Si vive una volta sola

Film 2020 | Commedia, 105 min.

Regia di Carlo Verdone. Un film con Carlo Verdone, Anna Foglietta, Rocco Papaleo, Max Tortora, Mariana Falace, Sergio Muniz. Cast completo Genere Commedia, - Italia, 2020, durata 105 minuti. distribuito da Vision Distribution, Filmauro. - MYmonetro 2,61 su 9 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Si vive una volta sola tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Tre uomini e una donna. Un quartetto di medici tanto abili in sala operatoria - visto che persino il Papa si affida alle loro cure - quanto inaffidabili, fragili e maldestri nella vita privata.

Consigliato nì!
2,61/5
MYMOVIES 2,50
CRITICA 2,71
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO NÌ
Una commedia leggera divertente e ben recitata, ma con qualche (poco Verdoniana) caduta di stile.
Recensione di Paola Casella
martedì 18 febbraio 2020
Recensione di Paola Casella
martedì 18 febbraio 2020

Il professor Umberto Gastaldi è un chirurgo di fama che dirige un'équipe dì fedelissimi: il suo assistente Corrado Pezzella, la strumentista Lucia Santilli e l'anestesista Amedeo Lasalandra. A unirli non è solo la medicina ma una comune inabilità nel far coesistere la propria affermazione professionale con una vita personale decente, e la passione per gli scherzi che hanno come target loro stessi, soprattutto il tenero Amedeo. Gli scherzi sono crudeli come quelli che architettavano i protagonisti di Amici miei, e come nel film di Monicelli contengono una buona dose di malinconia e di solitudine esistenziale, ma anche quella immaturità che, intorno ai 60 anni, diventa facilmente patetica. Quando però si viene a scoprire che uno di loro è a sua insaputa affetto da una malattia terminale la voglia di scherzare si trasforma nel desiderio di stringersi l'uno all'altro, con l'escamotage di una (ultima?) vacanza nel Salento.

Questa volta Carlo Verdone si fa assistere alla sceneggiatura non solo dallo storico sodale Pasquale Plastino ma anche da Giovanni Veronesi, il cui contributo narrativo è molto evidente lungo tutta la trama.

Il tentativo è quello di rifarsi alla commedia all'italiana, non solo quella di Amici miei ma tutto il filone che mescola comicità e amarezza, da Risi a Germi a Pietrangeli. Il regista-sceneggiatore si affida a tre bravi attori - Max Tortora, Anna Foglietta e Rocco Papaleo - per creare un lavoro di squadra che rende credibile l'interazione fra i quattro protagonisti (Verdone è naturalmente il professor Gastaldi) e la professionalità degli interpreti fa davvero molto per il film, così come Verdone presta al suo ruolo la vis comica che gli spettatori seguono con affetto da decenni.

Purtroppo però la trama è datata, con un colpo di scena prevedibile fin dall'inizio e una serie di siparietti che sono sì divertenti, ma appartengono più alla comicità dei Vanzina che a quella della commedia all'italiana classica. Un personaggio in particolare, ovvero la figlia del professore, è davvero fuori tono per Verdone, e l'imbarazzo che l'esibizione del didietro della giovane attrice (Mariana Falace) provoca nel padre diventa una scusa per mostrarlo allo spettatore con reiterata insistenza, simile a quella con cui numerosi prodotti commerciali vengono esposti a favore di cinepresa, in onore ad un product placement onnipresente. Sono cadute di stile che da un film di Verdone non ci si aspetta, e vanno a scapito del risultato complessivo.

Si ride, davanti a questi quattro "fregnoni" e alle loro peripezie, si apprezzano molte battute e l'utilizzo comico della parola che è uno dei talenti più sottili e meno celebrati di Verdone, ma l'architettura complessiva della storia, e i cedimenti di cui sopra, remano contro la chimica piacevole del quartetto e la natura stessa del cinema verdoniano.

Così le riflessioni amare sull'eterna immaturità di questi adulti irrisolti si disperdono nella scontatezza di certi passaggi narrativi che fanno più parte della drammaturgia di Veronesi (già coautore di C'era un cinese in coma) che di quella di Verdone.

Sei d'accordo con Paola Casella?
Amicizia e sorprese nel 27esimo film di Carlo Verdone.
Overview di Giorgio Crico
mercoledì 22 gennaio 2020

Quattro medici molto amici tra loro - Umberto, Lucia, Amedeo e il suo assistente Corrado - sono tanto brillanti in sala operatoria quanto problematici, irrisolti e paranoici nel loro privato ma, spalleggiandosi l'un l'altro, sono riusciti a costruire un rapporto di amicizia e complicità tra loro che va ben oltre la carriera. Uniti ormai da anni e molto affiatati, la loro vita viene scandita anche dai continui scherzi con cui gli altri tre tartassano da sempre il povero Amedeo che, uomo di buon cuore e piuttosto boccalone, è sempre un obiettivo fin troppo facile per le prese in giro. La routine però si capovolge inaspettatamente quando Umberto, Lucia e Corrado scoprono che il loro amico è gravemente ammalato ma nessuno ha il coraggio di dirlo al diretto interessato: il quartetto si imbarca così in un lungo viaggio che attraversa il sud Italia per cercare di creare l'occasione giusta in cui confidare ad Amedeo la difficile verità sul suo stato di salute.

Si vive una volta sola è il 27esimo film da regista e sceneggiatore di Carlo Verdone ed esce esattamente a quarant'anni di distanza da Un sacco bello, esordio dell'artista romano dietro la macchina da presa ed oggi ritenuto un autentico classico.

Si vive una volta sola vede un Verdone immerso in una storia più corale, dov'è veramente difficile individuare un protagonista assoluto tra i quattro personaggi principali. Questo segna una differenza con gli ultimi lavori dell'autore di Borotalco e Viaggi di nozze, che negli ultimi anni aveva privilegiato storie che si concentrassero più sul protagonista o su una coppia di personaggi centrali, mentre rivela che ha collaborato alla stesura della sceneggiatura Giovanni Veronesi, regista e autore che spesso ama gestire dei cast molto nutriti e tanti attori di talento al punto da farne un marchio piuttosto riconoscibile. Ultimo co-autore del copione è invece Pasquale Plastino, collaboratore di fiducia di Verdone fin dalla metà degli anni 90 (i due hanno realizzato insieme ben tredici film).

Verdone è ovviamente uno dei quattro protagonisti e interpreta Umberto, il professorone dell'équipe medica. Al suo fianco troviamo tre attori di grande talento e fama quali: Rocco Papaleo nei panni di Amedeo, in un ruolo che gli calza a pennello, Anna Foglietta nel ruolo della nevrastenica Lucia e Max Tortora che presta il suo viso al casanova Corrado. Completano il cast Mariana Falace e Sergio Múñiz, che alcuni ricorderanno in diverse fiction televisive e qualche reality show.

Frasi
Lo so che state pensando che i sia la classica donna fragile, cornuta...
Una frase di Lucia Santilli (Anna Foglietta)
dal film Si vive una volta sola - a cura di MYmovies.it
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
martedì 3 marzo 2020
Oscar Cosulich
Ciak

Il primario Umberto Gastaldi (Verdone), chirurgo oncologo di chiara fama, il fedele assistente Corrado Pezzella (Tortora), Lucia Santilli (Foglietta), la strumentista che si occupa dei ferri chirurgici e l'anestesista Amedeo Lasalandra (Papaleo), sono un team specializzato in alta chirurgia di un ospedale romano. La loro serietà professionale li ha reso medici di fiducia persino del Papa, ma una volta [...] Vai alla recensione »

domenica 1 marzo 2020
Massimo Giraldi
Avvenire

Umberto Gastaldi, primario chirurgo, lavora a Roma con un'équipe molto affiatata composta dall' assistente Corrado Pezzella, dalla strumentista Lucia Santilli e dall' anestesista Amedeo Lasalandra. Tra i quattro c' è un rapporto cementato dall' amicizia e dall' abitudine a fare scherzi anche pesanti nei confronti di uno di loro È questa la situazione di partenza di Si vive una volta sola, il nuovo [...] Vai alla recensione »

martedì 25 febbraio 2020
Emanuela Martini
Film TV

Da giovane (e anche da meno giovane) ho partecipato a scherzi di gruppo leggendari, che duravano giorni, settimane e che a volte venivano ripresi da un anno all'altro, durante le vacanze. La vacanza, o la provincia, o la rimpatriata, sono probabilmente il momento e il luogo deputati allo scherzo (come insegnano Germi, Monicelli, Fellini, lo stesso Verdone).

sabato 15 febbraio 2020
Federico Pontiggia
Il Fatto Quotidiano

Carlo Verdone si smarca, "non è un omaggio ad Amici miei, nonostante gli scherzi". Piuttosto, si professa discepolo di Pietro Germi, il primo a "fare della commedia cinema d' autore". Eppure, sarà che tra il suo professor Umberto Gastaldi, chirurgo internista vocato all'oncologia, e il primario Alfeo Sassaroli che fu di Adolfo Celi il parallelo regge, sarà che battute quali "Quasi quasi me faccio lesbica" [...] Vai alla recensione »

sabato 15 febbraio 2020
Emiliano Morreale
La Repubblica

Gli ultimi film di Carlo Verdone sono segnati da una malinconia di fondo, quasi un fastidio nel dover fare ridere, che in parte riverbera anche in questo ultimo lavoro. Umberto (Verdone) è un chirurgo e nella sua équipe lavorano Corrado (Max Tortora), Lucia (Anna Foglietta), sempre alle prese con amori difficili, e Amedeo (Rocco Papaleo). Un team di lavoro esemplare, con una particolarità: i continui [...] Vai alla recensione »

venerdì 14 febbraio 2020
Federico Pontiggia
La Rivista del Cinematografo

Il professor Umberto Gastaldi (Carlo Verdone), chirurgo internista vocato all'oncologia, e la sua formidabile équipe, l'assistente Corrado Pezzella (Max Tortora), la strumentista Lucia Santilli (Anna Foglietta) e l'anestesista Amedeo Lasalandra (Rocco Papaleo): a unirli l'amicizia, ché si vedono fuori tanto quanto in sala operatoria, ma anche un privato lontano anni luce dal prestigio professionale. [...] Vai alla recensione »

venerdì 14 febbraio 2020
Teresa Marchesi
Huffington Post

Ha senso nell'Anno di Grazia 2020 un film in cui tutte ma tutte le donne, mogli, figlie, ex mogli, fidanzate volatili, conoscenze casuali e amanti occasionali sono "zoccole"? Preciso che il termine non appartiene al mio vocabolario ma imperversa nella nuova commedia di Carlo Verdone in uscita il 26 febbraio, "Si vive una volta sola". E mi correggo: fa eccezione Anna Foglietta, protagonista insieme [...] Vai alla recensione »

NEWS
OVERVIEW
mercoledì 22 gennaio 2020
Giorgio Crico

Tre uomini e una donna. Quattro di medici tanto abili in sala operatoria quanto fragili nella vita privata. Prossimamente al cinema. Vai all'articolo »

POSTER
lunedì 20 gennaio 2020
 

Il Professor Umberto Gastaldi (Carlo Verdone) guida una formidabile équipe medica composta dalla strumentista Lucia Santilli (Anna Foglietta), dall'anestesista Amedeo Lasalandra (Rocco Papaleo) e dal suo assistente Corrado Pezzella (Max Tortora): un team [...]

TRAILER
lunedì 13 gennaio 2020
 

Regia di Carlo Verdone. Un film con Carlo Verdone, Anna Foglietta, Rocco Papaleo, Max Tortora, Mariana Falace. Prossimamente al cinema. Guarda il trailer »

TRAILER
martedì 10 dicembre 2019
 

Regia di Carlo Verdone. Un film con Carlo Verdone, Anna Foglietta, Rocco Papaleo, Max Tortora. Prossimamente al cinema. Guarda il trailer »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati