I figli degli altri

Film 2022 | Drammatico, +13 104 min.

Titolo originaleLes enfants des autres
Anno2022
GenereDrammatico,
ProduzioneFrancia
Durata104 minuti
Al cinema24 sale cinematografiche
Regia diRebecca Zlotowski
AttoriVirginie Efira, Roschdy Zem, Victor Lefebvre, Antonia Buresi, Yamée Couture Chiara Mastroianni, Mireille Perrier, Sébastien Pouderoux, Henri-Noël Tabary, Frederick Wiseman.
Uscitagiovedì 22 settembre 2022
TagDa vedere 2022
DistribuzioneEuropictures
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro 3,31 su 15 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Rebecca Zlotowski. Un film Da vedere 2022 con Virginie Efira, Roschdy Zem, Victor Lefebvre, Antonia Buresi, Yamée Couture. Cast completo Titolo originale: Les enfants des autres. Genere Drammatico, - Francia, 2022, durata 104 minuti. Uscita cinema giovedì 22 settembre 2022 distribuito da Europictures. Oggi tra i film al cinema in 24 sale cinematografiche Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 3,31 su 15 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi I figli degli altri tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Ultimo aggiornamento lunedì 19 settembre 2022

Un affresco tutto al femminile sul delicato tema della maternità, del suo desiderio e delle sue molteplici e inaspettate forme. In Italia al Box Office I figli degli altri ha incassato 20,5 mila euro .

Consigliato sì!
3,31/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA 2,93
PUBBLICO 4,00
CONSIGLIATO SÌ
Virginie Efira porta intensamente in primo piano una figura del reale che il cinema ha lasciato spesso in seconda linea.
Recensione di Marianna Cappi
domenica 4 settembre 2022
Recensione di Marianna Cappi
domenica 4 settembre 2022

Rachel è una donna solare, che ama il suo lavoro di insegnante, i suoi amici, la famiglia, ha un buon rapporto con il suo ex e un nuovo amore, Alì, che la riempie di felicità. Quando il tempo è maturo perché cominci a conoscere e frequentare la bambina di Alì, Leila, Rachel si affeziona profondamente a lei, nonostante all'inizio farsi accettare non sia sempre facile. Desidererebbe anche avere un figlio con Alì, ma ha più di quarant'anni e le probabilità che rimanga incinta sono basse. Più i mesi passano, e la nuova configurazione familiare si fa quotidiana, più Rachel e Leila si legano l'una all'altra. Ma improvvisamente Alì non è più sicuro di quel che vuole.

Rebecca Zlotowski ha individuato un buco temporale, una discrasia, per cui il cinema le è parso in ritardo, mancante di un'immagine fondamentale: quella delle nuove famiglie, riassortite, allargate, che rappresentano una realtà diffusa e socialmente integrata del nostro presente privato e collettivo.

E se non è l'immagine della famiglia, è certamente quella della belle-mère (l'italiano "matrigna" è inaccettabile), la compagna del padre, a non aver avuto spesso l'attenzione della macchina da presa, più ancora del suo corrispettivo maschile.

Virginie Efira assume con grande dedizione questo ruolo, portando in primo piano un personaggio tradizionalmente secondario, specie quando la sua partecipazione si rivela una parentesi, un passaggio transitorio dentro la grande storia d'amore di altre persone. Morbida nel corpo e forte nel carattere, la Efira è qui incarnazione autentica e toccante della malinconia della sua situazione ma anche dell'intelligenza della dignità, tanto che la sua interpretazione riempie i non pochi vuoti imputabili alla regia.

Non basta infatti chiudere ad iris (in un ideale ricordo destinato a sbiadire) i capitoli della storia di Rachel, Alì e Leila, o peggio lasciarsi prendere la mano dalla passione per i costumi di scena (al limite della sfilata di moda), per elevare il film al di sopra di un realismo troppo appiattito, che guarda al cinema americano anni Settanta (Kramer contro Kramer, Spara alla luna) da una postazione temporale e artistica che è però differente e distante.

Parzialmente autobiografico, il film si attarda infine in più di un epilogo, rischiando di tratteggiare un disegno retrospettivo per quello che è un incontro mancato col destino sperato, ma fortunatamente Zlotowski sa anche piazzare qualche sfumatura non scontata riguardo la confusione del personaggio maschile. L'ultima parola, quella che chiude il racconto e ne sigilla il tono, è saggiamente affidata a Wiseman (il regista, nei panni di un vecchio ginecologo) ed è la parola giusta.

PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
domenica 25 settembre 2022
Stefano Foligni

Era da tempo che non vedevo un film così al femminile.L'attrice che interpreta il ruole di "belle-mere" (matrigna) è brava a regalare le emozioni di una donna da una parte soddisfatta della propria vita (insegnante impegnata con un occhio di riguardo ai ragazzi più in difficoltà) ma dall'altra consapevole che, col passare del tempo, il proprio orologio biologico sta per decretare l'impossibilità di [...] Vai alla recensione »

venerdì 23 settembre 2022
cardclau

Il film I FIGLI DEGLI ALTRI di Rebecca Zlotowski affronta certo un argomento appassionante, le problematiche di una figura genitoriale che genitrice fisicamente non lo è. Sia il maestro, il professore di scuola, il collega più anziano, l’allenatore sportivo, il medico, il/la compagno/a del genitore, … Chiunque instaura un rapporto asimmetrico con l’altro, che acquisisce [...] Vai alla recensione »

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
sabato 24 settembre 2022
Mariarosa Mancuso
Il Foglio

Francese che dovremmo prendere a modello, se avessimo registi e sceneggiatori curiosi del mondo là fuori per portarlo sullo schermo. Vita di famiglia, con un genitore separato, una figlia, la nuova fidanzata che piano piano viene introdotta. Prima si fermava solo a dormire. Se di notte la bambina chiamava il papà, e dopo un brutto sogno voleva infilarsi nel lettone, l'amante usciva nuda a farsi un [...] Vai alla recensione »

sabato 24 settembre 2022
Paolo Fossati
Giornale di Brescia

Non avere figli. Desiderarli. Affezionarsi alla bambina di un nuovo compagno e fare i conti col proprio ruolo in una famiglia, a tratti centrale, tuttavia sempre in bilico, minato dal rischio di slittare in secondo piano, addirittura svanire in dissolvenza. È una storia d'amori, al plurale, quella raccontata dalla regista Rebecca Zlotowski (che si ispira al rapporto dell'autrice con il cineasta Jacques [...] Vai alla recensione »

giovedì 22 settembre 2022
Maurizio Acerbi
Il Giornale

Rachel (bravissima Virginie Efira) è una quarantenne senza igli. Un giorno conosce Ali (il sempre ottimo Roschdy Zem), separato e padre di una bimba di 4 anni. Rachel instaura un bel rapporto con la bimba, quasi come una madre. La voglia di avere un figlio tutto suo cresce, ma l'età non aiuta. Quando la ex di Ali si ripresenta, tutto cambia. Con grande semplicità, lasciando spazio solo alle emozioni, [...] Vai alla recensione »

giovedì 22 settembre 2022
Alessandra Levantesi
La Stampa

Quarantenne attraente, piena di interessi e amici, insegnante di liceo (Virginia Efira) si innamora di un padre separato di una bambina di 4 anni (loschdy Zem); ed entrando poco a poco in intimità con la piccola, sente sbocciare un imprevisto desiderio di maternità. Vorrebbe avere un figlio, ma vista l'età il tempo fertile che le resta è minimo; e per giunta, a un certo punto lui comincia a tentennare, [...] Vai alla recensione »

giovedì 22 settembre 2022
Cristina Piccino
Il Manifesto

Rachel, insegnante quarantenne solare e allegra col suo nuovo amore, Ali un uomo separato che ha un figlia piccolina, Leila ha scoperto all'improvviso l'ansia della maternità. Da cui è sopraffatta a tal punto da perdere la consapevolezza di sé, riversando le proprie angosce persino sulla figlioletta del compagno «colpevole» di volere accanto a sé la sua mamma «vera».

mercoledì 21 settembre 2022
Marco Minniti
Asbury Movies

Nel variegato panorama del concorso di questa 79a edizione della Mostra del Cinema di Venezia, la selezione francese mostra, dopo l'adrenalinico Athena, un lavoro dai toni decisamente più intimisti e improntati al melò, con questo I figli degli altri. La regista, Rebecca Zlotowski, aveva in passato esplorato le tematiche familiari (pur da punti di vista decisamente diversi) già col poco riuscito affresco [...] Vai alla recensione »

martedì 20 settembre 2022
Fabiana Sargentini
Close-up

I figli degli altri danno sempre fastidio: se non provengono dal tuo stesso sangue in un attimo il loro vociare diviene pianto intollerabile, fastidio, insofferenza. Se sei una donna in età di perdita della fertilità, esci da storie poco avvincenti, insegni in un liceo letteratura francese e sei bella come Virginie Efira - la protagonista di Les enfants des autres - i figli degli altri possono essere [...] Vai alla recensione »

martedì 20 settembre 2022
Giona A. Nazzaro
Film TV

Nonostante le asperità dell'esordio Belle épine siano ormai un ricordo, e nonostante avessimo ingiustamente rinunciato ad aspettarci nuovi segnali da Rebecca Zlotowski, è necessario ammettere che I figli degli altri si presenta come un'opera assolutamente interessante. Formalmente potrebbe sembrare l'ennesimo segno di un'involuzione che nella tutela della forma rinuncia a pensare le immagini.

martedì 6 settembre 2022
Tonino De Pace
Duels.it

Se davvero esiste un'ottica femminile, una possibilità di interpretare altrimenti gli eventi, Les enfants des autres di Rebecca Zlortowski, in Concorso al 79esimo Festival del Cinema di Venezia, costituisce la prova ultima e determinante della sua esistenza. Non tanto per il tema di fondo del film che, come vedremo, è prettamente femminile, ma soprattutto per le qualità del suo personaggio, per le [...] Vai alla recensione »

lunedì 5 settembre 2022
Enrico Danesi
Giornale di Brescia

«Les enfants des autres» è invece commedia francese frizzante e agrodolce, impreziosita dalla luminosa performance di Virginie Efira. La regista Rebecca Zlotowki vi ha inserito elementi della propria parabola personale per narrare della quarantenne Rachel, insegnante entusiasta e donna positiva ma consapevole che l'orologio biologico corre impietoso e lei si ritrova sempre, per varie ragioni, a guardare [...] Vai alla recensione »

lunedì 5 settembre 2022
Adriano De Grandis
Il Gazzettino

Va solo un po' meglio con "Les enfants des autres" della parigina Rebecca Zlotowski, che segue la vicenda di Rachel (Virginie Efira), professoressa innamorata del proprio lavoro, ma non altrettanto fortunata con gli uomini. In realtà lei vive la mancata maternità come un vuoto, mentre il suo attuale compagno (Roschdy Zem) ha già una figlia, la sorella partorisce presto e lei è costretta a destinare [...] Vai alla recensione »

domenica 4 settembre 2022
Alice Catucci
Sentieri Selvaggi

Rachel ha una vita felice, un padre e una sorella che adora e un lavoro che ama, quello di insegnare lettere in un liceo. Il suo è in tutto e per tutto un mestiere che ha a che fare con la maieutica, espressione con la quale Platone definiva la pars costruens del metodo socratico, e che deriva da µa?a , dal greco "levatrice" ma anche "madre", proprio perché la maieutica si pone come strumento per "far [...] Vai alla recensione »

domenica 4 settembre 2022
Valerio Sammarco
La Rivista del Cinematografo

"Come finisce?" - "Male, naturalmente". Gli studenti non riescono a terminare la visione delle Relazioni pericolose di Roger Vadim, così la loro insegnante di lettere, Rachel (Virginie Efira), ricorda loro che dovrebbero saperlo, "dato che avete letto il romanzo". In qualche modo anticipa anche a noi come finirà la sua, di relazione, nata da poco con un compagno di lezioni di chitarra: Ali (Roschdy [...] Vai alla recensione »

domenica 4 settembre 2022
Chiara Borroni
Cineforum

Rebecca Zlotowski dice di aver fatto il film che avrebbe voluto vedere. Si simple que ça. E in effetti Les Enfants des autres è un film che si vuole vedere, con la semplicità dell'abbandono a una narrazione che scorre fluida nel suo corrispondere alle emozioni della vita, e lo sguardo benevolo di chi passa sopra qualche vezzo formale (le iridi che si aprono e si chiudono a scandire i momenti che si [...] Vai alla recensione »

NEWS
VIDEO
mercoledì 21 settembre 2022
 

Un affresco sul delicato tema della maternità e sulle sue molteplici e inaspettate forme. Dal 22 settembre al cinema. Guarda il video »

NEWS
mercoledì 7 settembre 2022
 

Un affresco tutto al femminile sul delicato tema della maternità, del suo desiderio e delle sue molteplici e inaspettate forme. Vai all'articolo »

MOSTRA DI VENEZIA
domenica 4 settembre 2022
Marianna Cappi

Un affresco tutto al femminile sul tema della maternità. In concorso alla Mostra di Venezia e dal 22 settembre al cinema. Vai all'articolo »

TRAILER
mercoledì 24 agosto 2022
 

Regia di Rebecca Zlotowski. Un film con Virginie Efira, Roschdy Zem, Victor Lefebvre, Antonia Buresi, Yamée Couture. Da giovedì 22 settembre al cinema. Guarda il trailer »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2022 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati