoni d'oro alla carriera della 71. Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia (l'altro a Thelma Schoonmaker, storica montatrice di Martin Scorsese). Una scelta sofisticata che premia uno dei migliori documentaristi viventi. I suoi film in Italia si sono visti soprattutto a Fuori orario su Rai3, anche se l'ultimo, National Gallery, sarà finalmente distribuito nelle sale da I Wonder Pictures

News

Le foto della terza giornata della rassegna.
Leone d'oro alla carriera a Venezia, uno dei migliori documentaristi viventi.
Thelma Schoonmaker e Frederick Wiseman Leoni d'oro alla carriera.
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | Serie TV | Dvd | Stasera in Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | TROVASTREAMING
Copyright© 2000 - 2022 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati